Cosa c’è dietro la destabilizzazione in Egitto, Iran, Turchia?

di Valery Kulikov
Nel 2011, più di una dozzina di stati nel mondo arabo sono stati colpiti da un’ondata di movimenti di protesta istigati dall’Occidente in nome del rimodellamento della mappa politica del mondo e della ridistribuzione della ricchezza naturale della regione. A quel tempo, le “ivoluzioni colorate” mperversavano in Tunisia, Egitto e Yemen, le guerre civili destabilizzavano la situazione in Libia e Siria, si svolgevano manifestazioni in Bahrein e disordini di massa in Algeria, Iraq, Giordania e Marocco.

Le Nazioni Unite stimano che questa lotta istigata dall’ occidente collettivo per i “valori democratici”, che in realtà si è trasformata in un drenaggio di risorse economiche, sia costata al solo Medio Oriente oltre 600 miliardi di dollari.

In generale, queste proteste hanno seguito uno schema simile: i manifestanti sono scesi in piazza e hanno costretto le autorità in carica a dimettersi. Sebbene all’inizio tali proteste di piazza di massa fossero generalmente pacifiche, non era quasi mai possibile evitare atti di violenza. I manipolatori di queste azioni hanno subito cercato di utilizzare gli inevitabili “santi martiri” per i propri sporchi scopi, rivolgendo l’attenzione delle manifestazioni contro i rappresentanti delle forze dell’ordine e le autorità del Paese, minando ulteriormente la situazione nel Paese. Era chiaro a tutti che tali azioni di strada e proteste di massa erano praticamente impossibili senza un “organizzatore”.

L’autore della metodologia delle proteste di massa e delle rivoluzioni colorate è considerato da molti l’americano Gene Sharp, che ha scritto il libro “Dalla dittatura alla democrazia” nel 1993. E il suo “lavoro” è stato a lungo una “guida all’azione” per vari organizzatori di colpi di stato, in particolare dagli Stati Uniti.

Ora, dopo gli eventi del 2011, è facile vedere un’altra ondata di tali eventi simili in Medio Oriente organizzati da “forze esterne”.

In Egitto, ad esempio, i membri dei gruppi radicali si sono recentemente attivati ​​sui social media, chiedendo disordini di massa e il rovesciamento dell’attuale governo. Pubblicano inviti agli egiziani a scendere in piazza, soprattutto usando il vertice sul clima COP27 che monopolizza tutta l’attenzione delle autorità.

Disordini in Iran

I preparativi per un tale sviluppo sono stati avviati in anticipo da “forze esterne”, coinvolgendo giornalisti, partiti e movimenti in opposizione alle autorità, la maggior parte dei quali sono stati arrestati in Egitto negli ultimi mesi per tali attività. Tuttavia, molti di loro sono stati recentemente rilasciati sotto la pressione degli ultimatum di Washington secondo cui gli Stati Uniti avrebbero potuto sospendere le forniture di armi all’esercito egiziano fino a quando i membri dell’opposizione non fossero stati rilasciati dalle carceri. Per comprendere l'”efficacia” di un simile ultimatum, basterebbe ricordare che l’Egitto riceve annualmente circa 1,5 miliardi di dollari di aiuti finanziari dagli Stati Uniti per pagare le spese militari, e le autorità egiziane non possono permettersi di perdere questo “sostegno”. E per “salvare la faccia”, il Cairo ha istituito un “comitato di grazia presidenziale” che ha concesso l’amnistia a centinaia di persone di mentalità rdicale.

L’ondata di protesta è promossa attivamente anche dall’Occidente in Iran, dove i disordini di massa non cessano da due mesi. Tutto è iniziato con una richiesta da parte dei manifestanti nelle strade di indagare sulla morte della 22enne Mahsa Amini, arrestata dalla polizia per aver indossato l’hijab in modo improprio. Poi gli slogan politici si sono fatti sempre più forti, spaziando dai maggiori diritti per i curdi iraniani, i beluci e gli azeri, alle dimissioni del presidente Ebrahim Raisi, al passaggio dal regime religioso islamico del Paese a quello laico. Il presidente Raisi, che era alla riunione annuale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York quando sono iniziate le proteste, ha accusato gli Stati Uniti di incitare gli iraniani alla protesta e ha invitato Washington ad affrontare i propri problemi invece di intromettersi negli affari di altri paesi.

In Turchia, anche “forze esterne” hanno tentato di destabilizzare la situazione compiendo una serie di attentati terroristici, il più clamoroso dei quali è stato l’attentato del 13 novembre nella via turistica più affollata di Istanbul. Numerosi osservatori, e anzi alcuni rappresentanti delle autorità turche, non escludono che dietro gli attentati ci siano gli Usa, che stanno destabilizzando la situazione per impedire la rielezione di Recep Erdoğan alla presidenza. Dopotutto, le politiche di Ankara negli ultimi anni sono state notoriamente accolte con disapprovazione da Washington. È particolarmente vero per il desiderio di Erdoğan di creare un nuovo equilibrio di potere in una regione dove in precedenza gli attori principali erano Stati Uniti e Israele, il cui unico avversario era l’Iran con una serie di alleati in Palestina, Libano e Siria.
E gli Stati Uniti non dimenticano che un tempo le autorità statunitensi accettarono la Turchia nella NATO per usarla come una vera minaccia per gli interessi dell’URSS e poi della Russia dal sud e dalla Transcaucasia, per consentire alle navi statunitensi e della NATO di entrare nelLe acque del Mar Nero senza ostacoli e di stabilire le proprie regole nella regione. Tuttavia, Erdoğan ha stabilito una rotta chiara non solo per minare palesemente l’egemonia degli Stati Uniti e dell’Occidente, ma anche per rafforzare le relazioni con la Russia, attraverso la quale spera di rafforzare la posizione della Turchia e trasformarla in un importante hub energetico e alimentare.

Attentato a Istanbul

Pertanto, l’obiettivo principale nei confronti della Turchia è stato definito dagli Stati Uniti attraverso i suoi alleati come impedire la rielezione di Erdoğan nel 2023, per la quale Washington ha utilizzato diversi “strumenti” ben noti. Ciò include l’uso di milizie estremiste appositamente addestrate dalle agenzie di intelligence statunitensi per questo scopo. In questo caso si trattava di combattenti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, che, secondo le autorità turche, era dietro l’attentato di Istanbul e potrebbe aver ricevuto il “via libera” per realizzare gli obiettivi designati dai suoi sponsor occidentali.

Per questo la Turchia non ha accettato le condoglianze degli Stati Uniti dopo l’attacco terroristico del 13 novembre, affermando tramite il suo ministro dell’Interno Süleyman Soylu di non credere alla sincerità degli Stati Uniti, che erano stati tra i primi ad esprimere condoglianze alla Turchia: “Non accettiamo e respingiamo le condoglianze dell’ambasciata americana. La sua affermazione è come un assassino che si presenta per primo sulla scena del crimine. Per lo stesso motivo, il 21 novembre l’aeronautica militare turca ha colpito un centro di addestramento statunitense per combattenti delle forze siriane democratiche curde ad Al-Hasakah.

In tutte le recenti attività di destabilizzazione in Egitto, Iran e Turchia, una cosa è chiara: queste attività ostili hanno cominciato ad emergere dopo che questi paesi hanno approfondito e sviluppato relazioni con la Russia, contro la quale l’attuale establishment russofobo in Occidente ha lanciato una guerra non dichiarata. E non solo sul suolo ucraino, ma anche a livello internazionale, su varie piattaforme e nella sfera commerciale ed economica. E ora devono destabilizzare la situazione nei paesi che sostengono le politiche di Mosca.

Valery Kulikov, esperto di politica, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook.

Traduzione: Luciano Lago






1 Commento
  • nicolass
    Inserito alle 17:40h, 28 Novembre Rispondi

    Bisognerebbe che tutti i paesi che non si piegano all’egemonia americana cominciassero a passare al contrattacco cominciando a sobillare rivolte negli Usa… della serie occhio per occhio .. dente per dente

Inserisci un Commento