Cosa c’è dietro il vero obiettivo del vertice “democrazia” di Biden?


Il sito “National News” fa riferimento alle contraddizioni e ai problemi che affliggono il vertice “delle democrazie” di Biden, e ne svela il vero obiettivo.

Il sito web di National News ha indicato oggi, giovedì, che il secondo vertice del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per la “democrazia” è stato caratterizzato da contraddizioni, soprattutto perché ha chiesto di “combattere la tirannia”, secondo l’affermazione di Biden.

Il sito afferma che molti paesi non erano convinti dell’idea di Biden di dividere il mondo in “democrazie in contrapposizione ai regimi autoritari”.
Il sito ha sottolineato che i “vertici per la democrazia” sono solo un pretesto per mobilitare i Paesi contro Cina e Russia, aggiungendo che “per quanto francamente si parli, molti dei presenti non hanno alcun interesse a scegliere uno dei due schieramenti, tra Washington e Pechino”.

Tra i problemi e le contraddizioni al vertice c’è la partecipazione di “Israele”, in particolare Benjamin Netanyahu, che vuole apportare modifiche giudiziarie nonostante il rifiuto di questo all’interno di “Israele”, e questa questione è considerata dai critici una minaccia fatale per la democrazia.

Il sito ha aggiunto che l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha, per la seconda volta, escluso dalla partecipazione a questo vertice due paesi della NATO, ovvero Turchia e Ungheria .

Negli ultimi 15 mesi, cioè dal lancio del primo vertice della “democrazia”, ​​nel dicembre 2021, il mondo ha assistito a molteplici disordini, come l’intensificarsi della crisi in Ucraina, l’escalation della tensione tra Washington e Pechino, e l’escalation della tensione tra Stati Uniti e Russia.

Ieri, mercoledì, il quotidiano britannico Financial Times ha criticato la partecipazione di Israele al secondo vertice del presidente Usa Joe Biden per “democrazia”.
Questo vertice, inaugurato da Biden, ieri, mercoledì, coincide con il 20° anniversario dell’invasione statunitense dell’Iraq , nonché con l’ottavo anniversario dell’aggressione allo Yemen, poiché Sanaa accusa ripetutamente Washington di gestire l’aggressione allo Yemen.

President Joe Biden, joined by Vice President Kamala Harris and Secretary of State Antony Blinken, delivers remarks Thursday, Feb. 4, 2021, at the U.S. State Department in Washington, D.C. (Official White House Photo by Adam Schultz)

Boao Forum per l’Asia
A sua volta, il sito web “National News” ha indicato che questa settimana si è tenuto un altro incontro, che è la conferenza annuale del Forum Boao per l’Asia nella provincia cinese dell’isola di Hainan. Mira a promuovere l’integrazione economica in Asia mettendo in comune l’energia positiva per lo sviluppo dell’Asia e del mondo, insieme alla conferenza di quest’anno, intitolata “Un mondo incerto: solidarietà e cooperazione per lo sviluppo tra le sfide”.

La cooperazione, che è la parola chiave, si contrappone al disaccordo, che è la raison d’être del vertice “democrazia”. I partecipanti sanno che sono lì per vedere cosa possono fare insieme, non per concentrarsi su ciò che li divide.

Il focus del Forum Boao a “Davos Asia” è inevitabilmente più sugli sviluppi che andranno a beneficio di intere società, piuttosto che sulla classe globale dei miliardari.

Potrebbe essere un buon caso dire che il vertice “Boao” merita più attenzione del secondo vertice “democrazia”. L’incontro sembrerà semplicemente irrilevante a coloro che non sono stati invitati, ma sono fin troppo felici di tracciare il proprio destino, senza bisogno di ulteriori “guide” da parte di Biden e dei suoi alleati,

Fonte: National News

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM