Corrispondente militare Christel Nahan: I paesi della NATO devono essere visti come complici attivi del terrorismo


Corrispondente militare Christel Nahan: I paesi della NATO devono essere visti come complici attivi del terrorismo globale.
Dopo gli attacchi terroristici del regime di Kiev: l’omicidio di Daria Dugina e Alexander Zakharchenko , la “pulizia etnica” dei civili di lingua russa nelle città controllate dalle Forze armate ucraine, l’esplosione del ponte di Crimea, l’Ucraina va considerata uno stato terrorista, afferma il comandante militare francese e fondatore della risorsa Donbass Insider Christel Nahan .

mercenari Ucraina

In un editoriale per il FAN , ha anche sottolineato che i paesi della NATO che forniscono armi al regime di Kiev e consigli “preziosi” su come contrastare la Russia dovrebbero ora essere visti come complici attivi del terrorismo.
La Russia ha il diritto di considerare tali paesi, che forniscono armi al regime di Kiev, come parti nel conflitto.
Le conseguenze saranno pesanti e non si puo’ escludere il rischio di un conflitto generale.

fonte: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti
  • stefanogrim
    Inserito alle 15:33h, 10 Ottobre Rispondi

    sarebbe bene fare un pò di chiarezza su cosa è o non è “terrorismo”…è stato tale l’uccisione della figlia di dogin e di altri, è stato tale bombardare una colonna di persone del donbass che cercavano rifugio nei territori controllati da Mosca, è tale il bombardamento ucronazi della centrale nucleare, è stato tale il bombardamento per anni delle città del donbass con lo scopo esclusivo di ammazzare civili ma è stato sabotaggio e non terrorismo distruggere (almeno in parte) i gasdotti NS e anche il ponte della crimea…non si tratta solo di una questione semantica ma sostanziale perchè il termine “terrorismo” usato a sproposito da parte di alcuni centri di potere russi (e subito raccolto dalla tifoseria pappagallesca italiana) serve solo a coprire meglio l’inefficienza di certi apparati di controllo russi che si nascondano dietro la parola “terrorismo” …inefficienza che dipende anche da una sbagliata strategia politica-militare : la famosa OMS che spero sia velocemente abbandonata perchè è funzionale solo ai piani di chi intendeva e intende distruggere la russia

    • Lino
      Inserito alle 15:46h, 10 Ottobre Rispondi

      Basta che i problemi semantici valgano anche quando ad accusare sono i suoi amici yankee

      • stefanogrim
        Inserito alle 20:49h, 10 Ottobre Rispondi

        i miei amici yankee , dici? amico, io sono comunista e ho speso gran parte della mia vita a combattere quelli che fino a ieri probabilmente erano tuoi amici a stelle e strisce..p.s. io mi domando come si possa essere tanto imbecilli da non saper leggere neppure un commento (il mio) in cui si parla di atti di terrorismo da parte dei nazi-ucrini e soci.! ma quelli come te dove c…o c’ hanno il cervello? nel cu…o?

  • natalino
    Inserito alle 16:19h, 10 Ottobre Rispondi

    Bene visto che il confine tra terrorismo e sabotaggio é cosí labile, la Russia avrá tutte le giustficazioni possibili se decide di distruggere i cavi sottomarini tra l’europa e gli usa, come pure i vari oleodotti e gas -dotti italiani e possiamo tranquillamente aggiungere la distruzione della flotta satellitare dell’occidente.. Finora non la Russia non lo ha fatto ma in futuro potrebbe farlo a pieno titolo e ragione.
    Il fatto che finora la Russia non abbia attaccato cosí in pofonditá l’Ucraina forse aveva lo scopo di solleticare l’imbecillitá occidentale a coinvolgersi direttamente con gli scarponi sul terreno. I nostri strateghi consideravano molto astuta la strategia di armare l’allucinato suonatore di piano con il pene e dichiarare che non eravamo parte el conflitto.
    Ma i russi piano piano ci hanno tirato dentro il conflitto perché d’ora in poi sará difficile per l’occidente tirare il sasso e nascondere la mano. Adesso l’occidente deve posizionarsi apertamente e direttamente come parte in causa del conflitto altrimenti dovrá abbassare la coda e ritirarsi.

    • stefanogrim
      Inserito alle 20:51h, 10 Ottobre Rispondi

      ottimo intervento (commento) il tuo…lo condivido in pieno!

      • stefanogrim
        Inserito alle 21:07h, 10 Ottobre Rispondi

        c’è solo una cosa che non condivido del tuo (Natalino) commento…quando dici che i russi ci sono andati adagio per cercare di coinvolgere la nato con gli scarponi sul terreno…ti sbagli! i russi ci sono andati piano perchè la dirigenza russa è intrisa di liberisti (in economia e in politica) eredi di quel golpista filo nato che si chiamava Eltsin e quindi, per anni e anni hanno vissuto nell’illusione di un occidente inclusivo….poi si sono accorti di essersi sbagliati e hanno cominciato a sbattere anche i pugni sul tavolo ma lo hanno fatto come innamorati traditi che però mantengono ancora una qualche nostalgia e illusione sull’amato perduto e sperano sempre, quindi, in una qualche forma di ripensamento da parte dell’amato….la flemma russa di cui ha parlato qualcuno per giustificare la lentezza e la “gentilezza” dell’operazione russa non c’entrano niente! e non c’entra niente neanche il fatto che volessero far maturare le condizioni di una crisi in tutta europa…un’azione russa più decisa e risolutiva avrebbe anzi accelerato la crisi europea! cmq speriamo che quello che oggi hanno fatto i russi in ucronaziland si davvero solo un ” inizio” .

        • Niko
          Inserito alle 22:01h, 10 Ottobre Rispondi

          Puo darsi….e puo darsi anche che bisogna considerare che ci sono andati pianoproprio perche la gente che vive in Ucraina SONO RUSSI,!!!

          Se qualche ucraino alléstero lo vediamo schierarsi dalla parte del regime ricordiamoci che e’costretto a farlo in apparenza, per evitare che si venga accoppati dalla cosidetta polizia segreta, che intimorisce i cittadini ucraini in loco e quelli anche all’éstero…
          ( lo dico per conoscenze diretta, che anche all estero gli ucraini scappati sono restii a schierarsi contro il regime , sia perche’ le chat VIBER ,WATS APP, ecc sono tutte monitorate, con l aiuto dei CANI d’óltremare, e sia perche’ ogni singolo ucraino ha molta piu’paura a parlare anche personalmente con estranei, sempre per il discorso della polizia segreta, che li va a intimorire / accoppare con spedizioni punitive anche all estero, con l áiuto dei nazisti locali….ESEMPIO in Georgia, Polonia…..ecc.ecc.ecc.)…

          Molti degli ucraini (finti profughi) che sono all estero e ce ne sono anche in Italia, fanno parte di spedizioni punitive e servono appunto per intimorire eventuali voci di dissenso provenienti dagli ucraini che non accettano e che non hanno MAI accettano il regime naziCanoFascista, del dopo Yanukovich.

          • stefanogrim
            Inserito alle 22:57h, 10 Ottobre

            se i principi umanitari avevano un senso qualcuno dovrebbe spiegarmi come mai ora sembra che i russi non siano più tanto disposti a rispettarli al punto che stanno colpendo piuttosto duramente! in realtà quello di risparmiare i civili e di condurre azioni soft era solo un furbesco pretesto di alcuni soggetti (militari e politici) della dirigenza russa per rendere sostanzialmente inefficace l’azione russa…io li chiamo “traditori” della russia venduti ai circoli Nato….cmq nessuno ha mi parlato di ammazzare indiscriminatamente dei civili ucraini…si è sempre criticato solo il fatto che i russi non prendessero iniziative belliche verso i centri di potere nazista, le vie di comunicazione per il trasporto di armi occidentali, centrali elettriche e via dicendo…tutti obiettivi che sarebbe stato opportuno colpire fin dai primi giorni senza aspettare ben 7 mesi

  • дуx
    Inserito alle 16:39h, 10 Ottobre Rispondi

    Il terrorismo e la mafia, hanno un titolare : si chiamano militari nato (carabinieri, esercito, polizia, magistratura) .
    poi ci sono ,i collaborazionisti che sono i giornalisti degli americani (quasi tutti).
    .. se si vuole approfondire nome e cognome, basta guardare i ruoli che ricoprono

Inserisci un Commento