Convoglio USA bloccato in Siria da popolazione locale arrabbiata

placeholder

Il 22 aprile, i residenti locali e il personale dell’esercito arabo siriano (SAA) hanno intercettato un altro convoglio di forze statunitensi nella regione nord-orientale del paese.

La gente del posto ha fermato il convoglio mentre tentava di entrare nella loro città, Farfarah, nella campagna di al-Qamishli, nel nord di al-Hasakah. Il convoglio si è dovuto ritirare dall’ingresso della città dopo essere stato attaccato con pietre da gente del posto arrabbiata.
La scorsa settimana, un convoglio americano è stato bloccato dai locali nella campagna di al-Qamishli. All’epoca, aerei da guerra della coalizione a guida statunitense sorvolavano la regione in segno di forza.

L’SAA e la popolazione locale pro-governo nella campagna di al-Qamishli hanno collaborato per limitare il movimento delle forze statunitensi per diversi mesi. Alcuni dei locali, in particolare gli arabi, sembrano essere sempre più frustrati dalla presenza militare degli Stati Uniti nella loro regione.

Circa 500 truppe statunitensi sono attualmente schierate ad al-Hasakah e Deir Ezzor. Il compito dichiarato delle truppe è quello di “custodire” i campi petroliferi e contrastare la crescente minaccia dell’ISIS.
Queste truppe sono considerate in Siria come forze occupanti. Fonte: South Front https://southfront.org/in-video-angry-locals-intercept-stone-u-s-convoy-in-northeast-syria/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus