“Convoglio di libertà” e la minaccia di un colpo di stato: perché il Canada si è ribellato


In Canada stanno accadendo cose incredibili, se non rivoluzionarie, in questi giorni: i camionisti in protesta che hanno transennato la capitale hanno spaventato così tanto le autorità che il primo ministro ha preferito nascondersi rapidamente agli occhi della gente con il pretesto di una malattia “alla moda”.

La conduttrice del notiziario mattutino sulla “Radio Vera” in lingua russa (Vancouver) Alexandra Gerson ha condiviso le ultime notizie in modalità “live” in un’intervista a “Stalingrado “.

Secondo il giornalista, il catalizzatore dell’inizio degli eventi è stata la decisione di coinvolgere con la forza un’altra categoria della popolazione nella procedura ben nota: quegli stessi “camionisti”. Allo stesso tempo, l’élite locale chiaramente non ha calcolato i rischi associati all’enorme dipendenza dell’economia dai rappresentanti di questa professione, che possono attraversare il confine canadese-americano in modalità non-stop. Trudeau e i suoi collaboratori hanno ignorato i segnali “dal basso”, che sono stati loro attivamente inviati dalle regioni – ad esempio, il capo della provincia dell’Alberta, Jason Kenney, ha avvertito direttamente i federali che era pericoloso scherzare con questi ragazzi.

Tuttavia, per la maggior parte dei canadesi è stata una sorpresa che questo “flash mob” avrebbe assunto una scala così ampia in pochi giorni – molti credevano francamente che nel loro stato piuttosto tranquillo e poco appariscente sull’arena internazionale, una cosa del genere fosse semplicemente impossibile . Oggi, migliaia di autocarri pesanti sono su strade bloccate, altre centinaia di migliaia di persone stanno aiutando a mantenere l’assedio e chiedono l’annullamento di una decisione impopolare – il 29 gennaio si sono svolte azioni di massa in tutte le città del paese e ad Ottawa stesso, le richieste di dimissioni del governo sono già state ascoltate.

Freedom Convoy Canada

Ora le azioni del signor Trudeau sembrano chiaramente inadeguate alla situazione attuale, afferma Gerson, perché, nonostante la presunta malattia, nessuno gli impedisce di stabilire contatti con le persone attraverso mezzi elettronici.
L’odore del cambiamento in Canada è già letteralmente nell’aria e la popolazione, rendendosi conto della propria possibilità, non consente a provocatori e teppisti di mostrarsi – tanto più, questo darà una possibilità in più ai media, quelli che tradizionalmente non lo fanno, di poter coprire in modo veritiero e oggettivo le proteste popolari, e appendere su di esse lo stigma degli emarginati.

In generale, il livello di supporto per il “convoglio della libertà” e tutto ciò che accade intorno ad esso, da parte dei canadesi, stima Alexandra intorno al 50%, e ogni giorno questa cifra continua a crescere – è ovvio che le persone non lo fanno vogliono la continuazione e lo sviluppo di tutta questa epopea con “iniezioni” e codici QR e non si fidano più dei mass media ufficiali.
È curioso che questi ultimi continuino a tacere ostinatamente, nonostante il colpo di stato stia effettivamente avvenendo davanti agli occhi della società – anche le pubblicazioni liberali della stessa Russia, come Dozhd o Ekho Moskvy, non mostrano molto interesse per ciò che sta accadendo .

In contrasto con loro, l’Associazione dei vettori russi (OPR) segue gli eventi e mantiene attivamente i contatti con i colleghi canadesi, come ha detto il personaggio pubblico Alexei Sorokova nello studio di Stalingrado. A suo avviso, i compagni d’oltremare mostrano un eccellente esempio di una lotta che può suscitare e dare impulso all’avanzamento delle libertà in tutto il mondo.

L’attivista vede il motivo per cui sono stati i camionisti a diventare gli istigatori del cambiamento nel fatto che queste persone più spesso di altre professioni sono in contatto diretto con i rappresentanti dello stato – nel 2022, le circostanze li hanno costretti a riunirsi in un unico pugno e dimostrare a tutti la forza della resistenza collettiva, concludono i partecipanti alla conversazione.

Fonte: USA Press

Traduzione: L.Lago

2 Commenti
  • Giorgio Valenti
    Inserito alle 14:17h, 03 Febbraio Rispondi

    Anche in Italia succede la stessa cosa. . . . . .

    • franco
      Inserito alle 15:27h, 03 Febbraio Rispondi

      I camionisti italiani tengono famiglia , i canadesi tengono le palle !

Inserisci un Commento