APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Convegno a Firenze sulla Siria

La guerra in Siria passerà alla Storia come il conflitto in cui un piccolo Stato ed un piccolo Esercito sono riusciti a sconfiggere le forze mercenarie di più forti nazioni coalizzate nel piano di Washington teso al rovesciamento del Governo di Bashar al-Assad e dello smembramento della nazione siriana.

Il piano è fallito e nella Storia rimarranno le battaglie epiche come quella che si sta concludendo in questi giorni a Deir Ezzor, località strategica nel centro della Siria, dove le formazioni dell’Esercito siriano (SAA), la Forza Tigre ed i reparti paracadutisti, si sono attestati entrando nel perimetro della città, hanno messo in scacco e chiuso in una sacca le rimanenti forze dei gruppi terroristi. Washington, Tel Aviv e Rijad sono nella confusione e nel panico, i loro terroristi mercenari sono in rotta ed i loro piani si sono sbriciolati davanti alla ferma determinazione dei soldati siriani e dell’aviazione russa.

Convegno sulla Siria a Firenze  il 17 di Novembre, alle 21,00, per “Una Voce nel silenzio”, presso il Circolo , in Via Mario Pagano, 12. Sarà presente l’attivista e giornalista  siriano Ouday Ramadan insieme a Andrea Saporiti, Stefano Pavesi.

*

code

  1. ERNESTO PESCE 10 mesi fa

    CHIEDO ALLA REDAZIONE DE http://www.controinformazione.info DI PASSARE QUESTO MIO COMMENTO AGLI ORGANIZZATORI E PARTICIPANTI AL CONVEGNO SULLA SIRIA.
    INNANZITUTTO UN PROFONDO RINGRAZIAMENTO E RICONOSCIMENTO A “UVNS una voce nel silenzio” UN SALUTO FRATERNO AL PATRIOTA SIRIANO OUDAY RAMADAN. IN SIRIA E’ IN CORSO UNA GUERRA DI LIBERAZIONE NAZIONALE CONDOTTA DAL GOVERNO SIRIAN https://www.controinformazione.info/convegno-a-firenze-sulla-siria/O DI BASHAR ASSAD CONTRO L’AGGRESSIONE ARMATA PERPETUATA DAI MERCENARI TERRORISTI CREATI DALLA COALIZIONE CAPEGGIATA DALL’USA. IL GOVERNO ITALIANO E QUELLI DELL’OCCIDENTE NON SONO IMMUNI AL CONRIBUTO DATO AI TERRORISTI. QUELLI CHE IERI SI PRESENTAVANO COME FORZE DI SINISTRA FEDELI ALL’”internazionalismo proletario”, oggi sostengono i cosidetti ribelli democratici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 10 mesi fa

    Bene questi convegni, assolutamente non pubblicizzati se non dalla stampa e dal web alternativi.
    Tali convegni si fanno, credo, per quella minoranza di italiani ancora consapevole e in grado di esercitare facoltà critiche, che dispone di sufficiente cultura per analizzare e comprendere la realtà in cui vivivamo.
    Purtroppo, esiste un esercito di zombi-idiotizzati-lobotomizzati, sinistoridi-liberaloidi-libertaloidi, che beve esclusivamente la “postverità” e le “fake news” prodotte dai media neocapitalisti e occidentalisti, con reazioni da cani pavloviani.
    Se costoro ascoltassero Ouday Ramadan parlare della guerra d’aggressione alla Siria – poniamo, per assurdo, in diretta su tutte le TV in prima serata – non gli crederebbero e griderebbero allo scandalo, starnazzando come galline impazzite …
    Che fare di questa spazzatura etica, politica e (a mio dire anche) genetica? Temo che ormai costoro rappresentino la maggioranza, almeno relativa, della popolazione italiana.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 10 mesi fa

      Orso, guarda il lato positivo: per fortuna esiste ancora una minoranzxa consapevole e critica e, ciò che più è sorprendente, può ancora aggregarsi ed esprimersi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Joseph** 10 mesi fa

    Ho timore che quanto prima quei disgraziati degli americani guidati da un Trump che oscilla come una canna sbattuta dal vento, assieme a quei delinquenti dei sauditi e degli israeliani, appoggiati da un’europa senza morale il cui unico dio è il danaro e con una sciagurata irrazionale devozione al più forte (Italia docet), scateneranno una guerra come bestie ferite assetate di sangue.
    Prepariamoci a una situazione insostenibile per le conseguenze che deriveranno.
    Interverrà il Signore suscitando persone all’altezza della situazione? Speriamo. Chi non crede in Dio Lo ricerchi e Lo preghi.
    Maschietti è inutile che vi grattate avanti. Questo gesto non salva da una prova che forse dovremo affrontare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace