Contrastare gli sforzi della NATO per distruggere la Cina

di Declan Hayes

Gli sforzi della NATO per distruggere la flotta russa del Mar Nero sono una pratica per distruggere quella cinese, scrive Declan Hayes.

Sebbene alcuni dei soldati che guidano i droni aerei e marittimi verso la Crimea possano essere ucraini, la maggior parte di loro sono senza dubbio britannici e americani. Come, naturalmente, gli aerei spia che individuano i loro obiettivi russi.

Per quanto la Russia abbia adottato un approccio soft nei confronti di tutta questa aggressione senza precedenti, la nostra attenzione è rivolta al gioco più lungo in cui la NATO sta cercando di contenere la marina russa e corallare l’esercito e l’aeronautica russa. Per la NATO, la sovranità ucraina non ha alcuna importanza, né in un senso né nell’altro. L’obiettivo principale è radunare le forze armate russe in una barriera strategica dalla quale non hanno modo di avanzare. Ciò sembra funzionare a meraviglia in questa campagna di guerriglia navale della NATO contro Sebastopoli, in cui la NATO ha sfruttato i corridoi per lo scambio di cereali più o meno allo stesso modo in cui l’aeronautica israeliana si nasconde dietro aerei civili per bombardare obiettivi civili siriani.

Dopo aver rafforzato il fronte russo, la NATO può rivolgere la propria attenzione al fronte cinese, che spera si svolga in modo simile. Poiché l’esercito cinese non ha bisogno di attraversare il confine russo, è ridondante rispetto ai calcoli esterni a meno che non attraversi nuovamente il fiume Yalu.

Se una forza simbolica di 100.000 consiglieri del CPLA, con la benedizione di Pyongyang, si spostasse a sud verso il 38 ° parallelo , ciò complicherebbe considerevolmente le cose per gli amici americani della Cina poiché sarebbero in gioco più acque marittime di quelle che potrebbero gestire attualmente. Dato che la Corea del Nord ha appoggiato la Russia, Pyongyang accoglierebbe senza dubbio con favore l’aiuto militare che la Cina potrebbe fornire per aggiornare i suoi missili e le tecnologie correlate.

Poiché la guerra contro la Cina sarà senza dubbio principalmente una guerra marittima, la penisola coreana potrebbe non essere proprio nell’occhio del ciclone, che si concentrerà sull’interruzione delle principali rotte marittime della Cina . Allo stato attuale delle cose, la Corea del Nord è solo una carta che la Cina può tenere di riserva fino al momento di giocarla.

Josh Kozlov, il leader del 350° Spectrum Warfare Wing dell’esercito americano , e il Royal United Services Institute (RUSI) britannico sono tra i rappresentanti della NATO che hanno espresso la loro opinione sul ruolo cruciale che la guerra elettronica avanzata sta giocando nel Mar Nero e svolgerà in futuro. Mar Cinese Meridionale. Dato che Hansard ha dichiarato che il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha definito l’Ucraina un “laboratorio di battaglia” , un buon tentativo per il meglio dell’hardware e del software britannico, senza dubbio Wallace godrà di un buon stress test contro i colleghi nordcoreani e cinesi di Blighty nella guerra elettronica. .

La dittatrice non eletta dell’Unione Europea, Ursula von der Leyen, nel frattempo, si lamenta del fatto che la Cina produce auto elettriche a basso costo. Quei mascalzoni cinesi! Come osano copiare le tattiche di crescita economica del Giappone?

Giappone, ricordate il Giappone, quando le truppe di occupazione americane compravano per scherzo i loro orologi falsi e le radio a batteria durante la guerra di Corea. Seiko, Mitsubishi, Toshiba e Panasonic hanno riso per ultimi lì.

E lo stesso faranno i cinesi, a meno che i capi americani di von der Leyen non implementino un blocco navale contro la Cina e quindi tagliano fuori la Cina dalle sue rotte marittime per proteggere gli obsoleti concorrenti europei e “l’ordine basato sulle regole”.

Portaerei USA

Sebbene gli yankee abbiano proposto il corridoio economico alternativo India-Medio Oriente-Europa (IMEC) con il sostegno di Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Israele e Giordania, il mondo e sua madre sanno che è tutta aria fritta fingere che la NATO ha una valida alternativa alle varie iniziative infrastrutturali economiche della Cina e che tutto questo shadow boxing è una ripetizione del preludio alla Grande Guerra, quando l’ascesa delle corazzate della Marina tedesca e la proposta ferrovia di Berlino Baghdad furono viste come minacce fatali per la dominanza della flotta marittima della Royal Navy.

L’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l’hub della CIA in Giordania, che sono tutti iscritti al Team BRIICS, possono aspettarsi molte minacce dalla NATO se non stanno al gioco e abbandonano i cinesi e, nel caso dell’Arabia Saudita, gli indiani come beh, chi vorrebbe anche inviare merci attraverso le acque saudite come parte dell’iniziativa cinese BRI.

E sebbene l’infrastruttura ferroviaria che collega la Grecia con l’Europa centrale faccia parte della BRI e il porto di Gwadar in Pakistan faccia parte del corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), la NATO si sentirebbe in diritto di dirottarli come parte del loro volubile “ordine basato su regole”. ” proprio come, per le stesse ragioni legate al Nordstream, i gasdotti sotto il Baltico e i gasdotti sotto il Mar Nero sono obiettivi primari per i delegati ucraini della NATO.

Questa non è una congettura. Il rapporto del Senatore Tom Cotton spiega dettagliatamente che la NATO deve separarsi dalla Cina e che il Cato Institute , il Bipartisan Policy Center e il pazzo australiano Dr Ross Babbage ci hanno tutti gentilmente informati su come questa guerra con la Cina si svolgerà più o meno come noi precedentemente delineato.

Scrivendo per AsiaNikkei , l’ammiraglio James Stavridis, ex 16° comandante supremo alleato della NATO, ci dice che, come in Ucraina, il vantaggio principale della NATO sta nei suoi alleati, nella carne da cannone filippina, taiwanese, coreana e giapponese, in altri parole, e Forbes ci dice che la chiave del successo sarebbe, come abbiamo detto, un blocco navale.

Supponendo, ovviamente, che la Cina non sia stata costretta a commettere gli stessi errori che la Marina imperiale giapponese dell’ammiraglio Yamamoto fu costretta a fare quando attaccò Pearl Harbor e la colonia americana delle Filippine. A parte tutte le spacconate americane sulla loro onnipotenza divina , l’Alto Comando cinese ha un apprezzamento pieno ed esaustivo delle capacità del complesso industriale militare americano e di come è progredito da quando la Cina lo ha distrutto durante la guerra di Corea.

Ma non dimentichiamoci nemmeno delle guerre in Indocina, dove i Viêt Minh avevano il loro quartier generale in una gelateria di Hanoi e i Viêt Cong avevano il loro quartier generale in un negozio di noodle di Saigon e dove il grande scrittore di viaggi britannico Norman Lewis fece alcuni commenti molto pertinenti sui cinesi, cambogiani, laotiani e soprattutto vietnamiti, quando documentò le sue esperienze nell’Indocina francese all’inizio della seconda guerra indocina.

Vantaggio in mare: prevalere con la potenza navale integrata in tutti i domini spiega come la Marina, il Corpo dei Marines e la Guardia costiera degli Stati Uniti, come la Britannia prima che arrivasse Yamamoto, domineranno le onde. Poiché la NATO sta elaborando piani di emergenza per allacciare “gli stretti di Hormuz, Suez, Gibilterra, Malacca, Panama e Dover” con mine per interrompere le catene di approvvigionamento, lo stesso deve fare la Cina.

Mappa Sud est Asiatico e stretto di Malacca

Ma, se lasciamo da parte queste operazioni di sabotaggio così primitivamente efficaci, possiamo aspettarci che la NATO prenda di mira l’infrastruttura digitale che garantisce il movimento di circa sei milioni di container trasportati in circa 61.000 navi che costituiscono il commercio mondiale al di fuori di petrolio, gas e materie prime. Il burattino americano von der Leyen, come indicato sopra, ha già accennato a questa tattica che, dato il potere sproporzionato della Cina sulle infrastrutture attraverso le quali scorre il commercio internazionale, ha senso dal punto di vista del Pentagono. Poiché hanno già avviato molti programmi pilota di questo tipo nel settore assicurativo e bancario contro la Russia e l’Ucraina, tali sforzi devono anche essere presi in considerazione nei calcoli della Cina che, data la dimensione geografica ed economica della Cina, sarà di natura enormemente globale.

Tuttavia, poiché tutta la politica è locale, la Cina deve attrarre, anziché costringere, la Corea del Nord e il Vietnam nella sua orbita, lasciando i vietnamiti in particolare con tanta ambiguità di cui hanno bisogno quegli imperscrutabili maestri dell’intrigo per difendere i propri interessi in Oriente (la Cina meridionale ) nel Mare. E dopo il Vietnam arrivano le Filippine, che hanno sofferto tanto a causa degli americani quanto dei vietnamiti. Come con Hanoi, anche la Cina deve silenziosamente compiere importanti passi avanti diplomatici ed economici con Manila, andando piano con lo sciovinismo. Più carota, meno bastone, in altre parole.

Flotta cinese

Per quanto riguarda Taiwan, tutti i principali attori sanno che la Cina non ha alcuna fretta e che è l’America, e solo l’America, a usare Taiwan come casus belli. Infine, per quanto riguarda il popolo sofferente di Okinawa e di tutto il Giappone, Yamamoto, nel caso non lo sapessero, è morto, assassinato dagli yankee nel 1943. Non solo il Giappone, con o senza un altro Yamamoto, non potrà prevalere in un’altra guerra ma non c’è bisogno che il Giappone si impegni in tale avventurismo poiché ci sono modi molto più semplici per commettere hara-kiri che scegliere una guerra impossibile da vincere con la Cina a sud e la Russia a nord.

I giapponesi, come i cinesi, dovrebbero affinare le proprie capacità diplomatiche, magari con l’aiuto dei loro buoni amici ad Hanoi e Bangkok e della brava gente di Taiwan, dove il Giappone e i giapponesi sono entrambi molto ammirati.

I governi di Cina, Vietnam, Tailandia, Corea, Giappone, Filippine e quelli a loro vicini hanno cose molto più importanti di cui occuparsi che uccidersi a vicenda per migliorare i profitti di Lockheed Martin, Northrop e BAE Systems e garantire ulteriori tangenti perché i falchi di guerra di Capitol Hill corrompono quei gangster. La via da seguire per tutti loro è quella di lavorare insieme per uno sviluppo economico reciproco e reciprocamente rispettoso, per migliorare le loro capacità militari secondo necessità e per ignorare, per quanto possono, i tamburi di guerra sordi che gli yankee e i loro leccapiedi non finiscono mai di suonare. a morte.
Declan Hayes

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Contrastare gli sforzi della NATO per distruggere la Cina

  1. USA-UK-NATO pensano di controllare il mondo mettendo le mani su : Canale di Panama, Stretto di Gibilterra, Canale di Suez, stretto di Hormuz e stretto di Malacca !
    Panama e Gibilterra per ora li controllano, anche il governo sandinista del Nicaragua dell’odiato Ortega progetta con la Cina un canale nel proprio territorio, il che distruggerebbe il dominio USA sui traffici marittimi tra atlantico e pacifico.
    Suez, grazie a Nasser è stato sottratto al controllo anglo americano ormai da decenni !
    Sullo stretto di Hormuz gli anglo americani devono vedersela con l’IRAN, mentre sullo stretto di Malacca, la Cina progetta con la Thailandia il taglio di un istmo che consentirebbe di risparmiare giorni di navigazione e eventuali blocchi navali occidentali !
    La situazione non è rose e fiori per gli anglo americani !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM