Continua senza soste la guerra di propaganda USA contro la Cina

By Stephen Lendman
La guerra commerciale, legislativa e di propaganda degli Stati Uniti infuria contro la Cina.
Diventerà forse una guerra calda dopo che a gennaio subentreranno gli interventisti falchi che hanno infestato la squadra di sicurezza nazionale del regime di Biden / Harris?

È possibile l’impensabile? Quello che è successo dopo il pivot asiatico del regime di Obama / Biden nel 2013, fortemente intensificato dagli intransigenti di Trump, è la sostanza di cui sono fatte le guerre preventive.

Mentre nessuna delle due parti vuole una guerra calda con l’altra, l’assenza di fiducia reciproca – combinata con la rabbia egemonica degli Stati Uniti per controllare il pianeta terra, le sue risorse e le popolazioni – rende possibile l’impensabile.
Mentre gli Stati Uniti sono militarmente superiori alle altre nazioni – eccetto la Russia a causa delle sue super armi senza pari – la guerra con la Cina sarebbe contro un avversario molto più formidabile di qualsiasi altro che Washington abbia mai attaccato preventivamente.

Due volte dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno intrapreso due guerre asiatiche fallite, una terminata con un armistizio difficile (Corea), l’altra con una sconfitta umiliante (Vietnam), entrambe contro nazioni molto meno potenti della Cina di oggi.
Allo stesso modo i capi congiunti del Pentagono sono molto diffidenti nei confronti della guerra con l’Iran, una nazione in grado di rispondere duramente se attaccata.

La Cina è dotata di armi nucleari con missili balistici intercontinentali e altre super armi e sarebbe in grado di infliggere un prezzo pesante sugli Stati Uniti in risposta all’aggressione se lanciata.
Sebbene sia chiaramente possibile per caso o per progetto, questa guerra è altamente improbabile.
I comandanti del Pentagono vogliono senza dubbio evitare un’altra umiliante sconfitta nella guerra in Asia.
Molto probabilmente, repubblicani e democratici si atterranno alla guerra con altri mezzi contro la Cina, compreso l’uso di un’intensa propaganda, amplificata dai media dell’establishment.

La crescente importanza politica, economica, industriale, tecnologica e militare della Cina sulla scena mondiale l’ha resa il nemico pubblico numero uno di Washington.

Eppure non esistono minacce straniere agli Stati Uniti e all’Occidente, solo quelle inventate per mantenere una guerra perpetua contro l’umanità con mezzi pesanti e altri.
Pompeo e il materiale sul sito web del Dipartimento di Stato del regime di Trump mantengono un ritmo costante di propaganda anti-cinese.

Attualmente contiene fake news sull’inesistente “aggressione militare del mento (ese) nella regione indo / pacifica”.

È così che gli Stati Uniti operano a livello globale in netto contrasto con la ricerca della pace, della stabilità e delle relazioni di cooperazione della Cina con altri paesi, senza confrontarsi con nessuno.

Di seguito è riportata una litania di Grandi bugie di Pompeo OK sulla Cina, probabilmente si sarà ripetuta dagli interventisti del regime in arrivo di Biden / Harris :

“In gran parte della regione indo-pacifica, (la Cina) sta usando la coercizione militare ed economica per intimidire i suoi vicini, avanzare rivendicazioni marittime illegali, minacciare rotte marittime e destabilizzare” territorio regionale (sic).

Tutto quanto sopra descrive come funziona il flagello dell’imperialismo statunitense in tutto il mondo – polo opposto allo standard più elevato della Cina rispettoso della legge internazionale.
La “condotta degli Stati Uniti aumenta il rischio di errori di calcolo e conflitti”, non quelli della Cina o di qualsiasi altra nazione indipendente libera dal controllo di Washington.

La politica statunitense sotto entrambe le ali del suo partito di guerra si oppone militantemente a “un Indo-Pacifico libero e aperto” su cui cercano il controllo incontrastato.

Pechino cerca di rafforzare le sue capacità militari a causa della possibile aggressione degli Stati Uniti, non per far avanzare la sua “impronta” regionale, come ha falsamente affermato il Dipartimento di Stato.
Né esistono prove che suggeriscano che la Cina miri a “proiettare e sostenere il potere militare a distanze maggiori (sic)”.

In netto contrasto, l’impero delle basi statunitense opera in tutto il mondo.

Le forze operative speciali e convenzionali del Pentagono hanno basi militari o occupano oltre 150 paesi in ogni continente, rappresentando una grave minaccia per la pace e la stabilità mondiali.

Secondo Nick Turse di TomDispatch, i comandi del Pentagono “(sono) schierati (in almeno) 141 paesi”.

Molte “basi segrete degli Stati Uniti (sono) lasciate fuori dai libri ufficiali (del Pentagono)”.
Ufficialmente “mantiene (circa) 4.775 ‘siti, distribuiti in tutti i 50 stati, otto territori degli Stati Uniti e 45 paesi stranieri”.
Ufficialmente, il Pentagono gestisce circa 800 basi in tutto il mondo.
In via non ufficiale, comprese le mini-basi e altre condivise con i paesi ospitanti, ne gestisce migliaia in patria e all’estero.
Quello che è segreto e fuori dai libri evita il controllo del Congresso e di altri controlli pubblici.
Innumerevoli miliardi di dollari vengono spesi ogni anno per mantenere l’impero delle basi statunitense.
Secondo la Overseas Base Realignment and Closure Coalition, circa il 95% delle basi militari straniere sono statunitensi.

Al massimo, Cina e Russia ne hanno poche sparsi all’estero in confronto, nessuna è usata come trampolino di lancio per le ostilità verso altre nazioni nel modo in cui operano gli Stati Uniti.
Il Pentagono ha recentemente ammesso di avere una presenza militare (inclusi circa “4.800 siti di difesa”) in 164 paesi – con poca o nessuna ulteriore elaborazione.

Secondo Turse, il Pentagono non definisce cosa significhi per “locazione”, aggiungendo:

“Il costo annuale del dispiegamento del personale militare statunitense all’estero, così come il mantenimento e la gestione di quelle basi straniere, ammonta a circa 150 miliardi di dollari all’anno, secondo la Overseas Bases Realignment and Closure Coalition”.

Il costo per mantenere gli avamposti è di circa “un terzo” del totale di cui sopra.
Includendo per intelligence, budget neri fuori dai libri, sicurezza nazionale e altre categorie correlate, la spesa annuale per l’esercito / sicurezza degli Stati Uniti in patria e all’estero corrisponde o supera le altre comunità mondiali delle nazioni messe insieme.
Rappresenta un monumentale buco nero di rifiuti, frodi e abusi.
Nel febbraio 2018, Project Censored ha segnalato la scomparsa di 21 trilioni di dollari dal bilancio federale nel periodo 1998-2015.

Mobilitazione Cina

Molto probabilmente questi sono andati al militarismo, alla guerra, ai salvataggi di Wall Street e alla speculazione, migliaia di miliardi in più fino ai giorni nostri – un abuso di potere lasciato inspiegabile dai funzionari statunitensi e dai media dell’establishment.
Innumerevoli trilioni di dollari vanno per la cosiddetta sicurezza nazionale, con poca o nessuna supervisione, in un momento in cui vengono inventati gli unici nemici dell’America.

Non ne esistono di veri – non Cina, Russia, Iran, Corea del Nord o altre nazioni.

Tutto quanto sopra procede all’infinito mentre la patria vitale deve andare a chiedere l’elemosina, specialmente in un momento di collasso economico artificiale con oltre un quarto degli americani in età lavorativa rimasto senza lavoro.
Il Dipartimento di Stato ha falsamente accusato la Cina di “rubare” le risorse del Mar Cinese Meridionale.
Ha accusato Pechino di un programma “potrebbe fa bene”, “imponendo la sua volontà sulla regione … intimidendo e sfidando i suoi vicini”.
Tutto quanto sopra e molto di più si applica alle pratiche egemoniche statunitensi in tutto il mondo, all’opposto dell’agenda geopolitica cinese.

Affermare che gli Stati Uniti siano “partner (con altre nazioni) per la pace e la prosperità” ignora tutte le sue infinite guerre contro l’umanità in patria e all’estero.

Cina, Russia, Iran e altre nazioni nella lista degli obiettivi degli Stati Uniti per il cambio di regime cercano relazioni di cooperazione con altri paesi, il confronto con nessuno.

Washington sotto entrambe le ali di destra del dominio del duopolio cerca il dominio globale incontrastato – guerre infinite con mezzi caldi e altri mezzi le sue strategie preferite.

Quando Biden / Harris molto probabilmente sostituirà Trump a gennaio, gli affari sporchi di lunga data degli Stati Uniti come al solito in patria e all’estero continueranno sicuramente almeno in gran parte invariati.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM