Conflitto Israele-Libano: Hezbollah sarà un nemico formidabile se la guerra dovesse intensificarsi

di Hicham Safieddine
Trasformare la guerra di logoramento in corso in una grande offensiva rischia di innescare una battaglia regionale, in cui non verrebbero rispettate le linee rosse

L’atteggiamento guerrafondaio di Israele contro il Libano è una pratica di lunga data sia in tempi di guerra che di pace. Questa settimana, il britannico Telegraph ha pubblicato accuse infondate da parte di personale anonimo dell’aeroporto, rapidamente smentite dai funzionari libanesi, secondo cui il movimento di resistenza libanese (Hezbollah) stava importando e immagazzinando armi iraniane all’aeroporto internazionale di Beirut.

Tali accuse sconsiderate rafforzano la guerra psicologica di Israele , che ha raggiunto il culmine tra le speculazioni secondo cui Tel Aviv sta pianificando un attacco su vasta scala contro il Libano una volta terminate le operazioni a Rafah.

Il ridispiegamento di truppe offensive da parte di Israele al confine libanese, insieme al ridispiegamento regionale delle portaerei statunitensi Eisenhower e Roosevelt nel Mediterraneo orientale, hanno aggiunto altra benzina sul fuoco.

Ma un’analisi fredda rivela le gravi sfide che Israele si troverebbe ad affrontare qualora trasformasse la guerra di logoramento in corso in una grande offensiva. Dall’8 ottobre, gli attacchi israeliani al Libano hanno causato morte, traumi e sfollamenti tra i civili, oltre all’assassinio riuscito di combattenti e comandanti di Hezbollah.

Tuttavia, questi attacchi non sono riusciti a dissuadere Hezbollah dall’infliggere a sua volta, in cambio degli attacchi israeliani, pesanti perdite al nemico. Hezbollah afferma di aver condotto più di 2.100 operazioni contro Israele negli ultimi nove mesi, compresi attacchi contro avamposti di sorveglianza israeliani, basi militari e droni ad alta tecnologia.

Queste tattiche hanno portato a vantaggi strategici senza precedenti per Hezbollah: per la prima volta nella storia delle guerre di Israele contro il Libano, le operazioni militari e gli sfollamenti di massa non sono più limitati al lato libanese del confine. Più di 60.000 coloni israeliani hanno dovuto evacuare le loro case nel nord.

Droni di Hezbollah usati contro Israele

La settimana scorsa, Hezbollah ha rivelato attraverso filmati di droni la sua capacità di identificare siti militari e infrastrutture israeliani sensibili all’interno della Palestina occupata come potenziali obiettivi di ritorsione .

Hezbollah è ancora di gran lunga superato da Israele. Ma insieme a tattiche di guerra asimmetriche e ad una volontà di ferro, la sua capacità militare è abbastanza significativa da infliggere distruzioni su larga scala, agendo così come un deterrente razionale.

Iran e Stati Uniti
Ancora più significativo, un attacco a tutto campo contro il Libano probabilmente si trasformerebbe in una guerra regionale. L’Iran potrebbe non interferire direttamente, almeno non nell’immediato, ma sicuramente accelererebbe tutte le forme di sostegno materiale e militare per impedire una vittoria israeliana. L’attacco di ritorsione dell’Iran contro Israele in aprile, dopo che quest’ultimo aveva bombardato il consolato di Teheran a Damasco, ha dimostrato la volontà dell’Iran di oltrepassare quella linea.

Come previsto, i funzionari politici statunitensi hanno espresso il loro sostegno a Israele qualora dovesse dichiarare guerra al Libano. Ma il capo dello stato maggiore congiunto americano, Charles Brown, ha avvertito che Washington potrebbe non essere in grado di difendere Israele da una guerra su vasta scala con Hezbollah come ha fatto durante l’attacco iraniano di aprile.

Washington potrebbe anche doversi preoccupare di una ripresa degli attacchi contro le proprie basi in Iraq e Giordania . In breve, le menti più fredde di Washington sono consapevoli delle terribili conseguenze se dovesse scoppiare una guerra su larga scala.

Senza il sostegno diretto degli Stati Uniti e il via libera di Washington, Israele non è in grado di lanciare, e tanto meno di vincere, questa guerra.

Basi USA in Iraq e Siria nel mirino della resistenza

Sul piano interno, il patrocinio statunitense nei confronti dell’esercito libanese ha ostacolato lo sviluppo della sua capacità offensiva, per timore che venisse usata contro Israele. Il risultato è una forza debole e demoralizzata, adatta a vigilare sulla popolazione, piuttosto che a sopraffare Hezbollah. Sebbene gli oppositori politici filo-americani di Hezbollah abbiano una forte impronta mediatica, in assenza di un’impronta militare, il loro impatto sulla traiettoria di una guerra è limitato.

Hezbollah potrebbe aver perso il sostegno attivo del suo più forte alleato cristiano, il Free Patriotic Movement. Ma la sua decisione di aprire un fronte a sostegno di Gaza ha riabilitato la sua reputazione tra gli elettori sunniti dopo il suo intervento divisivo in Siria, con alcuni gruppi sunniti che hanno persino unito le forze con Hezbollah nelle sue operazioni contro Israele. Un fronte unito riduce il rischio di fomentare tensioni settarie sunnite-sciite.

La morte e la distruzione ricorderanno ancora una volta che la pace e il colonialismo di insediamento israeliano sono fondamentalmente incompatibili.

L’unità sotto la bandiera dell’aiuto a Gaza è anche un promemoria della causa principale di questo conflitto: la guerra genocida di Israele contro l’enclave assediata. I funzionari statunitensi persistono nei loro sforzi per neutralizzare il fronte libanese dissociandolo da Gaza, ma Hezbollah è rimasto fermo nella sua adesione alla strategia dell’“unità dei fronti”.

In breve, la chiave per porre fine ai combattimenti sul fronte settentrionale è attuare un cessate il fuoco permanente a Gaza. Questa sarebbe la posizione razionale e morale che tutti i partiti dovrebbero adottare. Ma l’intransigenza di Israele, il sostegno di Washington, il linguaggio ambiguo dell’Europa e la complicità dei regimi arabi hanno tutti ostacolato la conclusione di un accordo.

Mentre Israele conclude la sua campagna omicida a Rafah , e a meno di un grande cambiamento nella politica interna israeliana che porti a un accordo di cessate il fuoco dell’undicesima ora, il primo ministro Benjamin Netanyahu potrebbe spingere il killer in Libano.

Combattenti di Hezbollah

Questo presenterebbe due scenari. Il primo è che Israele intensifichi i suoi attacchi contro il Libano secondo le attuali regole di ingaggio. Un altro scenario meno probabile, ma comunque possibile, è che Israele lanci una grande offensiva.

Potrebbe quindi verificarsi una conflagrazione regionale. In caso affermativo non verrà rispettata alcuna linea rossa. Porre fine alla guerra non sarà facile come iniziarla. La morte e la distruzione ricorderanno ancora una volta che la pace e il colonialismo di insediamento israeliano sono fondamentalmente incompatibili. I popoli della regione non saranno mai sicuri o liberi finché la Palestina non sarà libera.

Hicham Safieddine è titolare della cattedra di ricerca canadese sulla storia del Medio Oriente moderno e professore associato di storia presso l’Università della British Columbia. È autore di Banking on the State: The Financial Foundations of Lebanon (SUP, 2019), editore di Arab Marxism and National Liberation: Selected Writings of Mahdi Amel (Brill, 2020) e co-editore di The Clarion of Syria: A Appello dei patrioti contro la guerra civile del 1860 (CUP, 2019).

Fonte: Middle East Eye

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Conflitto Israele-Libano: Hezbollah sarà un nemico formidabile se la guerra dovesse intensificarsi

  1. Le portaerei Eisenhower e Roosvelt, secondo l’articolo sarebbero state ri-dispiegate nel mediterraneo orientale. Ma alcuni siti danno la Eisenhower richiamata “a casa”, nella base di Norfolk in Virginia, dove si starebbe dirigendo allontanandosi da Suez, mentre la Roosvelt starebbe dirigendosi verso il mar rosso, proveniente dal pacifico, proprio per rilevare la Eisenhower. https://news.usni.org/2024/06/24/usni-news-fleet-and-marine-tracker-june-24-2024.
    http://www.gonavy.jp/CVLocation.html

  2. Attendiamo tutti il grande giorno, della sconfitta dell’impero del male.
    Prima iniziano le danze meglio è per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM