Confermato: Trump ha ordinato di bruciare il raccolto del grano siriano , durante la pandemia (i media russi stranamente silenziosi)

di Steven Sahiounie, giornalista e commentatore politico

Gli elicotteri Apache delle forze di occupazione statunitensi sono volati in basso domenica mattina, secondo gli abitanti del villaggio di Adla, nella campagna di Shaddadi, a sud di Hasaka, mentre lanciavano ” palloncini termici ” , un’arma incendiaria, facendo esplodere i campi di grano mentre i venti caldi e secchi alimentavano il fuoco in tempesta.

Dopo aver lanciato il loro carico di distruzione incendiaria , gli elicotteri hanno effettuato il loro volo vicino alle case dei civili in modo aggressivo, il che ha causato la paura dei residenti e soprattutto dei bambini piccoli. La manovra militare USA stava trasmettendo un messaggio chiaro: non potrete vendere il vostro grano al governo siriano. Il capo della direzione agricola di Hasaka, Rajab Salameh, ha riferito in una dichiarazione alla SANA che diversi incendi sono scoppiati anche nei campi agricoli nella campagna di Tal Tamer.

Dalle basi illegali statunitensi in Siria vengono pilotati gli elicotteri Apache per queste missioni distruttive. Il presidente degli Stati Uniti Trump si rappresenta come un campione dei cristiani americani e ha milioni di fedeli sostenitori tra le chiese cristiane negli Stati Uniti. Tuttavia, la Bibbia cristiana afferma, in Deuteronomio 20:19, che è un peccato contro Dio distruggere cibo o colture alimentari anche durante i periodi di guerra.

Il pane è la base più importante della Siria, e due settimane dopo la raccolta annuale del grano, Damasco è entusiasta di garantire la sua fornitura di grano, mentre è assillato dalla pandemia globale. Il 4 maggio, il presidente Assad ha dichiarato in un incontro con il suo team COVID-19 che “la nostra sfida interna più difficile è garantire i beni di base per la popolazione, in particolare i prodotti alimentari”.

Dall’inizio dell’attacco USA-NATO alla Siria nel 2011, la produzione di grano è scesa da una media di 4,1 milioni di tonnellate all’anno a soli 2,2 milioni di tonnellate nel 2019. La Siria era stata un importatore di grano ma era passata all’esportazione di grano negli anni ’90.
Secondo le Nazioni Unite, la Siria è stata colpita da un’insicurezza alimentare acuta nel 2019, con circa 6,5 milioni di persone considerate insicure dal punto di vista alimentare, per effetto della guerra e delle sanzioni.

I campi di granobruciati dagli elicotteri USA

Le province settentrionali di Hasakah, Raqqa, Aleppo e Deir e-Zor, oltre a Hama nella Siria centrale, rappresentano il 96% della produzione nazionale totale di grano. Usando il fuoco come arma di guerra, nel 2019 sono stati bruciati 85.000 ettari di grano e il governo siriano è stato costretto a importare 2,7 milioni di tonnellate per coprire le perdite. Distruggere l’agricoltura siriana è stata una strategia di guerra utilizzata da vari nemici della Siria e ha portato a una migrazione di massa dei residenti nei villaggi verso la Germania, attraverso la Grecia, attraverso le navi di contrabbandieri in Turchia.

Il “paniere” siriano, la regione nord-orientale, è ora controllato dall’Amministrazione autonoma dominata dai curdi della Siria settentrionale e orientale (AA). Nel 2019, quasi la metà della produzione nazionale di grano del paese è stata prodotta all’interno del territorio AA e sono riusciti a acquistarlo dagli agricoltori a un prezzo inferiore a quello offerto da Damasco, il che suggerisce che a Damasco potrebbe essere negato il raccolto attuale.

Il 9 maggio Raqqa ha iniziato la raccolta del grano e le foto degli incendi si sono diffuse rapidamente su vari social media. La concorrenza tra AA e Damasco significa che il governo siriano sarà costretto a importare cereali per soddisfare la domanda interna di circa 4,3 milioni di tonnellate.

Youssef Qassem , direttore generale del Syrian Grain Establishment, ha dichiarato che sono state ordinate 200.000 tonnellate di grano dalla Russia e una nave che trasportava 26.000 tonnellate di grano proveniente dalla Russia era arrivata al porto di Tartus, con ulteriori spedizioni in arrivo. Ha aggiunto che il grano viene immediatamente spostato dal porto ai mulini e ha dichiarato: “Sono in corso i preparativi per ricevere il grano quando inizierà la stagione del raccolto il mese prossimo, dove 49 centri sono stati attrezzati per facilitare l’accoglienza del grano e pagare gli agricoltori”. sottolineando che la riapertura della strada Aleppo-Damasco ha contribuito notevolmente a ridurre i costi di trasporto del grano.

Bruciano i campi di grano in Siria

L’AA ha parlato ripetutamente con il governo siriano a Damasco, riguardo al futuro del nordest, ma non ha risolto le loro differenze. Ilham Ahmed, copresidente del Consiglio esecutivo di AA, sta negoziando con Damasco e sta anche lavorando a stretto contatto con i rappresentanti del governo degli Stati Uniti in Siria. Ilham Ahmed si dice che sia quello che ha recentemente dato l’idea ai militari statunitensi di colpire una specifica fattoria ad Hasaka, dopo aver incontrato i leader tribali arabi siriani e aver trovato una certa opposizione alla vendita all’AA.

L’ala armata dell’AA è la Syrian Democratic Forces (SDF), guidata dalla milizia curda YPG, che ha collaborato con le forze di occupazione statunitensi nella lotta contro l’ISIS, che si è conclusa nel 2017. Anche se Trump ha permesso all’invasione del presidente Erdogan della Turchia in Siria, l’esercito americano sta ancora lavorando a sostegno di SDF e AA su molti livelli. I curdi e il loro alleato americano tengono il grano come una carta vincente nei negoziati in corso.

Assad ha bisogno di accedere alle colture di cereali nel nord-est della Siria per prevenire una crisi del pane nelle aree della Siria occidentale che controlla”, ha detto l’ analista siriano Nicholas Heras . “Il grano è un’arma di grande potenza in questa prossima fase del conflitto siriano”, ha detto Heras, e ha aggiunto che i curdi e il loro alleato americano “hanno una scorta significativa di questa arma di grano. Può essere usato per esercitare pressioni sul (governo siriano) e sulla Russia, per forzare le concessioni nel processo diplomatico guidato dalle Nazioni Unite. “

Nel giugno 2019, l’AA ha impedito ai contadini di coltivare il grano nei territori controllati dal governo siriano. Tre province che rappresentano quasi il 70 percento della produzione di grano del paese sono principalmente nelle mani dell’SDF. “Non permetteremo a nessun chicco di grano di uscire” quest’anno (2019), ha dichiarato Barodo in un’intervista nella città di Qamishli. Tuttavia, il piano si è piegato alle pressioni degli agricoltori, che chiedevano di essere in grado di vendere al governo siriano a un prezzo migliore di quello che l’AA stava pagando. Il governo siriano gestisce tre centri di raccolta del grano ad Hasaka, che consente agli agricoltori la scelta di vendere alle “autorità curde” o al governo siriano.

I curdi sono una minoranza in Siria e anche nella regione nord-orientale, sono una minoranza arrivata negli anni precedenti, nonostante abbiano adesso il “controllo” di quella zona. La popolazione non curda è un mix di arabi siriani, cristiani siriani, armeni siriani e molti di loro hanno sofferto sotto l’amministrazione curda, che ha visto i non curdi essere ripuliti etnicamente, poiché hanno perso case, negozi e fattorie per mano di la SDF.

La Siria era prima del 2011, una delle fonti agricole più importanti al mondo di grano duro duro . L’Italia , famosa per la sua pasta , ha acquistato grano duro duro dalla Siria per decenni. Durante l’occupazione di Reqaa da parte dell’ISIS, hanno spedito con camion i depositi di grano, che equivalgono a 8 anni di grano siriano. L’ISIS si rivolse al loro partner commerciale di fiducia, il presidente turco Erdogan, ed Erdogan acquistò da loro il grano. Erdogan vendette il grano siriano rubato in Europa e in Italia ancora una volta il suo grano siriano preferito passava attraverso le sue macchine per la pasta industriale. Gli italiani hanno mangiato pasta fatta con il grano siriano rubato. Forse ha lasciato l’amaro in bocca.
L’Italia è uno degli stati che applica le sanzioni contro la Siria.

Steven Sahiounie è un giornalista pluripremiato che ha pubblicato varie inchieste sul conflitto siriano.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti

  • Blackcrow
    20 Maggio 2020

    Auguro a Erdogan di fare una brutta fine, ma proprio brutta, insieme a quei cani rognosi del Deep state americano/anglosionista suoi padroni, che sono i VERI criminali in questa guerra finale contro l’umanità intera.

    NON PRAEVALEBUNT.

    • atlas
      20 Maggio 2020

      DIO è Grande

      e non sarà insensibile di fronte a questo agglomerato di criminali vigliacchi della peggiore specie che sono solo da eliminare dalla faccia della terra

  • antonio
    20 Maggio 2020

    a confronto degli yankee-jewish Hitler sembrerebbe un moderato ?

  • adalberto
    20 Maggio 2020

    Ecco cosa succede continuando a permettere la presenza dei cani sul suolo Syriano, bisognava sloggiarli tempo fa, ora é peggio entrano ed escono liberamente dal confine Iracheno senza che nessuno gli impedisca di farlo, ora sarà dura sloggiarli, i danni che faranno saranno enormi, bisogna portare la guerra negli u.s assolutamente.

  • Hannibal7
    20 Maggio 2020

    L’infamia di quelle MERDE di ameri-CANI non ha confine
    Provo ad immaginare i volti terrorizzati dei bambini siriani alla vista degli elicotteri da guerra mentre pensano che da un momento all’altro possano sparargli contro…..e il mio cuore è avvolto da tristezza mista a rabbia
    MALEDETTI!!!!!!

  • eusebio
    20 Maggio 2020

    I sionisti sono gli ispiratori di questo come di tanti altri crimini, il mondo tra non molto chiederà conto di tutto.

  • Teoclimeno
    20 Maggio 2020

    “L’Italia è uno degli stati che applica le sanzioni contro la Siria”. Un’ulteriore conferma, se ce ne fosse bisogno, che siamo governati da criminali.

    • atlas
      21 Maggio 2020

      leggo che nomini spessissimo ‘ l’italia ‘. Vomiti o sei come un cane che se ,lo rimangia ?

      A me quel termine disturba anche solo leggerlo, ma ho superato altre disgrazie in passato, quando le Due Sicilie saranno libere, raccoglierò i frutti di quanto seminato

      tu finchè continui a sostenere quell’entità massone alleata di giudei e usa vedrai il tuo andare in fumo, peggio che in Siria

Inserisci un Commento

*

code