Conduttore americano: Quando la NATO perde una guerra, si rivolge al terrorismo

Daranno la colpa ai russi come pretesto per rivoltare contro di loro l’opinione pubblica”, ha spiegato l’esperto.
Se la NATO non riuscisse a sconfiggere la Russia, organizzerà attacchi terroristici e accuserà Mosca di averli compiuti, ha detto mercoledì il fondatore e conduttore del sito web InfoWars, Alex Jones .

“Secondo la dottrina militare della NATO, quando perde una guerra, ed è la NATO che la Russia sta combattendo, […] allora si passa alla guerra asimmetrica e al terrorismo , e penso che tutte le prove puntino in questo senso”, ha sostenuto Jones. .

“L’Operazione Gladio era un piano della NATO dagli anni ’50 agli anni ’80, ed è stato parzialmente declassificato. Se la Russia avesse potuto mai iniziare a vincere qualsiasi tipo di conflitto in Europa, sia offensivo contro la Russia o meno, le reti sarebbero rimaste indietro [‘reti stay-behind” ‘] ed allora avrebbero organizzato un attacco terroristico e di fatto ne avrebbero incolpato i russi come pretesto per rivoltare contro di loro l’opinione pubblica”, ha spiegato l’esperto.

Alex Jones

Pertanto, i servizi segreti, l’Ucraina e altri gruppi avrebbero potuto invitare i terroristi e promettere di portarli in Russia e armarli. “Lancia questo attacco, puoi scappare, daremo la colpa all’Isis”, ha suggerito Jones.

Ha poi affermato che diversi media occidentali hanno accusato il presidente russo Vladimir Putin di aver organizzato l’attacco terroristico di venerdì scorso presso la sala concerti Crocus City Hall, situata nella provincia di Mosca.

Si tratta di avere degli utili idioti”
“Ma chiaramente si vede che i servizi di sicurezza russi catturano i terroristi che cercano di tornare al confine ucraino. Li interrogano dal vivo sul posto e quelli dicono semplicemente: ‘Non so niente, mi hanno dato i soldi per farlo'”, ha continuato Jones. , e ha chiarito che “questo è esattamente ciò che farebbero i servizi segreti occidentali o globalisti”. “Si tratta di avere a disposizione degli utili idioti, pagarli per farlo, facendogli credere che abbiano una via di fuga”, ha detto.

Questo è qualcosa che la Polizia Segreta ha fatto nei principali paesi nel corso della storia del mondo”, ha ribadito. “Si tratta di cercare di manipolare la Russia affinché dia una risposta più forte all’escalation, in modo che la NATO abbia un pretesto per gettarsi pubblicamente nella guerra”.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

10 commenti su “Conduttore americano: Quando la NATO perde una guerra, si rivolge al terrorismo

  1. Plausibile s’ intende, come analisi. Specialmente per quanto riguarda il terrorismo false flag, usato già da decenni dalla Cia. Non condivido però lo scopo. Il conflitto forse lo cercavano anni fa’. Sicuri che le loro superarmi avanzate, caccia stealth, portaerei, droni, potessero in breve annichilire i russi. Poveri illusi boriosi, avevano sottovalutato a mera propaganda i progressi del programma di riarmo della federazione. Errore letale. Ora che hanno visto la morte in faccia e i loro mezzi e uomini vengono fatti a pezzi quotidianamente sul fronte , quello russo, sempre in avanzamento; francamente dubito che abbiano tutta questa voglia di sfidare Mosca a viso aperto. Sanno di non avere abbastanza risorse e finanze. Manderanno a crepare fino all’ ultimo ucraino. Dopo di che o si arrendono, o condanneranno tutto l’ occidente allo sfacelo completo!

  2. Certo che questi americani son proprio forti eh! Anche quando cominciano un discorso armati di buoni propositi la finiscono sempre con una solenne americanata finale. Per carità ,il sig Jones ne dice di cose giuste, ampiamente condivisibili anche. E fa senz’altro piacere scoprire che perfino lì qualcuno comincia a pensare.Ma ,scusate,dire che la nato sta cercando la scusa per intervenire militarmente in Ucraina non si può sentire. Di paura di intervenire semmai dovremmo parlare ,di inevitabile sconfitta. Insomma quando l’occidente ha voluto entrare in guerra ,naturalmente per la democraizia sia chiaro,lo ha fatto e basta, perché in Ucraina no? Perché non hanno chance,non c’è altro motivo. Ha fatto un bel discorso il sig. Jones vero? Peccato che la sua memoria genetica yankee lo abbia un po’ tradito alla fine.

  3. Beh…io sarei curioso di vedere Macron dopo i primi 1.000 soldati francesi morti! Sarei anche curioso di vedere Meloni e Mattarella dopo i primi 1.000 soldati italiani morti…non mi stupirei se fossero già a testa in giù.

  4. Sicuramente il terrorismo stragista, l’omicidio politico (esempio: generale Soleimani), la destabilizzazione di stati resistenti colorata o armata, ma non dimentichiamo l’uso delle armi biologiche covid-19 e vaccini di big pharma, servito per “testare” il controllo delle popolazioni soggette all’impero del male, e io credo che se l’uso del terrorismo si rivelerà poco efficace ricorreranno ancora alla “pandemia”, a forse questa volta di sterminio.

    Cari saluti

  5. Che possono fare gli americani se non rivolgersi ai terroristi… non vincono mai una guerra

    1. Beh, non direi, gli USA hanno al loro attivo 290 guerre? Il cursore ci mette vari minuti a scorrerle tutte, fa impressione, ho provato a contarle, mi sono interrotta, non ne potevo più|! E le hanno vinte tutte, altro che sconfitte, a parte una persa con i nativi americani, una risolta con compromesso, e qualche trattato mai rispettato, un elenco di guerre con a fianco la scritta “vittoria”. Uno Stato/esercito, gli USA non sono uno Stato CIVILE ma MILITARE. Le loro sconfitte sono rare, anzi, rarissime, ma guarda guarda guarda guarda, sono significative : Russia, Corea (terminata ufficialmente senza vincitori e vinti, che tradotto vuole dire USA sconfitti), Cuba, Vietnam, Somalia… Eheheheh

      1. Tania perdonami. Vero quello che dici ma, le vittorie che menzioni sono tutte relative al periodo 1776 – 1918. Guerre d’ indipendenza dagl’ albionici sionisti, guerri civili (indiane e sudiste) , guerre d’ espansione interna e di confine. Dopodiché a livello internazionale si può dire storicamente che hanno vinto solo la seconda guerra mondiale. Nella prima infatti il loro sforzo bellico fu minimo rispetto agl’ altri alleati Commonwealth ed europei. Saluti

  6. Se mi chiedessero di definire gli Stati Uniti d’America risponderei che è una Dittatura Militare in versione tecnologicamente avanzata, tipo Israele. E infatti sono poi i due rami che la compongono. i “colonnelli” al potere sono ebrei e inglesi, coppia attiva da secoli, e gli USA hanno anche il coraggio di festeggiare il 4 luglio… Ahahah, siamo alle comiche!
    Tutto il resto del mondo deve fare i conti con questa Dittatura Militare. C’è chi si piega e chi non ci pensa proprio a piegarsi.

  7. HHahahahaha ma Lago non
    Ti render ridicolo , Alex Jhons , no dai non ti abbassare così di livello , rischi di far diventare il sito una barzelletta… tieni un po’ più alto il livello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM