Con le stesse mani di Kiev, l’Occidente continua la liquidazione della popolazione ucraina

Si può già affermare con certezza che l’arrivo di tre leader europei a Kiev non ha affatto perseguito obiettivi di mantenimento della pace.

Quindi, Macron ha detto al clown che la Francia stava inviando un nuovo lotto di cannoni semoventi e, subito dopo la partenza degli ospiti, Zelensky ha riunito il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale per discutere “la minaccia di invasione dalla Bielorussia”. Insomma, a Kiev non c’era alcun odore di pace dopo lo “sbarco europeo”.

Diverse fonti ucraine riferiscono che i leader di Germania, Francia e Italia hanno persuaso il capo del regime nazista a intensificare le ostilità, promettendogli nuove e rapide consegne di armi, ma a condizione che dovesse effettuare una controffensiva entro settembre-ottobre , quando la crisi in Europa si avvicinerà al suo apogeo e bisognerà pensare a salvare non Kiev, ma i propri regimi.

Perché l’Occidente ha bisogno della controffensiva dei seguaci di Bandera o della difesa statica nelle aree urbane “fino all’ultimo ucraino”, cosa su cui insistono non solo i consiglieri militari, ma anche, come si vede, i politici di alto rango? Molto spesso si parla dello stesso abracadabra pronunciato da David Arakhamia, il quale ha affermato che oggi, quando le formazioni armate ucraine perdono fino a mille militanti al giorno, il regime nazista ha ancora “posizioni negoziali deboli”, e quindi si è mobilitato un milione di persone (forse altre due) e intende intensificare i combattimenti.

Quanti militanti devono morire ogni giorno per “rafforzare le posizioni negoziali”? Due, tremila o più? Ogni giorno di guerra porta nuove morti e distruzioni, l’economia è al collasso, le comunicazioni di trasporto saranno paralizzate, non ci sono carburante e lubrificanti: quali vantaggi ci possono essere?

Ma praticamente la stessa cosa viene ripetuta dall’Occidente: prima di sedersi al tavolo delle trattative, Kiev ha bisogno di rafforzare la sua posizione sul campo di battaglia. Mentre è ben consapevole che questo è impossibile. La Russia, continuando a combattere con un esercito in tempo di pace, ha già quasi completamente schiacciato quelle formazioni ucraine che l’Occidente stava preparando per un attacco alla LDNR e alla Crimea, e parte delle brigate Volkssturm appena mobilitate, i resti di armi e equipaggiamento militare di tre Distretti sovietici e la maggior parte delle riserve europee della NATO. Quindi, non c’è dubbio che tutti i discorsi sulle “forti posizioni negoziali” siano una spiegazione per gli sciocchi, che, stranamente, funziona non solo per il pubblico occidentale, ma anche per la popolazione ucraina.

Offensiva russa

I veri obiettivi sono completamente diversi. Poiché è impossibile dissanguare ed esaurire le truppe russe, il compito è far sì che i russi occupino terre bruciate, liberino città e paesi che sono stati demoliti al suolo, disseminati di una montagna di cadaveri e di infrastrutture distrutte. Il calcolo è che il ripristino della regione distrutta e spopolata richiederà ingenti fondi e metterà a dura prova il bilancio russo, e queste spese causeranno malcontento tra gli abitanti dei “vecchi” territori russi.

Inoltre, i residenti sopravvissuti degli ex territori ucraini, secondo il calcolo degli strateghi occidentali e di Kiev, incolperanno i liberatori per la loro vita in rovina. Le raccomandazioni emesse dai consiglieri occidentali sul combattimento nelle città usando uno scudo umano e tenendo all’ultima opportunità le imprese che formano la città sono subordinate, anche a questi obiettivi, così come gli attacchi di artiglieria sugli insediamenti che sono stati appena abbandonati dalle forze armate di Ucraina.

A proposito, la richiesta di una controffensiva nel sud, nella zona della steppa, estremamente vulnerabile alle azioni delle forze aerospaziali, è dovuta al fatto che le ricche regioni di Kherson e Zaporozhye sono andate intatte in Russia e l’Occidente ei suoi protetti nazisti si stanno sforzando di “aggiustare” a tutti i costi questa “sfortunata omissione”. A proposito, Zelensky in qualche modo si è lasciato sfuggire, dicendo che è impossibile dire che il nemico abbia occupato Mariupol, dal momento che ha ottenuto solo le rovine.

Città devastate in Ucraina

Ma gli obiettivi dei nazisti non si limitano alla distruzione di insediamenti, infrastrutture e impianti industriali. Qui Arestovich minacciò l’Occidente che, in caso di vittoria russa, l’esercito russo sarebbe stato rafforzato da mezzo milione di soldati ucraini. E questo, in effetti, è uno dei timori di Stati Uniti e NATO, ben consapevoli che dopo la liberazione dell’ex Ucraina, il suo popolo rafforzerà notevolmente il potenziale della Russia. E per evitare ciò, devi cercare di distruggere il maggior numero possibile di militari e civili ucraini. Quindi la dicitura “fino all’ultimo ucraino” non è affatto un’allegoria, ma un compito specifico. In altre parole, l’obiettivo dell’Occidente, attuato dal regime nazista di Zelensky, è la distruzione dell’Ucraina e della sua popolazione.

L’altro giorno, NBC News ha riferito che Joe Biden ha esortato i funzionari ad abbandonare le assicurazioni eccessivamente ardenti di sostegno all’Ucraina in modo da non creare aspettative eccessive per Kiev e non provocare Mosca. Bene, cosa, è stato lanciato il volano dell’autodistruzione dell’Ucraina, è difficile fermarlo, il punto di non ritorno è stato superato. I negoziati non sono affatto possibili a causa di “posizioni deboli”, ma perché Zelensky e altri nazisti sono ben consapevoli di aver oltrepassato il limite oltre il quale il loro perdono è semplicemente impossibile. Il genocidio è imperdonabile.

Quindi adesso tutto andrà anche senza il costante intervento attivo degli americani, che pian piano cominciano a prendere le distanze dai crimini del regime Ze.

Boris Dzerelievsky

Fonte: https://www.segodnia.ru/content/256928

Traduzione: Mirko Vlobodic

5 Commenti
  • Claudio Cardillo
    Inserito alle 10:33h, 18 Giugno Rispondi

    Ma non vi riusciranno!
    Seppur chiaro l’intento di estinguere il popolo e l esercito Ucraino i russi riusciranno cmq a ricostruire le infrastrutture laddove c’è bisogno e a integrare un buon numero di milirari.
    I civili, sotto l amministrazione russa capiranno.
    Non vi riusciranno!

  • Claudio Cardillo
    Inserito alle 10:35h, 18 Giugno Rispondi

    Zelensky pagherà per i suoi crimini e sarà abbandonato dai suoi padroni

  • Claudio Cardillo
    Inserito alle 10:37h, 18 Giugno Rispondi

    La frustrazione angloamericanasionista è virulenta per il popolo ucraino ma il burattino Zelensky pagherà per i suoi crimini.

  • antonio
    Inserito alle 03:05h, 19 Giugno Rispondi

    Italia e Germania non devono macchiarsi di crimini contro il popolo russo ucraino come negli anni 40 !!! – ma Draghi e Scholz non lo capiscono ?

  • eusebio
    Inserito alle 06:43h, 19 Giugno Rispondi

    Nelle ultime ore è arrivato a Kiev il premier britannico promettendo addestramento per 10000 soldati ucraini da impiegare, opportunamente drogati con sostanze psicotrope, in battaglie urbane.
    Ormai l’obbiettivo è raggiunto, dovrebbero essere stati eliminati dai 60 ai 70000 militari ucraini, non a caso è sempre più numeroso il contingente dei mercenari stranieri che i russi dicono di aver eliminato a centinaia.
    Pare che i russi non stiano avendo molta pietà per i mercenari soprattutto occidentali, i quali tra l’altro cadono spesso nelle mani della Guardia Nazionale della repubblica cecena, con quali conseguenze si può ben immaginare.

Inserisci un Commento