Con il prolungarsi della crisi ucraina innescata dagli Stati Uniti, l’UE si trova di fronte a una cupa prospettiva di deindustrializzazione

di Di Bi Xing (*)

La “deindustrializzazione”, di cui si è discusso di recente in Europa, mette in ombra gli sforzi dei paesi sviluppati occidentali per ricostruire la loro industrializzazione.

La “deindustrializzazione” non è una novità nei paesi occidentali. Dagli anni ’70, molte industrie in Europa e negli Stati Uniti si sono trasferite fuori dai loro paesi per ragioni globali. Ma l’ultima ondata di “deindustrializzazione” che l’Europa sta affrontando questa volta è in gran parte influenzata da un unico effetto, ovvero l’aumento dei prezzi dell’energia e l’inflazione importata, esponendo ulteriormente tutti i vecchi problemi che già esistevano.

Per diversi decenni, la quota crescente di industrie terziarie, comprese le industrie finanziarie e dei servizi nel mondo occidentale, è stata la tendenza generale. In secondo luogo, quei paesi sposterebbero deliberatamente le loro industrie manifatturiere all’estero a causa della globalizzazione e dell’aumento dei costi di produzione. Molti paesi sviluppati hanno sempre più avanzato l’obiettivo della “reindustrializzazione” all’inizio del 21° secolo.

Ora, i prezzi dell’elettricità e del gas sono aumentati vertiginosamente a causa del conflitto Russia-Ucraina e delle sanzioni alla Russia. In una lettera aperta ai leader dell’UE, tra cui alla Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, l’associazione dell’industria europea Eurometaux ha lanciato l’allarme sull’escalation della crisi energetica europea che rappresenta una “minaccia esistenziale” per l’industria, invitando i leader dell’UE e degli Stati membri a “intraprendere azioni di emergenza per preservare le loro industrie strategiche ad alta intensità di elettricità e prevenire la perdita permanente di posti di lavoro”.

L’aumento dei costi causerà la mancanza di materie prime industriali in Europa, compresi i metalli. Insieme all’impennata dei prezzi dell’energia, nonché all’aumento dei prezzi all’importazione dovuto alla svalutazione dell’euro, il calo dei margini di profitto porterà problemi sia alle imprese che all’industria manifatturiera in generale.

Di conseguenza, gli effetti del conflitto Russia-Ucraina sono un altro onere per il problema irrisolto dell’Europa della passata deindustrializzazione.

Naturalmente, gli errori decisionali contribuiscono anche all’attuale carenza di energia in Europa, con alcuni paesi che hanno proposto obiettivi di transizione energetica radicale, inclusa la decisione di eliminare gradualmente l’energia nucleare, il cui impatto negativo è stato appena catalizzato dalla crisi in Ucraina. Di fronte a difficoltà energetiche, alcuni paesi europei sono stati costretti ad aumentare l’uso del carbone o ad allungare la vita di alcuni reattori nucleari, che ora li allontanano dalle precedenti ambizioni energetiche dell’Europa, dice Wang Shuo, professore alla School of International Relations dell’Università di Studi Esteri di Pechino , ha dichiarato al Global Times.

Inoltre, l’UE aveva proposto il divieto di contratti a lungo termine per l’importazione di gas naturale nel blocco per porre fine alla sua dipendenza dai produttori stranieri prima che scoppiasse il conflitto Russia-Ucraina, senza lasciare ora l’accesso per acquisti temporanei.

Se l’economia tedesca, il motore dell’economia europea, rallenta mentre viene colpito il suo modello orientato all’esportazione, l’intera economia dell’eurozona ne risentirà, causando probabilmente una recessione tecnica in Europa dal prossimo anno, secondo Wang.

Quel che è peggio, non c’è molta speranza per l’Europa di trovare soluzioni nei prossimi anni per la carenza di energia. I governi dell’UE potrebbero dover ricorrere ai sussidi per far fronte ai prezzi più elevati di elettricità, gas e petrolio, il che solleva un altro problema di “da dove vengono i soldi?” Nel frattempo, la Banca centrale europea ha annunciato misure per inasprire la politica monetaria in risposta alla crescente inflazione, una politica che contraddice la proposta di potenziali sussidi su larga scala. Di conseguenza, c’è uno spazio politico limitato per l’Europa, che soffrirà di più se la crisi energetica si trascina mentre il conflitto Russia-Ucraina continua a prolungarsi e ad intensificarsi.

Tuttavia, l’Europa, pur essendo un attore importante durante questa crisi, non ha la capacità di affrontare il problema poiché non è in grado di influenzare la risoluzione del conflitto in Ucraina.

In effetti, ci sarà un crescente coordinamento tra gli Stati Uniti e l’Europa in termini di politiche monetarie ed economiche a causa delle preoccupazioni degli Stati Uniti che il conflitto provoca più ampie turbolenze del mercato globale e colpisce gli interessi degli Stati Uniti, ma l’attuale politica statunitense sembra spingere deliberatamente il mondo ulteriormente verso una crisi, piuttosto che attenuarla, visto che la Federal Reserve ha appena alzato i tassi di interesse di 75 punti base per la terza volta consecutiva. In tal modo, sta usando la sua politica monetaria per trasferire la sua crisi economica interna ad altri paesi.

Inoltre, una volta che la crescente deindustrializzazione dell’Europa diventerà realtà, gli Stati Uniti potrebbero cercare di trarne vantaggio promuovendo il trend, perché gli Stati Uniti diventeranno una destinazione preferenziale delle industrie europee che sceglieranno di lasciare il continente.

Questa è l’ultima cosa che gli europei vogliono vedere, ovvero pagare direttamente il conflitto Russia-Ucraina istigato dagli Stati Uniti, come si prevede debba accadere. L’affossamento dell’industria e dell’economia europea era quindi fra gli obiettivi di Washington? Tutto sembra confermarlo.

*L’autore è un giornalista del Global Times.

Fonte: Global Times

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 22:03h, 25 Settembre Rispondi

    Prima che l’impero del male inventasse la guerra in Ucraina, gareggiavano la Germania con la sua economia delle cose e l’impero anglosassone con la sua economia della carta -finanza. L’impero questo non lo sopportava e poi aveva bisogno della energia russa in previsione della guerra alla Cina
    Però mentre la Russia ha qualche miliardo di clienti alternativi, all’impero del male dopo lo sfascio dell’Europa quanto sostegno rimane ?

  • Farouq
    Inserito alle 23:26h, 25 Settembre Rispondi

    La Nato vuole a tutti i costi che la Russia usi armi atomiche tattiche in Ucraina, addirittura dichiarano che non risponderanno con le atomiche per invogliare la Russia ad utilizzarle!

  • Jail To Valerio
    Inserito alle 08:22h, 26 Settembre Rispondi

    Nato is Devil on Earth! Ue is dangerous like a bomb!

  • Nessuno
    Inserito alle 09:02h, 26 Settembre Rispondi

    Non penso che la politica di Washington fosse di affossare l’economia europea (di controllarla si), mi sembra più una serie di manovre dettate dalla disperazione di restare sempre sopra a tutti. Il che li rende ancora più pericolosi.

Inserisci un Commento