Come se fossimo subumani

“ Pensavo di non avere alcuna possibilità di uscirne vivo. Era l’inferno in terra. È come se avessi passato cinque anni in questo magazzino. Non lo augurerei a nessuno ”

di Linah Alsaafin e Maram Humaid

Rastrellati dall’esercito a Gaza City, i palestinesi affermano di essere stati denudati, bendati, numerati e torturati durante la detenzione.

In una delle stanze dell’ospedale dei martiri di Al-Aqsa, Mahmoud Zindah resta vicino a suo padre, Nader, con gli orrori della scorsa settimana impressi sui loro volti. Il loro sguardo è intenso, scruta l’ambiente circostante.

Il quattordicenne e suo padre erano tra le centinaia di palestinesi arrestati dalle forze israeliane nella zona di Shujayea, a est della città di Gaza, che hanno subito cinque giorni di torture e umiliazioni prima di essere rilasciati – senza alcuna spiegazione.

” Uno dei soldati ha detto che somigliavo a suo nipote, che questo nipote era stato ucciso davanti a sua nonna presa in ostaggio da Hamas e che i soldati ci avrebbero massacrati tutti “, dice Mahmoud con la voce tremante.

Prima del calvario, la famiglia Zindah era rimasta bloccata nella loro casa nel quartiere Zeitoun di Gaza City per due giorni, incapace di uscire mentre i carri armati avanzavano e il fuoco dell’artiglieria si avvicinava. Coloro che osavano lasciare la propria casa per qualche commissione urgente venivano abbattuti per strada dai cecchini.

Il terzo giorno, la famiglia, che aveva dormito sulle piastrelle fredde sotto i materassi per proteggersi dalle schegge, si è svegliata e ha trovato dei carri armati nella loro strada.

Mahmoud e Nader Zindah ricordano il loro arresto e le torture
per mano delle forze israeliane

” Abbiamo sentito i soldati gridare e le tracce dei carri armati avvicinarsi sempre di più “, ha detto Nader, 40 anni. “ Ho sentito che qualcosa non andava, quindi sono andato nella casa dietro la nostra, che era più lontana dalla strada. Prima di raggiungerlo, mi sono fermato scioccato. La casa si stava muovendo! »

” Poi mi sono accorto che un bulldozer israeliano stava abbattendo i muri ” e che anche i soldati sparavano con proiettili veri, aggiunge.

Nader strappò rapidamente dei fogli bianchi per creare delle piccole “bandiere” da portare con sé per ciascuno dei suoi otto figli. Uscirono dalla porta principale, mentre gli adulti gridavano che c’era gente in casa. Il bulldozer si è fermato, così come gli spari. Ma all’improvviso la casa si è riempita di soldati israeliani.

” Ci hanno costretto a svuotare le nostre borse per terra e ci hanno impedito di prendere i nostri soldi o i gioielli delle nostre mogli “, ricorda Nader. “ Il poco cibo che avevamo, lo buttavano anche via. Hanno preso i nostri soldi, i nostri documenti d’identità e i nostri telefoni ”.

I soldati separarono la famiglia: le donne e i bambini in una stanza, gli uomini e gli adolescenti in un’altra. Hanno poi chiesto a Nader, Mahmoud, suo cognato e un altro parente maschio di spogliarsi e poi li hanno spinti fuori.

Mohammed Odeh, 14 anni, è stato separato dalla sua famiglia e portato con almeno altri 150 uomini e adolescenti in un magazzino di riso dalle forze israeliane, dove è stato torturato
per diversi giorni [Abdelhakim Abu Riash/Al Jazeera].

” Hanno radunato almeno 150 uomini dalle case circostanti, ci hanno bendato e ammanettato per strada “, dice Nader.

Quando i soldati hanno costretto gli uomini a salire sul retro di alcuni camion, Nader si è assicurato che Mahmoud fosse in ginocchio, terrorizzato da ciò che avrebbero fatto a suo figlio se fossero stati separati.

” Non voglio perdere mio figlio e non voglio che mio figlio perda suo padre “, ha detto.

Gli uomini si sono accorti subito che c’erano anche delle donne nel camion, che ha continuato a frenare improvvisamente, facendo cadere i prigionieri uno sopra l’altro.

” Eravamo tutti bendati, quindi non potevamo vederci, ma potevamo sentire le donne che ci dicevano di vegliare su di loro come faremmo con le nostre sorelle “, ha detto Nader. “ Con loro c’erano anche dei bambini piccoli ”.

Il camion si fermò e ancora una volta gli uomini e le donne furono separati. Gli uomini e gli adolescenti furono portati in un magazzino dove si sedettero sul pavimento ricoperto di chicchi di riso sparsi. Lì sono stati picchiati, interrogati e insultati verbalmente. Non riuscivano a dormire e i chicchi di riso gli tagliavano la pelle mentre sedevano nudi.

Affamato e picchiato per giorni
Mohammed Odeh, 14 anni, è stato portato nello stesso quartiere di Wadi al-Arayes a Zeitoun degli Zindah, dove lui e la sua famiglia sono rimasti bloccati nella loro casa per cinque giorni, affamati.

I soldati israeliani hanno rilasciato una decina di uomini
che avevano arrestato il 5 dicembre 2023

Due dei ragazzi locali che erano andati a prendere l’acqua sono stati uccisi per strada da cecchini israeliani. Dopo che il bulldozer ha abbattuto i muri di diverse case, i soldati hanno trascinato fuori gli uomini e gli adolescenti, schiaffeggiandoli, prendendoli a pugni e picchiandoli con le armi.

“ Non potevamo ragionare con loro ”, ricorda Mohammed. “ Continuavano a dire: ‘Voi siete tutti Hamas.’ Hanno scritto numeri sulle nostre braccia. Il mio era il 56 “.

Quando estende le braccia, il pennarello rosso è ancora visibile sulla sua pelle.

“ Quando ci parlavano in ebraico e non capivamo, ci picchiavano ”, continua.

“ Mi hanno colpito alla schiena, ai reni e alle gambe. Hanno preso la mia famiglia e non so dove siano ”, ha detto con la voce rotta.

Prima che fossero costrette a entrare nel magazzino, le donne soldato israeliane arrivavano e sputavano sugli uomini, ricorda Mohammed.

Nel magazzino, piccoli gruppi di cinque soldati entravano all’improvviso e picchiavano qualcuno, mentre gli altri erano costretti ad ascoltare le loro grida di dolore. Se uno degli uomini o degli adolescenti si addormentava per la stanchezza, i soldati gli versavano addosso acqua fredda.

“ Il disprezzo che mostravano nei nostri confronti era innaturale, come se fossimo subumani ”, dice Mohammed.

Uno dei palestinesi arrestati e torturati per giorni dai soldati israeliani mostra
il numero assegnatogli e le mani gonfie per le manette

Alcuni non sono tornati dalle sessioni di tortura “, ha detto cupamente Nader. “ Abbiamo sentito le loro grida, e poi più nulla ”.

Ad un certo punto, Mahmoud ha detto a suo padre che i suoi polsi sanguinavano a causa delle manette. Un soldato lo ha sentito, gli ha chiesto dove gli faceva male e ha subito insistito sul punto in questione. Nader ha cercato di proteggere suo figlio e uno dei soldati ha cercato di trascinare via l’adolescente. Quando Mahmoud ha resistito, è stato preso a calci in faccia. Il segno è ancora visibile.

“ Mio padre continuava a urlare che ero un bambino e si scagliava su di me per proteggermi ”, racconta. “ Ho sentito un soldato parlare con un accento americano e gli ho detto in inglese che ero solo un ragazzino che andava a scuola ”.

Le sue parole caddero nel vuoto.

Bendati e ammanettati per tutta la durata della detenzione, gli uomini e i ragazzi hanno dovuto sopportare percosse per ore.

” Ci insultavano con le parole più grossolane “, dice Nader, che ha ricevuto un colpo alla testa particolarmente doloroso. “ Alcuni di loro parlavano arabo. Ogni volta che provavamo a parlare, chiedevamo di andare in bagno o chiedevamo un bicchiere d’acqua, venivano e ci colpivano con il calcio dei loro fucili M16 ”.

I soldati li interrogarono e minacciarono di ucciderli tutti. Hanno accusato i palestinesi di aver rubato le jeep dell’esercito e di aver violentato le donne israeliane. Quando hanno chiesto a Mahmoud dove fosse il 7 ottobre e lui ha risposto che dormiva a casa, i soldati lo hanno picchiato.

Mostrano un razzismo incredibile. Ci odiano davvero ”, dice Nader. “ Non si tratta di Hamas. Si tratta di eliminarci tutti. Questo è un genocidio, firmato dal [presidente degli Stati Uniti] Biden ”.

Gli uomini hanno ricevuto solo poche gocce d’acqua e pezzi di pane. Alcuni sono stati costretti a fare i propri bisogni sul posto, mentre ad altri è stato dato un secchio maleodorante.

Il quinto giorno, Nader, Mahmoud e altri dieci uomini sono stati portati a Nitzarim, un ex insediamento a sud di Gaza City convertito in terreno agricolo dopo il disimpegno israeliano del 2005. Ora è un checkpoint dell’esercito israeliano situato appena prima di Wadi Gaza, dove gli uomini erano rilasciato e ordinato di marciare verso sud.

Il gruppo ha tolto le bende, lasciando che gli occhi si adattassero alla luce dopo giorni di buio. Erano esausti e affamati e non avevano ancora vestiti. Dopo aver camminato faticosamente per due ore, un gruppo di palestinesi li ha avvistati.

Ci hanno vestito e ci hanno dato dell’acqua “, ha detto Nader. “ È stata chiamata un’ambulanza e siamo arrivati ​​all’ospedale dei martiri di Al-Aqsa, dove ci hanno subito fatto una flebo ”.

Pensavo di non avere alcuna possibilità di uscirne vivo “, aggiunge.

Era l’inferno in terra. È come se avessi passato cinque anni in questo magazzino. Non lo augurerei a nessuno ”.

Fonte: Al Jazeera

Traduzione: Fadi Haddad

7 commenti su “Come se fossimo subumani

    1. E perché gli vuoi fare questo favore, per loro più ne muoiono e meglio é, verrà il giorno che questi satanisti si troveranno al posto dei Palestinesi e allora sarà grande festa.

  1. Gli ebrei sono bestie sanguinarie, assassini che causano gravi problemi al mondo e agli Uomini, e nessuna “shoah” potrebbe commuovermi, o farmi cambiare idea su di loro.

    Sembrerebbe che i cecchini con la stella di davide prendano di mira le donne palestinesi incinte … Perché lo fanno? Ci si chiede, dato che non si tratta in alcun modo di obbiettivi militari. Semplicemente perché si tratta di un genocidio/ pulizia etnica, coperto dagli usa e da biden, e quindi si colpiscono i bambini e si impediscono nuove nascite uccidendo le madri, questa è la verità! Bambini, neonati e donne sono obbiettivi degli ebrei, più che i combattenti di Hamas …

    Cari saluti

  2. Se si fossero suicidati ora non sarebbero qui a testimoniare queste mostruosita’.
    Onore a questi Uomini,Dio fara’ giustizia.

  3. Gli ebrei non sono neppure “untermensch”, cioè subumani, ma insetti altamente nocivi e lo stanno dimostrando pienamente dai primi di ottobre …

    Cari saluti

    1. Non chiamiamoli ebrei, ma sionisti.
      Ci sono ebrei che lottano e si sacrificano per testimoniare la verità è difendere i palestinesi.
      È grazie, ad esempio, allo storico israeliano Ilan Pappé che abbiamo smascherato tante menzogne sul sionismo e che abbiamo le prove storiografiche della pulizia etnica iniziata nel 1948.

  4. le comunità ebraiche formate da leali cittadini dei vari paesi devono prendere finalmente le distanze da Israele, non solo da oggi la più pericolosa fonte di antiebraismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM