Come può l’Occidente immaginare di continuare come prima?


di Frank Marsal

Non solo i prezzi non scenderanno, ma non vi è alcuna garanzia che l’inflazione diminuisca in modo permanente. Anzi. La Cina continua la sua lotta per far uscire il mondo dal sottosviluppo. Ora ha i mezzi per condurre una politica monetaria e finanziaria autonoma. E con la sua alleanza con Iran, Arabia S. e Russia, può dirigere i flussi di energia a suo piacimento. Ha tutte le principali tecnologie e la base industriale dominante.

In queste condizioni, come può l’Occidente giustificare un privilegio di consumo energetico maggiore rispetto al resto del mondo? Avere valute forti che le consentano di riservare l’accesso ai prodotti più ricercati?

L’inflazione che ci attende è il riequilibrio dei nostri sistemi di prezzi sui sistemi di prezzi mondiali. Vale a dire che la stragrande maggioranza degli abitanti del mondo alla fine avrà la stessa legittimazione ad accedere all’energia, in particolare al petrolio. E la nostra produzione sarà valutata per quello che vale in parità di potere d’acquisto, il che significa un grave calo.

E può andare molto velocemente. Siamo in tali contraddizioni che la nostra energia dipende ancora dal nostro fornitore russo, che peraltro condanniamo quotidianamente: buona parte del gas transita ancora dalla Russia attraverso la Polonia e l’Ucraina, buona parte del petrolio arriva anche dalla Russia attraverso l’India. Ci siamo vantati di aver passato bene l’inverno quando è solo perché la Russia ha tenuto i rubinetti aperti per 15 mesi. E nessuno ne parla, ma tutti sanno che il prossimo inverno non è affatto scontato.

Se osserviamo il metodo seguito dalla Russia, vediamo che è fatto di pazienza, attende il momento propizio per giocare le sue carte, si lascia ripetutamente dare dall’avversario le ragioni e la legittimità dell’atto.

Carico di Grano per export
Quanto è stato fatto sull'accordo sul grano è molto interessante. La Russia, fin dall'inizio, ripete con calma ma costanza che né l'Occidente né l'Ucraina applicano la loro parte degli impegni e che ciò porterà alla rottura dell'accordo. Tutti si sono abituati a queste chiacchiere e sono arrivati ​​a pensare che la Russia stia brontolando ma non agirà. Quando poi arriva il momento in cui la Russia rompe l'accordo, scopriamo che ha preparato tutto perché vada nel miglior modo possibile: non solo l'Africa non ha messo in discussione la decisione russa, ma si ritrova unita per celebrare la storica URSS-Russia/Africa cooperazione a San Pietroburgo, poche settimane dopo la rottura dell'accordo; L'UE, invece, non ha previsto nulla per gestire i conflitti legati all'arrivo sui suoi mercati di cereali ucraini in vendita…

Allo stesso modo, tutti sembrano considerare che, siccome il gas russo continua ad arrivare da 15 mesi, significa che la Russia non chiuderà il rubinetto…

Ma perché la Russia non dovrebbe farlo quando, da parte sua, tutto sarà pronto per farlo e quando l’impatto sarà massimo… Questo inverno? Non impossibile.

La risposta all’inflazione scelta dall’Occidente è quella di alzare i tassi di interesse. Questo è un altro aspetto del suicidio collettivo. Non posso dirlo in altro modo:

  1. È una politica basata sull’esperienza degli anni ’80, quando l’Occidente controllava la finanza e l’industria mondiali. L’aumento dei tassi di interesse ha generato una recessione globale, ma questa recessione ha colpito prima di tutto le frazioni più fragili, i paesi indebitati in dollari, le economie meno produttive. Oggi la situazione è diversa. L’Occidente non controlla più la finanza globale. Quindi l’aumento dei tassi di interesse interesserà solo in modo molto indiretto la Cina, che continuerà a svilupparsi portando con sé gran parte del sud. Quindi l’economia del nord entrerà in una recessione (autoindotta) e perderà quote di mercato a livello internazionale. Inoltre, l’economia occidentale non è più l’economia più competitiva,
  2. C’è oggi una latente crisi del debito nei paesi del Nord e in particolare in alcuni importanti paesi dell’UE, degli USA e del Giappone. L’aumento dei tassi di interesse renderà rapidamente ingestibile questo debito. I costi finanziari, gli interessi esploderanno e senza crescita gli stati non ce la faranno più. La soluzione sarà l’inflazione o il fallimento.
  3. Il gonfio sistema finanziario occidentale si troverà esso stesso in una profonda crisi. Abbiamo già visto i primi sconvolgimenti con i fallimenti delle due banche americane e del Credit Suisse questo inverno. Le banche hanno concesso enormi quantità di prestiti a tassi molto bassi. Questi prestiti continuano a funzionare, ma i tassi salgono. Man mano che i tassi di interesse e l’inflazione salgono, questi vecchi prestiti subiscono uno sconto irrimediabile, fino a non valere più molto. I bilanci delle banche sono poi in grande difficoltà.

Quindi, come disse Lenin, cosa fare?

Secondo me, il socialismo diventerà rapidamente un’emergenza vitale, una sorta di socialismo di guerra. La tendenza naturale del capitalismo potrebbe essere quella di far crollare l’economia reale insieme all’economia finanziaria e alle sovrastrutture dei mercati.

Al contrario, bisognerà agire per salvaguardare ciò che può essere risparmiato nella produzione reale, creando rapidamente un’altra struttura per guidare l’economia. Sarà necessario identificare rapidamente le carenze, ridistribuire le risorse disponibili per produrre l’essenziale.

Emergeranno nuove direzioni politiche, specialmente nella classe operaia. Tutte le sovrastrutture occidentali saranno screditate o addirittura spazzate via dal soffio dell’implosione.

Avremo bisogno di un partito forte e strutturato, di una classe operaia che prenda in mano il potere.

In sostanza, e per dirla molto velocemente, dovremo imparare molto molto velocemente a riprenderci tutto ciò che avevamo abbandonato, a pensare il contrario di ciò che ci è stato insegnato, a fare il contrario di ciò che ci è stato imposto.

Fonte: Histoire et societe.com/

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Come può l’Occidente immaginare di continuare come prima?

  1. Se ami una donna stronza e voltafaccia, non solo in ambito amoroso, e vuoi vendicarti, sii paziente e tollerante come si mostra oggi la Russia

  2. E qui chi puo risolvere il problema é solo er Draghi de noantri. Lui non scherza mica con lê risorse soprattutto quelle rubate dalle riserve finanziarie degli altri paesi. Se poi si fã aiutare dalla cucurbitacea (meloni e zucche sono della stessa famiglia) prima ministra i-ragliana (italiana che raglia) e dall’esperto in bibite sia calde che fresche Di Maio (lui non há capacita di distinguerle, all’uopo continua facendo corsi di specializzazione), noi i-ragliani siamo in una botte di ferro

  3. Negli USA e nei paesi NATO si illudono dalla fine degli anni 70 di poter restare ricchi e di poter continuare a comandare in tutto il mondo e a fare soldi facili avendo come uniche attività economiche le speculazioni finanziarie in borsa i finanziamenti pubblici per opere inutili riducendo in schiavitù i lavoratori occidentali ed infine ripristinando il vecchio traffico di navi schiaviste del 1700 oggi le chiamano ONG tra i quattro continenti !
    I nuovi schiavi non sono più solo negri africani sono pure bianchi-gialli-marroncini e perfino europei !
    Con questi loschi traffici Occidentali moderni non puoi pretendere di avere una moneta forte né puoi mantenere un grosso esercito !

    1. Ottima osservazione TACABANDA1964 … le navi delle ONG sono la forma moderna di quelle negriere del 700 !
      Solo che, per rendere accettabile quello che fanno, sventolano la bandiera del buonismo, della solidarietà e dell’assistenza, per nascondere il vecchio e impresentabile schiavismo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus