"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Come muoiono gli eroi: il pilota russo abbattuto in Siria morto combattendo

Morto come un eroe: è stato rivelato che il pilota russo ucciso in Siria si ha rifiutato di arrendersi ed è morto combattendo.

di Paul Antonopoulos

IDLIB, Siria – Il pilota russo che è stato abbattuto mentre era in missione nel nord della Siria è morto combattendo contro i terroristi che avevano abbattuto il suo aereo con un missile made in USA. 

È stato rivelato che il pilota era atterrato in modo sicuro e direttamente vicino al jet precipitato ma ha rifiutato di arrendersi e di essere catturato vivo.

Piuttosto che essere catturato vivo, il pilota ha lanciato una granata a mano per respingere i numerosi miliziani jihadisti che si avvicinavano alla sua posizione.

Ha quindi sparato diversi colpi dalla sua arma, come si vede nella nella foto sopra, prima di essere ucciso dai terroristi.

Ulteriori dettagli sulla situazione originale possono essere trovati qui . Per vendetta, l’aviazione russa ha neutralizzato almeno 30 terroristi. Guarda il filmato qui .

MOSCA, Russia – Il ministero della Difesa russo ha rivelato il nome del pilota russo ucciso ieri in Siria.

Il pilota si chiamava Roman Fillipov, originario della Crimea, che ha prestato servizio nell’Air Force ucraina prima di giurare fedeltà alla Russia dopo l’unificazione della Crimea con la Russia nel 2014.

Fillipov è stato ucciso ieri mentre conduceva una missione sulla provincia jihadista di Idlib, nel nord-ovest della Siria. Il suo jet è stato abbattuto in volo da un missile e lui si era paracadutato in sicurezza per atterrare poi vicino al suo aereo. Vedi video: Youtube.com/Watch
Da lì ha rifiutato di arrendersi alle forze terroristiche e si è impegnato in una sparatoria prima di essere ucciso.

Fonte: Fort Russ News

Traduzione: L.Lago

*

code

  1. Mardunolbo 6 mesi fa

    Onore ad un altro eroe russo, morto combattendo per la liberta’ di tutti noi !
    Roman Filippov, ti accolga l’Onnipotente Dio nella patria degli eroi di guerra, i pacificatori e gli amanti della giustizia !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. atlas 6 mesi fa

    PRESENTE. ONORE. MI AUGURO CON TUTTO IL CUORE CHE PRIMA DI SOCCOMBERE ABBIA ELIMINATO DAL MONDO QUANTI PIU’ WAHHABITI POSSIBILE !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. The roman 6 mesi fa

    Esiste ormai una profonda differenza antropologica , tra le popolazioni occidentali emasculate e represse, e gli europei orientali in particolare gli slavi. I giovani italiani, spagnoli, francesi e tedeschi , sono effeminati e privi di nerbo in confronto a polacchi , serbi e russi. E’ un dato di fatto facilmente riscontrabile. Le famiglie russe che popolano le riviere spagnole, com i loro figli atletici ed asciutti , le mamme bellissime e i padri austeri e silenziosi , stravincono il confronto con le chisssose famiglie inglesi , composte di ubriaconi tatuati (mashi e femmine) , bambini obesi e maleducati e vecchi pretenziosi ed arroganti. Un po meglio gli scandinavi , mentre i tedeschi sono spesso odiosi . Tutti gli occidentali , compresi gli sciocchi spagnoli e i goderecci italiani , se paragonati ai russi della classe media, appaiono viziati e superficiali. In ambito militare poi, parla la storia. Adolf Hitler,che reputava il suo popolo il migliore del mondo, arrivo’ ad ammettere che i tedeschi furono sconfitti dal “piu’forte popolo russo”. Quanto agli ” Brave americans”: i soldati piangenti in ginocchio , di frontre agli iraniani, sono iuna faccia del loro biglietto da visita , l’ altra e’rappresentata dagli eroici marines che torturano ridendo i prigionieri a Guantanamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 6 mesi fa

      concordo, anni di democrazia hanno concorso ad una effemminazione della società italica e alla distruzione di quel poco che c’era di antropologico. Ma è la mancanza di determinazionismo che mi fa prospettare per il futuro di andare a vivere magari nella Siria Sociale e Nazionale di Bashar Al Asad. Qui non c’è scampo. Amo il Popolo Tedesco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 6 mesi fa

        ‘ quel poco del buono ‘

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mardunolbo 6 mesi fa

      Concordo con Roman avendo viaggiato e conosciuto varie nazionalita’. Sui soldati Usa, ridico: “americojons ” e credo sia comprensibile per tutti.
      Un soldato tedesco ,nella seconda guerra , valeva dieci ammeriggani , nonostante la propaganda hollywoodiana ci abbia presentato sempre il contrario…
      Se i soldati Usa non avessero alle spalle, da sempre, una formidabile potenza di mezzi, la loro capacita’ sul terreno sarebbe ridicola ed analoga ai beduini del deserto(ladroni e vigliacchi), nella media, ovviamente.
      E’ indubitabile che ,come in tutti i popoli, vi siano pure la’ gli eroi, ma a vedere come ando’ la guerra in Giappone, si capisce come potesse essere disastrosa senza l’apporto delle atomiche.
      Oggi la situazione mentale non e’ cambiata e , forse, e’ peggiorata di molto !
      Pare che dopo il sorvolo del jet russo , dotato di arma elettronica, sull’incrociatore Cook, nel Mar Nero (un anno fa, dove erano andati a rompere le palle per la Crimea…) decine di marinai Usa si siano ritirati dalle forze armate, spaventati e sbigottiti di quello che avevano visto e provato..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. HERZOG 6 mesi fa

    Ecco che il the roman mi diventa antropologo ,allora primo bisogna vedere il turismo mi spiego
    I Russi che vanno in una localita non sono gli stessi che vanno in un altra e comunque a livello di testa di intelligenzae di essere svegli voi italiani siete tra I N1 sul fisico un po puo essere ,quello si ma piu per le donne ,voi italiani avete una bassa considerations di voi stessi ,basta dire I’m from Italy che tutti si calmano ,siete disfattisti ecco il punto debole non bisogna infondere scetticismo Altrimenti il veleno giudaico fa effetto ,Vi CI vuole LA Guida Giusta l’uomo mai Domo geniale alla D’annunzio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. paolo 6 mesi fa

    @herzog/tuanton/graf
    1)Le donne italiane sono le più gnocche
    (e anche le piu t…e)
    2) gli italiani non hanno bassa considerazione di loro stessi, è sufficiente andare al bar o leggere il “corriere” che noi siamo primi in tutto dai bucatini alla amatriciana al sottomarino che guardacaso “tutto il mondo ci invidia”
    3) Se putacaso ti tovi a Tolosa in un forno per acquistare il pane e ti lasci scappare ” je suis italien” fai prima a prendere il trenino e comprartelo a Poggibonsi.
    4) Su D’annunzio, stendiamoci un velo pietoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. HERZOG 6 mesi fa

    Le italiane sono le piu gnocche ? Non rispondo ,basta GIRARE e viaggiare ,su D’Annunzio ricordo che era consider a to fin piu del Duce con l’impresa di Buccari ,sorvolo di Vienna, impresa di Fiume ecc,prima di scrivere Informarsi bene poi sulla considerazione che gli italiani hanno di loro stessi posso solo dire quel che vedo e SENTO all’estero ,non mi Danno l’idea di popolo essere un popoloFIERO ma anzi tormentato sempre a mugugnare e spettegolare su Tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 6 mesi fa

      meno male che ci sei tu. Che ci continui a dare consigli senza mai contraddirti (certo, come no) e che ci convincerai tutti delle tue fisime. Poi ti divertirai a governare l’universo da Bangkok con tre ledimen che ti massaggiano dalla mattina alla sera. Però su una cosa ti devo dare ragione: le italiche, lombardovenete o duosiciliane che siano è almeno dal 1990 che non le avvicino; tra femminismo e retaggio cattolico non hanno nemmeno più femminilità. Sono luride, ma hanno una lingua…per parlare…minkia

      Rispondi Mi piace Non mi piace