Come l’Iran è arrivato a bombardare le basi statunitensi e come Trump ha evitato una guerra totale

di Elijah J. Magnier.

Poco dopo la mezzanotte del 3 gennaio, la notizia dell’assassinio del maggiore generale iraniano Qassem Soleimani, del generale di brigata Hussein Pourjafari, del colonnello Shahroud Muzaffari Nia, del maggiore Hadi Tameri e del capitano Wahid Zamaniam ha raggiunto l’ambasciata del L’Iran a Baghdad.
I funzionari dell’ambasciata erano in contatto con il convoglio quando la comunicazione si interruppe improvvisamente. Sardar Soleimani godeva dell’immunità diplomatica ed era stato ufficialmente invitato dal governo iracheno per aiutare a sconfiggere Daesh. Inoltre, l’attacco al convoglio è avvenuto vicino a un posto di blocco iracheno, dove si sapeva che il comandante iracheno Abou Mahdi al-Muhandes e la squadra che forniva la sua protezione facevano parte del convoglio. La notizia è stata comunicata a Teheran,

“A Dio apparteniamo e a lui torneremo”. È questo versetto del Corano che un credente pronuncia quando viene a sapere della morte di una persona che conosce da lontano o da vicino. Ricorda che tutti gli esseri umani sono mortali. Fu la prima reazione di Sayyed Khamenei quando arrivò la notizia della morte di “un figlio”. Ciò dimostra quanto fosse vicino Sardar Soleimani a Sayyed Khamenei. Soleimani ha ottenuto il titolo di “martire vivente” a causa delle molte volte in cui la sua vita è stata messa in pericolo combattendo Daesh e al-Qaeda in Iraq e Siria.

Il 1 ° gennaio, Soleimani aveva lasciato Beirut e aveva dormito in Siria, non lontano dall’aeroporto di Damasco. In ciascuno dei suoi viaggi in Siria, riunì tutti i suoi comandanti dopo la preghiera del mattino, poco prima dell’alba, per non più di due ore. Quel giorno, tutti i comandanti rimasero a pranzo e non gli fu permesso di partire fino al tramonto. Soleimani continuò a parlare, dando istruzioni alla sua squadra di comandanti nel Levante. Il capitano Wahid Zamaniam era il suo inseparabile compagno. Al suo arrivo all’aeroporto di Baghdad, il maggiore generale è stato accolto da funzionari iraniani e iracheni quando un drone americano li ha uccisi tutti.

Secondo una fonte informata nell’Asse della Resistenza, quando venne a conoscenza dell’assassinio, Sayyed Khamenei convocò una riunione dei suoi comandanti nelle ore successive all’omicidio, dando istruzioni ” Preparatevi per una risposta difficile. Dobbiamo dichiarare la nostra diretta responsabilità, in modo che i nostri nemici sappiano che li stiamo affrontando apertamente e non in modo vigliacco come hanno fatto gli Stati Uniti nell’uccidere Soleimani e i suoi compagni. Colpire duramente le forze armate statunitensi per rompere la loro arroganza dove hanno compiuto questo vile assassinio .

Molti scenari sono stati presentati a Sayyed Khamenei. La prima scelta fu Ayn al-Assad, la base aerea più grande e imponente dell’Iraq, dove il presidente Trump era atterrato e che considerava il luogo più sicuro in Iraq. L’Iran conosce questa base nei minimi dettagli. I suoi droni e servizi di intelligence erano stati sufficienti per scoprire cosa c’era dentro ogni hangar e struttura di base.

È stato inoltre pianificato un secondo attacco contro una base americana fuori dall’Iraq dall’altra parte del Golfo Persico, che sarebbe stata più potente e dolorosa del primo obiettivo, nel caso in cui gli Stati Uniti avessero risposto all’attacco su ‘Ayn al-Assad.

Era previsto anche un terzo attacco, che sarebbe stato persino più potente e devastante dei primi due, contro la più grande base americana in Medio Oriente. Lo scopo dell’attacco era quello di rivendicare molte vittime, molto più di ogni possibile rappresaglia negli Stati Uniti.

Tre piani e tre scenari quindi, tutti pianificati per essere eseguiti uno dopo l’altro per fare tre colpi consecutivi. Sayyed Ali Khamenei ha approvato personalmente queste tre risposte, evitando così che i suoi comandanti dovessero convincerlo a ottenere la sua benedizione. Sayyed Khamenei ha quindi chiesto ai suoi comandanti di tornare per ulteriori istruzioni e per chiedere una mobilitazione generale nel paese, che avrebbe dichiarato guerra aperta contro gli Stati Uniti in caso di risposte militari statunitensi contro tutti gli attacchi iraniani. Per quest’ultimo scenario, Sayyed Khamenei aveva ordinato un piano per il lancio simultaneo di centinaia di missili contro tutte le basi militari statunitensi nei paesi che circondano l’Iran, il Levante e altrove.
Si dice che tutti gli alleati dell’Iran in Medio Oriente siano stati coinvolti e che gli alleati degli statunitensi nella regione sarebbero stati colpiti direttamente. Ma questa decisione finale ha dovuto essere rivalutata un’ultima volta da Sayyed Khamenei.

È questo scenario prevedibile che il presidente degli Stati Uniti ha evitato decidendo di non intervenire, nonostante le sofferenze umane e la distruzione inflitte nell’attacco alla base militare di Ayn al-Assad.

“L’ Iran non ha usato alcun missile dai suoi ascensori sotterranei per colpire obiettivi americani ad Ayn al-Assad. Al contrario, i missili erano schierati apertamente e pronti per essere lanciati due giorni prima, in piena vista dei satelliti statunitensi. L’Iran ha continuato a ricevere messaggi dai diplomatici che gli chiedevano di astenersi da ritorsioni o di limitarne la portata. Tutte queste richieste sono state respinte. L’Iran ha evitato di sorprendere gli Stati Uniti; se avesse voluto farlo, i missili sarebbero stati lanciati dai suoi silos senza preavviso. Era un affronto diretto all’egemonia americana. Inoltre, l’Iran ha informato gli Stati Uniti che l’attacco stava arrivando, sfidando ulteriormente il presidente Trump e il suo arsenale militare in Medio Oriente per dimostrare di non avere paura delle conseguenze. “Ha spiegato la fonte.

L’Iran aveva inviato i suoi droni per sorvolare basi statunitensi in Kuwait, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e altri paesi vicini. Era stato questo un segnale che Teheran si era preparata per la guerra e un’indicazione di quegli obiettivi che fanno parte del suo data base di bersagli. I leader iraniani erano pronti a raggiungere il punto di non ritorno, se fosse stato necessario.

Nessuno in Iran è pronto ad abbandonare il programma missilistico del paese, che è diventato l’orgoglio del popolo iraniano e delle sue forze armate. Quando gli Stati Uniti hanno bombardato centinaia di appaltatori russi che attraversavano l’Eufrate vicino a Deir Ezzor, in Siria, per cercare l’equilibrio con i miliziani del Daesh, la Russia ha scelto di non fare nulla. Nessun paese o esercito in Medio Oriente ha osato sfidare gli Stati Uniti, in particolare quando gli Stati Uniti hanno dispiegato decine di migliaia di soldati e truppe nella zona. Soltanto l’Iran si oppone direttamente all’egemonia e al potere militare degli Stati Uniti.

L’Asse della Resistenza ha confermato l’equilibrio della paura e l’imposizione di una politica di dissuasione sugli Stati Uniti in Medio Oriente. L’Iran ha apertamente sfidato gli Stati Uniti nel rivendicare la responsabilità dell’attacco senza timore delle conseguenze. Gli Stati Uniti hanno confermato fino ad oggi che 64 persone hanno subito le conseguenze dell’attacco iraniano. In precedenza, l’Iran aveva annunciato “non meno di 80 vittime americane”.

Missili iraniani

Il presidente Trump credeva di vivere in un momento storico della sua vita, quando poteva fare quello che voleva senza paura delle conseguenze. Credeva che nessun paese al mondo avrebbe osato sfidarlo. Gli fu anche detto che l’Iraq era diviso, che nessun governo avrebbe contestato la violazione della sua sovranità e che l’Iran non era più tollerato in Mesopotamia. Probabilmente gli fu detto che l’incendio in due consolati iraniani sarebbe stato sufficiente a far uscire l’Iran dall’Iraq. Forse immaginava che l’assassinio di Sardar Qassem Soleimani sarebbe rimasto impunito, quando si vantava di aver ucciso ” due al prezzo di uno”. Lui e la sua squadra di guerra hanno creduto (e ancora credo nella mia opinione) che la sua “massima pressione” e le dure sanzioni avrebbero fatto piegare l’Iran e costringerlo a chiedere misericordia. Trump ha detto che stava aspettando la telefonata dall’Iran, cosa che la dice lunga della sua ignoranza dell’Iran, della sua mentalità, della sua cultura, della sua pazienza, della sua completezza e del suo orgoglio.

La magia fallì sul mago e Trump diede all’Iran un enorme dono permettendogli di bombardare il suo esercito e sfidarlo apertamente. Trump non ha osato annunciare il numero di vittime nella prima settimana. Il Pentagono ha iniziato a rivelare parte della realtà ogni settimana. Gli Stati Uniti, non l’Iran, dimostrano di avere paura.

” Tutte le basi militari statunitensi sono diventate una minaccia per i paesi in cui si trovano in Medio Oriente. Queste basi non servono più a proteggere questi paesi e costituiscono per l’Iran un imponente elenco di obiettivi perfetti. Nessun posto sarà sicuro per le forze statunitensi in Medio Oriente se gli USA attraversano la linea rossa che non deve essere travalicata, come è avvenuto dopo l’assassinio di Sardar Soleimani ” , ha detto la fonte.

Fonte:

https://reseauinternational.net/comment-liran-en-est-venu-a-bombarder-des-bases-us-et-comment-trump-a-evite-une-guerre-totale/

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • Idea3online
    2 Febbraio 2020

    Adesso è iniziata la “pandemia”made in Cina, e potenziale “vaccino” made in Italy. L’Italia in prima linea, meglio così, avere un sistema sanitario unico a tal punto che avrà l’onore di avere salvato l’umanità dal Corona Virus, è da essere fieri, con tutti gli immigrati ed i nuovi virus nel nostro Territorio, non c’è nulla da temere, il nostro sistema Sanitario ci proteggerà dai virus presenti e futuri. A breve una campagna di vaccinazione globale con l’Italia in prima linea col brevetto per annientare il Virus Corona.

  • Idea3online
    2 Febbraio 2020

    Speriamo solo che l’OMS sia più neutrale della CIO. Ma che la Geopolitica sia messa da parte.

  • atlas
    3 Febbraio 2020

    preparazione dell’operazione militare diretta contro la base militare americana

    la partenza

    https://www.youtube.com/watch?v=8p14m2sua24

  • atlas
    3 Febbraio 2020
  • Roberto Esse
    3 Febbraio 2020

    Il fallimento del sistema di difesa Usa era ben noto da mesi, quando lo Yemen aveva addirittura distrutto batterie di Patriot, vendute a peso d’oro ai Saud,
    Come sempre le notizie non favorevoli agli Usa sono state censurate, con metodi dittatoriali molto diversi da quello che Trump. Pompeo e tutti i servi europei, propagandano falsamente in nome della democrazia.
    Ma dai media della parte opposta, iraniane come Hispan tv o yemenite come Al Masirah, si vedevano i filmati con i risultati dell’inefficienza dei sistemi difensivi Usa.
    L’attacco iraniano ha ribadito ancora l’incapacità di difendersi da parte degli Usa, pur essendo all’erta per l’imminente arrivo dei missili.
    Peraltro il fallimento del sistema difensivo Patriot era già stato nascosto all’epoca della guerra contro l’Iraq di Saddam Hussein, dove a causa di problemi di software, non riuscirono ad intercettare che pochi Scud, un missile tutt’altro che moderno, causando la morte di più di 4000 persone in Israele, anche queste opportunamente occultate dai media asserviti occidentali.
    E gli alleati Nato cosa fanno, Italietta compresa? Da buoni servi comprano a costi enormi questo sistema difensivo fallimentare e completamente inutile.

    • atlas
      4 Febbraio 2020

      non per sopravvalutare il mio nemico di sempre, ma credo che giudei e ameri cani (che poi sono la stessa cosa) le loro armi nucleari atomiche le sappiano fare funzionare:

      è questo il punto focale della questione, il punto, il dunque…chi è più forte ? Io sto dalla parte dei giusti, di coloro che secondo la mia visione delle cose ritengo agiscano rettamente, non coi più forti, ma non per questo rinuncio a difendermi

      gentilmente, potresti postare una fonte qualsiasi in cui si evince che nella guerra contro il Partito Baàth di Saddam Husseyn vi furono 4000 morti giudei ? Con tutto il rispetto, ho poco a che fare con san Tommaso, ma personalmente non credo nemmeno alla storia dei famosi ‘6 milioni’

  • atlas
    4 Febbraio 2020

    ” I media mainstream negli Stati Uniti rispettavano la versione governativa, ma ciò non fermava le speculazioni su un possibile insabbiamento. Alcuni sostennero che gli iraniani, cooperando coi talibai contro le forze statunitensi, sembravano all’origine della storia, indicando che avrebbero saputo cosa era successo in tempo reale perché in contatto con l’unità talib che avrebbe abbattuto l’aereo usando un lanciamissili portatile prodotto in Russia.
    Molti di quelli che seguivano la storia erano inclini a credere al resoconto diffuso dall’Iran e da altri organi di stampa perché gli Stati Uniti mentono recentemente su quasi tutto, compresi i dettagli della “minaccia imminente” del recente assassinio del Maggior-Generale e comandante della Forza Quds Qasim Sulaymani. Gli Stati Uniti mentirono quando affermarono che non c’erano vittime tra le forze nordamericane dopo che l’Iran colpì due basi in Iraq e molti osservatori prontamente notano che gli Stati Uniti hanno come presidente un uomo che definisce i giornalisti “nemici del popolo” e che afferma costantemente che c’è un enorme serbatoio di “notizie false”. Quindi, un’altra menzogna del Pentagono nel riferire la possibile eliminazione di un alto ufficiale della CIA sarebbe atteso da quasi tutti, il che non suggerisce che il resoconto iraniano sia necessariamente vero o accurato del tutto. L’Iran avrebbe avuto molte motivazioni per creare confusione sugli Stati Uniti e su ciò che fanno in Afghanistan, in particolare se l’implicava che l’Afghanistan sia usato come trampolino di lancio per destabilizzare o addirittura attaccare l’Iran, con cui Kabul non è in guerra. ”

    http://aurorasito.altervista.org/?p=10173

Inserisci un Commento

*

code