Come l’Europa sta sprofondando nel totalitarismo

John Laughland, filosofo e saggista, eminente rappresentante della tradizione conservatrice britannica, racconta di essere stato trattenuto dalla polizia per due ore appena sbarcato a Londra nella tarda serata di venerdì 7 ottobre. La ragione ? Aver diretto qualche anno fa un istituto volto a favorire il dialogo con la Russia.
Radiografia implacabile della fine dello Stato di diritto nel Paese che aveva conferito all’Europa lo “Stato di diritto” e l’”habeas corpus”. L’Europa e il mondo occidentale stanno sprofondando nel totalitarismo. Infatti ci siamo già!

di John Laughland .

Il 7 ottobre 2022, in tarda serata, intorno alle 23:30, sono stato arrestato all’aeroporto di Gatwick, a Londra, dalla polizia antiterrorismo. Non sono stato rilasciato fino a poco prima dell’una di notte e il mio computer è stato portato via. Non mi è stato ancora restituito.

Il mio passaporto e tutti i miei effetti personali – il mio portafoglio, il mio telefono, le mie chiavi, tutto – mi sono stati portati via. Sono stato portato in una stanza dove sono stato interrogato per un’ora da due agenti di polizia antiterrorismo, che agivano sotto i poteri conferiti alla polizia (come ho appreso per la prima volta) dall’appendice 3 del “Counter Terrorism and Border Security Act “2019.

Questa non è una detenzione”
Questa legge dovrebbe consentire alla polizia di trattenere “attori ostili” che si recano nel paese per “pianificare, preparare o compiere i loro atti ostili” (secondo il volantino che gli agenti mi hanno dato). Ma la stessa legge afferma che “l’ufficiale inquirente può esercitare i poteri previsti dal presente comma indipendentemente dal fatto che vi sia motivo di sospettare o meno che una persona sia o sia stata coinvolta in attività ostile”. Quindi una legge apparentemente progettata per fermare gli attori ostili si applica effettivamente a tutti, indistintamente, alle sue condizioni esplicite.

È certamente sorprendente che questi poteri siano stati esercitati, nel mio caso, contro un cittadino britannico. Normalmente i cittadini non dovrebbero essere interrogati in questo modo sui motivi per i quali sono entrati nel territorio del proprio paese.

Uno degli agenti ha iniziato l’interrogatorio dicendo che non ero detenuto e quindi non potevo avere accesso a un avvocato. Ma ovviamente sono stato trattenuto, poiché mi era impossibile lasciare la stanza degli interrogatori e, a fortiori, l’aeroporto, senza il mio passaporto e i miei effetti personali. (La parola “detenuto” è stata ovviamente spogliata del suo significato).

Repressione polizia in Europa

“Quello che ho letto sul volantino mi è stato dato”
Secondo il volantino, “A differenza della maggior parte degli altri poteri di polizia, il potere di fermare, interrogare, perquisire e, se necessario, detenere persone ai sensi dell’Allegato 3 non richiede alcuna autorità o sospetto”. I poteri speciali di cui gode la polizia nei porti britannici costituiscono quindi un “regime eccezionale” in cui sono state accantonate le normali garanzie dello stato di diritto.

Il testo continua: “Puoi essere perquisito e tutto ciò che hai con te…compresi i dispositivi elettronici…quando vengono effettuate le ricerche, non è necessario che ti venga dato un avviso di perquisizione scritto. In determinate circostanze, l’ufficiale può sequestrare tutti i beni che trova”.

Quali sono queste “circostanze speciali”? Quando ho protestato per il fatto che il mio computer mi era stato portato via, il che mi avrebbe impedito di lavorare fino a quando non mi fosse stato restituito, e quando mi sono offerto di portarlo in questura il giorno successivo, l’agente ha risposto che era fuori questione che non sarebbe stato preso. In altre parole, non ci sono “certe circostanze”. Il sequestro di questi dispositivi è, al contrario, la regola.

In uno stato di legge, la polizia può perquisire la proprietà di una persona solo con un mandato di perquisizione. Si tratta di un atto firmato da un giudice che autorizza la perquisizione e il sequestro di proprietà privata. Se cerchi su Wikipedia “mandato di perquisizione”, vedrai che “in alcune nazioni autoritarie, gli agenti di polizia possono essere autorizzati a perquisire persone e proprietà senza dover ottenere il permesso del tribunale o giustificare le loro azioni”. Secondo questo standard, il Regno Unito è ora una “nazione autoritaria”.

Questo è esattamente ciò che separa uno stato di diritto da una dittatura, ovvero che il lavoro della polizia non è deviato a fini politici, eppure è quello che è successo a me.

Quando la polizia lavora dalle informazioni raccolte su Google
Gli agenti mi hanno chiesto del mio lavoro presso l’Istituto per la Democrazia e la Cooperazione a Parigi dal 2008 al 2018 e del mio lavoro al Parlamento Europeo da allora, e più recentemente per la FVD. Tutte le informazioni che volevano sono pubblicamente disponibili, ad esempio su Wikipedia. L’interrogatorio è stato gentile ma amatoriale.

Mi è stato chiesto quali fossero le mie opinioni politiche. L’agente ha risposto: “E’ un paese libero, non tutti sono così fortunati”. Penso che si chiami “il senso dell’umorismo britannico”.

Gli agenti mi hanno detto che avevano due o tre ore per prepararsi. Ciò significa che sono stati informati a Londra del mio imminente arrivo nel momento in cui la mia carta d’imbarco è stata scansionata a Budapest. Tutti dovrebbero saperlo.

Hanno passato quelle ore a cercare informazioni su Internet. L’ufficiale che mi ha intervistato non sembrava sicuro di cosa volesse veramente sapere. Internet, come tutti dovrebbero sapere, è un pozzo nero di disinformazione e ci sono infinite false affermazioni su di me. Molti di questi sono stati ripresi di recente dalla stampa olandese, quando i giornalisti si collegano online, trovano ciò che stanno cercando e ripetono bugie precedentemente dette da altri. Nel mio caso, non si stancano mai di raccontare la stessa fiaba.

È già abbastanza brutto per i giornalisti farlo, ma è spaventoso pensare che gli agenti dell’antiterrorismo considerino Google una fonte affidabile di informazioni. Non osiamo immaginare il numero di attori veramente ostili che cadranno nei guai se questa è l’idea che la polizia ha delle indagini. Sfortunatamente, questo è lo stato del mondo oggi.

Lo stato di diritto sventrato dai tribunali nazionali e sovranazionali
È particolarmente simbolico che questo stia accadendo a me. Da quando ho iniziato a interessarmi al diritto penale internazionale più di 20 anni fa, ho criticato il modo in cui i tribunali internazionali hanno messo da parte la miriade di regole e procedure che si sono accumulate nel corso dei secoli per garantire un giusto processo. Gli inglesi sono tradizionalmente orgogliosi di queste procedure, che per secoli hanno protetto i cittadini dagli abusi del potere statale. Ho ripetutamente avvertito che queste pratiche dittatoriali si infiltreranno presto nelle giurisdizioni nazionali e distruggeranno questa preziosa eredità dello stato di diritto. Ora è avvenuto .

Da quando l’UE ha annunciato il suo regime globale di sanzioni per i diritti umani nel dicembre 2020, ho ulteriormente sottolineato che l’UE si è data il potere di punire le persone con decreto. Questo è uno sviluppo molto pericoloso. Gli individui sono puniti in questo regime senza alcun procedimento legale (nessun processo) e senza alcun mezzo per difendersi. Tanto per i diritti umani! Per due anni ho avvertito che i cittadini dei paesi occidentali sarebbero essi stessi il bersaglio di queste sanzioni. È quanto è successo lo scorso luglio quando un blogger britannico, Graham Philipps, è stato sanzionato dal Regno Unito, che ha lo stesso sistema di Ue e Stati Uniti.

L’avevo annunciato. Lo vivo personalmente
In altre parole, io che avevo messo in guardia contro il fatto che queste procedure, introdotte a livello internazionale, non avrebbero tardato a corrompere il diritto penale nelle giurisdizioni nazionali, mi è stato dato terribilmente ragione con un esempio di questo abuso di cui ero personalmente una vittima. Questa esperienza è stata profondamente inquietante.

Poco prima che ciò accadesse, FVD International ha twittato la sua disapprovazione per le sanzioni dell’UE imposte al filosofo Alexander Dugin. Come abbiamo mostrato con uno screenshot del relativo documento europeo, il Consiglio europeo (cioè l’esecutivo) ha sanzionato Dugin esclusivamente per le sue opinioni. Da nessuna parte si afferma che abbia effettivamente partecipato all’invasione dell’Ucraina, o addirittura che sia colpevole di istigazione. Invece, viene sanzionato per un crimine di pensiero.

Alcune persone a cui non piace Dugin ne sono contente. Ma dovrebbero capire che si tratta di poteri gravemente abusivi che possono facilmente, come nel mio caso, essere diretti contro persone completamente innocenti. A queste persone non riesco a trovare una risposta migliore delle famose osservazioni del pastore Martin Niemöller:

“Prima sono venuti per i comunisti e non ho detto niente perché non ero comunista.

Poi sono venuti per i socialisti e io non ho detto niente perché non ero socialista.

Poi sono venuti per i sindacalisti e io non ho detto niente perché non ero un sindacalista.

Poi vennero per gli ebrei e io non dissi niente perché non ero ebreo.

Poi sono venuti a prendermi. E non c’era più nessuno che parlasse a mio nome. »

L’Europa sta scivolando verso la dittatura. In effetti, è già lì.

fonte: Le Courrier des Stratèges

Traduzione: Gerard Trousson

4 Commenti
  • DANILO TORRESAN
    Inserito alle 21:03h, 13 Ottobre Rispondi

    La Polizia Europea con “Totale Immunità Giudiziaria”
    L’EGF gode di una totale immunità: sono inviolabili locali, beni e archivi (art. 21 e 22); le comunicazioni non possono essere intercettate per nessun motivo (art. 23); i danni a proprietà o persone non possono essere indennizzati (art.9 mag 2019

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 22:26h, 13 Ottobre Rispondi

    OK… ma almeno questi fatti sn +- alla luce del sole… io immagino che soprattutto c siano tânti umani che subiscano frequenti discriminazioni assai difficili da dimostrare (fu, ad es., il caso del regìsta JohnCarpenter?) e attuate da tante persone(poverine(!?) che nemmeno sospetterebbero di probab. essere destinate a reincarnaz. misera)segretamente collegate tra loro(e che fingano di non essere collegate tra loro e magari addirittura fingano di essere nemiche tra loro). e, facilmente, se la persona incominciasse a spiegare di ricevere continuamente discriminazioni +- difficili da dimostrare +-subliminali, potrebbe essere facilmente identificata come persona +-psicolabile che soffra di manie di persecuzione e o autistica e o … (ma, appunto, nn sarebbe cosi’) / distruzione dello stato di diritto? forse, paradossalmente, questa potrebbe essere una delle notizie +confortanti x l’umanita’, potrebbe trattarsi di sorta di reazione di Jarish-Herxheimer a causa del fatto che ormai sempre + umani, tramite internet, avrebbero preso coscienza di molte verita’ (ma qualcuno probab. cercherà di infangare internet spiegando che sarebbe piena di fare news (quasi come se fuori da internet nn esistessero fake news))

  • Giorgio
    Inserito alle 08:20h, 14 Ottobre Rispondi

    Un’altra conferma (se ce ne fosse bisogno) che la democrazia liberale è una forma di dittatura ….
    una dittatura malefica esercitata da poteri sovranazionali e loro servi locali ….
    N.B. – non sono contro le dittature in modo generico e qualunquista …..
    ne esistono di benefiche e sono di segno opposto a quelle occidentali ….
    Chi inorridisce, anche a ragione, per il modello cinese, si becchi questo articolo e rifletta ….

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 23:25h, 14 Ottobre Rispondi

    Con la scusa della “sicurezza” nelle dittature “democratiche” da sempre si spiano ed intercettano lettere-telefonate-eccetera .
    Lo avete visto il Film della propaganda Anti-comunista Occidentale ambientato sulla Germania EST ( DDR ) degli anni 80 dove la Stasi (Polizia tipo Digos ) spiava i cittadini comunisti sospettati di essere spie o traditori ‘
    Milioni di italiani non lo sanno ma la “democratica” Polizia Italiana Capitalista negli anni 80 faceva un spionaggio molto più soffocante di quello Comunista !
    Dal 1980 la Polizia Italiana NON ha più bisogno di usare un registratore e di aprire una centralina telefonica per registrare o spiare una telefonata .
    Grazie al moderno sistema informatico SIP automatico tutte le telefonate fatte in Italia dalla fine degli anni 70 sono automaticamente registrate e finiscono tutte su un nastro magnetico del sistema informatico che viene duplicato in triplice copia ed inviato in vari archivi .
    Il signor Matteo Salvani ha idee Leghiste separatiste e trama azioni di guerriglia contro lo Stato Italiano ?
    Volendo fare un accurato controllo sulla sua vita e sulle sue telefonate che ha fatto dal 1990 ad oggi 2022 la Polizia Italiana può ascoltare tutte le telefonate registrate che Matteo Salvini ha fatto dal 1990 ad oggi 2022 e sapere tutto sulla vita di Matteo Salvani !
    Sii lo so la faccenda sembra da Film di Fantascienza però è tutto reale in Italia parlare troppo al telefono ti rovina la vita !
    P.S.
    Una notte del 1995 ho duplicato in una grossa centrale Telecom nei suoi sotterranei dove è ubicato il sistema informatico ben 400 nastri su ogni nastro c” erano registrate con il sistema digitale circa 20 milioni di telefonate ( data-ora-durata telefonata mittente -destinatario e registrazione telefonata che però era criptata per ascoltarla occorreva un terminale apposito che di sicuro c” era nel” archivio dove venivano inviate le copie del nastro originale ) !
    Dopo quella strana notte di guardia giurata che ha dato una mano al tecnico Telecom che lavorava sempre di notte lontano da occhi indiscreti assieme ad un” altro tecnico quel giorno ammalato quando sono rientrato a casa volevo distruggere il telefono fisso per evitare che mi spiassero !

Inserisci un Commento