"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Come le reti transnazionali determinano le regole del nostro mondo

Intervista a Fritz R. Glunk (*)

L’uomo che pigramente siede di fronte alla legge nella parabola di Kafka per anni e attende l’ammissione è come un riflesso della nostra società rassegnata.” È così che Fritz Glunk porta il paragone al punto della sua analisi dettagliata e intelligente del suo libro(“Le forze oscure. Come le reti transnazionali stabiliscono le regole del nostro mondo”) sullo stato attuale della democrazia in occidente.

Lontano dalle accuse e dalle polemiche, Glunk spiega nel suo libro come la democrazia si sia ritirata gradualmente negli uffici secondari delle reti transanzionali e come sia in quell’ambito che si sviluppano le raccomandazioni “orientate al risultato” per le leggi future, quelle emanate dai parlamenti, che, tuttavia, da tempo sono diventate più di una raccomandazione e si sono trasformate in “direttive”.

Certo, questo sistema di redigere leggi e divenuto standard e risulta molto più efficiente – specialmente dal momento che dobbiamo strutturare una società globale complessa – ma, come sottolinea Stephan Lessenich nella prefazione: Il “caleidoscopio del disagio”, in cui l’autore alla fine del libro mostra, dalla “paura” apparentemente diffusa, l’aumento della prosperità è acquistato in modo troppo caro, mentre la bellezza della vita è persa. ” La bellezza della vita sociale che si denominava una volta come democrazia.

Le reti transnazionali…..
opera di Fritz Glunk

Queste reti teransnazionali, che con il tempo sono divenute delle “forze oscure“, si sono strutturate mediante fiduciari e rappresentanti delle associazioni industriali o dell’economia di alcune grandi “corporations” transnazionali che influenzano i dipartimenti governativi competenti, quelli che dovrebbero regolamentare queste aree, afferma Glunk. Sono loro che coordinano le regole che si applicano a livello mondiale, favoriscono l’emanazione di regolamenti e norme che hanno “forza virtualmente legale” e sono prese in considerazione solo dai parlamenti che provvedono alla loro ratifica, tuttavia queste norme “non sono discusse e non vengono prese decisioni nel merito”.

I gruppi e le reti che agiscono a livello globale nella loro forma, organizzazione e visibilità sono così diversi fra loro, soggetti a trasformazioni, anonimi e senza un funzione definita e, che sembra che, con il tempo, perdano il loro scopo originario… Il loro numero è stimato a circa 2000 e spesso hanno nomi lunghi, ad esempio, International Medical Device Regulators Forum (IMDRF) o Standard Advisory Council (SAC)”, spiega l’autore.

E’ stato chiesto a Fritz Glunk:

“Nel tuo libro , descrivi come sempre più gruppi di interesse privati che non hanno una sede permanente, nessun mandato sociale e che operano nell’ombra, influenzano sempre più la legislazione di tutti gli stati. Mano sul cuore, hai visto troppi film di James Bond?”

Mano sul cuore: ho visto tutti i film di James Bond, ma questo non ha ipirato il libro. Non ho “rivelato” nulla qui, che non è stato discusso altrove da diversi anni: i costituzionalisti descrivono – per lo più in accordo – i gruppi, i loro accordi e la loro influenza (come “governance economica”), e gli scienziati politici stanno studiando le implicazioni per loro Democrazia (“informalizzazione”, “de-parlamentarizzazione”). Finora, il fenomeno non è un segreto. Ma nessuno sa esattamente quale o persino quanti di questi gruppi stiano lavorando sullo sfondo della politica mnifestata. Ancora più preoccupante è che questa attività non è affatto discussa in pubblico.

“Se le iniziative private stabiliscono degli standard che garantiscano un buon funzionamento nella loro area, come l’ ICANN (*), è qualcosa a cui dare il benvenuto. Dov’è il limite che tali iniziative rappresentano una minaccia per te?”

Questi gruppi informali e ibridi occupati da dirigenti e privati sono un pericolo solo se si prende sul serio la democrazia rappresentativa. Il depotenziamento dei parlamenti, cioè quelli che dovrebebro essere i rappresentanti del popolo sovrano, è ovvio. Chiunque abbia un’economia funzionante e in costante crescita come linea guida politica è ben servito da questi gruppi e dagli accordi negoziati lì. Il pericolo esiste quando vengono perseguiti solo gli interessi economici privati senza considerare la formazione della volontà politica. Tuttavia, non abbiamo bisogno di un’economia così tanto efficiente , ma piuttosto di una democrazia efficiente.

“Non c’è niente di positivo in questo sviluppo? Ad esempio, quando il presidente degli Stati Uniti Trump annunciò che stava per lasciare il trattato sul clima a Parigi, gran parte del sistema dell’economia lo stava criticando”.

Fritz R. Glunk

Chiunque sia in grado di dimostrare che uno sviluppo politico particolare ha degli svantaggi economici (nel caso del “rischio di esportazione” della Germania), naturalmente, ha sempre alcune società o corporations come sostenitori. Ma ciò non significa che l’intera economia stia improvvisamente spingendo per una riduzione delle emissioni di CO2. La crescita economica globale mirata porterà inevitabilmente a un aumento della produzione di gas serra (che può essere visto anche dall’aumento delle emissioni globali di CO2 nel 2016).

“Il successo dell’AFD in Germania è dovuto al fatto che questo partito fa appello al sentimento di molte persone, di essere impotente, ingannato dai loro rappresentanti e di non essere informato sui fatti reali. La tua analisi concorda con questa sensazione. Che cosa consigli alle persone di esprimere la loro indignazione? Deve sempre essere AfD?”

Qui si tocca uno stato di cose appena discusso fino ad ora. In effetti, i parlamenti non sono più un’immagine rappresentativa della popolazione, in quanto la percentuale di non votanti è pari a 50 o addirittura il 60 percento in alcuni luoghi; ci sono solo le persone migliori da votare. Gli altri hanno sempre meno interesse per la politica sopra le loro teste e si sentono disinformati, trascurati e dimenticati. Solo con i successi elettorali dell’AfD questo sviluppo è effettivamente percepito, ma solo con il “populismo” schietto -Kule combattuto. Le cause alla base dei successi dell’AFD non sono sufficientemente trattate. Probabilmente perché una percezione delle cause porterebbe alla spiacevole consapevolezza che l’amministrazione del “riposo e reddito” (Jakob Burckhardt) non è sufficiente, cioè che “sicurezza e prosperità” (Merkel) non raggiungono molte persone.
Non ho consigli da dare qui. Se la crisi continua a peggiorare, l’oltraggio dei “dimenticati” aprirà la strada.

AfD ssotenitori a Francoforte

 

* L’Organizzazione internazionale delle Nazioni Unite e N umbers (ICANN) coordina l’assegnazione di nomi e indirizzi unici su Internet. Ciò include il coordinamento del sistema dei nomi di dominio e l’assegnazione degli indirizzi IP, che viene anche definita “funzione IANA” (derivata dai nomi e dai numeri assegnati da Internet). ICANN ha sede a Los Angeles ed è registrato in California come organizzazione no-profit. (Fonte: WIkipedia)

*Fritz R. Glunk ha lavorato nella politica culturale straniera dal 1966 al 1981 dopo aver studiato storia e filologia tedesca. È l’editore fondatore della rivista online culturale-politica Die Gazette . Numerose traduzioni e pubblicazioni di libri, tra cui 1999, The Mean German <e 1999> Dante’s Divine Comedy .

Fonte: Agorà 42

Traduzione e sintesi: Sergei Leonov

*

code

  1. Brancaleone 7 mesi fa

    Per cambiare ormai non basta piu’ una visione relativa, occorre un’idea , una filosofia realistica e realizzabile che investa l’intera umanita’ e gia’ detta cosi e’ quasi utopia, ma non c’e’ altra strada se non conflitti a non finire. E’ pur vero che esistono personalita’ in grado di assumere tali responsabilita’ ma non gli e’ permesso rivestire gli adeguati incarichi. (Se non sono servi sono estromessi). La classe politica e’ semplicemente una schiera di pupazzi che in nome del potere e dei privilegi personali e familiari mandano a puttane il mondo. Quello che accade attualmente come mai nella storia e’ che il potere non e’ di poche nazioni ,ma di pochi uomini e laddove non esiste pluralita’ di idee nascono le tirannie. L’umanita’ puo’ ‘ uscire da questa schiavitu’ incombente solo prendendo coscienza che ha la forza e il diritto per farlo, s’impone insomma un balzo evolutivo notevole al quale non c’e’ alternativa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace