Come la scienza diventa una religione


di Sheldon Richman.

Lo slogan popolare di oggi è “Credi nella scienza” . È spesso usato come arma contro le persone che rifiutano non la scienza in linea di principio, ma piuttosto l’una o l’altra proposta scientifica dei leader del potere politico e mediatico, che si tratti del vaccino COVID-19, del cambiamento climatico , dell’alimentazione (dieta povera di grassi o povera di carboidrati), per nominarne alcune. Il mio scopo non è difendere o negare una particolare posizione scientifica, ma mettere in discussione il modello di scienza su cui sembrano fondarsi i più fervidi sostenitori di questa forma di scienza. Il loro modello fa sembrare la scienza quasi identica a ciò che intendono come tale e si profila come una sorta di religione.
Se è così, non dovremmo ascoltarli quando ci insegnano la necessità di considerare la scienza.

Il problema più ovvio con la chiamata a “credere nella scienza” è che non aiuta quando i migliori scienziati – cioè esperti in buona fede – si incontrano e trovano entrambi i lati (o tutti i lati) di una data questione empirica. Le parti dominanti dell’intellighenzia potrebbero preferire che non lo sappiamo, ma ci sono esperti dissenzienti su molte questioni scientifiche che alcuni affermano allegramente di essere “risolte” dal “consenso”, cioè -al di là di ogni dibattito.
Questo è il caso della natura precisa e delle probabili conseguenze del cambiamento climatico e di alcuni aspetti del coronavirus e del suo vaccino. Senza prove reali, i promotori ed esperti accreditati sono spesso accusati di essere corrotti dall’industria, con la tacita fede che gli scienziati che esprimono la posizione stabilita non siano puri e incorruttibili . È come se la ricerca di fondi pubblici non potesse di per sé distorcere la ricerca scientifica. Inoltre, nessuno, nemmeno gli scienziati, è immune dal pensiero di gruppo e dai pregiudizi di conferma.

Così, il coro degli “appassionati di scienza” non presta attenzione ai critici accreditati, a meno che non sia per diffamarli. Apparentemente, secondo il modello di scienza dei credenti, la verità discende da un secolare Monte Sinai (Monte Scienza?) Attraverso un corpo di scienziati unti, e queste affermazioni non devono essere messe in discussione. I dissidenti possono essere ignorati perché non sono funzionari eletti. In che modo gli eletti hanno raggiunto la loro posizione elevata? Spesso, ma non sempre, avviene attraverso il processo politico: ad esempio, la nomina a un ente governativo, l’ottenimento di una cattedra universitaria o l’assegnazione di borse di studio prestigiose. Può essere che uno scienziato abbia semplicemente conquistato l’adorazione dell’intellighenzia progressista perché le sue opinioni si allineano facilmente con un particolare programma politico.

Ma questa non è scienza; è la religione, o almeno è lo stereotipo della religione a cui si oppongono i “seguaci della scienza” in nome della luce. Ciò si traduce in dogmi e, di fatto, in accuse di eresia.

laboratory

Nella vera scienza non ci sono eletti né montagne di scienza. La vera scienza è un processo brutale di ipotesi, test pubblici, tentativi di replica, formazione di teorie, dissenso e confutazione, confutazione (forse), revisione (forse) e conferma (forse). È un processo di ricerca senza fine, come dovrebbe essere. Chissà cosa ci aspetta alla prossima svolta? Nessuna questione empirica può dirsi risolta per consenso una volta per tutte, anche se, nel tempo, una teoria ha resistito a sufficienti sfide competenti da garantire un alto grado di fiducia. (In un mondo in cui le risorse sono scarse, compreso il tempo, non tutte le domande possono essere esplorate, quindi è necessario fare delle scelte). Il potere istituzionale di dichiarare che le questioni sono risolte per consenso apre la porta a ogni tipo di illecito che viola lo spirito della scienza e può danneggiare il pubblico, finanziariamente e non.

La cosa strana è che i “sostenitori della scienza” a volte dimostrano di comprendere correttamente la scienza. Alcuni famosi atei, ad esempio, usano un modello di scienza corretto quando insistono con le persone religiose che non possiamo mai raggiungere la “verità assoluta”, il che significa che l’infallibilità è fuori portata. Ma dimenticano rapidamente questo principio quando si tratta delle loro proposte scientifiche preferite. All’improvviso sembrano le persone che hanno attaccato l’ora prima.

Un altro problema con i “difensori della scienza” dogmatica è che presumono che una corretta politica di governo, che è una questione normativa, derivi direttamente dalla “scienza” , che è una questione positiva. Se conosci la scienza, allora sai cosa devono fare tutti – almeno questo è ciò che pensano i dogmatici scientifici. È come se gli scienziati fossero qualificati in modo univoco, in virtù della loro esperienza, per prescrivere la migliore risposta di politica pubblica.

Ma questo è del tutto sbagliato. La politica pubblica riguarda il giudizio morale, il compromesso e l’uso giustificato della coercizione. Gli scienziati naturali non sono né gli unici a conoscere queste domande né gli unici che possono prendere le decisioni giuste per tutti.Quando gli scienziati medici hanno consigliato di bloccare l’attività economica a causa della pandemia, non stavano parlando come scienziati ma come moralisti (nei panni degli scienziati). Quali sono le loro qualifiche specifiche per questo ruolo? Come avrebbero potuto questi scienziati prendere in considerazione tutte le gravi conseguenze di una preclusione – psicologica, domestica, sociale, economica, ecc. – per i vari esseri umani chi sarebbe soggetti a questa politica? Cosa qualifica gli scienziati naturali per decidere che le persone che necessitano di uno screening per il cancro o le malattie cardiache devono aspettare indefinitamente quando le persone con una malattia ufficialmente designata non lo fanno? (I politici emettono divieti formali, ma i loro consulenti scientifici forniscono un’apparente credibilità).

Ecco la distinzione rilevante: se vogliamo favorire la scienza, dobbiamo rifiutare lo scientismo , quell’errata convinzione che le uniche domande degne di essere poste siano quelle che si prestano ai metodi delle scienze ufficiali e che, quindi, tutte le domande dovrebbero essere riformulate in modo appropriato o respinte come incomprensibili. FA Hayek, in “ La controrivoluzione della scienza ”, definisce lo scientismo come “ l’imitazione servile del metodo e del linguaggio della scienza ”.

Mi piace il modo in cui il filosofo Gilbert Ryle lo ha messo in ” Il concetto di mente “: ” Un giorno i fisici potrebbero aver trovato le risposte a tutte le domande fisiche, ma non tutte le domande sono domande fisiche. . Le leggi che hanno trovato e troveranno possono, nel senso metaforico della parola, governare tutto ciò che accade, ma non ordinano tutto ciò che accade. In effetti, non ordinano nulla di ciò che accade. Le leggi della natura non sono inevitabili ”.

“Come dovremmo vivere? Non è una delle domande a cui gli scienziati naturali possono rispondere in modo univoco, ma vale sicuramente la pena porsi . Allo stesso modo, “Quali sono i rischi che tu o io dovremmo correre o evitare?” ” . C’è un mondo di differenza tra l’affermazione di un medico esperto: “Il vaccino X è generalmente sicuro ed efficace” e “La vaccinazione dovrebbe essere obbligatoria “. (Uno dei grandi critici dello scientismo fu Thomas Szasz, MD, che dedicò la sua vita a combattere la crociata della professione medica, e in particolare della psichiatria, per riformulare le questioni morali in questioni mediche e quindi controllare le persone in nome della scienza disinteressata ).

La maggior parte delle persone non è qualificata per giudicare la maggior parte delle conclusioni scientifiche, ma è qualificata per vivere la propria vita in modo sensato . Sono fortemente convinto che la terra sia una sfera e che una molecola d’acqua sia composta da due parti di idrogeno e una parte di ossigeno. Ma non so come confermare queste proposte. Dobbiamo quindi tutti fidarci delle autorità scientifiche e mediche, non nel senso del potere, ma nel senso della competenza e della reputazione. (Anche le autorità di un dominio si fidano delle autorità di altri domini).

Ma dobbiamo anche ricordare che le asserzioni empiriche di queste autorità sono difendibili, cioè sono in linea di principio aperte alla confutazione e forse alla confutazione, cioè allo scienziato di processo. A parte gli assiomi della logica indispensabili e autoconvalidati, tutte le asserzioni sono aperte in questa direzione. È questo processo che ci permette di scoprire la verità. Come ha sottolineato John Stuart Mill nel suo libro ” On Liberty ” , anche un dissidente che ha un’opinione chiaramente sbagliata su un problema può sapere qualcosa di importante sullo stesso problema che è stato trascurato. È a nostro rischio e pericolo che mettiamo a tacere le persone o le chiamiamo eretiche. Questo è dogma, non scienza.

fonte: https://libertarianinstitute.org

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM