COME LA RUSSIA RISPONDERÀ ALL’ATTACCO UAV: ​​CINQUE OPZIONI, FINO A NON STANDARD

placeholder


Oggi verso le 4 del mattino, due UAV hanno puntato su edifici non residenziali a Mosca. Si è saputo anche dell’attacco dei droni alla Crimea (si sospetta che anche i missili britannici a lungo raggio abbiano partecipato all’operazione terroristica). Gli esperti ritengono che solo la vittoria possa fermare gli attacchi nemici. Ma prima sono necessari attacchi preventivi contro obiettivi non standard in Ucraina.

“La risposta può essere una sola”
In precedenza è stato riferito di una nuova serie di attacchi di droni a Mosca. Questa volta il drone ha colpito una casa non lontano dall’edificio del Ministero della Difesa russo.

Inoltre, le forze armate ucraine hanno organizzato un altro attacco terroristico in Crimea: 17 droni ucraini hanno attaccato la penisola. Tuttavia, secondo gli esperti militari, l’attacco è stato combinato. Il nemico ha lanciato non solo droni, ma anche missili britannici a lungo raggio (Storm Shadow).

Si segnala che 11 droni sono caduti nel Mar Nero, altri 3 si sono schiantati sul territorio della penisola. Inoltre, 3 UAV sono stati distrutti dai sistemi di difesa aerea. Secondo il ministero della Difesa russo, non ci sono state vittime tra la popolazione civile. (…..).

Secondo il politologo e orientalista Yevgeny Satanovsky, gli attacchi dei droni a Mosca e in Crimea sono già stati organizzati non solo in modo militare, ma anche filosofico.

“È grazie a loro che il Paese torna gradualmente al suo normale stato di rabbia allegra e un grande desiderio sincero di strangolare tutti coloro che si divertono con questo …” ha osservato.

Un altro attacco di droni a Mosca e alla Crimea è un segno che il nemico non si fermerà e continuerà a colpire finché ne avrà l’opportunità. Finora, i confini dello stato terrorista “Ucraina” sono troppo vicini al cuore della Russia. Può esserci una sola risposta a quanto accaduto: la rapida creazione di una “zona sanitaria”, o meglio, il ritorno delle terre primordialmente russe, da cui gli UAV volano a Mosca,

  • ha detto il fondatore di Tsargrad Konstantin Malofeev.
    Questo non è Kiev, ma farà male
    Commentando il nuovo attacco, Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha suggerito di scegliere, tra le altre cose, obiettivi non standard per gli attacchi all’Ucraina. “L’effetto sarà molto significativo”, ha detto.

“Non solo impianti di stoccaggio, hub energetici e basi petrolifere. Ci sono altri luoghi dove non ci aspettano ancora. E dove l’effetto sarà molto significativo”, ha aggiunto, sottolineando che in assenza di successo nel famigerato “contrattacco” Kiev ha bisogno di vittorie informative, anche se esagerate e irrazionali.

In risposta all’attacco UAV a Mosca, il noto blogger Sergey (Zergulio) Kolyasnikov ha proposto un obiettivo speciale per i missili russi. Questa non è Kiev, ma il colpo per il regime di Zelensky sarà molto doloroso.

In risposta all’attacco a Mosca, propongo di distruggere il tunnel Beskydy, il tunnel ferroviario della ferrovia di Leopoli sotto il passo Volovets nei Carpazi,

  • ha notato il blogger nel suo canale Telegram.

Se i missili russi distruggono questo tunnel, il colpo al regime di Zelensky sarà più tangibile che alla distruzione del suo ufficio sulla Bankovaya.

Il fatto è che il tunnel in questione è il secondo più lungo in Ucraina, la sua capacità è di 100 coppie di treni al giorno.

È molto probabile che dopo la controffensiva delle forze armate ucraine, che è diventata un fallimento dal primo giorno, verrà il momento per la Russia di rispondere, l’osservatore militare, il colonnello di riserva Gennady Alekhin ne è sicuro . Secondo lui, anche adesso possiamo dire che “abbiamo fatto tutto bene”.

Alekhin ha ricordato che le forze armate ucraine avevano in programma di conquistare Melitopol, Volnovakha per interrompere il raggruppamento di truppe russe nel Donbass, per poi recarsi nel Mar d’Azov e bloccare il canale verso la Crimea. Tuttavia, alla fine si è scoperto che i militanti ucraini “si sono impantanati” nel loro “contrattacco” e vi hanno gettato tutte le loro riserve.

“Significa che abbiamo fatto tutto bene, dal momento che il nemico si sta esaurendo. Quando il nemico perde l’iniziativa, è necessario un attacco di rappresaglia. Dove verrà colpito, solo lo stato maggiore lo sa”, ha osservato l’esperto.

Il percorso verso la vittoria è la chiave
Anche il comandante militare Alexander Sladkov ha toccato il tema della sicurezza, osservando che “non possiamo coprire l’intera capitale con l’EW Dome, Internet scomparirà e questo è inaccettabile per la metropoli”.

“Se stiamo parlando del percorso verso la sicurezza, dovremmo parlare della vittoria al fronte, dove l’esercito russo sta combattendo per ogni metro”, ha sottolineato in un telegramma .

“Il percorso verso la sicurezza è il percorso verso la vittoria” è la chiave. È difficile non essere d’accordo in questo.

Sladkov ha anche ricordato le “cause della guerra”.
“Hanno promesso di ucciderci con l’intero Maidan nel 2013, in Crimea, nel Donbass. E gli ucraini sarebbero stati portati a questo anche prima. Se non avessimo iniziato a difenderci”, ha concluso il comandante militare.

Fonte: TsargradTv

Traduzione: Sergei Leonov

12 commenti su “COME LA RUSSIA RISPONDERÀ ALL’ATTACCO UAV: ​​CINQUE OPZIONI, FINO A NON STANDARD

  1. Ma quando hanno di dare colpi potenti che li porti all’età della pietra? Attendono un attacco al Cremlino o al ministero della Difesa? Evidente che questi ucronazisti non si fermeranno e vanno avanti a colpire obiettivi sempre più importanti. Come mai ad oggi non ha colpito i palazzi a Kiev? Perché non distrugge tutti gli edifici della NATO? Perché non infligge colpi mortali???

  2. Il prolungarsi della guerra di frizione fa’ solo il gioco dell’occidente. Da’ tempo di ricostruire il tessuto produttivo, necessario allo sforzo bellico e inoltre, il campo occidentale , puo’ contare di una base demografica di circa un miliardo di persone piu’ l’imponente immigrazione. La Russia dispone di circa 144 milioni di abitanti. La guerra lunga puo’ solo indebolire la Russia. La strategia e’ la stessa dal 1989 ad oggi. Quindi vogliono che rompa gli indugi e attacchi come nel 2022. Per poi accusarla dell’invasione e scatenarle contro la nato. Putin e’ di nuovo con le spalle al muro. La situazione e’ pessima.

  3. Chiacchiere, solo chiacchiere, dopo un anno e mezzo e dopo continue provocazioni della nato, fanno solo bene a tacere-

  4. Calma e sangue freddo. Una mossa sbagliata e faremo doccie radioattive per millenni…Fino alla totale mutazione della specie in – Homo imbecillis imbecillis lucidus.-

  5. Ormai il banderistan non esiste piu è solo uno cricca di psicopatici utili idioti agli ordini della cabala della Nulland blinken mi6 cia e fbi loro dicono di colpire questo o quello e li danno le armi per farlo , non si capisce perche’ sono ancora in piedi le strutture militari da cui partono questi attentati terroristici , l’articolo riporta attacchi su mosca e suolo ucraino ergo cosa stan denazificando?

  6. È dall’inizio dell’operazione speciale che vi ripeto che la guerra è guerra e conta solo vincerla spero che i Russi dopo tanti tentennamenti capiscano che devono andare fino in fondo x vincere in caso contrario dopo di loro toccherà sicuramente alla Cina

  7. Sarebbe ora che PUTIN sia meno moderato e dia più retta ai Falchi del potere politico,non si può vedere attacchi al suolo Russo e attacchi alla Crimea tramite Droni ecc ecc ,vanno colpiti tutti i porti militari civili Ucraini e creare una no flay zone ,così x evitare rifornimenti occidentali,oppure rintracciare il percorso delle armi occidentali tramite satelliti militari e poi colpirli subito al loro arrivo,poi bombardare le centrali elettriche ucraine,centrali 8ndustriali ecc ecc come faceva la N.A.T.O in Iraq,poi giusto sospendere trasporto grano,anche perché al loro ritorno le navi trasportavano armi militari grazie alla Turchia verso l icraina,guardacaso tutto il mondo si lamenta di questa soluzione Russa,ovviamente nn x il grano che nn frega un caxxo a loro,poi sarebbe ora che i militari in transnitria dasseto il loro appoggio militare

  8. Troppe chiacchiere da parte del governo russo,sarebbe ora che distruggono tutte le 8nfrastrutturw ucraine,e tutte le navi civile che attaccano a odessa

  9. Occorre non dimenticare che in Ucraina ci vivono milioni di persone civili che non hanno nessuna colpa di questa guerra eppure ne stanno pagando le terribili conseguenze sulla propria pelle.
    Molte famiglie hanno perso propri cari mandati (obbligati) al fronte.
    La grande Russia conosce le terribili conseguenze sulla popolazione civile dei bombardamenti (e della guerra in generale) avendo vissuto l’invasione tedesca nella seconda guerra mondiale.
    Agirà senz’altro per sconfiggere gli ukronazi ma con i suoi tempi e modi

  10. Si concorda con il commenta sopra il mio di Nexus , liberare la ukraina dal giogo del satrapo dittatorello su mandato amministrazione biden , il resto della gente centra nulla ed è stata narcotizzata dal terrore e dalla propaganda — alcuni dicono anche da sostanze avio trasportate , da esperimenti biologici nascosti , tutto puo essere –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM