Come la guerra in Iraq ha destabilizzato il mondo e perché i neocons non sono ancora finiti

di  Rania Khalek (*)

I pianificatori della guerra in Iraq sono stati completamente riabilitati negli USA e stanno pianificando la loro prossima avventura, anche se le catastrofiche ramificazioni dei loro crimini continuano a diffondersi in tutto il mondo.
La scorsa settimana ha segnato il 15 ° anniversario dell’invasione americana dell’Iraq nel 2003. Il 9 aprile sarà il 15 ° anniversario della caduta di Baghdad. Le conseguenze di questi eventi si stanno ancora verificando oggi, dal Mali al Niger, alle Filippine. L’Iraq non si è mai ristabilito e sta cominciando ad emergere dal trauma, mentre i funzionari americani pianificano la prossima avventura militare.

Scrivendo sul New York Times, il romanziere iraniano Sinan Antoon ha osservato : “L’invasione dell’Iraq viene spesso descritta negli Stati Uniti come un” errore “o addirittura un” errore colossale “. E ‘stato un crimine. Coloro che lo hanno perpetrato sono ancora in libertà. Alcuni di loro sono stati addirittura riabilitati grazie agli orrori del Trumpismo e alla cittadinanza per lo più amnesica. ”

La riabilitazione dei neocon

In effetti, l’ascesa di Trump ha fornito alla cabala degli architetti della guerra in Iraq un’occasione di riciclarsi. Dopo il loro totale fallimento in Iraq, queste persone sono state in gran parte disonorate e non prese più sul serio al di fuori dei circoli della destra radicale. Ma il Trumpismo e il desiderio dei liberali di estromettere l’attuale presidente, hanno portato a una coalizione anti-Trump che include al suo comando molte delle figure responsabili dietro l’invasione dell’Iraq. L’elenco include David, l’ “asse del male” Frum, ex speechwriter al presidente George W. Bush e ora un editor senior all’Atlantico, così come il think tanker neoconservatore Bill Kristol, e George W. Bush , che ora è celebrato come un pragmatico leader – anche da nostalgici democratici che lo mettono in contrasto con Trump.

La vittoria di Trump nelle primarie repubblicane su una piattaforma apparentemente isolazionista, che era ovviamente solo di facciata, ha spinto molti di questi neocons a correre verso Hillary Clinton, il candidato democratico. Coloro che si sono schierati dietro Clinton sono stati abbracciati dall’establishment democratico, mentre i falchi neocons più estremisti, che sono rimasti bloccati dal partito repubblicano, si sono effettivamente riinseriti nell’amministrazione Trump. Il più recente e terrificante di questi è John Bolton, ex ambasciatore degli Stati Uniti presso l’ONU. Bolton ha svolto un ruolo chiave nella politicizzazione dell’intelligence utilizzata per indurre in errore il pubblico sulle armi di distruzione di massa in Iraq. E ora lui è consigliere per la sicurezza nazionale di Trump.

Bolton è un estremista neocons che non ha mai considerato un paese che non abbia voluto bombardare. In cima alla sua lista di “successi” ci sono l’Iran e la Corea del Nord, sebbene Bolton abbia speso la maggior parte della sua energia agitandosi con l’establishment di Washington per bombardare l’Iran , che nel frattempo cerca di affidare all’opera dei Mujahedin E Khalq (MEK), un gruppo di esuli iraniani estremisti che hanno ricevuto il sostegno dell’intelligence israeliana ed erano stato in precedenza classificati come organizzazione terrorista dagli Stati Uniti.

Alla luce del anniversario della guerra in Iraq e della recente nomina di Bolton, è un buon momento per esaminare il danno che neocons come Bolton ha causato in Iraq. La guerra ha lasciato una stima di 1 milione di iracheni morti , 4,5 milioni di sfollati, 5 milioni di orfani, circa 2 milioni di vedove, e ha causato malformazioni alla nascita e tassi di cancro in alcune città irachene (bombardate con uranio impoverito)che sono significativamente peggiori di quelle viste dopo gli attentati atomici di Hiroshima e Nagasaki in Giappone alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Vedi: L’inferno di Falluja

Falluja, Iraq, inferno per i sopravvissuti

Ma la distruzione è arrivata ben oltre il solo Iraq.

La nuova Jihad
Il paradosso è quello che l’ascesa di Trump alla presidenza è per molti versi è stata colpa degli architetti della guerra in Iraq. Le loro politiche in Iraq, che sono state riciclate in Libia e in Siria, hanno portato all’ascesa dello Stato islamico e alla crisi dei rifugiati che ha alimentato populisti di destra come Trump e le sue controparti in Europa. La guerra in Iraq ha fatto rivivere un movimento jihadista morto dopo i primi mesi di guerra in Afghanistan, aprendo le porte ai jihadisti e ai loro sostenitori di tutto il mondo.

Quando gli Stati Uniti smantellarono lo stato iracheno nel 2003, invece di sostituirlo con un governo funzionante, punirono le aree sunnite e provvidero ad installare un regime sciita confessionale composto da esuli senza sostegno popolare nel paese. Gli Stati Uniti hanno essenzialmente creato una nuova categoria conosciuta come gli arabi sunniti/salafiti e, dove lo stato è collassato, era Al-Qaeda quella che avrebbe combattuto per loro conto. L’infiammazione causata dalle paure settarie e la mancanza di sicurezza hanno portato a un vuoto di potere che ha aperto le porte ad Al-Qaeda in Iraq e questa ha innescato una macabra guerra civile . L’Al-Qaeda alla fine si è trasformata nello Stato Islamico dell’Iraq. Prima di trasformarsi in ISIS, l’ISI ha istituito un ramo di al-Qaeda in Siria chiamato Jabhat al-Nusra, il gruppo di opposizione armata più forte e disciplinato del paese.

I gruppi ISIS e Al-Qaeda coltivano e prosperano al di fuori delle zone apolidi e una narrativa vittimistica araba sunnita , che è iniziata con l’esecuzione di Saddam Hussein ed è stata propagata in tutta la regione da figure religiose popolari finanziate dalle monarchie del Golfo e da media come Al Jazeera arabo .

Le decapitazioni sono diventate un segno distintivo della succursale di Al Qaeda in Iraq sotto Abu Musab al-Zarqawi che, a differenza di Osama bin Laden, iniziò a concentrarsi sulla lotta contro il vicino nemico – le dittature arabe, le persone secolari e le minoranze – in contrapposizione al lontano nemico dell’infedele dell’occidente. In seguito avremmo visto queste decapitazioni nei video di propaganda dell’ISIS per terrorizzare l’Occidente. C’era una teoria in passato nell’era di bin Laden che dovresti combattere il nemico lontano, l’ovest, prima del vicino nemico. Ma sotto il dominio di questo nuovo e evoluto Al Qaeda, sia in Iraq che nello Yemen o in Mali, abbiamo visto gli adepti locali wahabiti/salafiti, concentrati a massacrare i loro connazionali, con particolare odio genocida per gli sciiti (oltre che per i sufiti, alawiti, cristiani e drusi).

Terroristi dell’ISIS

L’occupazione americana di un paese arabo ha alimentato questo movimento jihadista salafita su scala globale. L’occupazione ha portato alla simpatia per questa jihad irachena in tutto il mondo musulmano, il che significava che arrivavano combattenti stranieri e un’enorme quantità di finanziamenti dalle monarchie del Golfo (Arabia Saudita e Qatar in testa).

Questo quadro globale di guerra al terrore è stato implementato anche dagli Stati Uniti in paesi come la Somalia e lo Yemen e in tutto il Nord Africa (per le loro finalità geopolitiche).

La guerra in Iraq ci ha regalato Donald Trump
Nonostante il disastro criminale americano in Iraq, Barack Obama ha continuato a implementare politiche di cambio di regime sia in Libia che in Siria finanziando e armando le insurrezioni dei radicali sunniti e salafiti, costituite nientemeno che dagli affiliati di Al-Qaeda, la stessa ideologia in cui gli USA avrebbero dovuto combattere la sua guerra globale al terrorismo. Come in Iraq, l’intervento degli Stati Uniti ha portato all’ascesa di uno stato fallito in Libia e in gran parte della Siria.

In Siria, queste zone di stato fallite sono state riempite da migliaia di combattenti stranieri provenienti dal confine turco, che gli Stati Uniti hanno tollerato come un mezzo per fare pressioni sul regime siriano, sperando che il regime avrebbe offerto concessioni, che ovviamente non ha mai fatto . Alla fine, l’ISIS ha rilevato molte di queste aree di stato fallite e ha iniziato a rapire gli occidentali e il gruppo ha guadagnato milioni di dollari in dollari di riscatto come risultato.

I massicci flussi di rifugiati che hanno portato gli Stati Uniti a incoraggiare la guerra e il cambio di regime in Medio Oriente hanno portato alla destabilizzazione di gran parte dell’Europa e, in certa misura, all’ascesa di Donald Trump, che ha fatto campagna sul terrorismo di ISIS, sui rifugiati e sui musulmani . Puoi rintracciare tutte queste e altre terribili conseguenze nella decisione degli Stati Uniti di incoraggiare la guerra e il collasso dello stato piuttosto che dare priorità alla stabilità e all’ordine in Medio Oriente. Tutto è iniziato con la guerra in Iraq.

Il dono che continua a dare
Le ramificazioni della guerra in Iraq stanno ancora giocando oggi, avendo ispirato movimenti jihadisti salafiti dalle Filippine al Mali e persino al Niger , dove i soldati americani sono stati recentemente uccisi dai jihadisti.

Inoltre, la guerra in Iraq, secondo le stesse persone che l’hanno architettata, ha rafforzato l’Iran nella regione. Ciò non è necessariamente negativo, dato che l’Iran e i suoi partner, come Hezbollah e le Forze di mobilitazione popolare irachene (PMF), sono stati fondamentali per sconfiggere l’ISIS in Iraq, Siria e Libano. Ma un Iran rafforzato è un incubo per gli Stati Uniti poiché minaccia l’egemonia americana, saudita e israeliana nella regione. Quindi, i pianificatori della guerra in Iraq stanno usando la forte posizione dell’Iran – creata dalle politiche neoconservatrici – per spingere per una guerra contro l’Iran. Hanno anche ampliato la loro lista dei risultati includendo la Russia, che stanno ancora cercando di provocare con un’escalation in Siria.

Con Bolton consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, una guerra con l’Iran è ora molto più probabile. Per l’industria bellica e i neocon che ne fanno pressione, la guerra in Iraq che hanno iniziato è il miglior affare che si possa dare loro.

* Rania Khalek è una giornalista americana, scrittrice e commentatrice politica con base in Medio Oriente

Fonte: RT News

Traduzione: Alejandro Sanchez

1 commento

  • atlas
    27 marzo 2018

    una cosa è bene ricordare, chiara : gli usa giudei hanno invaso e lasciatolo assassinare l’Iraq Sunnita di Saddam Hussein dagli sciiti di Muqtada Al Sadr. Non dimentico le immagini di sciiti che offrivano il the agli ameri cani quando entravano avanzando. Il Partito di Saddam era il Baàth, lo stesso di Bashar Al Asad…cmq forza Iran contro usa e sionisti, ma i wahhabiti salafiti non massacrano solo sciiti, alawiti e cristiani. Anche Sunniti. In Libia di sciiti non ce n’è, in Egitto neanche e in Cecenia e Daghestan nemmeno, eppure —

Inserisci un Commento

*

code