Come la Cina sta minando la supremazia degli Stati Uniti sul Medio Oriente


di Salman Rafi Sheikh (*)

Considerando che gli ultimi due presidenti degli Stati Uniti hanno fatto una campagna per il ritiro dal Medio Oriente – ed entrambi lo hanno fatto sulla scia della “ rivoluzione del petrolio di scisto ” negli stessi Stati Uniti – farlo non è stato solo difficile a causa soprattutto della battuta d’arresto geostrategica che questo ritiro avrà come effetto sulla supremazia degli Stati Uniti in Medio Oriente, ma anche alla crescente concorrenza che gli Stati Uniti stanno già affrontando dai loro rivali strategici: Cina e Russia.

Questo ritiro o un movimento verso una presenza limitata non sarebbe diventato politicamente e militarmente di attrito se non fosse stato seguito da un rapido avanzamento di Cina e Russia.

In quanto tale e così com’è, la capacità di questi stati di colmare rapidamente le lacune sta rendendo difficile per gli Stati Uniti anche mantenere una presenza limitata. Anche uno sguardo superficiale alla presenza militare degli Stati Uniti in Medio Oriente non solo mostra un progressivo ritiro negli ultimi anni, ma anche un’attività di avanzata quasi ugualmente proporzionale e vistosamente visibile dei suoi concorrenti, creando un dilemma ‘ritirarsi o non ritirarsi’ per i successivi responsabili politici degli Stati Uniti.
Il fatto che paesi come la Cina continuino a muoversi rapidamente e che gli Stati Uniti, nonostante i loro sforzi per combattere, non siano riusciti a limitare la loro attività economica, significa che gli Stati Uniti non possono fare a meno di vedere il proprio spazio restringersi, costringendoli in parte a muoversi verso una presenza non militare.

La Cina sta inconsapevolmente accelerando ciò che Obama e Trump avevano entrambi promesso ai loro elettori. Pertanto, nonostante la presenza continua degli Stati Uniti in Iraq e la la loro ingegneria politica sin dall’invasione del 2001, la Cina è già diventata il principale partner commerciale del paese arabo. Nonostante una “crisi petrolifera” all’inizio di quest’anno, le esportazioni irachene sono aumentate, grazie alla rapida ripresa della Cina dal COVID-19 e ai suoi legami sempre più profondi con l’Iraq. Mentre le spedizioni dell’Iraq verso Stati Uniti, India e Corea del Sud si sono notevolmente ridotte nel 2020, quelle verso la Cina sono aumentate di quasi il 27,5%.

Anche se questo è di per sé un aumento enorme, quello che lo rende strategicamente importante è il fatto che le relazioni Cina-Iraq si stanno approfondendo insieme a un ritiro militare americano parallelo. Il fatto che la Cina possa eventualmente arrivare a dominare le esportazioni di petrolio iracheno spiega anche perché gli Stati Uniti hanno iniziato a prestare particolare attenzione al petrolio iracheno. Questo è, in larga misura, radicato nella competizione tra le grandi potenze in Medio Oriente in base alla quale gli Stati Uniti resistono senza successo alla Cina.

Di conseguenza, i cinesi stanno spingendo avanti e sfidando gli Stati Uniti in grande stile. Questo mentre l’ accordo Cina-Iran (di 25 anni e per 450 miliardi di investimenti) mostra come i cinesi stiano praticamente interrompendo le politiche statunitensi, la ” Dichiarazione di Amman ” recentemente annunciata mostra come la Cina stia approfondendo proattivamente le sue relazioni anche con il resto del Medio Oriente.

Con gli stati arabi che approvano il concetto di politica estera centrale della Cina di “una comunità con un futuro condiviso per l’umanità ” e sostengono la sua posizione su Hong Kong e su altre questioni regionali e globali, non si può negare che il Medio Oriente nel complesso vede in partnership con la Cina enormi prospettive di sviluppo economico.

L’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) cinese ha già annunciato che la sua sesta riunione annuale si terrà a Dubai il 27-28 ottobre 2021. Questa è la prima volta che AIIB terrà la sua riunione annuale in Medio Oriente e ci sarà posto per un evento in parallelo con il “Dubai World Expo”. Negli ultimi anni, con il punto di appoggio in Medio Oriente, l’AIIB è cresciuta attraverso il finanziamento di una serie di progetti nella regione, tra cui il più grande progetto di energia solare dell’Oman , che è di gran lunga il primo finanziamento delle energie rinnovabili per AIIB nella regione.

Questo spiega perché i paesi arabi (e altri non arabi) hanno persino sviluppato una visione comune nei confronti della questione altrimenti delicata della presunta “incarnazione” dei “musulmani nello Xinjiang, definendola gli sforzi di” antiterrorismo “della Cina e sostenendo il progetto di de-radicalizzazione. La recente battaglia diplomatica all’ONU ha mostrato come l’influenza e il peso politico ed economico della Cina stiano aumentando, consentendole di assicurarsi vittorie diplomatiche cruciali.

Firma accordi per investimenti cinesi in Iraq

Mentre le crescenti relazioni economiche della Cina con i paesi arabi / mediorientali possono garantire in modo permanente le sue forniture di petrolio, il “ fattore Cina ” insieme alla sua tendenza a sviluppare una serie di reti economiche e connettività può anche lasciare un effetto trasformativo sul panorama geo-politico regionale, in particolare in termini di riduzione dell’intensità delle rivalità regionali.

Anche se smussare il Medio Oriente potrebbe non essere un’impresa facile nemmeno per la Cina, lo sviluppo economico ha una sua logica, fondamentalmente diversa dalle [politiche statunitensi che coinvolgono] basi militari e un incoraggiamento attivo delle rivalità regionali.

Anche se questo non vuol dire che il ruolo degli Stati Uniti in Medio Oriente finirà, gli sviluppi sopra discussi e il modello e la portata su cui ciò sta accadendo dimostrano che la Cina non è più un attore distante e che sta aumentando il suo spazio e la sua presenza a scapito degli Stati Uniti, rendendo gli Stati Uniti, nonostante la loro continua leva di potere militare relativa, il nuovo giocatore distante.

Salman Rafi Sheikh, ricercatore-analista di Relazioni internazionali in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ”.

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • atlas
    18 Settembre 2020

    certo che passare da dei giudei a dei buddisti non è il massimo, ma si vede che questo è il Destino del Destinatore Supremo

    Bill Gates non è pazzo, è giudeo. E ha preparato insieme agli altri suoi fratelli di loggia la legge marziale democratica per il mondo intero. Ora si attende solo l’anticristo (il loro falso messia). Ma Gesù sconfiggerà la democrazia.

    “Spero che i governi riescano a convincere un numero sufficiente di cittadini a vaccinarsi senza utilizzare misure coercitive, perché questo porterebbe a un enorme contraccolpo in tal senso”, ha aggiunto Gates.

    Bill Gates “non molto sorpreso” dal danno al midollo spinale causato dal vaccino di AstraZeneca

    https://it.sputniknews.com/mondo/202009179544203-bill-gates-non-molto-sorpreso-dal-danno-al-midollo-spinale-causato-dal-vaccino-di-astrazeneca/

    • atlas
      18 Settembre 2020

      se ci si ricorda avevano cominciato con la ‘globalizzazione’ e ‘il libero mercato’

      pensiamo un attimo a come si stava nel 1999, alle porte del 2000: già c’era la rete informatica, ma non aveva avuto ancora lo sviluppo odierno, non potevano agire in grande stile. Già c’erano i telefonini, ma idem

      c’era molta più libertà: si fumava in aereo e negli aeroporti, nei caffè, sui treni. La cintura in auto ? Iniziò nel 1989, ma nelle Due Sicilie chi la allacciava era considerato straniero. Si girava senza casco in moto. Non c’erano vie di accesso controllate da telecamere nè fotografie sulle strade a portare via i soldi tecnicamente. Milano era piena di culi di puttane nigeriane per le strade che la rendevano meno triste. Poi arrivò lui, BerLuxCohen, di nuovo. E fu 11 Settembre

      e fu dal medio oriente che tutto partì, dall’invasione dell’Iraq nel 2003, alla distruzione di Socialismi rimasti (in Algeria in tutti gli anni ’90 non vi erano riusciti) fino alla guerriglia da facebook in Tunisia. E il resto, sino al 2020

      • atlas
        18 Settembre 2020

        e poi gli stranieri, il mescolamento finale, il caos, il disordine istituzionalizzato

        Abdesselem Arfaoui
        POURQUOI ILS NE L’ONT EXPULSE DEPUIS 1993 ???? LES AUTORITES ITALIENNES SONT RESPONSABLES DE CE MEURTRE (perchè hanno aspettato dal 1993 per espellerlo ??? Le autorità italiane sono responsabili di questo delitto)

        miglior commento in quel sito. Lo doveva scrivere un tunisino. Ecco come vi vedono all’estero, io mi tiro fuori, sono Duo Siciliano, non italiano

        “tunisino uccide un sacerdote in Italia

        Un clandestino tunisino di 53 anni, clandestino in Italia dal 1993, ha ucciso, martedì, con pugnalate al cuore, un prete nella chiesa che lo ospitava e lo nutriva in compagnia di altri clandestini, in la città italiana settentrionale di Como.

        Questo immigrato illegale doveva essere rimpatriato in Tunisia con decisione del tribunale, ma questa decisione non ha potuto essere eseguita a causa della crisi Covid.”

        https://www.tunisienumerique.com/un-clandestin-tunisien-tue-un-pretre-en-italie/?fbclid=IwAR0KmXD3GhQfymFlw_3wmylGyQO7BS0VG-TT22Y8DqrtfMVlh2LsyC4oLE0

Inserisci un Commento

*

code