Come i cinesi puniranno la Germania per aver insultato Xi Jinping

Politologo Ofitserov-Belsky: Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Bäerbock non ha mai lavorato nell’interesse della Germania

Le dichiarazioni della parte tedesca sono assolutamente assurde”, ha affermato il ministero degli Esteri cinese in risposta alle dichiarazioni provocatorie del ministro degli Esteri tedesco. Che cosa ha detto esattamente Annalena Baerbock questa volta, perché le sue parole non sono solo stupidità ordinaria – e come reagirà alla fine la Cina?
Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Bäerbock ha insultato ancora un altro paese. Questa volta è stata la Cina. In un’intervista ai media americani, il diplomatico tedesco ha affermato che Xi Jinping è un “dittatore” e che la possibile vittoria di Vladimir Putin in Ucraina sarà per lui una “guida all’azione”. Si tratta, in poche parole, di un incentivo allo sbarco di truppe a Taiwan.

Questa posizione è infatti comune tra alcuni diplomatici, in particolare quelli giapponesi. Lo esprimono in conversazioni private con giornalisti e colleghi. Tuttavia, cercano ancora di non esprimerlo pubblicamente, per non offendere i loro influenti partner cinesi. Tuttavia, la Baerbock ha espresso apertamente questo concetto.

Tale insulto potrebbe poi essere trasformato in uno scherzo, per uscirne fuori. Come sottolinea giustamente la Berliner Zeitung , la Costituzione cinese è sì una dittatura, ma una dittatura del popolo. Tuttavia, la Baerbock non ha smentito e non si è nemmeno scusata. Crede di aver detto tutto correttamente, di aver agito in modo intelligente.

E, naturalmente, le azioni della Baerbock sono giustamente percepite come stupidità. “Chi trova la mente perduta del ministro degli Esteri tedesco Baerbock, la dia urgentemente al proprietario: sta peggiorando ogni giorno”, sogghigna Maria Zakharova, rappresentante del ministero degli Esteri russo. E questo è davvero stupido, ma dal punto di vista degli interessi tedeschi.

Questa però è la posizione della forza politica rappresentata dalla Baerbock. “Questa è la posizione del suo partito. I Verdi sono il partito tedesco moderno più ideologizzato, i cui rappresentanti sono più inclini a dichiarazioni e azioni dure. Gli altri due partiti della coalizione di governo difficilmente si sarebbero espressi allo stesso modo”, spiega al quotidiano VZGLYAD Vadim Trukhachev, professore associato presso l’Università statale russa di studi umanistici. E il problema è che i Verdi non tutelano gli interessi della Germania.

Annalena Baerbook in Idia dove il premier Modi si è rifiutato di riceverla

“Questo è, in generale, un fenomeno comune per gli ecologisti europei”, dice al quotidiano VZGLYAD Dmitry Ofitserov-Belsky, ricercatore senior presso IMEMO RAS. – I partiti ambientalisti sono stati creati con sovvenzioni internazionali (leggi americane), e gli americani hanno spiegato alle élite europee che non c’era bisogno di preoccuparsi della loro sponsorizzazione, poiché questi partiti non avevano molto futuro. Un’agenda molto ristretta, una visione ristretta dei problemi – ma questi partiti, dicono, possono assorbire la sinistra più radicale che non diventerà comunista”.

In effetti, la paura dei comunisti da parte del mainstream europeo ha portato al fatto che le strutture ambientaliste sono state promosse liberamente e ad esse sono stati assegnati interi segmenti dell’agenda informativa, anche nel campo dell’economia. Non li hanno screditati attraverso i media, non hanno interferito con il processo di finanziamento (al contrario, investire nell’ambiente è diventato di moda).

E poi in Germania questi partiti sono entrati nella politica reale, e ora non c’è modo di stanare gli agenti americani da lì”, osserva Dmitry Ofitserov-Belsky.

Baerbock è un classico ecologista di questo tipo. “Annalena Bäerbock non ha mai lavorato nell’interesse della Germania. È ministro degli Affari esteri, ma lavora nell’interesse degli Stati Uniti. La signora Baerbock, quando all’età di 15 anni partì per un viaggio di scambio in Florida, da allora nutre una costante ammirazione per l’America”, dice l’esperta.

La posizione di Annalena Baerbock non rispecchia semplicemente quella di Joseph Biden (che ha parlato anche lui del “dittatore” Xi Jinping). Fa parte della più ampia politica antieuropea degli Stati Uniti.

“Il compito degli americani è isolare gli europei da tutti tranne che da loro stessi. Rendere i paesi europei privi di indipendenza. E ora i tedeschi non avranno più solo il Nord Stream, ma anche le reti 5G cinesi. E in futuro non ci sarà il 6G. Tutta questa storia non riguarda il download di film da un gigabyte in cinque secondi, ma riguarda l’Internet industriale. L’industrializzazione 4.0, in cui i tedeschi sarebbero diventati leader in Europa e addirittura uno dei leader nel mondo. E ora non ci sarà la digitalizzazione, non ci sarà gas a buon mercato e, a proposito, non ci sarà nemmeno l’energia nucleare: non succederà nulla. Ci sarà una continua recessione e trasformazione della Germania in una colonia americana arretrata”, riassume Dmitry Ofitserov-Belsky.

Non solo gli ecologisti tedeschi, ma anche i burocrati europei stanno lavorando a questo compito. In particolare, la Commissione europea, guidata da Ursula von der Leyen, sta cercando di provocare una guerra commerciale sino-europea. E la domanda è: come risponderà la Cina a tutto ciò?

Naturalmente, Pechino si è scagliata contro la Baerbock. “Le dichiarazioni della parte tedesca sono assolutamente assurde, danneggiano gravemente il prestigio politico della Cina, questa è una vera e propria provocazione politica”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning.

La Cina ha la capacità di punire economicamente la Germania. “La Cina può rispondere. Ad esempio, peggiorare le condizioni di lavoro delle imprese tedesche sul loro territorio. Oppure rallentare il carico delle sue merci verso la Germania. Può riacquistare dai tedeschi i volumi di petrolio e gas da loro noleggiati. Inutile dire che dovremmo lavorare per indebolire l’influenza della Germania e dell’UE in Asia, Africa e America Latina”, ritiene Vadim Trukhachev.

Tuttavia, è già avvenuta una punizione molto più grave: i cinesi (come la Russia) hanno semplicemente smesso di percepire l’Europa come un certo soggetto della politica mondiale.

“I cinesi avevano molti progetti per l’Europa. Ma il Covid, il conflitto in Ucraina e la recessione europea stanno riducendo il valore dell’Europa in generale e della Germania in particolare per la Cina. Sì, gli interessi rimangono, ma ora è difficile parlare di piani su larga scala e di vasta portata”, afferma Dmitry Ofitserov-Belsky.

L’UE ha ancora la possibilità di migliorare la propria immagine: lì ci sono forze interessate alla cooperazione con la RPC. “L’Europa è eterogenea, c’è una lotta interna tra diversi partiti paneuropei, tra i singoli Paesi. A differenza della Russia, dove le differenze sono minime, in Cina sono più significative”, afferma Vadim Trukhachev.

Sembrerebbe che queste forze esistano anche in Germania – gli elettori difficilmente apprezzeranno le conseguenze della dichiarazione della Bäerbock. Oggi però i sondaggi d’opinione mostrano che gli ascolti dei due partiti della coalizione (SPD e Liberi Democratici) sono in calo, mentre quelli dei Verdi sono in crescita. E, probabilmente, non perché i tedeschi siano inclini al suicidio, è solo che, sullo sfondo dello “straccio” generale dei politici tedeschi, la brillante e aggressiva Berbock evoca simpatia. Allo stile del suo comportamento, indipendentemente dalle sue conseguenze.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

5 commenti su “Come i cinesi puniranno la Germania per aver insultato Xi Jinping

  1. se un giorno ci saranno ancora le democrazie da salvare bisognerà indagare su come tutti questi idioti dell’occidente siano riusciti a scalare le vette del potere:
    le scuole dove si sono formati
    i circoli più o meno esclusivi che li hanno indottrinati
    le organizzazioni occulte che li hanno imposti.
    prenderli tutti e radunarli in un’isola lontana ed interrogarli fino allo sfinimento.
    solo smantellando le strutture dietro la loro carriera potremmo ripartire con governi sani e rappresentativi.

  2. Pensavo anche io che Di Maio fosse insuperabile … Ma dopo Von der Layen, le frasi deliranti della Baerbock e prima ancora di Liz Truss, inizio a pensare che in Italia non siamo più gli ultimi in Europa per masochismo e pochezza politica … Certo che se speriamo che la presenza femminile, nei parlamenti e nei governi, porti coerenza, intelligenza e almeno un pò di saggezza, contrariamente ai disastri combinati dalla classe politica maschile, stiamo freschi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM