Come hanno pianificato gli Stati Uniti la guerra e la crisi energetica in Europa?

di Fhilippe Rosenthal

Il think tank Rand Corporation, che ha 1.850 dipendenti e un budget di 350 milioni di dollari, ha l’obiettivo ufficiale di “migliorare le politiche e il processo decisionale attraverso la ricerca e l’analisi”. È principalmente legato al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti [Pentagono] ed è famoso per essere stato influente nello sviluppo di strategie militari e di altro tipo durante la Guerra Fredda.
La Rand Corporation ha denunciato le accuse di aver rivelato il piano organizzato per la distruzione della Germania.

Falso rapporto della Rand Corporation sull'”indebolimento della Germania”? La Rand Corporation ha rilasciato un comunicato stampa negando che il rapporto provenisse da loro. Non è stato fatto alcun commento su quali parti del rapporto siano sbagliate o giuste. La Rand Corporation ha deciso di limitarsi solo specificando che i contenuti sono “bizzarri” e che il documento è “falso”: “Un presunto rapporto trapelato della Rand [Corporation] su uno strano complotto americano per “indebolire la Germania” è sbagliato”.

Il media svedese, Nya Dagbladet, che è all’origine di questo comunicato stampa della Rand Corporation, ha affermato che il documento della Rand Corporation era trapelato e, tuttavia, ha prodotto un primo articolo su questo file senza timore di dover affrontare denunce da parte delle autorità statunitensi .

Il Nya Dagbladet ha pubblicato un resoconto dettagliato della strategia statunitense per sfruttare la crisi energetica in Europa. Tutto nasce, dunque, da un documento firmato dalla Rand Corporation intitolato “Indebolire la Germania, rafforzare gli Stati Uniti”. Il documento pubblicato da Nya Dagbladet suggerisce che c’è un “bisogno urgente” di un afflusso di risorse esterne per sostenere l’intera economia statunitense, ma “soprattutto il sistema bancario”. “Solo i paesi europei vincolati dagli impegni dell’UE e della NATO possono fornirceli senza significativi costi militari e politici per noi”.

Il quotidiano svedese, sotto la penna di Markus Andersson e Isac Boman, afferma che, secondo la Rand Corporation, il principale ostacolo a questa ambizione è la crescente indipendenza della Germania. Il documento insiste sul fatto che la Brexit ha dato alla Germania una maggiore indipendenza e ha reso più difficile per gli Stati Uniti influenzare le decisioni dei governi europei. Un obiettivo chiave, che permea questa cinica strategia, è, in particolare, la distruzione della cooperazione tra Germania e Russia, nonché la cooperazione tra Germania e Francia, considerata la più grande minaccia economica e politica per gli Stati Uniti. “Se verrà attuata la cooperazione Francia-Germania-Russia, questo scenario finirà per rendere l’Europa non solo un concorrente economico, ma anche politico degli Stati Uniti.

Un solo modo: “Attrarre entrambe le parti nella guerra contro l’Ucraina”. Per schiacciare questa minaccia politica, viene presentato un piano strategico, incentrato principalmente sulla distruzione dell’economia tedesca. “L’interruzione delle consegne russe potrebbe creare una crisi sistematica che sarebbe devastante per l’economia tedesca e indirettamente per l’Unione europea nel suo insieme”, afferma il documento, affermando che la chiave è trascinare i paesi europei in guerra. “L’unico modo possibile per garantire che la Germania rifiuti le forniture energetiche russe significa trascinare entrambe le parti nel conflitto militare in Ucraina. Le nostre continue azioni porteranno inevitabilmente a una risposta militare dalla Russia. Chiaramente la Russia non rinuncerà alla massiccia pressione esercitata dall’esercito ucraino sulla Repubblica popolare di Donetsk senza una risposta militare. Questo permetterebbe di presentare la Russia come la parte aggressiva, e quindi di attuare l’intero pacchetto di sanzioni, che è già stato redatto”.

I partiti [verdi] costringeranno la Germania a “cadere nella trappola”. I partiti [verdi] in Europa sono descritti come particolarmente facili da manipolare dagli Stati Uniti. “Il presupposto perché la Germania cada in questa trappola è il ruolo dominante dei partiti [verdi] e delle ideologie europee. Il movimento ambientalista tedesco è un movimento altamente dogmatico, persino fanatico, il che rende abbastanza facile indurli a ignorare le argomentazioni economiche”, riporta il documento – descritto come falso dalla Rand Corporation –, citando – come esempi di questo tipo di [ leader politici – l’attuale ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, e il vicecancelliere e ministro federale dell’Economia e del clima, Robert Habeck.
Per gli strateghi statunitensi, caratteristiche personali e mancanza di professionalità fanno presumere che sia impossibile per loro riconoscere i propri errori nel tempo. Basterebbe quindi formare rapidamente un’immagine mediatica della guerra di aggressione di Putin – e rendere gli ambientalisti ardenti e tenaci sostenitori delle sanzioni – un “partito di guerra”. Ciò consentirà di “imporre le sanzioni senza alcun ostacolo”.

Annalena] Baerbock, Ministro Esteri Germania verde e russofona

[Annalena] Baerbock è, tra l’altro, nota per aver dichiarato che continuerà con la sospensione del gas russo anche durante l’inverno, indipendentemente da ciò che i suoi elettori pensano della questione e delle conseguenze per la popolazione tedesca. “Staremo con l’Ucraina e ciò significa che le sanzioni saranno mantenute in inverno, anche se sarà molto difficile per i politici”, ha detto di recente in una conferenza a Praga.
“Idealmente: una chiusura completa delle forniture.” Gli autori (del documento) contano sulla speranza che il danno tra Germania e Russia sarà così grande che sarà impossibile per i paesi ripristinare in seguito le normali relazioni: “Una riduzione delle forniture energetiche russe – idealmente, una completa cessazione queste forniture – porterebbero a risultati disastrosi per l’industria tedesca. La necessità di deviare quantità significative di gas russo per il riscaldamento invernale aggraverà ulteriormente le carenze. I blocchi nelle imprese industriali porterebbero a carenza di componenti e pezzi di ricambio per la produzione, interruzione delle catene di approvvigionamento e, in definitiva, un effetto domino”.

In definitiva, secondo il documento trapelato, un collasso economico totale in Europa è considerato sia probabile che auspicabile. “Non solo questo affare sarà un colpo devastante per l’economia tedesca, ma l’intera economia dell’intera UE crollerà inevitabilmente”.

Il documento sottolinea inoltre che i vantaggi logistici e il deflusso di capitali dell’Europa significherebbero che potrebbe contribuire da 7 trilioni a 9 trilioni di dollari all’economia statunitense e che molti giovani europei istruiti saranno quindi costretti a immigrare negli Stati Uniti.

Ciliegina sulla torta, il quotidiano svedese continua ad accusare la Rand Corporation in altri articoli. Il Nya Dagbladet ha rivelato che Carl Bildt, l’ex primo ministro svedese, dichiara il documento “falsificato”, “pur essendo un consigliere dell’organizzazione”. Lui stesso è citato in un comunicato stampa della Rand Corporation che lo presenta come membro del consiglio di amministrazione.

Invece di fare una pausa, Nya Dagbladet ha pubblicato un altro articolo che citava “funzionari statunitensi a cui era indirizzato il documento [Rand Corporation]”: il segretario di Stato americano Antony Blinken, il capo di stato maggiore della Camera Blanche Ron Klain, il direttore della CIA William Burns, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e il direttore della NSA Paul Nakasone.

Quindi documento falso o reale? Gli Stati Uniti mirano alla distruzione dell’Europa, della Francia, della Germania per aver provocato un conflitto in Ucraina per attivare un confronto dei paesi europei contro la Russia? Il Nya Dagbladet, in ogni caso, non ha ancora ritirato i suoi articoli accusando la Rand Corporation e il suo rapporto.

fonte: Continental Observer

Traduzione: Gerard Trousson

3 Commenti
  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 20:37h, 19 Ottobre Rispondi

    OK. e prepariamoci al peggio. intanto, xo’, tra virgolette, in Brianza l’economia vola (mai pensato che i dati delle nazioni sul cosiddetto PIL siano (da sempre ?) falsi ?), tantissimo lavoro, tantissime spese, risto e cèntri comm. pieni, auto nuove ovunque, ragazzi che a Milano (e nonostante abbiano gia’ pagato x tutta la notte parcheggio x auto della discoteca) se vedono che c’è troppa fila x entrare in disco nn aspettano 40minuti e dopo 5min. di lamentele x la fîla troppo luunga… cambiano quasi subito zôna con l’auto e abbandonano il parcheggio inùtilmente pagato, e spese di decine di euri di entrata x ognuna delle due/tre disco divêrse della metropoli in unica notte… x’ una sola disco, in una notte, è stufarsi. probab. ho esagerato, eppure sn testimone oculare

  • birratarelli
    Inserito alle 21:25h, 19 Ottobre Rispondi

    non mi sembra una notizia freschissima era dal 9 gennaio che la Rand Corporation aveva studiato questo piano c’è poco da stupirsi mi sorprende invece che nessuno metta in risalto le quinte colonne USA nel governo dell’Unione europea.
    nessuno si stupisce delle farneticazioni del condannato per ladrocinio Joseph borrel e del suo presunto giardino Europeo di sarà scordato di dirle che questo giardino è pieno di cagate e che gli stessi politici venduti fanno a gara a chi ne fa di più in questo meraviglioso giardino.

    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

  • Paolo pavesi
    Inserito alle 21:57h, 19 Ottobre Rispondi

    Meraviglioso il giardino pieno di cagate. Concordo pienamente. dasvidania

Inserisci un Commento