Come gli stessi ucraini hanno smascherato le bugie americane

di Valentin Vasiliscu.

15-20 minuti dopo l’attacco alle basi aeree russe nelle regioni di Ryazan e Saratov, i media russi non avevano ancora appreso dell’incidente. Pertanto, la direzione della guerra psicologica dell’esercito ucraino è riuscita a prendere l’iniziativa su questo argomento, saturando i social network con disinformazione relativa a presunti effetti catastrofici, come perdite radioattive da missili nucleari danneggiati immagazzinati in queste basi.

Da questo si può concludere che, nell’algoritmo di preparazione anticipata dell’operazione ucraina, la parte di disinformazione era uno degli elementi fondamentali.
Tuttavia, la domanda è: come potrebbe la direzione della guerra psicologica dell’esercito ucraino venire a conoscenza, in tempo reale, del successo dell’attacco simultaneo alle due basi aeree?

Va detto che i droni Tu-141 Strizh non hanno a bordo elementi di controllo obiettivo per indicare alla stazione di lancio, la posizione in cui si trovano. E se i droni fossero stati abbattuti in rotta verso i loro obiettivi, lanciare la disinformazione non avrebbe avuto alcun effetto sui civili russi.

Satellite da rilevamento

Di notte, solo dal satellite è possibile sapere se l’esplosione del drone è avvenuta sul bersaglio o altrove; e non da un satellite civile, ma da un satellite militare specializzato, dotato di apparecchiature ottiche ad alta risoluzione nell’infrarosso e nell’ultravioletto. E l’orbita del satellite deve essere sincronizzata per coincidere con l’ora in cui il drone colpisce il bersaglio. Perché dalla verticale dell’obiettivo, il satellite può rilevare e trasmettere l’immagine dell’esplosione del drone. L’Ucraina non ha i propri satelliti. Ma gli Stati Uniti dispongono di satelliti militari in grado di eseguire tali cambiamenti di orbita per svolgere una serie di missioni.
Non incoraggiamo l’Ucraina a lanciare attacchi al di fuori dei suoi confini e non permetteremo all’Ucraina di organizzare attacchi oltre i confini“, ha detto il portavoce del Dipartimento della Difesa dello Stato americano, Ned Price, al Guardian. Il dignitario sembra essere un uomo serio, elegantemente vestito, non un comico da circo. La dichiarazione è stata rilasciata il giorno dopo che un drone ucraino ha colpito le 2 basi aeree di bombardamento strategico russe, situate a una distanza di 600-750 chilometri di profondità nel territorio russo.
Il Cremlino può ancora credere a Ned Price?

Valentin Vasiliscu

Tratto da: Reseau International

Traduzione: Gerard Trousson

5 Commenti
  • Idea3online
    Inserito alle 14:09h, 15 Dicembre Rispondi

    Se la Russia ha trasformato il Caos in Medio Oriente in Ordine, le Primavere Arabe non hanno avuto successo, tanto più riuscirà a trasformare in Ordine il Caos nell’Est Europa, Medio Oriente Europeo o Occidente Russo.
    Perciò prima o poi da Grande Reset il conflitto diventerà assestamento Geopolitico di Medio Termine. Ancora il Terzo Tempio non è tra noi, perciò l’Occidente non può fare affidamento ancora sul Grande Monarca. La Russia è Impero, ed il Grande Reset è niente in confronto alla Profezia di Daniele cap.11 dal versetto 29 in poi.

  • antonio
    Inserito alle 14:24h, 15 Dicembre Rispondi

    nel girone infernale de fraudolenti – il mondo di Lucifero contro il mondo di Cristo

  • Alfio
    Inserito alle 17:46h, 15 Dicembre Rispondi

    Invasati ….

    • Giorgio
      Inserito alle 08:14h, 16 Dicembre Rispondi

      Invasati liberisti globalisti pro usa ….

  • franco
    Inserito alle 18:30h, 15 Dicembre Rispondi

    si sa che tutte le infos sono gestite dal sistema della cia che sfrutta il playbook disinformativo della guerra del golfo e della guerra in anfghanistan , stesse tattiche stessi false flags per ottenebrare le menti , la ukro pazzonia usa la disinformazione per nascondere i suoi mezzomilione di perdite .

Inserisci un Commento