Come gli Stati Uniti hanno condotto il mondo in una crisi globale

Come ha detto Vladimir Putin al Valdai Forum, nei prossimi anni dei cambiamenti radicali attendono l’intero pianeta . Che cosa aveva esattamente in mente il leader russo, chi e come ha creato i prerequisiti per cambiamenti così decisivi e come potrebbe essere questo futuro imprevedibile oggi per il mondo intero e per la Russia?

“Ci attende probabilmente il decennio più pericoloso, imprevedibile e allo stesso tempo importante dalla fine della seconda guerra mondiale”. Molti esperti sono pronti a sottoscrivere questa frase di Vladimir Putin, che ha detto durante un incontro del Valdai International Club. Inoltre, sia dalla Russia che da altri paesi: gli Stati Uniti, l’Unione Europea, gli stati del “sud globale”. Ovunque scrivono che i prossimi anni saranno decisivi per lo sviluppo della civiltà.

Sì, ci sono già stati decenni “definitivi” nella storia recente dell’umanità. Tuttavia, mai prima d’ora, nemmeno negli anni ’30, la posta in gioco era così alta. Il prossimo decennio, infatti, determinerà se le civiltà umane potranno convivere insieme secondo regole uniformi e universalmente accettate, nell’ambito di un processo che il presidente russo ha chiamato “integrazione”.

La tempesta perfetta

“Se la globalizzazione liberale è spersonalizzazione, imposizione del modello occidentale al mondo intero, l’integrazione, al contrario, è la rivelazione del potenziale di ciascuna civiltà nell’interesse dell’insieme, per il bene del bene comune. Se il globalismo è un dettato, ed è a questo che si riduce alla fine, l’integrazione è lo sviluppo congiunto di strategie comuni che sono vantaggiose per tutti”, ha affermato Vladimir Putin. L’alternativa a questo processo sarà il degrado totale, che può portare non solo a una guerra mondiale, ma anche a una guerra nucleare. Cioè, in altre parole, alla distruzione delle civiltà umane in quanto tali.

La ragione di una posta in gioco così alta sarà tutta una serie di crisi e problemi che culmineranno nei prossimi anni. Che, intrecciandosi tra loro, creano una vera e propria tempesta ideale, che ora include le civiltà.

Uno di questi problemi è la fine della globalizzazione in quanto tale. La globalizzazione, su cui si basava il dominio americano nel mondo.

«È proprio sull’unificazione, sul monopolio finanziario e tecnologico, sulla cancellazione di tutte le differenze, che si è costruito anche il modello occidentale di globalizzazione, neocoloniale nella sua essenza. Il compito era chiaro: rafforzare il predominio incondizionato dell’Occidente nell’economia e nella politica mondiale, e per questo mettere al servizio delle risorse naturali e finanziarie, le opportunità intellettuali, umane ed economiche dell’intero pianeta, per farlo sotto la salsa della cosiddetta nuova interdipendenza globale”, ha detto Vladimir Putin.

Tuttavia, gli stessi Stati Uniti hanno seppellito questo modello. La crescita del protezionismo, l’incapacità di superare la prova delle crisi (in particolare, il coronavirus, quando la stragrande maggioranza dei paesi ha scelto di chiudere anche per gli alleati e sopravvivere da sola), la politica egoistica dell’America di sottrarre risorse ad altri stati, utilizzando il suo controllo sulle istituzioni globali (lo stesso dollaro) per la pressione politica sui paesi – tutto ciò ha portato a un ritorno dell’umanità dal globalismo e al regionalismo.

E non si tratta solo dell’economia, non solo di una sorta di cooperazione politica e della scomparsa della possibilità che emerga un’unica ideologia globale e attraente per tutti, ma anche del crescente conflitto tra i centri regionali di potere che costruiscono i loro sistemi . Non si tratta più tanto della convivenza, ma del tentativo di alcuni paesi di conquistare il loro posto sotto il sole, mentre altri – di non cedere questo posto. E se il rafforzamento dell’integrazione regionale nell’ambito della SCO non provoca ancora conflitti, allora, ad esempio, l’AUKUS creato dagli americani è direttamente finalizzato al contenimento politico-militare della Cina.

Parassiti e spaccatura

Un’altra sfida all’interno della tempesta ideale è la crisi più profonda negli Stati Uniti. Innanzitutto la crisi economica.

L’America vive una vita parassitaria, finanzia attraverso prestiti e aumenta costantemente il suo debito pubblico. Sotto Joseph Biden, ha superato il tetto di $ 30 trilioni. Crescerà solo, il che significa che gli Stati Uniti hanno bisogno del più alto livello di affidabilità degli investimenti nell’economia americana nel mondo e dei tassi di interesse più bassi per il servizio dei prestiti.

Solo a tali condizioni gli investitori e le banche centrali di altri paesi continueranno a prestare all’economia americana.

In poche parole, più difficile è la situazione dell’economia americana, maggiore dovrebbe essere la crisi delle economie degli altri paesi, compresi i loro stessi alleati (per i quali gli Stati Uniti stanno ora creando una crisi in Europa). E tutto questo avverrà sullo sfondo di un forte aumento del costo delle risorse: alcuni media europei hanno già scritto che il periodo dell’energia a basso costo è finito. Il sogno americano, ricordiamo, si basa sul principio che ogni prossima generazione di americani dovrebbe vivere meglio della precedente.

C’è anche una crisi politica negli Stati Uniti. L’intero sistema politico americano era basato su pochi pilastri.

Innanzitutto sulla cooperazione bipartisan. Se in Europa e in numerosi altri paesi il controllo di un partito sulla sfera legislativa e l’altro sull’esecutivo portava a una crisi politica interna ea una paralisi, per gli Stati Uniti questa divisione era nell’ordine delle cose. I repubblicani potevano controllare il Congresso, i democratici erano alla Casa Bianca ei due partiti lavoravano perfettamente insieme su un unico corso.
La seconda balena era l’assoluta fiducia nell’onestà delle elezioni. Ciò era particolarmente importante nelle situazioni in cui, nel quadro del sistema elettorale maggioritario, la differenza tra i candidati di due partiti alle elezioni poteva essere solo di pochi punti percentuali, o addirittura di pochi decimi di punto percentuale.

Ora queste balene sono annegate. Più o meno dal periodo Obama, la cooperazione tra i partiti ha cominciato a scomparire, principalmente a causa della radicalizzazione interna dell’ideologia di entrambe le parti. Sotto Donald Trump, il conflitto ha raggiunto un livello fondamentalmente nuovo, quando i Democratici non solo si sono rifiutati di collaborare con l’amministrazione repubblicana, ma hanno anche dichiarato il suo leader (che non condivideva i valori democratici neoliberisti) quasi l’Anticristo.

Ora ci sarà l’effetto opposto: dopo la vittoria dei repubblicani alle elezioni di medio termine del ventiduesimo anno, faranno semplicemente dell’amministrazione democratica di Joseph Biden una “anatra zoppa” due anni prima della scadenza del mandato di quest’ultimo. I repubblicani affonderanno l’attuale amministrazione e saboteranno le sue decisioni, soprattutto dopo che i democratici, secondo i repubblicani, hanno truccato le elezioni presidenziali del 2020. Il culmine della crisi è previsto nel 2024, quando si terranno le nuove elezioni presidenziali.

L’America in questa situazione di instabilità interna diventa estremamente aggressiva. Anche perché il principio di una piccola guerra vittoriosa per unire la nazione non è stato cancellato.

Un elemento altrettanto importante della tempesta perfetta è la crescita dei concorrenti americani. Nella situazione di crisi della globalizzazione, oltre alla crescente aggressività degli Stati Uniti, sempre più centri di potere regionali stanno iniziando a fare il loro gioco. Come parte del loro gioco, sfidano gli Stati Uniti e le regole non dette del gioco stabilite dagli americani.

Non si tratta solo della Russia con la sua operazione speciale in Ucraina, non solo della Cina con le sue pretese su Taiwan e del dominio economico nell’Asia orientale, e nemmeno solo dell’Iran con il suo desiderio di portare il suo programma nucleare alla sua logica conclusione.

Riguarda gli alleati americani. Quelli di loro la cui leadership ha mantenuto almeno una parte della sovranità e nelle situazioni attuali sta fuggendo dal naufragio della leadership americana. Sceglie il proprio percorso di sviluppo in isolamento dall’America.

E se la Germania non ha tale volontà politica, se la vecchia Europa nel suo insieme è ancora in linea con gli interessi americani, nonostante i gravi effetti collaterali di tale seguito, allora Turchia e Arabia Saudita hanno già scelto la propria strada mirata al multipolarismo e diversificazione delle relazioni esterne. Entrambi i paesi sono alleati chiave dell’America nelle rispettive regioni e l’indebolimento di queste alleanze porta a un aumento ancora maggiore dell’aggressività americana.

Infine, tutti questi elementi della tempesta perfetta sono riccamente aromatizzati con armi nucleari.
Le armi che per decenni hanno tenuto il mondo lontano da una guerra globale, per decenni hanno permesso ai paesi di svilupparsi con piena fiducia nella propria sicurezza. Ma questo era in una situazione in cui queste armi erano di proprietà di attori responsabili, cioè paesi governati da leader responsabili che osservavano alcune linee rosse non scritte. Una serie di accordi che creavano un tetto per l’escalation in qualsiasi conflitto.

Ora quelle linee rosse sono sparite.

I bombardamenti degli americani e degli inglesi del Nord Stream, l’attacco terroristico al ponte di Crimea, nonché la visita provocatoria del presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi a Taiwan hanno dimostrato che il soffitto era stato infranto. Un gioco senza linee rosse, concorrenza globale e politiche aggressive potrebbe portare la civiltà ad andare oltre la soglia della guerra nucleare.

Pertanto, il prossimo decennio sarà decisivo. O troveremo forme di convivenza e integrazione, oppure, secondo le parole di un famoso scienziato, la quarta guerra mondiale sarà combattuta con pietre e bastoni. «L’umanità oggi, infatti, ha due strade: o continuare ad accumulare un carico di problemi che inevitabilmente ci schiaccerà tutti, oppure cercare insieme di trovare soluzioni, seppur imperfette, ma funzionanti, capaci di rendere il nostro mondo più stabile e più sicuro ”, ha parlato Vladimir Putin a Valdai.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM