Come gli Stati Uniti hanno condotto il mondo in una crisi globale

Come ha detto Vladimir Putin al Valdai Forum, nei prossimi anni dei cambiamenti radicali attendono l’intero pianeta . Che cosa aveva esattamente in mente il leader russo, chi e come ha creato i prerequisiti per cambiamenti così decisivi e come potrebbe essere questo futuro imprevedibile oggi per il mondo intero e per la Russia?

“Ci attende probabilmente il decennio più pericoloso, imprevedibile e allo stesso tempo importante dalla fine della seconda guerra mondiale”. Molti esperti sono pronti a sottoscrivere questa frase di Vladimir Putin, che ha detto durante un incontro del Valdai International Club. Inoltre, sia dalla Russia che da altri paesi: gli Stati Uniti, l’Unione Europea, gli stati del “sud globale”. Ovunque scrivono che i prossimi anni saranno decisivi per lo sviluppo della civiltà.

Sì, ci sono già stati decenni “definitivi” nella storia recente dell’umanità. Tuttavia, mai prima d’ora, nemmeno negli anni ’30, la posta in gioco era così alta. Il prossimo decennio, infatti, determinerà se le civiltà umane potranno convivere insieme secondo regole uniformi e universalmente accettate, nell’ambito di un processo che il presidente russo ha chiamato “integrazione”.

La tempesta perfetta

“Se la globalizzazione liberale è spersonalizzazione, imposizione del modello occidentale al mondo intero, l’integrazione, al contrario, è la rivelazione del potenziale di ciascuna civiltà nell’interesse dell’insieme, per il bene del bene comune. Se il globalismo è un dettato, ed è a questo che si riduce alla fine, l’integrazione è lo sviluppo congiunto di strategie comuni che sono vantaggiose per tutti”, ha affermato Vladimir Putin. L’alternativa a questo processo sarà il degrado totale, che può portare non solo a una guerra mondiale, ma anche a una guerra nucleare. Cioè, in altre parole, alla distruzione delle civiltà umane in quanto tali.

La ragione di una posta in gioco così alta sarà tutta una serie di crisi e problemi che culmineranno nei prossimi anni. Che, intrecciandosi tra loro, creano una vera e propria tempesta ideale, che ora include le civiltà.

Uno di questi problemi è la fine della globalizzazione in quanto tale. La globalizzazione, su cui si basava il dominio americano nel mondo.

«È proprio sull’unificazione, sul monopolio finanziario e tecnologico, sulla cancellazione di tutte le differenze, che si è costruito anche il modello occidentale di globalizzazione, neocoloniale nella sua essenza. Il compito era chiaro: rafforzare il predominio incondizionato dell’Occidente nell’economia e nella politica mondiale, e per questo mettere al servizio delle risorse naturali e finanziarie, le opportunità intellettuali, umane ed economiche dell’intero pianeta, per farlo sotto la salsa della cosiddetta nuova interdipendenza globale”, ha detto Vladimir Putin.

Tuttavia, gli stessi Stati Uniti hanno seppellito questo modello. La crescita del protezionismo, l’incapacità di superare la prova delle crisi (in particolare, il coronavirus, quando la stragrande maggioranza dei paesi ha scelto di chiudere anche per gli alleati e sopravvivere da sola), la politica egoistica dell’America di sottrarre risorse ad altri stati, utilizzando il suo controllo sulle istituzioni globali (lo stesso dollaro) per la pressione politica sui paesi – tutto ciò ha portato a un ritorno dell’umanità dal globalismo e al regionalismo.

E non si tratta solo dell’economia, non solo di una sorta di cooperazione politica e della scomparsa della possibilità che emerga un’unica ideologia globale e attraente per tutti, ma anche del crescente conflitto tra i centri regionali di potere che costruiscono i loro sistemi . Non si tratta più tanto della convivenza, ma del tentativo di alcuni paesi di conquistare il loro posto sotto il sole, mentre altri – di non cedere questo posto. E se il rafforzamento dell’integrazione regionale nell’ambito della SCO non provoca ancora conflitti, allora, ad esempio, l’AUKUS creato dagli americani è direttamente finalizzato al contenimento politico-militare della Cina.

Parassiti e spaccatura

Un’altra sfida all’interno della tempesta ideale è la crisi più profonda negli Stati Uniti. Innanzitutto la crisi economica.

L’America vive una vita parassitaria, finanzia attraverso prestiti e aumenta costantemente il suo debito pubblico. Sotto Joseph Biden, ha superato il tetto di $ 30 trilioni. Crescerà solo, il che significa che gli Stati Uniti hanno bisogno del più alto livello di affidabilità degli investimenti nell’economia americana nel mondo e dei tassi di interesse più bassi per il servizio dei prestiti.

Solo a tali condizioni gli investitori e le banche centrali di altri paesi continueranno a prestare all’economia americana.

In poche parole, più difficile è la situazione dell’economia americana, maggiore dovrebbe essere la crisi delle economie degli altri paesi, compresi i loro stessi alleati (per i quali gli Stati Uniti stanno ora creando una crisi in Europa). E tutto questo avverrà sullo sfondo di un forte aumento del costo delle risorse: alcuni media europei hanno già scritto che il periodo dell’energia a basso costo è finito. Il sogno americano, ricordiamo, si basa sul principio che ogni prossima generazione di americani dovrebbe vivere meglio della precedente.

C’è anche una crisi politica negli Stati Uniti. L’intero sistema politico americano era basato su pochi pilastri.

Innanzitutto sulla cooperazione bipartisan. Se in Europa e in numerosi altri paesi il controllo di un partito sulla sfera legislativa e l’altro sull’esecutivo portava a una crisi politica interna ea una paralisi, per gli Stati Uniti questa divisione era nell’ordine delle cose. I repubblicani potevano controllare il Congresso, i democratici erano alla Casa Bianca ei due partiti lavoravano perfettamente insieme su un unico corso.
La seconda balena era l’assoluta fiducia nell’onestà delle elezioni. Ciò era particolarmente importante nelle situazioni in cui, nel quadro del sistema elettorale maggioritario, la differenza tra i candidati di due partiti alle elezioni poteva essere solo di pochi punti percentuali, o addirittura di pochi decimi di punto percentuale.

Ora queste balene sono annegate. Più o meno dal periodo Obama, la cooperazione tra i partiti ha cominciato a scomparire, principalmente a causa della radicalizzazione interna dell’ideologia di entrambe le parti. Sotto Donald Trump, il conflitto ha raggiunto un livello fondamentalmente nuovo, quando i Democratici non solo si sono rifiutati di collaborare con l’amministrazione repubblicana, ma hanno anche dichiarato il suo leader (che non condivideva i valori democratici neoliberisti) quasi l’Anticristo.

Ora ci sarà l’effetto opposto: dopo la vittoria dei repubblicani alle elezioni di medio termine del ventiduesimo anno, faranno semplicemente dell’amministrazione democratica di Joseph Biden una “anatra zoppa” due anni prima della scadenza del mandato di quest’ultimo. I repubblicani affonderanno l’attuale amministrazione e saboteranno le sue decisioni, soprattutto dopo che i democratici, secondo i repubblicani, hanno truccato le elezioni presidenziali del 2020. Il culmine della crisi è previsto nel 2024, quando si terranno le nuove elezioni presidenziali.

L’America in questa situazione di instabilità interna diventa estremamente aggressiva. Anche perché il principio di una piccola guerra vittoriosa per unire la nazione non è stato cancellato.

Un elemento altrettanto importante della tempesta perfetta è la crescita dei concorrenti americani. Nella situazione di crisi della globalizzazione, oltre alla crescente aggressività degli Stati Uniti, sempre più centri di potere regionali stanno iniziando a fare il loro gioco. Come parte del loro gioco, sfidano gli Stati Uniti e le regole non dette del gioco stabilite dagli americani.

Non si tratta solo della Russia con la sua operazione speciale in Ucraina, non solo della Cina con le sue pretese su Taiwan e del dominio economico nell’Asia orientale, e nemmeno solo dell’Iran con il suo desiderio di portare il suo programma nucleare alla sua logica conclusione.

Riguarda gli alleati americani. Quelli di loro la cui leadership ha mantenuto almeno una parte della sovranità e nelle situazioni attuali sta fuggendo dal naufragio della leadership americana. Sceglie il proprio percorso di sviluppo in isolamento dall’America.

E se la Germania non ha tale volontà politica, se la vecchia Europa nel suo insieme è ancora in linea con gli interessi americani, nonostante i gravi effetti collaterali di tale seguito, allora Turchia e Arabia Saudita hanno già scelto la propria strada mirata al multipolarismo e diversificazione delle relazioni esterne. Entrambi i paesi sono alleati chiave dell’America nelle rispettive regioni e l’indebolimento di queste alleanze porta a un aumento ancora maggiore dell’aggressività americana.

Infine, tutti questi elementi della tempesta perfetta sono riccamente aromatizzati con armi nucleari.
Le armi che per decenni hanno tenuto il mondo lontano da una guerra globale, per decenni hanno permesso ai paesi di svilupparsi con piena fiducia nella propria sicurezza. Ma questo era in una situazione in cui queste armi erano di proprietà di attori responsabili, cioè paesi governati da leader responsabili che osservavano alcune linee rosse non scritte. Una serie di accordi che creavano un tetto per l’escalation in qualsiasi conflitto.

Ora quelle linee rosse sono sparite.

I bombardamenti degli americani e degli inglesi del Nord Stream, l’attacco terroristico al ponte di Crimea, nonché la visita provocatoria del presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi a Taiwan hanno dimostrato che il soffitto era stato infranto. Un gioco senza linee rosse, concorrenza globale e politiche aggressive potrebbe portare la civiltà ad andare oltre la soglia della guerra nucleare.

Pertanto, il prossimo decennio sarà decisivo. O troveremo forme di convivenza e integrazione, oppure, secondo le parole di un famoso scienziato, la quarta guerra mondiale sarà combattuta con pietre e bastoni. «L’umanità oggi, infatti, ha due strade: o continuare ad accumulare un carico di problemi che inevitabilmente ci schiaccerà tutti, oppure cercare insieme di trovare soluzioni, seppur imperfette, ma funzionanti, capaci di rendere il nostro mondo più stabile e più sicuro ”, ha parlato Vladimir Putin a Valdai.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

7 Commenti
  • Giovanni
    Inserito alle 18:35h, 31 Ottobre Rispondi

    Discorso improntato al buon senso. Gli esseri umani non saranno mai uguali ma, adoperando il buon senso, possono e debbono trovare la maniera di vivere, rispettandosi, su questo meraviglioso pianeta che Dio ha donato.

  • Giovanni
    Inserito alle 20:49h, 31 Ottobre Rispondi

    Bachward il tuo commento ha degli elementi interessanti, ma tutti a divenire e nel campo delle probabilità. Il tempo, come sempre galantuomo, ci dirà se le valutazioni diverranno realtà. Al momento, fra un egemone malvagio conclamato e la prospettiva di cambiarne le politiche, figlie del pensiero unico, con la multipolarita’, ebbene bisogna almeno provare, se non altro per prendere tempo. Comprare tempo significa dare l’opportunità ad altri di comprendere il divenire.

  • eusebio
    Inserito alle 20:55h, 31 Ottobre Rispondi

    Discorso molto giusto quello di Putin, l’analisi della crisi degli USA è ben argomentata, i dati economici sono catastrofici, nel 1960 gli USA avevano il 50% della produzione industriale globale oggi solo il 17 contro il 36% della Cina, nel 2021 il deficit commerciale USA ha superato i 1000 miliardi di dollari, il debito pubblico federale veleggia verso i 32 trilioni di dollari, quello degli enti locali raggiunge i 4, il debito delle aziende non finanziarie è di 12 trilioni di dollari e delle società finanziarie di 16, insomma l’economia USA che ancora mezzo secolo fa era egemone a livello globale, in una fase peraltro in cui con l”URSS di Kruscev e Breznev non c’era nemmeno tanta competizione, oggi è un gigantesco animale ferito e moribondo che lancia artigliate mortali ovunque.
    Come vogliono risolvere la loro crisi di economia completamente deindustrializzata ed iperindebitata è presto detto, “decolonizzare” la Russia spezzettandola, impadronendosi delle sue immense risorse e sottoponendo la popolazione slava ortodossa a brutale genocidio, di cui i bombardamenti del Donbass erano il preludio, con anche il completo annientamento fisico della ribelle classe dirigente russa, dispiegamento di una catena di basi militari sul territorio ex russo in modo da minacciare con le armi atomiche la Cina e ridurla alla completa sottomissione come avvenne dopo le Guerre dell’Oppio.
    La dislocazione di bombardieri strategici B-2 in Australia del nord come minaccia nucleare diretta è un piccolo assaggio.
    Come ne possono venire fuori Russia e Cina da questo pericolo mortale è un grosso problema, la Cina ha bisogno di Taiwan per creare una fascia strategica avanzata come protezione, non bisogna dimenticare che le invasioni giapponesi partirono da lì, mentre la Russia deve occupare perlomeno l’Ucraina fino ai Carpazi per allontanare i missili atomici a medio raggio dalle sue zone sensibili, l’area di Mosca e la zona industriale degli Urali.
    Inoltre l’Ucraina per paradosso era il maggiore pericolo militare convenzionale per la Russia, i paesi europei deindustrializzati e multietnici non sono un pericolo militare serio.
    Sul piano economico l’integrazione economica Cina-Russia è ideale, forse la Russia dovrebbe aggregare i paesi slavi ed ortodossi per riequilibrare la maggiore demografia cinese, ma è un tandem invincibile sul piano economico e militare.

  • Salvatore Sciarretta
    Inserito alle 20:56h, 31 Ottobre Rispondi
  • giuseppe Peluso
    Inserito alle 22:12h, 31 Ottobre Rispondi

    Un mondo non unipolare ma multipolare improntato alla collaborazione nella soluzione dei problemi, oppure si rischia di lasciare alle prossime generazioni un pericoloso degrado ambientale, economico, culturale; un disastro insomma..Se non c’è una presa di coscienza collettiva…..

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 22:30h, 31 Ottobre Rispondi

    eppure, prima o poi, la Frància (e non la Cina), tramite Laos e Vietnam (+ CoreaDelSud stato associato) che sn membri della “ORGANIZZAZIONE INTERNAZ. della FRANCOFONIA” (senza dimenticare la presenza della lìngua francese a Pondichéry(India)), potrebbe dominare economicamente linguisticamente politicamente l’Asia. a parte gli scherzi, l’America con l’Europa sembrerebbe essere stata come kun certe fomne… prima la danno, poi capisci che è un danno, poi (a causa di leggi sempre + femministe) te le danno. continuerei ad avere + simpatìa x USA che x Cina a causa di vicinanza culturale, ma… è che pensiamo che il peggio capiti sempre agli altri. eravamo abituati a vedere USA che trattavano +- male zone extraEvropa e nn l’Evropa, ma l’Evropa éra solo la prossima della lista? mi sembrerebbe che c sia forte surriscaldamento globale in Europa e in America sett. no (al confine tra USA e Cànada, ieri, tutto il giorno(nel senso 24ore) sotto zero grandi centigradi!?)! forse questo surriscald. glob. in Europa è creato da oltre oceano x creare casini a noi (e non oltre oceano dóve nn sussisterebbe)?

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 11:42h, 01 Novembre Rispondi

    Après nous le déluge… pensano depravati che si ritengono padroni di pianeta… ma ricordarsi che dopo diluvio viene sempre sole… sempre!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento