Come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna istigano i colpi di stato al giorno d’oggi

di Vladimir Danilov (*)

Recentemente, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, utilizzando attivamente gli strumenti di propaganda in loro possesso, hanno iniziato ad accusare sempre più Russia e Cina di interferire nei loro affari interni e nelle campagne elettorali e di preparare efficacemente colpi di stato in questi paesi. Tuttavia, oltre a rilasciare dichiarazioni proclamatorie, né Washington né Londra hanno presentato fatti o documenti che confermino queste accuse, né possono presentarle, poiché queste accuse sono false.

Insieme a questo, informazioni documentate sulla complicità da parte di Stati Uniti e Gran Bretagna in vari colpi di stato in corso hanno cominciato ad apparire più frequentemente in rapporti pubblicamente accessibili in vari media.
Ad esempio, secondo la recente pubblicazione sul quotidiano tedesco Die Tageszeitung , gli investigatori delle Nazioni Unite hanno scoperto che nel 2019 i combattenti d’élite della compagnia militare privata americana Erik Prince Blackwater, famigerata per le loro azioni durante l’occupazione americana dell’Iraq e di molti altri stati, avevano agito due volte per eliminare il Governo di Accordo Nazionale, riconosciuto dalla comunità internazionale. Ma questo “Project Opus” è fallito …

Un gruppo di esperti delle Nazioni Unite che studiano le violazioni dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite contro la Libia ha appreso che nella guerra libica negli ultimi anni c’è stato un secondo fronte segreto per sbarazzarsi direttamente di funzionari e comandanti del governo di accordo nazionale che governa a Tripoli. “Project Opus” ha specificamente richiesto la consegna di 20 mercenari di reparti d’élite Blackwater nei siti vicino a Tripoli nel giugno 2019 per condurre le operazioni. Gli ufficiali contattati dal quotidiano tedesco a Bengasi hanno confermato l’arrivo di 20 combattenti dall’Inghilterra e dal Sud Africa, e un americano, nel giugno 2019. Il secondo gruppo, composto da cecchini e combattenti addestrati a combattere dietro le linee nemiche, è volato a Bengasi ad aprile 2020 e poi si è diretto al fronte vicino a Tripoli. Il 24 aprile 2020, 13 cittadini francesi hanno raggiunto il confine libico-tunisino e si sono presentati come diplomatici alle guardie di confine tunisine, anche se portavano armi pesanti. Sono stati arrestati, ma sotto la pressione diplomatica di Parigi è stato permesso loro di partire per la Tunisia.

Mercenari della Blackwater

All’inizio di maggio 2020, i media mondiali sono esplosi con notizie clamorose: un altro tentativo di invasione militare del Venezuela è stato sventato, i mercenari di Washington sono stati catturati dalle autorità venezuelane, gli Stati Uniti hanno voluto ripetere l’operazione a Cochinos Bay (il cosiddetto tentativo di la US Central Intelligence Agency per far sbarcare gli emigranti cubani nella Baia dei Porci, cosa che mirava a rovesciare Fidel Castro).
Vale la pena ricordare come il 3 maggio mercenari della compagnia militare privata americana Silvercorp hanno cercato di sbarcare sulla costa del Venezuela vicino alla città di La Guaira, che si trova a soli 32 chilometri da Caracas. Sessanta militanti armati e ben equipaggiati con telefoni satellitari e documenti falsi progettavano di raggiungere la capitale e catturare il presidente venezuelano per il suo successivo trasferimento negli Stati Uniti. Due di quelli arrestati, Airan Berry e Luke Denman, erano cittadini statunitensi che avevano prestato servizio in Afghanistan e Iraq.

Mercenari USA catturati in Venezuela

Il 4 maggio, i media americani hanno intervistato l’ex combattente delle forze speciali statunitensi e il capo della Silvercorp PMC, Jordan Goodrow, che ha addestrato questi combattenti in Colombia. Goodrow ha dichiarato che l’obiettivo dell ‘”Operazione Gideon” era organizzare incursioni in Venezuela per combattere “il regime”. L’ex soldato delle forze speciali ha mostrato un contratto di otto pagine da 213 milioni di dollari firmato nell’ottobre 2019 dall’autoproclamato “presidente” venezuelano Juan Guaido e dai consiglieri politici di Donald Trump. Il 23 marzo, le autorità colombiane hanno confiscato sul loro territorio un intero arsenale destinato specificamente ai mercenari. I mercenari erano equipaggiati abbastanza bene. I media americani hanno intervistato l’ex combattente delle forze speciali statunitensi e il capo della Silvercorp PMC, Jordan Goodrow, che ha addestrato questi combattenti in Colombia.

Il Washington Post ha anche pubblicato un documento secondo il quale membri dell’opposizione venezuelana, a seguito di negoziati, nell’ottobre 2019 hanno stipulato un accordo con la compagnia militare privata americana Silvercorp, con sede in Florida. I dipendenti del PMC avrebbero dovuto infiltrarsi nel territorio del Venezuela per rovesciare il legittimo presidente del paese, Nicolas Maduro.

Questi eventi in Venezuela sono stati recentemente ben valutati da Bloomberg :

“Si spera che la Central Intelligence Agency possa fare di meglio di un piano farsesco rinnegato dall’opposizione venezuelana, penetrato dalle forze di sicurezza del regime e interrotto non appena è iniziato. Eppure questo banale episodio ci invita a riflettere seriamente sul ruolo dell’intervento segreto e del cambio di regime nella politica statunitense “.

Esporre queste attività sovversive di Blackwater e di altri mercenari statunitensi e britannici mostra che sono solitamente commesse da ex militari e criminali coinvolti in un’ampia varietà di attività in tutto il mondo. Agiscono come guardie del corpo, proteggendo le persone e le imprese nei “punti caldi” (come le aree di produzione di petrolio al largo della costa della Nigeria e del Sudan), così come i convogli e le spedizioni di merci nelle zone di guerra, specialmente in Iraq e Afghanistan. Dal momento che fin dall’inizio delle ostilità nella regione sia l’opinione pubblica negli Stati Uniti che i Democratici al Congresso consideravano estremamente sfavorevole l’invio dei propri soldati nei punti critici, hanno dovuto cercare sostituti altrove.

Le guerre americane all’inizio del 21 ° secolo sono diventate una vera miniera d’oro per queste organizzazioni, che si sono trasformate da bande di mercenari che hanno rovesciato i traballanti regimi “cannibalistici” in Africa durante la Guerra Fredda in vere corporazioni internazionali. Rappresentano un vantaggio significativo per gli Stati Uniti e per i loro alleati occidentali che guidano la guerra, poiché sono costituiti da veterani già esperti – professionisti militari che non hanno trovato una nicchia per se stessi nella vita civile. Inoltre, queste organizzazioni sono considerate imprese private, e quindi non sono responsabili nei confronti del Congresso, quindi le perdite subite da questi soldati non sono incluse nel numero totale di vittime per l’esercito convenzionale di un paese, il che rende possibile dare una rappresentanza più favorevole a casa della situazione in una zona di guerra.
L’opinione pubblica negli Stati Uniti chiede da tempo di rifiutare i servizi forniti da queste società e di rafforzare la trasparenza nelle loro attività. L’ONU ha ripetutamente sollevato la questione della revisione della definizione di “mercenario” e del divieto di organizzazioni come Blackwater, negli ultimi anni, ma finora non ha ancora ottenuto risultati significativi.

Oltre a questi esempi di tentativi di Washington di istigare un colpo di stato militare in altri paesi, oggigiorno sono stati raccolti numerosi documenti per la revisione pubblica relativi al periodo di massimo intervento degli Stati Uniti in Siria nel 2014, quando le forze di Assad si stavano indebolendo e Damasco era sotto la minaccia di cattura da parte degli islamisti che l’Occidente ha nutrito e sostenuto. Ad esempio, il Middle East EyeL’agenzia ha dimostrato in modo abbastanza convincente – e con prove documentali – come durante un’operazione supportata dai britannici chiamata Sarkha (Scream), i media hanno cercato di rivolgere gli alawiti contro Assad, e così facendo hanno organizzato un colpo di stato in Siria. La pubblicazione fornisce documenti ufficiali che attestano il “movimento di protesta” dei social media che è stato effettivamente creato sotto l’autorità del governo britannico. Lo stesso scenario per l’operazione Sarkha è stato sviluppato dalla società americana Pechter Polls di Princeton (New Jersey, USA), che lavorava sotto contratto con il governo britannico. Il contratto per il lavoro sovversivo in Siria è stato inizialmente amministrato dal dipartimento per gli effetti strategici militari presso il Dipartimento della difesa del Regno Unito, e poi dal Fondo per i conflitti, la stabilità e la sicurezza gestito dal governo britannico, il cui obiettivo è quello di “Risolvere i conflitti che minacciano gli interessi della Gran Bretagna”. Il budget del progetto era di £ 600.000 ($ 746.000) all’anno. I documenti pubblicati indicano che l’obiettivo delle operazioni era “sostenere le attività dei media dell’opposizione siriana per raggiungere un pubblico in Siria … Piattaforme per questo lavoro sono state create congiuntamente da Regno Unito, Stati Uniti e Canada per rafforzare il risentimento popolare verso il regime di Assad. . “

Contractors USA in Siria

In un altro numero del Middle East Eye, i documenti ottenuti dalla pubblicazione mostrano come gli appaltatori britannici assumessero cittadini siriani che erano giornalisti per promuovere “l’opposizione moderata” – spesso a loro insaputa. I contratti con questi mercenari furono stipulati dal Ministero degli Esteri britannico e furono gestiti dal Ministero della Difesa del paese, a volte da ufficiali dell’intelligence militare, pagando piccole somme di denaro agli appaltatori.

Dopo aver appreso tutto quanto sopra indicato, sorge spontanea la domanda: chi sta realmente interferendo negli affari degli altri stati? E quanto è oggettiva la propaganda proveniente da Washington e Londra, così come la loro politica estera nel suo insieme?

*Vladimir Danilov, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ”.

Fonte: New Eastern Outlook ”.

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • atlas
    7 Marzo 2021

    cmq cos’è la Cina oggi ? Una merda tanto quanto gli usa

    USA: E’ REALTA’ IL PASSAPORTO VACCINALE DIGITALE SUL MODELLO CINA ! LA VON DER LEYEN LO VUOLE

    https://www.youtube.com/watch?v=FeaoPFBXmQQ

    l’unico passaporto a cui sono interessato è un passaporto vaginale

    • sublime
      7 Marzo 2021

      Cchiù pilu pi tutti .Vagginato……spessissimo.

  • Ottavio
    7 Marzo 2021

    Quei criminali vanno neutralizzati subito e senza possibilità di appello.

Inserisci un Commento