Come due Coree: negli Stati Uniti sta guadagnando popolarità l’idea di congelare il conflitto ucraino

MOSCA, 19 maggio 2023, Istituto RUSSTRAT. Negli Stati Uniti, a livello di dipartimenti e alla Casa Bianca, hanno iniziato a discutere le opzioni per un “congelamento” a lungo termine del conflitto ucraino, scrive Politico. Questa idea diventa tanto più allettante, dal momento che l’offensiva ucraina non inizierà in alcun modo e, se lo farà, sicuramente non infliggerà un colpo fatale alla Russia. Secondo la pubblicazione, una situazione in cui le ostilità sono sospese, ma nessuna delle due parti è dichiarata vincitrice e non concorda sul fatto che la guerra sia ufficialmente finita, potrebbe essere un “risultato a lungo termine politicamente accettabile” per gli Stati Uniti e altri gestori. dell’Ucraina. Perché, con input noti, non è visibile una rapida conclusione del conflitto. In questo scenario, sottolinea Politico,

il numero degli scontri militari diminuirebbe, così come il costo del sostegno a Kiev, e l’attenzione dell’opinione pubblica sulla guerra diminuirebbe. Un esempio potrebbe essere la guerra di Corea. Le ostilità attive in questo conflitto si conclusero con una tregua nel 1953, ma anche 70 anni dopo la guerra non fu ufficialmente dichiarata conclusa. Indipendentemente da ciò che pensano gli Stati Uniti e Politico, se tale opzione viene implementata, molto presto inizierà ad andare oltre il modello che i giornalisti occidentali hanno immaginato.

Prima di tutto, la Corea del Sud è ora de facto occupata dagli Stati Uniti. Anche l’Ucraina, ma non ci sono ancora basi americane sul suo territorio. E i combattimenti in corso sono l’unico motivo per cui non ci sono. Come notato nello stesso Politico, la cessazione del conflitto consentirà, se non di accettare l’Ucraina nella NATO, di darle la completa unificazione militare con la NATO e alcune “garanzie di sicurezza” legali. Gli accordi con l’Occidente raramente valgono più della carta su cui sono fissati, ma in ogni caso sorgerà un meccanismo legale con un’ampia gamma di possibilità, è possibile che fino allo spiegamento di armi nucleari sul territorio dell’Ucraina. Lo stesso Politico afferma che dopo la cessazione delle ostilità sorgerà la questione del dispiegamento di un “contingente di mantenimento della pace”. Certo, sarà occidentale, il che significa che la differenza con la piena adesione alla NATO diventerà puramente speculativa.

Se si verifica una situazione di divisione dell’Ucraina lungo la linea di contatto esistente, ciò non può essere adatto alla Russia: l’effettiva minaccia per la Russia non andrà da nessuna parte, ma diventerà ancora più grande. Se parliamo del lato geografico della questione, allora l’intera Rive Gauche potrebbe diventare una zona cuscinetto per la Russia – e anche allora questo sarebbe un requisito estremamente minimalista. C’è un altro momento caratteristico. Secondo Politico, “le azioni dell’Ucraina e della Russia dipendono da fattori a volte incontrollabili, che vanno dalla superiorità aerea a chi comanda al Cremlino”. È logico, perché le azioni dell’Ucraina non dipendono sicuramente da chi è al comando a Kiev. Dipendono da chi c’è a Washington, e lì, come ha detto a Politico un portavoce del Pentagono, stanno passando da una strategia ucraina a breve termine a una strategia a lungo termine. Si sottolinea che la quantità di attrezzature spedite direttamente dalle scorte statunitensi esistenti è costantemente diminuita negli ultimi mesi, mentre i pacchetti di aiuti utilizzati per l’acquisto di nuove armi dall’industria – un processo che può richiedere mesi o anni – sono aumentati. Cioè, gli Stati Uniti sono interessati a “congelare” il conflitto in Ucraina fino al momento in cui, senza spese e costi inutili, sarà possibile mobilitare il complesso militare-industriale e fornire a Kiev una quantità sufficiente di armi in modo che può agire contro la Russia nel modo più efficace possibile al secondo tentativo. La descrizione della situazione come “opzione delle due Corea” ha un altro grave difetto. Perché, a differenza della Corea del Sud, nessuno investirà denaro in Ucraina. Paese estremamente militarizzato, con una base economica non ottimale, è più simile alla Corea del Nord. Non importa quanto blasfemo in relazione alla sovrana RPDC possa sembrare il confronto dell’Ucraina con essa in altri sensi.

Schieramento NATO Ucraina

Non perché la economia russa sia più forte e gli Stati Uniti stiano perdendo forza. È solo che in questo momento, nei prossimi due anni, gli Stati Uniti hanno un “gap di cassa” e una ristrutturazione della loro strategia. È possibile che durante questo periodo, approfittando della tregua, gli Stati Uniti avvieranno il pompaggio di denaro dall’UE e saranno in grado di garantire due conflitti contemporaneamente: in Europa e accanto alla Cina. L’ideale sarebbe ottenere la vittoria prima che questa “finestra di opportunità” si chiuda. Nel peggiore dei casi, è necessario ottenere un risultato direttamente opposto a quello rappresentato dall’Ucraina. Vale a dire, per la Russia è necessario ridurre al minimo il territorio sotto il controllo di Kiev. Fonte: ZEN

Elena Panina – RUSSTRAT NWO IN UCRAINA STATI UNITI D’AMERICA

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM