Comandante Iracheno: Gli Stati Uniti Stanno arruolando terroristi ISIS sul terreno per Per Infiltrarli in Iraq


di Drago Bosnic


BAGHDAD – Un comandante senior dell’Hashd al-Shaabi (forze popolari irachene) ha avvertito che i giochi di guerra dei militari statunitensi, che si trovano ai confini del paese con la Siria, mirano a creare un passaggio sicuro per l’infiltrazione dei terroristi dell’ISIS. Hadi al-Khorasani ha rivelato che le forze statunitensi stavano conducendo esercitazioni e prove sul confine siriano per preparare il terreno affinché i terroristi dell’ISIL si possano infiltrare nel deserto iracheno.

“Le forze di sicurezza e i combattenti di Hashd al-Shaabi hanno preso il pieno controllo del confine con la Siria”, ha detto.
“Ci sono aree sulla striscia di confine che sono ancora sotto il controllo delle forze statunitensi”, ha riferito Khorasani.

Il comandante ha sottolineato che le esercitazioni statunitensi avrebbero dovuto includere una repressione dei militanti ISIS in fuga dalla Siria verso l’Iraq, ma “gli americani hanno pilotato droni nel deserto di al-Anbar per trovare percorsi liberi dalla presenza di forze di sicurezza in modo di facilitare la penetrazione dei terroristi dell’ISIS nel territorio iracheno. ”Secondo rapporti pertinenti alla fine del mese scorso, i terroristi dell’ISIS appoggiati dagli USA nelle aree confinanti con la Siria sud-orientale hanno attaccato le posizioni dell’esercito siriano nel tentativo di bloccare la riapertura di un corridoio che collega il paese con l’ Iraq.

Milizie sciite irachene

“I tentativi dell’ISIS di lanciare l’attacco sono stati fatti dietro ordine degli ufficiali militari americani perché gli Stati Uniti hanno mantenuto (al contrario di quanto affermano) le unità del gruppo ISIS attive nella regione, le supportano e le usano per le loro trame speciali”, ha detto una fonte siriana sul sito web in lingua araba di Sputnik agenzia di stampa.

Lo stesso comandante ha aggiunto che l’intelligence e le forze logistiche dell’esercito siriano hanno reagito rapidamente agli attacchi dei terroristi, uccidendone molti e costringendo altri a fuggire dalla regione. La fonte ha affermato che l’obiettivo di tali attacchi sta compensando gli attacchi falliti di USA e Israele per impedire il passaggio al confine con Albu Kamal-Qa’em.

Al-Qa’em, una città irachena che si trova vicino al valico della frontiera strategica che collega alla città siriana di Albu Kamal, è stata riconquistata all’inizio di novembre dell’anno scorso. Successivamente l’esercito iracheno annunciò di aver ripristinato il controllo sui posti di blocco al confine con la Siria. Di tanto in tanto, USAF lancia attacchi contro la zona di attraversamento per impedire collegamenti tra Siria e Iraq.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Eugenio Orso
    7 Ottobre 2019

    La sozzura a stelle e strisce prova a riutilizzare gli scarti verme mercenari isis per un nuovo tentativo di destabilizzazione dell’Iraq …
    Nel frattempo, pare che la turchia sia pronta ad invadere il nord della Siria, scontrandosi con i curdi, che probabilmente saranno abbandonati al loro destino dai loro “amici” americani.
    Ciò significa che gli usa, pappa e ciccia con israele e l’infame monarchia saudita, hanno intenzione di continuare ad ogni costo la destabilizzazione dell’area mediorientale, creando nuovi e pericolosi focolai …
    Altro che il ritiro promesso dal burattibno trump!

    Cari saluti

Inserisci un Commento

*

code