Colpire l’Iran perché è libero dal controllo dell’ Egemone USA


di Stephen Lendman

Operando come portavoce delle forze oscure dei Dem imperiali e non democratiche degli Stati Uniti, il NYT ha praticamente chiesto di rovesciare il governo legittimo dell’Iran in un editoriale intitolato: “Come gli Stati Uniti possono aiutare a sostenere le donne iraniane che chiedono il cambiamento”

Sopprimendo la realtà su settimane di proteste made in USA, in seguito alla tragica morte della 22enne Mahsa Amini – una giovane donna non maltrattata mentre era in custodia di polizia – il Times ha esortato “gli Stati Uniti e i suoi alleati” ad agire contro ciò che chiamò falsamente “una teocrazia tirannica (sic).”

Ha mentito accusando l’Iran di “violenza… sulle donne dopo” la sua rivoluzione di liberazione del 1979 – ponendo fine a una generazione di tirannia fascista installata dagli Stati Uniti (la cosa reale), il suo regno del terrore sostenuto dal Times e da altri MSM statunitensi/occidentali.

E questa la spazzatura del Times:

La Repubblica islamica “considera l’inimicizia con gli Stati Uniti e il mantenimento delle donne al loro posto come un fattore critico per la loro sopravvivenza al potere (sic).”
Più spazzatura:

“La minaccia (inventata) di un regime virulentemente antiamericano e anti-israeliano di ottenere armi nucleari è reale (sic).”

Non un briciolo di prova credibile suggerisce sforzi, o un interesse, da parte dell’Iran per sviluppare e produrre armi nucleari.

Le sue autorità al potere detestano queste armi di distruzione di massa, vogliono che vengano eliminate ovunque prima che eliminino noi.

L’attuale governo della Repubblica Islamica e i suoi predecessori meritano grandi elogi per essersi apertamente opposti alla guerra globale egemonica degli Stati Uniti contro l’umanità – così come al terrore di stato dell’apartheid Israele contro milioni di palestinesi – quella che il Times e altri media MSM sostengono e incoraggiano.

Ragazze iraniane

Da quando ha liberato l’Iran dal dominio tirannico controllato dagli Stati Uniti 43 anni fa, le sue autorità al potere hanno dato priorità alla pace, alla stabilità, alle relazioni di cooperazione con altre nazioni e al rispetto del diritto internazionale.

Le azioni della Repubblica Islamica sulla scena mondiale sono opposte al modo in cui operano i regimi della NATO dominati dagli Stati Uniti: violentare e distruggere un nemico inventato dopo l’altro per controllarlo, operando in modo che le loro risorse vengano saccheggiate, la loro gente sfruttata come servi.

E quello che il Times sostiene in perversione della realtà, chiamando falsamente l’Iran “isolato (ndr) globale (ly) (sic).”

Un’altra grande bugia scoperta del Times:

Da quando Trump ha abbandonato l’accordo nucleare JCPOA adottato all’unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – in flagrante violazione del diritto costituzionale internazionale e statunitense – affermare che il regime di Biden e i suoi vassalli occidentali P2+1 “hanno cercato di rianimarlo” contrasta con le loro tattiche ostruzionistiche per uccidere l’affare storico una volta per tutte.

E questa spazzatura del Times:

Spetta “all’Iran scegliere se rilanciare il” JCPOA (sic).
Ignorato dal Times è quello adottato nel luglio 2015 e attuato nel gennaio 2016, l’Iran ha rispettato le sue disposizioni.

In netto contrasto, il regime Obama/Biden ha palesemente violato l’accordo prima che il suo inchiostro si asciugasse.

Ulteriori violazioni sono seguite dal regime antidemocratico dei Dem fino a quando Trump non lo ha abbandonato del tutto.

Quella che il Times ha definito “sofferenza economica del popolo iraniano” non è riuscita a spiegare oltre quattro decenni di sanzioni statunitensi contro il paese e altri sporchi trucchi, comprese le precedenti proteste orchestrate per il cambio di regime, sventate da Teheran.

E questa spazzatura del Times:

Ignorando l’armata nucleare e il pericoloso Israele, i suoi redattori hanno chiesto “continuare gli sforzi (per) ridurre il programma di armi nucleari (inesistente) dell’Iran”.

E i cosiddetti “dissidenti iraniani” sono stati costruiti negli Stati Uniti come parte di una politica di cambio di regime di lunga data, ciò che si applica a tutte le nazioni libere dal controllo USA.

Nel caso della Repubblica Islamica, l’egemone USA cerca il controllo delle sue vaste risorse di idrocarburi.

L’Iran ha la quarta più grande riserva mondiale di petrolio e la seconda più grande di gas naturale.

È anche il principale rivale regionale dell’apartheid Israele, una nazione che Washington vorrebbe suddivisa in mini-stati per un facile controllo.

Il Times ha citato l’interventista Blinken, dicendo che il regime di Biden intende “aiutare a garantire che il popolo iraniano non sia tenuto isolato e all’oscuro (sic)”.

Insieme all’orchestrazione di violente proteste di strada dal mese scorso, l’osservazione di cui sopra è un linguaggio in codice per il cambio di regime cercato a tutti i costi.

Sostenendo la violenza di strada con questo obiettivo in mente, il Times ha anche chiesto di “imporre al paese più sanzioni (illegali) di quante ne abbia già – per danneggiare la sua gente più di quanto non lo sia già.

Fino a quando la Russia non ha lanciato il suo SMO di liberazione, l’Iran era la nazione più illegalmente sanzionata dall’egemone USA e dai suoi vassalli occidentali.

La Federazione Russa ora la supera con un ampio margine.

Il filo comune tra le nazioni sanzionate dagli Stati Uniti è la loro indipendenza, la loro riluttanza a svendere la loro sovranità e le loro anime all’impero delle bugie e alle guerre per sempre contro nemici inventati.

Il Times e altri MSM sostengono ciò che richiede condanna e resistenza totale.

È una macchina mediatica bugiarda in guerra contro il giornalismo come dovrebbe essere, a sostegno dell’autodichiarato padrone dell’universo USA.

Un commento finale

Mercoledì, l’Ayatollah Khamenei ha definito le proteste made in USA “goffe (e) sciocche”, aggiungendo:

“La nazione iraniana ha fatto grandi mosse in un breve lasso di tempo, che erano 180 gradi contrari alle politiche dell’arroganza globale, ei regimi USA/occidentali sono stati costretti a reagire” con la loro consueta violenza in violazione del diritto internazionale.

Venerdì, il presidente Ebrahim Raeisi ha dichiarato quanto segue:

“I nemici dell’Iran stavano cercando di causare problemi al paese in rivolte (di strada), ma come in passato, il popolo (iraniano) li ha sconfitti con pazienza e resistenza”.

Separatamente venerdì, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha sottolineato che la Repubblica islamica è il cardine della stabilità e della sicurezza regionale.

Il suo programma in conformità con il diritto internazionale è in netto contrasto con le guerre per sempre della NATO dominata dagli Stati Uniti e il terrore di stato israeliano dell’apartheid contro i palestinesi longanimi e la vicina Siria.

L’Iran non è una “terra per il velluto o altri colpi di stato (rivoluzione colorata)” – una specialità degli Stati Uniti contro nemici non belligeranti e non minacciosi.

Dalla sua rivoluzione di liberazione del 1979, l’Iran ha sventato molteplici tentativi di colpo di stato, una guerra lampo di sanzioni illegali e quasi ogni sporco trucco immaginabile nel tentativo di sostituire i suoi governi legittimi con un governo tirannico controllato dagli Stati Uniti.

Ciò che è fallito prima, ora viene sventato di nuovo.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti
  • Renato
    Inserito alle 08:26h, 16 Ottobre Rispondi

    Beh, sono d’accordo su quello sono gli Usa. Sono i distruttori del mondo. È quello che stanno cercando di fare ora con l’Europa e la Russia. Però cercare di definire gli iraniani come dei santi, ed innocenti, questa non la bevo. Non dimentichiamoci che il mossad ha rubato loro una marea di documenti sul progetto di costruzione di bombe nucleari. Inoltre sono loro che hanno detto che Israele sparirà dalle carte geografiche. Neanche gli Ebrei sono dei santi, però prendono le minacce seriamente.

  • antonio
    Inserito alle 09:32h, 16 Ottobre Rispondi

    Resistere ai criminali di Londra Roma e Tel Aviv – i Mata Moro Gheddafi Allende Palme Gandhi

  • Paolo
    Inserito alle 11:42h, 16 Ottobre Rispondi

    Sion vorrebbe.
    Ma non ci riuscirà.
    E Sion sarà distrutta.

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 15:23h, 16 Ottobre Rispondi

    Le proteste in Iran sono alimentate dai soliti noti, quelli che volevano rapinare l’Irak, la Siria,l’Afganistan, la Libia,ora cercano di rapinare la Russia e l’Iran. Si chiama capitalismo per spoliazione per l’impero del dollaro.Il dollaro ha bisogno di essere sostenuto e allora rapine e sanzioni. E tanta belle chiacchiere sulla cosiddetta democrazia.Per la propaganda hanno mobilitato un esercito di trombettieri strapagati

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 15:52h, 16 Ottobre Rispondi

    artícolo (pare) di StephenLendman un pochino complicato. nel mondo arabo sarebbero cresciuti i simpatizzanti dell’Iran. sinceramente questo artícolo mi avrebbe fatto un po’ ridere, x’ nn penso che l’Iran sia reale opposizione a USA+Israele, come nn penso che Mahmoud Ahmadinejad fosse veramente oppositore a USA+Israele, come sembrerebbe che Putin esegua gli ordini degli USA (rif. alcuni “Posted in Pianeta X” e ad es. anche -> 14 OTTOBRE 2022 “La guerra in tasca al Financial Times” -> “già da febbraio: le mosse del Risiko in corso in Ucraina”_”costantemente anticipate dalla stampa angloamericana”_”Anticipate o dettate?”). resta il fatto che le nazioni nn sprovviste di cosiddetto nucleare, storicamente, avrebbero meglio resistito

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 01:50h, 17 Ottobre Rispondi

    Iraniani dovete isolare -bloccare-controllare la rete internet che si collega con i paesi Occidentali !
    Le autorità Iraniane se vogliono far cessare di botto le manifestazioni di protesta violente create ed alimentate dai paesi USA-UK-UE-Israele devono bloccare la rete internet Iraniana !
    Qualsiasi notizia che parta dai paesi USA-UK-UE -ISRAELE ed arrivi in Iran tramite la rete internet alimenterà queste proteste in Iran !
    Un blocco provvisorio totale di 24-48 ore della rete internet Iraniana farà subito cessare tutte le violenze proteste !
    Un secondo blocco totale della rete internet Iraniana di 24-48 ore come forma punitiva collettiva se qualche persona maniaca ed esibizionista della rete internet tenta di riaccendere le proteste violente in Iran usando i social dovrebbe mettere la parola fine ad ogni forma di protesta violenta !
    Il messaggio sarebbe questo : se qualcuno usa la rete internet iraniana per fomentare violente proteste di piazza e nessun utente della rete internet denuncia subito alla Polizia Iraniana il criminale sobillatore la rete internet iraniana verrà chiusa per almeno 24 ore !
    Il blocco parziale della rete internet Iraniana alle false notizie diffuse da USA-UK-UE-Israele e il blocco totale della rete iraniana per 24-48 ore come punizione collettiva se gli utenti iraniani non sono rapidi a segnalare sobillatori ON-LINE alla polizia sarebbe un ottimo deterrente !
    Senza un collegamento ON-LINE io vivo lo stesso benissimo mentre per i giovani iraniani essere OFF-LINE = MORTE !

  • Giorgio
    Inserito alle 07:55h, 17 Ottobre Rispondi

    E’ sempre la solita storia …. con il pretesto dei diritti (in questo caso delle donne) e della democrazia ….
    tentano di rovesciare il governo di un paese che non si sottomette ….
    A USA-UK-NATO-SIONISTI ha sempre bruciato la sconfitta del 1979, quando il popolo iraniano ha rovesciato il tiranno Reza Palhavi imposto dall’occidente con il golpe che rovesciò Mossadeq, reo di avere nazionalizzato le risorse petrolifere del paese.
    Forza IRAN … lotta senza quartiere al globalismo ….

  • Milan
    Inserito alle 19:38h, 17 Ottobre Rispondi

    Delle donne iraniane agli USA -UK-UE-ISRAELE NON gliene frega niente !
    USA-UK-UE-ISRAELE sono solo interessati a provocare un danno economico e sociale al ” Iran !

Inserisci un Commento