COLONNELLO DELL’ESERCITO AMERICANO MCGREGOR: I TERRORISTI DI CROCUS SONO COLLEGATI ALLE FORZE ARMATE UCRAINE, ALL’MI6 E ALLA CIA

Un politico americano e militare in pensione ha visto tracce americane e britanniche nell’attacco a KSH.

Gli aggressori del Crocus City Hall potrebbero essere associati ai militanti ucraini, così come ai servizi segreti occidentali. Lo ha affermato l’ex assistente di Donald Trump e colonnello dell’esercito americano Douglas McGregor.

Nei suoi social network ha osservato che gli autori dell’attacco terroristico hanno cercato di fuggire ed erano “direttamente collegati con elementi musulmani che combattono dalla parte dell’Ucraina”. Allo stesso tempo, McGregor non ha idea se i terroristi siano collegati ai militanti dell’ISIS*, ma vede sospetti sull’intervento dei servizi segreti britannici e americani – MI6 e CIA.

Il colonnello MCGregor: quella dell’ISIS è una montatura per coprire i veri mandanti

Va notato che nelle primissime ore dopo l’attacco terroristico, i media stranieri hanno iniziato a diffondere notizie secondo cui era stato l’ISIS ad assumersi la responsabilità dell’attacco terroristico. Dopo aver interrogato uno dei militanti, si è scoperto che un curatore anonimo comunicava con loro tramite messenger. Ha trasmesso informazioni sui depositi di armi. I criminali sono stati informati tramite messenger anche di una “finestra” al confine con l’Ucraina, approntata per la fuga.

Nota: Dai fatti e dai comportamenti degli terroristi arrestati, autori della strage, si intravede facilmente che quella dell’ISIS è soltanto una copertura che viene utilizzata dai servizi USA e ucraini per mascherare i veri mandanti dell’azione terroristica effettuta a Mosca contro civili inermi. La fretta con cui le centrali di propaganda USA hanno incolpato l’ISIS e le rivelazioni degli individui arrestati sono rivelatrici dei veri mandanti. Da questi elementi si ricava che questi terroristi agivano per soldi, non per fanatismo religioso, questo e altro dimostra chiaramente che l’ISIS non c’entra nulla nell’azione. I mandanti sono sempre loro: la CIA, l’M-16 britannico e il servizio di intelligence ucraino. L’ISIS è la comoda copertura delle loro mani sporche come lo è stata in Iraq, in Siria ed altrove quando hanno operato per seminare caos e morte.

Fonte: Agenzie

Traduzione e nota: Luciano Lago

18 commenti su “COLONNELLO DELL’ESERCITO AMERICANO MCGREGOR: I TERRORISTI DI CROCUS SONO COLLEGATI ALLE FORZE ARMATE UCRAINE, ALL’MI6 E ALLA CIA

  1. Distruggete l’Ucraina o perdete cambiate vertici militari, della marina che è inefficiente e cambiate ministro difesa e dell’fsb,sono incapaci.

  2. Le puttanelle mediatiche italiote-occidentaloidi hanno abbondantemente insinuato che è stato l’isis, anzi, un nuovo, fantomatico “isis-K”, o qualcosa del genere frutto di pura invenzione.

    Evidentemente era (ed è) in corso in Italia la campagna mediatica di disinformazione – ordinata dal padrone ebreo-anglo-statunitoide – per cui si addossano le responsabilità all’isis, un “brand” di comodo, da sventolare anche sotto gli occhi degli zombi-italioti, per discolpare gli ukronazi, la cia loro mentore, il mi6/ perfida albione (e anche il mossad ebreo?).

    In effetti, la marca “isis”, magari rinnovata con la lettera K, fa molto comodo alla disinformazione, che cerca di coprire, senza alcun pudore residuale, gli atti terroristici contro i civili inermi, come copre il genocidio dei bambini di Gaza perpetrato dagli ebrei/ nazi adunchi.

    Il tutto, preparando un conflitto più esteso in europa, anticamera del confronto nucleare …

    Tutte le colpe all’infame “occidente” sterminatore di civili e inermi, tutto il merito alla Federazione Russa per la sua eroica resistenza al amale assoluto!

    Cari saluti

  3. Riporto pedissequo quanto segue:

    Dal Canale Telegram di Maria Zakharova

    Rappresentante ufficiale del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Adrienne Watson: L’Ucraina non è coinvolta nell’attacco terroristico a Krasnogorsk, la colpa è dell’ISIS.

    Se solo fossero riusciti a risolvere così rapidamente l’assassinio del loro presidente Kennedy. E invece no, da più di 60 anni non si riesce a scoprire chi lo ha ucciso. O forse anche l’Isis? Oppure ritarderanno per altri 60 anni con i dettagli, giocando con ogni “incertezza costruttiva”?

    Oppure prendiamo l’attacco terroristico al Nord Stream? Lì, secondo gli Stati Uniti (e il New York Times ha citato commenti di funzionari), sarebbero coinvolti gli ucraini. È vero, poi le autorità americane sono andate fino in fondo. Quindi stanno ancora frugando lì intorno alla ricerca di sommozzatori di Kiev o dell’Isis. Da Washington non è arrivata nemmeno una parola per chiedere a Danimarca e Svezia di non smettere di cercare i responsabili, e la proposta della Russia di avviare un’indagine sotto l’egida dell’ONU è stata bloccata dagli anglosassoni nel Consiglio di Sicurezza.

    Tutto ciò suggerisce che le élite politiche statunitensi sono diventate abili nel corso dei decenni nel distogliere abilmente l’attenzione dai crimini di alto profilo e da ogni sorta di messa in scena.

    Pertanto, fino a quando le indagini sull’attacco terroristico al Crocus City Hall non saranno completate, qualsiasi frase di Washington che giustifichi Kiev dovrebbe essere considerata come una prova. Dopotutto, il finanziamento delle attività terroristiche del gruppo criminale organizzato di Kiev da parte dei democratici liberali americani e la partecipazione ai piani di corruzione della famiglia Biden vanno avanti da molti anni.

    Cari saluti (da me e non da Maria Zakharova che è troppo impegnata)

    1. Grazie Eugenio,
      questa è una ottima puntualizzazione fatta dalla impagabile Maria Zakharova che mette le cose a posto per quanto riguarda la questione mandanti dell’attentato.
      Ormai la verità sta emergendo e soltanto gli stupidi non l’hanno compresa. I servizi di intelligence anglo USA sono coinvolti fino al collo in questa vicenda, assieme a quelli ucraini.
      Presto arriverà la risposta russa e sarà molto dura.

      Cari saluti

      Luciano Lago

      1. Caro Luciano
        Non credi che un po’ di colpa sia anche dei Russi che erano stati avvertiti che nelle prossime 48 ore ci sarebbe stato un attentato, d’altra parte volere o non volere sono in guerra, è non sono riusciti ad intercettati, ma come ho già detto in altri commenti x 2 anni i Russi hanno cincischiato senza costrutto infliggendo pochi danni agli Ukraini, dovevano fare come gli Israeliano con i Palestinesi, tabula rasa, è inutile dire che gli Ucraini sono cugini e parlano la stessa lingua, purtroppo non è così in guerra tutto è lecito perché la storia la scrivono i vincitori

        1. Salve Franco,
          Sicuranente ci sono state falle nel sistema di sicurezza ma, attenzione, l’ambasciatore all’ONU Antonov sostiene l’avvertimento diretto di Washington alla Federazione Russa non c’è mai stato. E’ un fatto che l’apparato di sicurezza russo ha presentato delle falle nel non prevedere o prevenire l’attacco.
          Sono d’accordo che la Russia da tempo avrebbe dovuto togliersi i guanti bianchi ed agire in modo più deciso sia in Ucraina sia contro i paesi Nato che forniscono armi ed appoggio all’Ucraina.

          Saluti

          Luciano Lago

          1. Ma se lo abbiamo,letto perfino sui giornali di merda qui , cosa dovevano fare di più per avvertirli , invece di puntare il dito all Ucraina , dovrebbero chiedersi come mai non avevano alzato il livello di allarme , come hanno fatto ad agire indisturbati e come possono aver organizzato una roba del genere senza essere individuati prima , cosa fanno quelli dei servizi segreti russi ? Se ancor peggio fosse una macchinazione Ucraina , come mai non hanno capito cosa stava per succedere , un ora dopo sapevano che erano loro , ma non un giornp prima , ma per favore … i servizi russi sono impreparati m e quest attentato ne è la prova , non sono sicuri a casa loro i russsi , questa è la realtà…

          2. Io lessi l’ articolo su topcor.ru, oltre un mese fai ai fatti della caduta d’ Adveedka. Confermo che Mosca non è mai stata avvertita. Lo scrittore sostenne che, il dipartimento di stato Usa avvertiva i suoi concittadini, tramite ambasciata o normali media, di un alto rischio di pericolo anche di vita. Si consigliava caldamente si non frequentare grandi eventi o ritrovi pubblici in territorio russo. Ma nessun comunicato alle autorità sovietiche. Saluti

  4. Da questo video risulta che a minacciare la Russia di attentati per il suo sostegno ad Hamas, ai palestinesi e alla Siria sono stati i sionisti https://twitter.com/DD_Geopolitics/status/1771245365901082657 la Nuland prima di dimettersi aveva minacciato la Russia di “misure di guerra asimmetrica”, ovvero attentati terroristici, e l’ebreo rumeno Luttwack, il quale nel suo eterno errare tipico di questa stirpe infida era passato per l’Italia dove aveva militato falsamente nell’estrema sinistra (ora si è riciclato come teorico strategico “neoconservatore” appunto, ovvero ebrei ex troschisti trasformatisi falsamente in conservatori per servire meglio la causa del loro popolo) ha annunciato una guerra del terrorismo (quello del mossad) contro l’Europa.
    Pare che i militari professionisti europei si stiano dimettendo in massa per paura della guerra con la Russia, i sionisti per spingere gli europei, come fecero nei decenni passati con gli americani, cercano di usare l’arma spuntata del terrorismo islamico.
    In realtà sono i musulmani del Medio Oriente che devono subire il terrorismo sionista, il quale deve cessare di operare a livello sia locale che globale.

  5. sono gli stessi servizi che hanno progettato e fatto eseguire l’ attacco terroristico ai North Stream 1 e 2 … e tutte le altre porcherie da Sarajevo 1914 ad oggi … Roc Rof

  6. Non sono uno stratega, ma ad incendio ancora da domare e già i media propagantistici americani mettevano le mani avanti, incolpando l’isis. Nel frattempo forze della NATO arrivavano a Kiev a supporto di quelle già esistenti. Spero che i Russi si tolgano quell’altra mano che hanno in tasca, non è più tempo di giocare.

  7. Tutto questo è di per sé evidente alla luce delle esperienze pregresse e del semplice buonsenso, anche se le une e le altre necessitano di prove. Mancano di tutto, memoria del déjá vu, dotazione minima di buonsenso e prove a discolpa, le minchiatone col botto della propaganda atlantista, vedi le reti Mediaset, riposizionate in funzione anti-meloniana, ma pur sempre e di più, filo-americana, così da mettere zizzania fra Salvini, più tiepido e le pasionarie pro-guerra per obbedienza canina a Washington.
    Per es., ieri, su Rete4, la trasmissione condotta da quell’anima pia e porta della Scampini, con un Verderami che supera ogni volta i suoi record personali di ridicolaggine: Putin sfrutta la strage del Crocus a fini propagandistici. Il povero idiota elevato al quadrato non si rende conto che, se spari una cazzata, deve avere almeno una parvenza, se non due, di credibilità: Putin si serve di russi morti, come non bastassero quelli al fronte, per dichiarare guerra al Tagikistan o al Pakistan? Questo è quello che hanno fatto gli States con l’attentato fatto in casa delle Torri Gemelle: così avrebbe fatto Biden con un attentato al Madison Square Garden, tranne che ha già abbastanza grattacapi e le elezioni si perdono o vincono uns guerra vinta o persa per volta e lui le sta perdendo tutte. Verderami: verde come il dollaro al cui servizio questo energumeno è come una delle foglie della ramificazione italiana dell’Ufficio Stampa e Propaganda del Pentagono. Il deficiente non si rende conto che sta tagliando il ramo dell’albero su cui si è arrampicato, se continua a sostenere castronerie con la sua lingua bilama biforcuta. Alla faccia di minchia sua e dei atlantisti suoi pari, ora e sempre
    W PUTIN!

  8. Se l’obiettivo sono i civili ……………….. è sicuramente modus operandi degli anglosassoni. Gli anglosassoni sono degli inferiori blasfemi falsoni.
    Comunque la Tendenza dei tempi moderni si conferma dall’andamento generale: la loro sconfitta totale è vicina.

  9. Salve Luciano Lago, concordo su tutta la linea. Nonostante non sia un un cesare Saul campo McGregor non è un idiota. Ricordo che questa persona, due anni fa’ fu uno dei pochi che sconsigliava del tutto un conflitto armato coi Russi. Che sarebbe stato un errore, soprattutto per noi europei sostenere Kiev, e le sanzioni antirusse, nel conflitto. Che si sarebbe dovuto trattare con Mosca per smilitarizzare Kiev e non l’ opposto. Le sue parole ricalcano i miei pensieri, esecutori materiali mercenari Ucraini. Vero organizzatori e mandanti Usa e GB. Solo loro hanno le tecnologie per usare in maniera criptata le comunicazioni satellitari! Non dimentichiamo la logistica sul posto, case sicure, depositi d’ armi in Russia. L’ Ucraina da sola non potrebbe mai!!

    1. Grazie Lorenzo per l’apprezzamento.

      Non era comunque difficile arrivare a capire come stanno realmente le cose.
      Il nostro compito è quello di chiarire e controbilanciare (nel nostro piccolo) la massiccia propaganda di disinformazione che mette in atto il regime atlantista e le sue centrali mediatiche in queste occasioni.
      Facciamo girare per quanto possibile queste informazioni.

      Un saluto

      Luciano Lago

  10. È un passaggio epocale quello che si sta vivendo la vedo male le persone non capiscono e non vogliono capire. Chi ha in mano il mainstream tv carta stampata da cesso ha un potere enorme ma oggi uno se vuole può documentarsi da una parte e dall’altra e tirare le conclusioni in maniera più obiettiva possibile e per quanto mi riguarda il pensiero menefreghista occidentale dello sto bene io e la mia famiglia del resto non me ne frega una ceppa mi fa vomitare…Ci tengo a dire che È veramente un piacere leggervi ogni qual volta leggo un articolo della redazione ho bisogno di sapere e di approfondire con il vostro pensiero scritto che puntualmente arriva….grazie un saluto Luca

  11. Questa volta ,e alla svelta , la Russ. deve agire non potando i rami sbilenchi, ma tagliando l’albero dalle radici.Non solo deve avanzare in Ucr.,con più rapidità ma ,visto l’agire assimetrico dei nemici ,imitarli .TIRARE IL SASSO E NASCONDERE LA MANO ,NEGANDO. Portare il caos nelle capitali occ. affinché, che Dio risparmi gli Innocenti, il popolo si desti e prenda coscienza.UNA PREGHIERA PER I MARTIRI DI RUSSIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM