Circola la notizia della morte della presunta killer di Daria Dúguina trovata assassinata da ignoti in Austria

Natalia Vovk, la presunta autrice dell’attacco che ha ucciso Daria Dúguina il 20 agosto a Mosca, è stata trovata morta, come ha riportato domenica il tabloid austriaco Exxpress.

La pubblicazione cita come fonte un messaggio che “si diffonde a macchia d’olio su Telegram”.

“Di notte è stata trovata morta in un appartamento in affitto. Con 17 coltellate sul corpo e un pezzo di carta in mano”, recita il messaggio e aggiunge fotografie che presumibilmente ritraggono la donna assassinata.

I media non specificano il paese o la città in cui è stato trovato Vovk e indicano solo che “di sua figlia non c’è ancora traccia”.
Il ministero dell’Interno austriaco ha dichiarato a Sputnik di non poter confermare l’esattezza delle informazioni pubblicate dall’articolo di Expresspress.
Daria Dúguina (Platonova), 29 anni, figlia del filosofo e scrittore russo Alexandr Dugin, è morta il 20 agosto alla periferia di Mosca, dopo che era stato fatto esplodere un ordigno esplosivo collocato nella sua auto, in cui avrebbe dovuto viaggiare anche suo padre, il quale però aveva deciso di cambiare veicolo all’ultimo minuto.

Secondo l’indagine del Servizio di sicurezza federale russo (FSB), l’autore dell’attacco è stata la cittadina ucraina Natalia Vovk, nata nel 1979. La donna era sospettata di operare per conto dei servizi segreti ucraini.

L’FSB ha rivelato che Vovk è arrivata in Russia il 23 luglio con la figlia di 12 anni, affittando un appartamento nello stesso edificio in cui viveva Dúguina. Durante quel periodo aveva osservato la sua vittima e, dopo l’omicidio, era partita per l’Estonia con la figlia attraverso la provincia russa di Pskov.
Se la notizia verrà confermata, sembra chiaro che qualcuno abbia voluto tappare la bocca per sempre alla donna che avrebbe potuto rivelare i mandanti dell’omicidio.
Seguiranno notizie dettagliate del caso…….

Fonti: El Periodosta Tellerreport.comAninews.in

Traduzione e sintesi: L.Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM