Cina: ora sarà necessaria cautela?


di Alastair Crooke .

Questa è una domanda chiave: alla luce dell’inganno statunitense su Taiwan, la Cina metterà da parte la sua cautela e riconoscerà di aver bisogno della profondità militare e strategica della Russia e dell’Iran?

Dall’esterno possiamo vedere un’Asia occidentale che si prepara e cambia posizione per girare verso est. Non si tratta, tuttavia, di un semplice spostamento geografico verso un altro punto cardinale. Questa è in parte una “reazione di rifiuto” all’assalto di sanzioni, regolamenti e sequestri di beni da parte di persone con legami nulli o molto deboli con gli stati sanzionati, che stanno fuggendo dalla “fabbrica” ​​delle sanzioni dell’UE.

Ma il vero catalizzatore di questo nascente “pivot” è piuttosto la forza di attrazione decisiva di una visione globale posta sul tabellone del Grande Gioco dalla Russia. Gli stati di Heartland sono sia incuriositi che attratti. C’è anche un sapore di Bandung II in questo caso. La conferenza di Bandung nel 1955 fu lanciata anche sui principi di autodeterminazione, rispetto reciproco della sovranità, non aggressione, non interferenza negli affari interni e pari partecipazione.

Certo, l’energia originaria di questa iniziativa si è dissipata sotto l’impatto di un nuovo colonialismo finanziarizzato, ma c’è nell’aria oggi un tentativo di far rivivere questi primi sentimenti anticolonialisti diretti, in questo caso, contro “l’ordine basato sulle regole ” imposto, come copertura generale.

In rapida successione, abbiamo avuto un “pieno” di vertici potenzialmente di perfezionamento della strategia: la Conferenza sul Caspio, la Conferenza di Teheran e la Conferenza Russia-Turchia. Tutte queste sono di grande importanza strategica – e stiamo già vedendo i primi “germogli” di crescita nel piano del presidente Erdogan di chiamare il presidente Assad.

Questa iniziativa, di per sé, allevierà le tensioni regionali. Il rilancio da parte del presidente Putin dell’Accordo di Astana (1998), in cui Damasco garantiva il contenimento dei movimenti curdi con base in Siria, potrebbe però aprire la strada a una soluzione definitiva della questione siriana, sia per quanto riguarda i jihadisti a est, sia per quanto riguarda da un lato (con la collaborazione di Erdogan) e la fine dell’occupazione americana della Siria nord-orientale, dall’altro (con l’aiuto della Russia).

Quest’ultimo punto è solo un esempio della nuova dinamica politica che comincia a prendere vita. Queste aperture sono tuttavia sostenute da un forte interesse economico – incentrato sull’avvento di nuovi canali commerciali ed economici, per alleviare la raffica di sanzioni dall’Occidente – generando al contempo nuove iniziative commerciali per far uscire la regione dalla crisi.

Il punto nevralgico di questa visione è l’enorme rete di corsi d’acqua , supportata dalla conferenza sul Mar Caspio, nonché una rete complementare di oleodotti, l’Heartland. In Occidente, i corridoi fluviali a basso costo sono stati trascurati. Ma qui si assiste al dispiegamento di una rete straordinaria, che si estende verso est fino al Mar Nero (e quindi potenzialmente al Danubio) e (più direttamente) al Mediterraneo. Da nord alla rotta artica del Mare del Nord; a sud, attraverso il Mar Caspio e il Corridoio Nord-Sud, verso Dubai e l’India; e verso est, tramite la BRI, in Cina. Corridoi più veloci ed economici rispetto alle alternative marittime.

Tutto questo deve essere consolidato da nuovi sistemi di pagamento originari dell’Africa (sistema panafricano di pagamento e regolamento) che devono armonizzarsi con i sistemi alternativi SWIFT Mir e Union Pay. Le zone economiche speciali esentasse stanno crescendo nella regione MENA e una rinascita ferroviaria sta attraversando il continente africano, sia lateralmente che verticalmente.

Nel complesso, questa è una mossa strategica per rimuovere il commercio, i suoi corridoi di trasporto e tutti i sistemi di pagamento dalle grinfie delle potenze marittime del “Grande Gioco”. L’Occidente è furioso. Il Financial Times, il quotidiano dell’establishment, ha già lanciato avvertimenti su un riallineamento troppo stretto tra Turchia e Russia. I commentatori anonimi dell’UE suggeriscono che in quest’ultimo caso, la Turchia potrebbe affrontare sanzioni dell’UE.

Paradossalmente, l’evento decisivo – che potrebbe collegare tutte queste iniziative russe – è avvenuto a migliaia di chilometri dalla regione: la visita di Pelosi a Taiwan, che ha fatto infuriare Pechino.

Non è l’immediata reazione militare della Cina, né la cancellazione da parte della Cina di una serie di canali di comunicazione bilaterale con gli Stati Uniti, che sono in questione qui, ma piuttosto il fatto che il ritmo e la tensione tra Stati Uniti e Cina sono destinati a intensificarsi, cambiare per sempre questa relazione.

Sembra che la Cina abbia capito che Biden ha mentito. In tre occasioni dichiarò esplicitamente che gli Stati Uniti avrebbero difeso militarmente Taiwan, in caso di acquisizione forzata dell’isola da parte dei cinesi. Ogni volta, queste affermazioni sono state smentite dagli assistenti di Biden: “Oh, sai, Biden ha la tendenza ad esprimersi male. Lui, Biden, si sta davvero attenendo all’unica politica cinese”.

Non era vero.

Ebbene, gli occhi del popolo cinese sono stati aperti. Per prima cosa capiscono ora che gli Stati Uniti intendono fare tutto ciò che è in loro potere per garantire che la riunificazione pacifica non abbia mai luogo. Questa idea ha toccato le corde del “secolo di umiliazione” della Cina da parte delle potenze occidentali, che nella storia si sono impadronite e occupato parti della Cina.

In secondo luogo, devono capire che da questa idea deriva che la riunificazione deve essere forzata – in un modo o nell’altro – contro la volontà degli Stati Uniti. E terzo, che la finestra di opportunità (o almeno l’opportunità di farlo senza iniziare una grande guerra) si chiuderà gradualmente su di loro.

Questi due punti implicano che il rapporto tra Stati Uniti e Cina non sarà mai più lo stesso. Qual è l’impatto di questa situazione sul Medio Oriente? Importa in questo modo (come spiega un commentatore militare russo, ma quanto segue è parafrasato):

Potenza militare cinese

È facile dimenticare che la Cina ha svolto il ruolo di “bravo ragazzo” per gli Stati Uniti quando si tratta di sanzioni contro la Russia. (Jake Sullivan aveva minacciato i cinesi ad Ankara di non aggirare le sanzioni statunitensi – se si preoccupavano dei loro mercati americani ed europei). Sì, la Cina compra energia dalla Russia, ma anche gli Stati Uniti, che l’hanno esentata e altre risorse strategiche dalle sanzioni.

C’è voluta l’evidente umiliazione della visita di Pelosi a Taiwan perché la Cina iniziasse a riconoscere che potrebbe aver bisogno di andare oltre l’acquisto di energia e alcune tecnologie militari dalla Russia, oltre al supporto verbale nel quadro di una partnership strategica. La Russia sostiene pienamente la Cina e continuerà a farlo, ma è tempo che la Cina faccia passi molto concreti, non solo dichiarazioni, verso una vera alleanza e un adeguamento delle aspirazioni economiche cinesi alle realtà dell’integrazione eurasiatica, la cui sicurezza strategica dipende dalla Russia .

Questo è un punto chiave: alla luce dell’inganno statunitense su Taiwan, la Cina metterà da parte la sua cautela e riconoscerà che ha bisogno della profondità militare e strategica della Russia e dell’Iran? E ora, nei suoi rapporti con Russia e Iran, eserciterà tutto il suo peso sui vari progetti di integrazione eurasiatica?

Se è così, darà una spinta alla regione, quando ne avrà più bisogno.

Alastair Crooke

fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Gerard Trousson

3 Commenti
  • francesco
    Inserito alle 22:14h, 16 Agosto Rispondi

    La Cina si siederà sula riva del fiume e aspetterà che passi il cadavere del suo nemico

  • Massimiliano
    Inserito alle 09:02h, 17 Agosto Rispondi

    Non vorrei mai vivere in un sistema cinese. Mi sono ridotto a tifare questi orientali perché gli Usa sono degenerati a tal punto che prima o poi faranno scoppiare guerre ai nostri confini di stato. PS cosa sta facendo colao , il governo ombra?

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 09:26h, 17 Agosto Rispondi

    UE fabbrica di sanzioni… d’altronde cos’altro può produrre immane burocrazia gerontocratica europea sempre più incartapecorita ed appiattita su psicopatici miliardari hollywoodiani totali prede ormai di proprie inconfessabili perversioni?…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento