Cina: le radici della follia della NATO

di Declan Hayes
I cinesi non solo sono completamente svegli, ma pienamente consapevoli delle astuzie degli anglosassoni nei settori del debito e dei semiconduttori, così come nel miele, Hello Kitty e tutti gli altri.

“Lascia dormire la Cina. Perché quando si sveglierà, il mondo tremerà”. Sebbene The Dictionnaire Napoléon attribuisca questo apotegma non al grande Napoleone (che amava un buon bon mot quasi quanto amava una bella battaglia) ma all’attore britannico David Niven che interpretava l’ambasciatore britannico durante la ribellione dei Boxer nel film di successo hollywoodiano del 1963 55 giorni a Pechino , non importa.

La Cina è arrivata e sta scuotendo il mondo a un livello che nemmeno il suo vicino giapponese ha raggiunto durante gli ultimi anni di gloria economica del Giappone. Stando così le cose, dobbiamo misurare la forza di questo Godzilla che, inorridito dagli orrori della NATO, non sta solo mediando la pace in Medio Oriente ma, più nel cuore di questo saggio, sta riciclando il miele in cima a una montagna di debiti che ha il nostromondo occidentale. La NATO domina i mattoni sudati.

La prima tappa è il miele. La Cina ha accettato di importare ogni anno circa 50.000 tonnellate di miele dall’Iran colpito dalle sanzioni , che ha bisogno di ogni centesimo che riesce a racimolare. Poiché l’industria delle api iraniana, come spiega questo articolo informativo , ha un enorme potenziale di rialzo, sono felice che la Cina stia aiutando i 140.000 apicoltori iraniani a restare a galla. Mentre nei paesi occidentali l’apicoltura è generalmente un prodotto collaterale in cui si impegnano alcuni agricoltori, in Siria, e immagino, in Iran, gli apicoltori seguono le loro api nomadi mentre migrano da un paese locale all’altro; poiché l’Iran, ad esempio, ha oltre quattro volte la quantità di specie floreali dell’Europa occidentale, l’Iran, come la Siria, è un vero paradiso in terra per le api. Sebbene la guerra di sterminio siriana della NATO abbia gravemente distrutto le api e gli apicoltori siriani, questo accordo sino-iraniano mostra che c’è speranza per gli apicoltori di Iran, Iraq e Siria e, per questo, non potrei essere più felice.

Parallelamente, la Cina, il più grande produttore di miele al mondo, è accusata di aver scaricato il proprio miele sul mercato internazionale del miele , tagliando così i 60.000 produttori di api dell’UE e, soprattutto, l’Ucraina, contro la quale i paesi occidentali non hanno alcuna speranza di competere, almeno sul prezzo.

Ma, a difesa della Cina, va detto che tali attività sono parte integrante degli odierni sistemi internazionali di “ordine basato su regole” del commercio. Ecco, per esempio, un rapporto sugli allevatori irlandesi che gestiscono gli enormi allevamenti di bestiame dell’Arabia Saudita . La produzione globale di carne bovina è cambiata e si sceglie la quantità rappresentata dall’Arabia Saudita e dalle mega fattorie di Bill Gates o si sceglie la qualità, per cose come la carne di Kobe, il whisky irlandese e i beni di lusso francesi.

Il whisky irlandese, che è un prodotto molto più pregiato delle miscele per la tosse che la sorella Scozia distribuisce a un mondo ignaro, è importante per la nostra analisi poiché il paffuto ambasciatore ucraino in Irlanda ha chiesto all’Irlanda di boicottare il proprio whisky irlandese, essendo il boicottaggio una tattica inventata non solo per gli irlandesi. ma in cui eccelleva. Lasciando da parte quell’ignoranza e tutte le altre considerazioni, se l’Irlanda riuscisse a riprendersi parte del mercato in Cina (e Russia) dagli scozzesi, sarebbe una buona cosa perché la Cina, che piaccia o no alla CIA, è il nuovo Giappone dei ruggenti anni ’20 .

Questo significa che i cinesi hanno un sacco di soldi da spendere in whisky irlandese, beni di lusso francesi e Hello Kitty. Poiché i giapponesi, durante i loro anni d’oro, rappresentavano oltre il 70% delle vendite globali di Louis Vuitton, i produttori di whisky irlandesi, i produttori di beni di lusso francesi, gli apicoltori iraniani e i custodi della cultura kawaii giapponese non possono ignorare la Cina .

I cinesi pagano tutta la loro merce Hello Kitty, le loro miscele scozzesi per la tosse ei loro profumi francesi esportando roba, cose come treni proiettile che hanno retroingegnerizzato dalla giapponese Mitsubishi, Heavy Industries. Poiché la Cina sta crescendo così velocemente, ci sono opportunità in abbondanza in tutto, dal miele e manzo di Kobe alle auto Volkswagen e alle portaerei, tutte cose che la Cina, con i suoi hack di ingegneria inversa, può pagare con i suoi surplus di esportazione o assumendo alcune linee di debito.

Come per il miele, anche la Cina è un grande produttore agricolo a sé stante e le sue fattorie vanno dalle meraviglie molto primitive a quelle più all’avanguardia che corrispondono a qualsiasi cosa producono i Paesi Bassi, o persino i sinistri mega-ranch di Bill Gates nella loro offerta. Il principale vincolo della Cina in questo senso è che le sue acque sono nel posto sbagliato e non è affatto chiaro se l’ altopiano del Qinghai-tibetano , la sua tradizionale fonte d’acqua, coprirà i suoi bisogni futuri.

Per affrontare questo e innumerevoli altri colli di bottiglia dello sviluppo, la Cina, per soddisfare le crescenti aspettative delle sue innumerevoli masse, deve investire pesantemente su una scala che il mondo non ha mai visto prima. E deve anche prendere in prestito pesantemente poiché il prestito è un mezzo per diffondere investimenti che altrimenti non potrebbero essere in grado di permettersi a lungo termine.

E questo ci porta in Cina: The Root of Madness , il documentario della CIA sulla Guerra Fredda del 1967 che “spiega” la Cina attraverso il prisma della CIA. Ma la Cina deve essere spiegata attraverso un prisma cinese, non americano e, se la spia della CIA Theodore H White , che ha prodotto quella spazzatura, si fosse preso la briga di leggere il presidente Mao, si sarebbe imbattuto in molti più riferimenti alle antiche dinastie cinesi di quanti ne avrebbe Karl Marx o Freddy Engels.

Poiché gli anglosassoni di WASP (White, Anglo Saxon Protestant ) sono troppo preoccupati per le politiche del debito della Cina piuttosto che per le proprie, ora confronteremo e contrapporremo l’una all’altra. Tradizionalmente, c’erano due sistemi economici di base, il sistema tedesco-giapponese dove le banche e l’indebitamento erano i motori finanziari della loro crescita sicura ma costante e il sistema anglo-americano dove il mercato azionario più rischioso e sulle montagne russe faceva da padrone. L’approccio della Cina al debito, ancora una volta, è meglio descritto come il Giappone sotto steroidi.

Negli Stati Uniti, per coniare un bon motto napoleonico, il debito è passato dal sublime al ridicolo. Il Klondyke degli avvoltoi che era il prestito di giorno di paga , dove i poveri anglosassoni, che vivevano di stipendio in stipendio, pagavano tassi di strozzinaggio insostenibili ai loro creditori, è stato sostituito con app predatorie per smartphone , dove i poveri americani sono ora ridotti a comprare i loro pasti a credito e pagandoli con il naso, mentre lo zio Sam li cattura in trappole di microdebiti da cui non c’è scampo.

A livello macro internazionale, le nazioni africane e di altro tipo sono state a lungo bloccate in una trappola del debito simile, anche loro non hanno modo di sfuggire, anche perché il FMI e la Banca mondiale, i loro presunti salvatori, sono stati incaricati ab ovo di tenerli schiavi allo zio Sam e ai suoi complici anglosassoni.

Qualunque cosa si possa pensare della Bibbia, Proverbi 22:7 : ha ragione quando proclama che “Il ricco domina sul povero e chi prende in prestito è schiavo di chi presta”. Questo è stato certamente il caso in Africa, come lo è ora nella piccola Irlanda, che è stata costretta, quasi sotto la minaccia delle armi, ad assumersi oltre il 40% del debito dell’UE, e in Ucraina, che attualmente sta combattendo la Russia con un credito al massimo di carta.

Quella carta di credito dovrà essere cancellata dall’Ucraina consegnando i suoi gioielli della corona a BlackRock, Vanguard e agli altri suoi creditori e pagando gli interessi sulle montagne di debiti che ha accumulato per combattere la sua guerra impossibile da vincere. Exxon-Mobil, Chevron, Halliburton e gli altri avvoltoi stagionati dello zio Sam sono già in trattative avanzate per gestire l’industria energetica ucraina e gli avvoltoi leprechaun dell’Irlanda di Vichy si sono impegnati a sfruttare (“ricostruire”, come la chiamano) la regione ucraina di Rivne Oblast come parte della loro ricompensa per aver sostenuto il Reich posteriore di Zelensky e aver ridacchiato a quelle decine di migliaia di giovani ucraini massacrati per rendere possibili queste truffe.

Rustem Umerov,che dirige il Fondo ucraino per la proprietà statale (SPF), afferma che ci sono più di 3.500 società elencate come di proprietà statale, di cui quasi 1.800 fallite e non funzionanti. L’elenco per una svendita di privatizzazioni agli alleati occidentali di Zelensky include distillerie e silos per il grano, che potrebbero interessare gli investitori, così come centinaia di strutture abbandonate, che saranno regalate per pochi centesimi di dollaro. Umerov spera di guadagnare oltre 400 milioni di dollari vendendo una serie di società d’élite che vanno da un produttore di fertilizzanti a servizi pubblici, fonderie e un produttore di insulina. Produttore di ammoniaca Odessky Pryportovy Zavod, produttore di titanio United Mining, Zaporozhye Titanium-Magnesium Plant, produttore di insulina Indar, e il generatore di corrente Centrenergo PJSC sarà tra i primi ad essere venduto a prezzi stracciati e poco dopo sono previsti fino a 200 milioni di dollari di terreno demaniale. Poiché i russofoni non hanno diritti in Ucraina, è prevista la vendita anche dell’impianto di estrazione e lavorazione di Demurinsky, che sviluppa riserve di sabbie di titanio-zirconio e che è di proprietà del magnate russo Mikhail Shelkov. Anche la raffineria di allumina Nikolaev di Rusal è prevista per la “privatizzazione”, così come la proprietà confiscata dei russi Vladimir Yevtushenkov e Oleg Deripaska.

Il sistema cinese, con le sue presunte questioni musulmane, tibetane, di Hong Kong, Taiwan e Hello Kitty, opera in modo un po’ diverso dai gangster ucraini di Zelensky e non ha alcun senso mettere in crisi le nostre mutandine di fabbricazione cinese. Tutte le finte preoccupazioni cinesi della NATO sono contraccolpi della crescita dell’economia cinese e della fine del denaro facile che fluiva dalle proprietà americane e dalle bolle dot.com. Poiché Easy Street è finita, gli yankee devono ora riscoprire lo Zen del lavorare sodo anche se, come i loro vassalli europei, non sono più all’altezza del compito. I cinesi, come i lavoratori giapponesi della Toyota o i coreani della Kia Motor Works, arrancano ancora e ancora, accumulando ricchezze, miele iraniano e altre delizie per i loro figli e, dati i suoi dati demografici, i figli dei loro figli. E bene con loro.

Questo non vuol dire che ogni cittadino cinese, giapponese o coreano sia stato un vincitore, ma i loro sistemi sono stati progettati per offrire le maggiori opportunità possibili al maggior numero di cittadini. Sebbene i cinesi adorino il gioco d’azzardo, non hanno seguito il modello di capitalismo da casinò dello zio Sam ma, come i giapponesi del dopoguerra, hanno invece lavorato sodo e allo stesso modo si sono tirati su da soli.

E, proprio come un tempo il Giappone era il principale attore del debito sovrano a lungo termine, così ora quel calice avvelenato è passato a Pechino. Se il Pakistan, lo Sri Lanka, il Mozambico, lo Zambia e Grenada desiderano sfuggire al fardello del debito che lo zio Sam ha gravato su di loro, devono guardare a Pechino. E mentre la Cina ha giocato duro, non è stata neanche lontanamente dura come Elliott Investment Management e altri critici americani della Cina che hanno scelto l’Africa più pulita di quanto potrebbe fare uno stormo di avvoltoi famelici.

Ma che dire della Cina, con la sua golosità per il miele iraniano, le sue miscele scozzesi per la tosse e le sue insegne di Hello Kitty? Il governo cinese ha il compito di consentire ai suoi cittadini di godere di tali frutti del loro lavoro, pur mantenendo le sue forze armate per difendere i suoi cittadini e istituendo un sistema che consenta alla Cina di guadagnare i mezzi per pagare tutte queste frivolezze. Dato che la Cina rappresenta un quinto della popolazione mondiale, questo è un compito enorme, risorse umane e gestione finanziaria su scala veramente biblica a cui il mondo non ha mai assistito prima.

E, come con il Giappone durante i suoi anni d’oro, il debito, anche se con caratteri cinesi, è parte integrante di quel processo. Sebbene il debito personale, istituzionale e governativo in Cina sia enorme, dovremmo davvero preoccuparci quanto lo sono i nostri narcisisti signori anglosassoni?

Penso di no. Il debito, ci dicono gli economisti anglosassoni, ci offre più scelta, la possibilità, ad esempio, di ottenere un mutuo ipotecario su una casa, piuttosto che affittare per sempre o vivere in un wigwam lungo la strada. Il debito, in gran parte, consente agli americani di mandare i propri figli al college che, a seconda di ciò che studiano, può essere o meno un buon investimento. Naturalmente, consente anche agli yankee di acquistare molti prodotti cinesi da Walmart, ma prendiamolo come un dato di fatto delle fissazioni dei consumatori americani.

Tanto più che anche la Cina sta acquistando la mania dei consumatori. I cittadini cinesi stanno persino assumendo donne americane per portare i loro figli, cosa che la Heritage Foundation della CIA ritiene sia un rischio per la sicurezza nazionale. Anche se va bene e va bene per gli americani affittare uteri ucraini, la fiorente industria cinese-americana ” rent-a-womb “, in cui le coppie cinesi anziane arruolano fertili donne americane per dare alla luce prole con cittadinanza statunitense, dicono, non è giocare secondo l’ordine basato sulle regole della CIA, la cui mancanza di logica l’ascesa economica della Cina ha messo a dura prova.

I bambini surrogati sono solo un sintomo. L’America non è solo una gigantesca montagna di debiti, ma i suoi mercati del debito fanno impallidire i suoi mercati azionari, che sono i più grandi del mondo. I giapponesi (di nuovo) lo hanno capito da tempo e che c’erano, per loro, guadagni facili da ottenere prestando a stati e città americani con la corretta presunzione che il governo degli Stati Uniti non avrebbe permesso a quegli stati e città di andare in bancarotta. I giapponesi che, come i coreani ei cinesi, sono diligenti risparmiatori, tengono a galla l’economia statunitense da decenni ormai con i loro prestiti agevolati che, come tutti i prestiti, alla fine devono essere rimborsati.

Ma che dire dei cinesi? Il segretario al Tesoro americano Janet L. Yellen ha riconosciuto la minaccia che la Cina rappresenta per l’egemonia degli Stati Uniti (l’ordine basato sulle regole come lo chiamano gli anglosassoni) e la necessità di contenere la Cina con sanzioni, controllando i diritti di proprietà intellettuale e sparlando di loro nei media della NATO sui diritti umani e la difficile situazione degli orsi panda.

Questa è, ancora una volta, una replica dell’attacco post-crisi petrolifera dell’America al Giappone, perché il Giappone ha l’arte di fabbricare auto fino al punto di partenza. Semplicemente non c’è modo che gli americani, i tedeschi o gli scandinavi possano competere con le case automobilistiche giapponesi o, addirittura, con i cinesi, che non sono solo i nuovi giapponesi ma che hanno interi eserciti di ingegneri che migliorano l’efficienza delle auto e tutto il resto che produrre.

E questo include microchip taiwanesi, ai quali lo zio Sam si aggrappa come un uomo che sta annegando potrebbe aggrapparsi a una cannuccia. Poiché nessun paese, dai Sumeri dell’antichità agli anglosassoni della nostra epoca, è riuscito a monopolizzare per sempre una particolare tecnologia, i microchip taiwanesi sono, come avrebbe potuto dire il defunto presidente Mao, una tigre di carta competitiva, infantili origami giapponesi che svanirà con un soffio di vento divino .

Lo zio Sam la pensa diversamente e ha ordinato alle sue colonie taiwanesi e coreane di smettere di vendere chip semiconduttori alla Cina. L’America ha anche chiesto alle società tedesche Merck e BASF , che forniscono ai produttori di chip asiatici prodotti chimici critici per la produzione, di seguire l’esempio degli olandesi che, su ordine degli yankee, hanno fortemente limitato le esportazioni dei loro semiconduttori verso il Regno di mezzo.

Sebbene la NATO, come Sansone in passato, speri che queste restrizioni all’esportazione paralizzino la capacità della Cina di sviluppare tecnologie avanzate, così come la sua capacità di produrre semiconduttori, la marea della storia moderna, dove i vantaggi competitivi non possono essere mantenuti a lungo, suggerisce che questo patetico boicottaggio dovrà fallire. Nonostante la Cina sia il partner commerciale più importante di Berlino per il settimo anno consecutivo, poiché la Germania rimane uno schiavo umiliato dell’America, possiamo presumere che il Pentagono si farà strada qui e danneggerà ulteriormente la Germania (e i Paesi Bassi). Fa testo il’Kara kiri della catena di approvvigionamento globale da parte di quegli idioti evirati!

La NATO avrebbe dovuto, ovviamente, far dormire l’industria cinese dei semiconduttori. Pechino ha avviato una revisione della sicurezza nazionale su Micron Dram , uno dei tre attori dominanti nel mercato globale dei chip di memoria insieme a Samsung Electronics e SK Hynix della Corea del Sud. Come con Louis Vuitton, lo è anche con Dram, dove la Cina continentale e Hong Kong generano il 25% del suo fatturato annuo di 31 miliardi di dollari. Se il presidente coreano Yoon Suk-yeol acconsente alla richiesta dello zio Sam di vietare la vendita dei loro microchip alla Cina, allora è ancora più stupido di qualsiasi piagnucolone irlandese che boicotta il whisky irlandese sulla parola dell’obeso truffatore ucraino, che ha il ruolo di Ambasciatore a voce alta alla “Vichy” Irlanda.

Sebbene il Pentagono creda che il loro vantaggio competitivo nei microchip allontanerà il drago cinese, non è qui che si trova la vera battaglia. Il nocciolo della questione è che gli Stati Uniti e i loro alleati fantoccio hanno esportato molto tempo fa l’intera catena logistica in Cina e quindi hanno reso la Cina l’hub logistico mondiale, il suo Regno di Mezzo, se volete. Non solo è quasi impossibile da annullare, ma ci sono oltre un miliardo di cinesi che hanno un interesse acquisito nel mantenere quello status quo emergente che sconvolge così tanto i nostri amici anglosassoni.

Tecnologia cinese

L’oro, a titolo illustrativo di quest’ultimo punto, è il più facile dei metalli con cui lavorare ed è il primo metallo menzionato nella Bibbia (Genesi 2:11-12). E, sebbene i gioielli in oro siano quasi universalmente popolari, gli italiani del nord sono i migliori al mondo nella fabbricazione dell’oro, semplicemente perché hanno tenuto a lungo i centri logistici, anche da molto prima che Romolo e Remo fondassero Roma.

Sebbene burattini americani come Ursula von der Leyen possano minacciare l’inferno e la dannazione per l’economia cinese, le case automobilistiche tedesche e francesi stanno facendo più soldi producendo automobili in Cina che in Europa. Perché? Perché la Cina ha gli snodi logistici e una parte della Cina non litiga con un’altra per il diritto di produrre coprimozzo, come fanno tra loro i vari stati europei. L’Europa è un disastro organizzativo e la Cina, come con Hello Kitty e le industrie automobilistiche giapponesi, non lo è.

E, quando chiediamo se il controllo della famiglia Biden sull’industria dei semiconduttori possa fermare la Cina, dobbiamo concludere che non può e, ancora una volta, il Giappone ci mostra perché. Quando gli europei raggiunsero per la prima volta il Giappone, portarono con sé i moschetti nella Terra del Sol Levante, dove una tale tecnologia era sconosciuta, ma dove gli europei rimasero stupiti dal fatto che l’acciaio giapponese fosse di gran lunga superiore a qualsiasi cosa avessero incontrato in precedenza nel giardino europeo di Borrell .

I giapponesi, che in precedenza non avevano mai visto un moschetto, non solo risolsero il cruciale problema europeo di come fermare la pioggia che distruggeva la polvere da sparo ma, entro sei mesi dal primo colpo d’occhio su di loro, esportarono moschetti in tutto il resto dell’Est Asia. Dopo la guerra russo-giapponese del 1904/5 , i giapponesi decisero che avrebbero dovuto eguagliare la società tedesca Leicain termini di lenti. Non solo i giapponesi li hanno eguagliati, ma li hanno superati di gran lunga in meno della metà del tempo che avevano assegnato a quell’obiettivo. Se gli americani pensano di poter fermare l’ondata cinese di semiconduttori, è meglio che importino altri cervelli cinesi o giapponesi perché è chiaro come il giorno che hanno una carenza critica di materia grigia, oltre a una profonda ignoranza su come siano interconnesse le industrie intermedie di Cina, Corea e Giappone .

L’economia cinese, la loro busta paga nazionale se volete, continua ad aumentare, di un impressionante 4,5% nel primo trimestre del 2023, il che significa che è in una posizione migliore per estinguere o rinnovare qualsiasi debito in essere e, ovviamente, per comprare più whisky, più profumi francesi e più kitsch di Hello Kitty.

La terra yankee, nel frattempo, stampa solo più banconote da un dollaro e spende l’incredibile cifra di $ 500 miliardi all’anno per il servizio del proprio debito, anche se immaginano che la Cina non svilupperebbe un proprio mercato del debito e quindi affonderebbe l’economia americana fumosa. Perché il nocciolo della questione è che il debito della Cina non è un problema e non lo sarà finché la Cina riuscirà a gestirlo. E finora, come con il Giappone, non vi è alcun segno di una grave crisi. Per la Good Ship China, sembra essere stabile mentre va e manda al diavolo Moody’s e gli altri oppositori partigiani.

Per illustrare la forza della Cina, volgiamo ancora una volta lo sguardo verso il Giappone, la cui moneta è lo yen. Dopo aver sentito che yen significa cerchio in inglese, il signore della guerra americano Douglas MacArthur decretò che ci sarebbero stati 360 yen per il dollaro yankee. Attualmente è scambiato a 135 per dollaro, che è ben all’interno della sua recente fascia di trading. Lo yuan cinese è a 7 contro il dollaro e anch’esso rientra nelle recenti bande di scambio. La Cina, tuttavia, è in una posizione molto più forte degli Stati Uniti o di qualsiasi sua satrapia per spingere lo yuan, e quindi il dollaro, in qualsiasi modo voglia. Lo stivale è, in altre parole, sempre più sul piede cinese e non su quello della NATO.

Ecco, in conclusione, un filmato del 1900 di una damigella francese a Saigon che lancia grano a bambini vietnamiti, come se stessero cercando polli. Gli anglosassoni dovrebbero sapere che quei giorni sono passati, grazie alla potenza armata dei sud-est asiatici e dei loro alleati, e, grazie alla potenza economica di quei paesi, non torneranno. Gli Stati Uniti, insieme ai suoi vassalli tedeschi, olandesi e altri, devono riconoscere e convivere meglio con questo fatto o si preparano a fare una svolta nel foraggiare se stessi quando la loro stessa stupidità farà crollare la loro parte del sistema economico globale.
Per quanto riguarda i cinesi, non solo sono completamente svegli, ma pienamente consapevoli delle astuzie degli anglosassoni nei settori del debito e dei semiconduttori, così come nel miele, Hello Kitty e tutti gli altri.

Fonte: Strategico Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM