Cina, India, altre nazioni dicono no all’egemonia occidentale – Lavrov


Secondo il massimo diplomatico, paesi come la Cina e l’India, molti stati del continente eurasiatico, della regione Asia-Pacifico, del Medio Oriente, dell’Africa e dell’America Latina “capiscono perfettamente di cosa si tratta”.
MOSCA, 27 marzo. Cina e India, così come una serie di altri stati del continente eurasiatico, nella regione Asia-Pacifico, in Medio Oriente, Africa e America Latina non intendono aiutare l’Occidente a mantenere l’egemonia sull’arena globale, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto lunedì a una riunione del consiglio dei tutori del Fondo per la diplomazia pubblica di Alexander Gorchakov.

Il mondo di oggi è multipolare e “pochi vogliono togliere le castagne dal fuoco per gli ex Stati coloniali nelle condizioni attuali”, a scapito dei loro interessi nazionali, ha osservato il massimo diplomatico. “È quindi del tutto naturale che circa tre quarti degli stati del mondo non abbiano aderito alle sanzioni anti-russe. Tutti hanno preso una posizione equilibrata sulla situazione in Ucraina e dintorni”, ha detto Lavrov.

Secondo lui, paesi come la Cina e l’India, molti stati del continente eurasiatico, la regione Asia-Pacifico, il Medio Oriente, l’Africa e l’America Latina “capiscono perfettamente di cosa si tratta”. “E non vogliono compromettere i loro legittimi interessi nazionali per aiutare gli anglosassoni e i loro associati a mantenere la loro egemonia o, per essere più precisi, cercare di mantenere la loro egemonia nell’arena globale”, ha sottolineato Lavrov.

Lavrov in Africa

Con questo in mente, Lavrov si è concentrato sulla visita del presidente Xi Jinping a Mosca, che “ha dimostrato all’intera comunità internazionale che i tentativi di ‘divide et impera’ sono destinati a fallire”. “Nonostante la sporca campagna per cancellare tutto ciò che riguarda la Russia, abbiamo ancora molti amici in ogni paese del mondo, anche in Occidente. Sappiamo che a loro piace il nostro paese multinazionale, amano la cultura russa e condividono i tradizionali valori morali e familiari che noi russi promuoviamo”, ha riassunto il massimo diplomatico.

Fonte: Tass

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM