Cina: gli Stati Uniti soffocano le critiche a Israele al Consiglio di Sicurezza dell’ONU

Il ministro degli esteri cinese ha attaccato gli Stati Uniti per aver soffocato qualsiasi critica alla barbarie del regime israeliano contro i palestinesi al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“Purtroppo, semplicemente a causa dell’ostruzionismo di un solo paese (gli USA) paese, il Consiglio di sicurezza non è stato in grado di parlare con una sola voce”, ha detto domenica Wang Yi in una riunione di emergenza del Consiglio.

Da lunedì, fino a 192 palestinesi, tra cui 58 bambini e 34 donne, sono morti durante una significativa escalation negli attacchi dell’esercito israeliano contro Gaza, secondo il ministero della salute di Gaza.

Un solo attacco ha recentemente ucciso una famiglia di 10 membri, inclusi otto bambini.
Finora sono stati feriti anche altri 1.200.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, tuttavia, ha affermato che gli attacchi del regime contro Gaza dovrebbero continuare “con tutta la forza”.
“Stiamo agendo ora, per tutto il tempo necessario”, ha detto, sostenendo che l’aggressione era necessaria “per ripristinare la calma” e “ci vorrà tempo” per cessare.

Il ministro degli esteri palestinese ha definito Israele una “potenza coloniale occupante”.
Decine di altri sono morti nel vicino territorio palestinese della Cisgiordania occupato da Israele, inclusa la città santa di al-Quds, durante gli attacchi del regime ai fedeli e ai manifestanti palestinesi.

Secondo il “Palestinian Prisoners Club”, una ONG, Israele ha arrestato 1.500 palestinesi in Cisgiordania dall’inizio di aprile.

Gli Stati Uniti che, nel corso della storia del Consiglio di sicurezza, hanno protetto il regime da ogni responsabilità sulla scena internazionale, finora hanno impedito allo stesso Consiglio di rilasciare anche un semplice comunicato stampa in cui si chieda a Tel Aviv di fermare la sua aggressione.

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Vershinin si è rivolto allo stesso incontro, condannando fermamente l’uso della violenza contro i civili e criticando gli sforzi di Israele per manipolare lo status quo nel complesso della moschea di al-Aqsa nella città vecchia di al-Quds.

Il viceministro ha ribadito l’appello di Mosca per una riunione urgente del cosiddetto Quartetto del Medio Oriente che riunisce il suo paese, gli Stati Uniti, l’ONU e l’Unione europea, per affrontare l’escalation.

Segretario generale ONU Guterres

Aprendo l’incontro di domenica, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha descritto la violenza come “assolutamente spaventosa”.
Il movimento palestinese di Hamas con sede a Gaza e il suo gruppo di resistenza della Jihad islamica hanno lanciato migliaia di missili verso i territori occupati per rappresaglia contro lò’attcco a Gerusalemme e i bombardamenti su Gaza.
Sempre domenica, i combattenti di Gaza hanno lanciato un nuovo sbarramento di razzi contro le parti centrali e meridionali dei territori occupati.

Secondo l’esercito israeliano, questa è la prima volta che i territori occupati da Israele vengono presi di mira con così tanti proiettili in uno spazio di tempo relativamente breve.
Il senatore statunitense Bernie Sanders, nel frattempo, si è rivolto a Washington per aver elargito miliardi di aiuti militari al regime israeliano che, a sua volta, usa il denaro per violazioni dei diritti umani.
“La devastazione a Gaza è inconcepibile. Dobbiamo sollecitare un cessate il fuoco immediato “, ha twittato.
“Dobbiamo anche esaminare attentamente i quasi 4 miliardi di dollari all’anno in aiuti militari a Israele. È illegale che gli aiuti statunitensi sostengano le violazioni dei diritti umani “, ha aggiunto Sanders.
In altre parti del mondo, la questione della Palestina è stata un punto di incontro anche tra fazioni e stati potenzialmente divergenti.
In Iraq, diverse fazioni politiche, culturali e sociali hanno elevato un coro di protesta contro le atrocità israeliane.
Questi hanno incluso il presidente della coalizione al-Azm, Khamis al-Khanjar, che gode di considerevoli legami tra i sunniti iracheni e le tribù. Khanjar ha chiamato Ismail Haniyeh, capo dell’Ufficio politico di Hamas, esprimendo la solidarietà dell’Iraq ai palestinesi.
Anche Iyad Allawi, ex primo ministro e capo della Coalizione al-Wataniya, e Osama Nujaifi, capo del Fronte di salvezza e sviluppo, hanno rilasciato dichiarazioni separate, evidenziando nella loro denuncia l’aggressione di Tel Aviv e simpatizzando per la nazione palestinese.

Proteste al Londra contro il massacro dei palestinesi


Nouri al-Maliki, un altro ex premier e segretario generale del Partito islamico Dawa, ha espresso sostegno al popolo palestinese durante un programma televisivo e ha detto che Baghdad non normalizzerà mai le sue relazioni con il regime israeliano.

L’influente religioso iracheno Muqtada al-Sadr si è rivolto agli stati arabi della regione, inclusi Emirati Arabi Uniti e Bahrein, che lo scorso anno hanno normalizzato i loro legami con Tel Aviv in un tweet. Ha invitato quegli stati a revocare o ridurre la distensione e ad adottare posizioni filo-palestinesi in questa situazione disastrosa.
Diversi gruppi di resistenza irachena hanno, nel frattempo, annunciato la loro disponibilità a unirsi alla sicurezza e alla cooperazione militare con i movimenti di Gaza di fronte agli assalti israeliani.
La questione della barbarie israeliana è emersa anche in una conversazione telefonica tra il primo ministro pakistano Imran Khan e l’ex premier malese Mahathir Mohamad, che hanno entrambi condannato la violenza israeliana e chiesto un’azione internazionale contro le atrocità del regime.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 16:53h, 17 Maggio Rispondi

    israele è solo un Cavallo di Troia per tenere a bada con le atomiche il Petrolio e il mondo arabo, da parte dei colonialisti di sempre

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 17:54h, 17 Maggio Rispondi

    Non solo, ma con la crukka merkel che invoca la “protezione di israele” dal cattivo Hamas, l’Europa occidentale ci porge la misura del suo servilismo senz’anima e del suo inchinarsi al sionismo imperante.
    Ci sarebbe anche di maio che condanna gli attacchi con i razzi a israele, ma la merdina non la consideriamo, perché l’Italia è un apaeseoccupato e i collaboranisti abbondano.

    Cari saluti

  • trottola
    Inserito alle 18:37h, 17 Maggio Rispondi

    Se nessuno interviene a difesa dei bambini e civili palestinesi ignobilmente massacrati, cio’ conferma che gli USA sono la prima potenza mondiale e che possono fare ancora i bulli contro tutti!

  • Giorgio
    Inserito alle 19:13h, 17 Maggio Rispondi

    Ricordiamo sempre che Usa e Gb sono i creatori e i protettori del regime sionista …… che loro chiamano l’unica democrazia del medio oriente …..
    Tre paesi che sono un concentrato di tutti i mali dell’umanità …….

  • antonio
    Inserito alle 08:44h, 18 Maggio Rispondi

    e noi non possiamo boicottare l’ economia yankee-jewish
    , Pfizer – jonson, – astrazecca – amazon – google – nato – apple – windovs – F35 – tesla – laborsa italiana a londra – l’ europa succube – i nostri soldati alle manovre in baltico e in ucraìna Afganistan e iraq – ci han isolati da Russia e Cina
    ribelliamoci politicamente e civilmente alla dittatura del dollaro

Inserisci un Commento