Cina e Russia perseguono un ordine mondiale inclusivo

Dalla fine della Guerra Fredda, gli Stati Uniti sono emersi come l’unico egemone del mondo. Questo ordine mondiale unipolare ha portato alla supremazia e alla prosperità del nord del mondo. D’altro canto, il Sud del mondo ha sofferto di disordini e caos estremi sotto l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono stati responsabili di quasi l’81% delle guerre successive alla Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, gli Stati Uniti hanno una storia di tradimento dei propri alleati dopo aver raggiunto i propri obiettivi.

Questo ha rotto l’immagine degli Stati Uniti nel mondo. Perfino Henry Kissinger , ex segretario di Stato americano, una volta affermò che essere nemico degli Stati Uniti potrebbe essere pericoloso, ma essere un suo alleato è fatale. Ciò dimostra come gli Stati Uniti sfruttano e tradiscono i loro alleati.

Il Sud del mondo, in particolare gli stati del Medio Oriente ricchi di risorse, hanno vissuto il peggior incubo sotto l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. Anche gli interventi militari degli Stati Uniti (e della Nato) in Iraq, Libia, Siria, Afghanistan e altri paesi in via di sviluppo o sottosviluppati hanno offuscato la loro immagine. Gli Stati Uniti hanno ucciso più di 615.000 persone nella guerra in Iraq con la falsa premessa del possesso di armi chimiche da parte di quest’ultimo. Inoltre, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale gli Stati Uniti sono stati coinvolti in numerosi crimini di guerra.

Anche le istituzioni monetarie internazionali sono state sotto l’influenza statunitense. Quest’ultima potenza li aveva utilizzati più volte per raggiungere i suoi obiettivi politici e strategici. Molti analisti hanno accusato gli Stati Uniti di influenzare la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale . Tali forum, compreso il GAFI, sono stati utilizzati dagli Stati Uniti per costringere e dettare le regole sulle economie emergenti e in via di sviluppo sin dalla loro creazione. Inoltre, anche gli Stati Uniti e gli alleati occidentali sono visti come nazioni ostili dalle persone nel mondo musulmano a causa delle loro politiche e della crescente islamofobia in Occidente. Il sostegno occidentale ai crimini di guerra di Israele e al genocidio a Gaza ha ulteriormente ampliato il divario tra l’Occidente e il mondo musulmano.

Guerra USA

In tutto questo, Russia e Cina sono emerse come speranza per un mondo migliore. Entrambi i paesi stanno ora perseguendo un ordine mondiale nuovo e inclusivo. A differenza degli Stati Uniti, la Cina ha una politica di crescita pacifica. Invece di intervenire nelle questioni interne dei suoi alleati, la Cina si concentra sul loro sviluppo. Inoltre, la Cina ha tentato di risolvere le controversie regionali e internazionali piuttosto che essere coinvolta in conflitti militari. La mediazione della Cina tra Arabia Saudita e Iran ha ulteriormente rafforzato il suo soft power. La Belt and Road Initiative (BRI) ha espanso l’influenza e il peso politico cinese in tre continenti, tra cui Asia, Europa e Africa.

Premier di Cina e Russia

La Russia, dal canto suo, sta anche perseguendo la stabilità regionale in Medio Oriente. Sta anche cambiando la sua prospettiva di politica estera e accoglie nuovi alleati. I crescenti legami della Russia con il Pakistan sono una delle prove del suo mutato orientamento in politica estera. Allo stesso modo, la politica russa sulle atrocità israeliane a Gaza ha migliorato la sua immagine tra i paesi musulmani. Le dichiarazioni del presidente Putin contro la blasfemia e l’islamofobia in Occidente hanno ulteriormente rafforzato la sua immagine morbida nel mondo islamico.

Inoltre, la crescente importanza dei BRICS e il perseguimento di un mondo multipolare da parte di Russia e Cina li ha anche aiutati ad aumentare la loro influenza nei paesi in via di sviluppo. Entrambi i paesi sono convinti sostenitori del multipolarismo e hanno sostenuto l’espansione dei BRICS. Più di 40 paesi hanno mostrato interesse per l’adesione ai BRICS nel corso del recente vertice. Ciò dimostra l’espansione dell’influenza della Russia e della Cina nel mondo. Espandendo i BRICS, entrambi i paesi vogliono dare ai paesi in via di sviluppo il potere di dire la loro negli affari globali. I BRICS hanno inoltre costituito la Nuova Banca per lo Sviluppo, che aiuterà i paesi membri a perseguire le loro ambizioni economiche e finanziarie. Ciò consentirà inoltre al Sud del mondo di prendere decisioni indipendenti di politica estera. Inoltre, indica l’emergere di un ordine mondiale inclusivo guidato da Russia e Cina.
Recentemente il presidente Putin aveva già affermato che la formazione di un ordine mondiale multipolare è irreversibile. Allo stesso modo, anche il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato al 15 ° vertice BRICS che la Cina non ha progetti egemonici.

Inoltre, in questo vertice è stata proposta anche l’idea della de-dollarizzazione del commercio tra gli Stati membri. In questo vertice è stata proposta anche l’adozione di una moneta comune per gli scambi tra gli Stati membri. Questa mossa ha lo scopo di ridurre la dipendenza dal dollaro per il commercio reciproco tra gli Stati membri. Ciò aiuterà i membri del BRICS a migliorare la loro economia e a ridurre l’influenza degli Stati Uniti sul commercio internazionale. Si prevede che l’ordine mondiale guidato da Russia e Cina formerà un ordine internazionale basato sull’uguaglianza.

Molto probabilmente, il Sud del mondo avrà voce in capitolo negli affari internazionali nell’ambito di questo ordine mondiale emergente. Inoltre, la politica di ascesa pacifica della Cina e il perseguimento dell’uguaglianza e della giustizia nel mondo da parte della Russia porteranno a un ordine mondiale inclusivo ed egualitario.

Abbas Hashemite – è un osservatore politico e analista ricercatore per questioni geopolitiche regionali e globali.

Fonte: New Eastern Outlook
Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Cina e Russia perseguono un ordine mondiale inclusivo

  1. Ormai è chiaro che ci troviamo di fronte a una squallida opera teatrale! Da parte di tutti! Questo vedono i miei occhi.

  2. Dico io, premesso che la Cina si vanta di essere ormai la 1^ potenza economica mondiale, difronte all’ abominio genocida palestinese, vista la sua riluttanza all’ uso della forza, non è che gli venga in mente di sequestrare i beni dei sionisti nelle sue aree economiche di influenza?

  3. Russia e Cina agiscono con maggiore razionalità, la guerra non è la loro prima opzione com’è per gli americani ; la guerra non favorisce il commercio tanto importante per i cinesi ; nei rapporti con gli altri Stati non stanno solo a prendere,danno anche; e vorrebbero rendere efficienti le Organizzazioni internazionali, come l’ONU. Stanno dalla parte giusta della Storia

  4. Russia e Cina (e altri paesi) perseguono un ordine mondiale inclusivo ed egualitario ! E’ proprio questo concetto che non và giù agli anglo sionisti ! Si sono arricchiti a spese degli altri popoli con la presunzione della supremazia civilizzatrice dell’occidente verso il resto del mondo, chiamandola esportazione di libertà e democrazia, cosi come i sionisti, spacciati per unica democrazia del medio oriente, sono convinti di essere il popolo eletto, unici, in un mondo popolato da barbari animali sui quali pensano di avere potere di vita o di morte !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM