Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord

Israele è sotto il fuoco e infuocato ogni giorno ormai. La resistenza libanese ha metodicamente messo sotto controllo gli avamposti dell’intelligence israeliana e li sta distruggendo ogni giorno, davanti alle telecamere.

di Indrajit Samarajiva
È affascinante e noioso il modo in cui Hezbollah ha decimato “gli occhi e le orecchie” di Israele. Per mesi, i video della resistenza libanese sono stati metodicamente banali, facendo saltare in aria questa torre di comunicazione, quell’edificio, quella stazione di ascolto.

Sembrava un mucchio di niente, ma i conti tornano. Hezbollah aveva un elenco delle postazioni di raccolta dei servizi segreti israeliani nel nord e ha passato mesi a esaminarle metodicamente, come Ulisse e i Ciclopi. Ora, per quanto grandi possano essere le forze armate israeliane, sono di fatto accecate.

Man mano che Hezbollah apre buchi sempre più grandi nelle difese aeree dello stato occupante, può lanciare missili più grandi con maggiore frequenza su Israele, con una penetrazione migliore e più profonda. Per Israele, questo logoramento è un problema aggravante. Le loro difese aeree sono un sistema connesso e la rete sta tornando sempre più in default 404. Prendiamo ad esempio la distruzione del dirigibile/pallone spia SKYDEW da 230 milioni di dollari (foto sotto).

Questo pallone è progettato per rilevare droni e missili a bassa quota, cosa particolarmente importante in quanto è il vettore più utilizzato dalla Resistenza. SKYDEW può rimanere in volo molto più a lungo – ed è relativamente più economico – degli aerei e può “vedere” molto più lontano dei sistemi a terra. Inoltre era collocato in una zona altamente strategica che permetteva loro di coprire gli attacchi provenienti dalla Siria, dall’Iraq e, in misura minore, da Hezbollah, in particolare al porto di Haifa. Ma ora la festa è finita. Guarda ora il palloncino:

SKYDEW è ora avvizzito e inutile: una grande perdita, che segnala anche un grande crollo. Come afferma la ” Target Card ” di SKYDEW (dei servizi segreti di Hezbollah), era ” protetta da un sistema elettronico di monitoraggio e disturbo contro droni e UAV” e “protetta da tre strati di sistemi di intercettazione missilistica: Iron Dome, David’s Sling e Hetz [Freccia].” Tutto questo è stato tagliato come gli strati di una cipolla, lasciando scoperte le difese israeliane.

Il fronte settentrionale adesso è poroso, come i coloni israeliani sanno meglio di chiunque altro. Per citare Moshe Davidovitz, capo del consiglio regionale di Asher:

“Dieci razzi sono caduti nel centro del paese e i media sono in subbuglio: il paese è in subbuglio”, ha scritto. “Ma ogni giorno dozzine di razzi vengono lanciati verso gli insediamenti della linea di confronto e la Galilea, compresi missili anticarro e droni suicidi, e il paese rimane in silenzio. Ancora una volta è la prova che il Nord non viene considerato”.

Base aerea di Meron, una delle due basi principali di “Israele” (foto).
Hezbollah, ovviamente, ha contato il nord. Hanno una lista di obiettivi militari israeliani e li esaminano uno per uno. Prendiamo, ad esempio, la base di sorveglianza aerea di Mount Meron, una delle due basi principali nello stato di occupazione. Questo è ciò che dice un alto funzionario dell’aeronautica israeliana riguardo alla base, in un articolo di Maariv del 2016 :

“Il sistema di controllo aereo è fondamentale per la capacità operativa dell’Aeronautica Militare. Il suo compito principale è proteggere lo spazio aereo occupato. Attraverso il sistema di controllo attiviamo tutte le capacità per proteggere il cielo, inclusi elicotteri, aerei, missili e altri mezzi classificati sistemi.”

E questo è ciò che i servizi segreti di Hezbollah hanno diffuso mentre lo bombardavano:
In primo luogo, la base di sorveglianza aerea di Meron si trova sulla cima del monte Jarmaq [“Monte Meron”] nel nord della Palestina occupata, la vetta più alta della Palestina occupata. La Base Meron è l’unico centro amministrativo, di sorveglianza e di controllo aereo nella parte settentrionale dell’entità usurpatrice e non esiste alcuna alternativa importante. È una delle due basi principali dell’intera entità usurpatrice: “Meron” a nord, e la seconda è “Mitzpe Ramon” a sud.

La Base Meron è responsabile dell’organizzazione, del coordinamento e della gestione di tutte le operazioni aeree verso la Siria, il Libano, la Turchia, Cipro e la parte settentrionale del bacino orientale del Mar Mediterraneo. Inoltre, questa base è un centro principale per le operazioni di disturbo elettronico nelle direzioni sopra menzionate ed è composta da un gran numero di ufficiali d’élite e soldati delle forze sioniste.

In secondo luogo, i combattenti della Resistenza Islamica alle 07:50 di sabato 6 gennaio 2024, come parte della risposta preliminare al crimine di assassinio del grande leader Sheikh Saleh Al-Arouri e dei suoi fratelli martiri nel sobborgo meridionale [ Dahiyeh] di Beirut, ha preso di mira la base di sorveglianza aerea di Meron con 62 missili di vario tipo, infliggendo colpi diretti e confermati.

Hezbollah ha ormai trasmesso i suoi attacchi alla base aerea di Meron in innumerevoli video, e sono stati implacabili. Può diventare noioso perché l’intera faccenda non è mai una palla di fuoco, ma ogni piccolo colpo si somma. Ogni volta che si apre un buco nelle difese aeree israeliane, il buco si allarga, perché Hezbollah sta danneggiando sistemi complessi e interconnessi.

Oggi la base di Meron riesce a malapena a difendersi, per non parlare della regione. Tel Aviv ha risposto assassinando elementi di Hezbollah e i leader alleati, ma la resistenza si limita a dare ai missili il nome di quei martiri e ne invia altri.

Questa è una battaglia di logoramento e Hezbollah presta attenzione mentre Israele si scaglia insensatamente. Completamente distratto dal brutale attacco militare contro i civili a Gaza, nel sud, Israele ha perso la battaglia per il nord.

Dopo mesi di noioso lavoro de-amministrativo, Hezbollah è finalmente arrivato al traguardo. Le difese aeree settentrionali dello stato di occupazione oggi sono come una vecchia zanzariera logora attraverso la quale il cane ha inseguito il gatto. È pieno di buchi, e di buchi grandi. Hezbollah può sparare sempre più a piacimento, con armi sempre più precise. Ad esempio, ecco Hezbollah che abbatte uno SKYSTAR 330 colpendo con un drone il suo operatore del Battaglione 869.


In questo caso, Hezbollah non ha preso di mira il pallone spia in sé, ma i controllori del pallone, in tre luoghi contemporaneamente . Eliminati gli operatori, il pallone è andato fuori controllo, atterrando in Libano dove alcuni ragazzi lo hanno recuperato. Questa è la situazione agli occhi e alle orecchie di Israele nel nord. Sono a terra.

Stirare le difese: “Fatto”

Israele non ha più nulla che valga la pena chiamare difesa aerea nel nord. La Cupola di Ferro è terminata. Hezbollah può sparare a piacimento, e lo fa ogni singolo giorno ormai da sette mesi. Missili della Resistenza Irachena volano proprio sopra di loro, in direzione di Haifa. L’Iran può sopraffare l’intero sistema nazionale quando vuole. Israele può ancora offendere la coscienza, ma ora è senza difese missilistiche. Anche Hamas li sta colpendo, dall’interno della Gaza traumatizzata. È aperta la stagione e i coloni lo sanno.

I coloni israeliani lamentano apertamente il loro stato di instabilità su tutta la stampa ebraica. Alcuni erano così irritati da Pirro che minacciarono di separarsi dall’intero stato e di formare il nuovo Stato di Galilea. Come ha detto il Jerusalem Post :

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la risposta del primo ministro in riunione di gabinetto a una domanda di Benny Gantz, come riportato da N12. Gantz si è chiesto se i residenti sarebbero tornati alle loro case il 1 settembre, per l’inizio dell’anno scolastico, e Netanyahu ha risposto: “Qual è la cosa peggiore che accadrà se tornassero qualche mese dopo il 1 settembre?”

Questo è ovviamente il peggio che possa succedere . L’intera premessa dei decenni in cui Israele ha addestrato gli attori internazionali ad accettare e aspettarsi un cattivo comportamento da Tel Aviv è che possono fare quello che vogliono. Se l’Iron Dome non funziona, Israele non funziona, e ora l’Iron Dome non funziona. Adesso è il Setaccio di Ferro. I santi guerrieri l’hanno riempito di buchi.

Un battitore dell’Iron Dome preso di mira da Hezbollah (foto sopra).
Questo è un grosso problema perché l’Iron Dome non è solo il meccanismo di difesa fisica di Israele, è anche il suo meccanismo di difesa psicologica . È ciò che rende credibile l’intero progetto coloniale, il fatto che possano maltrattare tutti nella regione senza subire conseguenze. Credere nella “Cupola di Ferro” significa credere in “Israele” e nessuno dei due è più credibile. Così gli insediamenti ebraici del nord si sono svuotati e non torneranno presto. Come ha affermato il Resistance News Network (RNN) ( il 29 maggio ):

Secondo il Ministero della Guerra sionista, dal 7 ottobre 930 case di coloni nel nord della Palestina occupata sono state danneggiate dai razzi Hezbollah in 86 insediamenti.

Ad Al-Manara, ad esempio, 130 case su 155 sono state distrutte. A Metulla sono rimasti al massimo 34 residenti nell’insediamento. Kiryat Shmona, uno dei più grandi insediamenti (del nord), ha visto la sua popolazione crollare da 24.000 a meno di 4.000, e al suo interno 124 case sono state danneggiate.

Ciò avviene perché oltre 200.000 coloni nel nord sono sfollati a causa della resistenza, avendo costruito il proprio campo profughi . Alcuni vogliono separarsi da “Israele” e costruire un proprio Stato , mentre altri, come l’insediamento di “Margaliot”, hanno reciso da ieri i loro legami con l’entità.

In modo sconcertante, le Foi avrebbero intenzione di ridurre significativamente il numero di soldati che hanno sul confine settentrionale e negli insediamenti vicini, adducendo ragioni di finanziamento, o forse per diminuire il numero di obiettivi a disposizione di Hezbollah.

Diamo un’occhiata a un esempio di Hezbollah che elimina un obiettivo, una batteria Iron Dome. Lo fanno sistematicamente ancora e ancora. Questo rapporto descrive come Hezbollah prima riesce a far emergere la batteria sparandogli addosso spazzatura, quindi a colpirla con i droni.

Il filmato esclusivo rivela le operazioni di monitoraggio e ricognizione che hanno consentito a Hezbollah di scoprire le posizioni delle stazioni di batterie “Iron Dome” vicino all’insediamento di “Kfar Blum” utilizzando una tattica chiamata “adescamento del fuoco”.

Il filmato mostra Hezbollah che lancia munizioni verso i siti e documenta il processo di intercettazione effettuato dall’Iron Dome, che ha consentito a Hezbollah di eseguire un’operazione qualitativa di alta precisione.
Le scene alle 4:25 mostrano un targeting riuscito delle batterie dell’Iron Dome, senza che queste siano in grado di rilevare, tracciare o contrastare l’attacco. Le foto pubblicate rivelano anche la penetrazione dell’intelligence di Hezbollah nei confronti dei soldati israeliani in questi siti appena istituiti, e la loro capacità di documentare i dettagli geografici e le dimensioni delle fortificazioni utilizzate.

Hezbollah lo ha fatto più e più volte, cacciando e cercando metodicamente le batterie Iron Dome una per una. Dato che il resto del loro equipaggiamento di sorveglianza è decimato e non riescono a vedere cosa sta succedendo, Israele è costretto a spostare le sue risorse militari ancora più lontano dal confine. Altrimenti ecco cosa succede:

Questo è il momento in cui Hezbollah colpisce l’unità di guarnigione di Barkat Risha con un ATGM [missile guidato anticarro] iraniano Almas con attacco dall’alto. A differenza di Hezbollah e Hamas, Israele non ha trascorso gli ultimi 20 anni a scavare tunnel sottoterra, quindi le sue truppe sono tutte esposte senza la Cupola di Ferro.

Prendiamo anche, ad esempio, il quartier generale della 769a Brigata delle IOF, o ciò che ne resta.


Il progetto coloniale si ridurrà rapidamente senza difese aeree. Quando i soldati se ne vanno, i coloni devono andarsene.

Questa non è una ritirata strategica, è una sconfitta strategica. Questa non è una soluzione, solo una dissoluzione. Ma è tutto ciò che Israele può fare. Non ha semplicemente perso il controllo del Nord, ha perso anche il controllo del ritmo di questa guerra. Hezbollah può continuare ad alzare il fuoco finché Israele non sarà cotto. Ecco Kiryat Shmona (al-Khalisa occupata), che era letteralmente in fiamme pochi giorni fa (foto sotto):


Ciò è dovuto direttamente al fatto che l’Iron Dome non intercetta i droni e Hezbollah ha il controllo del fuoco dell’intera regione. Quindi brucia. I coloni ora vedono un cartello di “benvenuto” che si è letteralmente sciolto.
Mentre Israele si ritira sempre più dal confine con il Libano, il crollo del fronte settentrionale apre anche lo stato di occupazione agli attacchi provenienti dalla Siria e dall’Iraq, che possono attraversarlo direttamente. Tutto ciò sta causando enormi danni psicologici a Israele perché l’Iron Dome era la loro principale coperta di sicurezza.

Secondo quanto riferito, Hezbollah ha distrutto oltre 1.650 apparecchiature di intelligence, sorveglianza e acquisizione di obiettivi (ISR) dall’8 ottobre 2023. La resistenza libanese aveva una strategia reale mentre Israele bombardava selvaggiamente ambulanze e case prive di valore militare. Ora Israele ha perso la Palestina settentrionale e non tornerà più.

Questo articolo è stato ripubblicato con il permesso dell’autore, con piccole modifiche per conformarsi alla guida stilistica di The Cradle.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord

  1. Ottimo articolo davvero. Ben scritto e ricco di dettagli introvabili sui blog conosciuti. Allora io farei di nuovo un passo indietro al 7 ottobre. Hamas attacca e distrugge caserme ed armate, secondo fonti russe uccidendo almeno un centinaio di militari non civili come detto dai media israeliani e Nato, piu’ come pedine di scambio un “ratto” di centinaia di prigionieri. Con le intere difese IDF schierate ed attive, ma annullate da dei trucchi geniali! Una guerriglia capace di fare ciò e’ un avversario temibile, micidiale. Ovvio che Hezbollah e gl’ Ansarallah yemeniti sono anche più potenti. Per non parlare dell’ Iran. Israele farebbe bene a cessare le ostilità ed a capitolare quanto prima. O presto sarà brace per barbecue.

  2. Gli israeliani, come gli anglosassoni, sono superficiali. Considerandosi onnipotenti e superiori, si addestrano poco e sono dilettanti, e sottovalutano tutto nei nemici. E già questo errore è catastrofico. Se i mercanti continuano a fare i condottieri, la rovina si scatena. Il territorio dell’Israele non si presta per una difesa prolungata, dato che è pianeggiante, con poche colline, piccoli fiumi, zero ostacoli, zero linee fortificate, ecc. .
    La “terra promessa” non è stata una idea felice.

  3. Grande Hezbollah, siete la Gloria di Allah, grazie al vostro valore Il popolo Palestinese, malgrado la feroce decimazione, tornerà a riavere la loro terra senza doverla spartire con nessuno. Viva lo Stato Palestinese con i confini del 1946 e Viva Hezbollah che Allah vi abbia in gloria.

  4. Qualunque elogio verso Hezbollah sarà sempre insufficente ! Non solo ridimensiona e sconfigge l’entità sionista costringendo i coloni alla fuga dalle terre palestinesi occupate e allenta la pressione su Gaza, e già questo non è cosa da poco, ma contribuisce indirettamente anche a ridimensionare USA-UK-NATO-UE, grazie anche alla resistenza di Hamas e agli attaccati Houthi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM