Chile: e’ scoppiato Un Vulcano addormentato, svegliandosi dal profondo sonno del neoliberismo

di José Amesty

L’attuazione del neoliberismo in Cile è vecchia, almeno dagli anni ’70, e da quel momento ha preso possesso di tutte le aree della vita del popolo cileno. Questo modello è stato consolidato con la complicità della dittatura di Augusto Pinochet, che aveva permesso l’introduzione delle sue politiche economiche neoliberiste e attraverso un gruppo di economisti (i “Chicago Boys”), formati nel libero mercato , che ha ricoperto posizioni tecniche, per rendere possibile l’esecuzione del neoliberismo.

All’inizio della fase “democratica” in Cile, il modello è stato mantenuto, è stato introdotto il primo pacchetto di misure neoliberali, senza restrizioni, che copre tutti i livelli dell’apparato governativo. Da tempo , le organizzazioni finanziarie internazionali proponevono proprio il Cile, come esempio da seguire per l’America Latina, dal momento che aveva completato le riforme strutturali proposte dal modello neoliberista, con pochissima resistenza. Avevano fatto in Cile tutti i “compiti a casa” che gli richiedevano il FMI e la Banca Mondiale.

Era normale sapere che il Cile era il paese, dove il neoliberismo aveva portato ad alti livelli di prosperità e trionfo delle politiche della preminenza dei mercati . Dopo i governi di Bachelet e Piñera, queste linee guida furono ulteriormente rafforzate.

Tuttavia poi cos’è successo? Improvvisamente, emerge un focolaio sociale, per effetto di una semplice misura di aumentare i prezzo della metropolitana in Cile. Come è accaduto anche in Ecuador, un semplice aumento dei costi del carburante.

Inaspettatamente, esplode come un tuono, dopo che sembrava che fossero stati arginati diversi problemi nascosti. Improvvisamente, il popolo cileno si sveglia da un lungo e stagnante incubo. Svegliati dal sogno neoliberista. Che cosa è successo al “miracolo economico”?

E ci svegliamo, realizzando problemi di dati come:

Secondo l’ECLAC, l’1% più ricco del paese ha mantenuto il 26,5% della ricchezza nel 2017, mentre il 50% delle famiglie a basso reddito ha avuto accesso solo al 2,1% della ricchezza netta del paese.

Sebbene ci riferiamo a un semplice aumento del trasporto in metropolitana, tuttavia, uno studio ha rivelato che esistono famiglie a basso reddito che possono spendere il 30 percento del loro stipendio per il trasporto. Inoltre, se si aggiunge un aumento del costo dell’elettricità, dell’acqua e dei costi elevati nel sistema sanitario pubblico. Tutti sistemi privatizzati e dati in gestione alle multinazionali.

Secondo Claudio Fuentes, professore di Scienze Politiche alla Diego Portales University, ” C’è stata una grande crescita della classe media, ma è una classe media precarizzata, che ha pensioni basse, alti livelli di debito, vive molto di credito e ha stipendi decisamente bassi. È una situazione in cui la vita quotidiana è precaria, si vive nell’incertezza “.

Guarda cosa scrive la città in una specie di opuscolo: la metropolitana di Santiago costa 4 VOLTE PIÙ della metropolitana di Buenos Aires ed è più costosa di New York. Il presidente del Senato cileno ha entrate (dieta + indennità = 30 milioni di pesos). I senatori si auto-assegnarono 2 milioni di pesos per la “diffusione delle attività sul campo” a tempo indeterminato, e avevano già un fatturato di 15 milioni al mese. L’elettricità costa il doppio in Cile rispetto al resto dell’America Latina. In Cile l’economia è cresciuta sistematicamente e per paradosso aumenta la povertà, chi ottiene i soldi? Uruguay, Bolivia, Venezuela e Cuba offrono istruzione universitaria gratuita ai loro giovani, in Cile la classe politica lucra con quelli : Joaquín Lavín, Teodoro Rivera, Gutemberg Martínez, ecc. Ci viene addebitato un permesso di circolazione e su di esso parcheggi con parchimetri che non forniscono alcun servizio. Gli ex presidenti cileni ricevono circa $ 30.000 al mese. La sanità privata in Cile è 3 volte più costosa rispetto alla GERMANIA. Il Servizio delle Imposte Interno ha condonato oltre 77 miliardi di pesos (144 milioni di dollari) alla catena di negozi Johnson, il che è più che il costo per costruire l’edificio del Costanera Center. Le banche e gli istituti finanziari applicano interessi sull’ordine del 47% all’anno. Questo è più del costo per costruire l’edificio del Costanera Center. Le banche e gli istituti finanziari applicano interessi sull’ordine del 47% all’anno. Le banche e gli istituti finanziari applicano interessi sull’ordine del 47% all’anno.

Proteste a Santiago de Chile

Infine, per concludere questo esempio dimostra il perchè dell’implosione e dell’esplosione di rivolta del popolo cileno, citiamo altri, come alcuni esperti lo chiamano, abusi del sistema neoliberale, nel caso specifico del Cile:

Il sistema pensionistico , è stato detto che il modello non è in grado di offrire “pensioni decenti” e ha collaborato alla concentrazione della disuguaglianza di ricchezza e reddito.

La salute, l’assenza di ospedali e specialisti, l’assistenza sanitaria di base per prevenire le malattie e la necessità di ridurre le liste di attesa che, negli ultimi anni, sono aumentate in modo significativo.

Militari nelle strade a Santiago

Trasporto pubblico: un problema irrisolto , nonostante diverse ristrutturazioni, riassegnazione di percorsi, misure di emergenza e iniezioni di investimenti da milioni di dollari nel corso di diversi anni, la rete di trasporto non è riuscita a rispondere in modo efficiente al grande flusso di persone che si sposta ogni giorno in città.

Privatizzazione dell’acqua ” , il Cile è l’unico paese al mondo che mantiene le sue fonti d’acqua privatizzate dalla dittatura”, “qui gli imprenditori possono acquistare, vendere o noleggiare acqua”.

Istruzione e mobilità sociale, l’ istruzione rimane, per molti, una pietra miliare verso una migliore qualità della vita.

Corruzione, secondo gli analisti politici, oggi quasi l’ 80% delle persone afferma che l’amministrazione statale è “corrotta o molto corrotta”.

Commento finale: Indichiamo che il neoliberismo si è radicato come sistema profondamente in Cile per diversi decenni, al punto che questa teoria economica, per dire qualcosa, ha messo radici, in modo approfondito così tanto nella coscienza del popolo cileno, al punto che è riuscita a affermarsi come qualcosa di comune fra i cittadini in generale. Da lì, il letargo, il profondo sogno neoliberista, e inoltre, ha causato incredibili divisioni e una mescola di punti di vista, nonché confusione quando si cerca di spiegare il fenomeno dello scoppio dlla rivolta..

Non sorprende quindi osservare persone, gruppi, partiti di sinistra, definirsi socialisti e difendere, ad esempio, il ruolo dei militari nell’implosione e nella repressione. Da lì, il ruolo di inerzia dei partiti di sinistra, il ruolo della Chiesa cattolica ed evangelica, il ruolo dei sindacati, tra gli altri, ovvero il neoliberismo atrofizza le capacità per analizzare e per vedere con chiarezza quello che accade al momento di alcuna distrazione, nell’attuazione di questa nefasta corrente e ideologia economica capitalista.

https://www.alainet.org/es/articulo/202828

Fonte: Alainet.org

Traduzione: Lisandro Alvarado

2 Commenti

  • eusebio
    24 Ottobre 2019

    La sinistra socialista è andata pure in Cile, basti dire che la Bachelet è devota a Soros e ai sionisti.
    Ormai l’unico modello politico per gli stati latino-americani è il chavismo, una forma di governo che mette le ricchezze naturali del continente al servizio dello sviluppo equilibrato della società.
    E dato che la finanza sionista ormai si sta estinguendo e che gli USA si stanno ispanizzando, probabilmente anche il Nord America adotterà forme di chavismo per correggere i suoi enormi squilibri sociali.
    Il Canada ha una componente latino-cattolica e forme di stato sociale europeo quindi è messo meglio, ma dove la speculazione sionista regna incontrastata la grassazione e lo strozzinaggio imperano.

    • atlas
      25 Ottobre 2019

      è tutto permesso tranne che un governo di unità popolare. Moro fu l’ultimo a tentarci

Inserisci un Commento

*

code