Chi sta combattendo le maree della democrazia in America Latina?


di Martin Sieff

Quale nazione e quali forze stanno interferendo negli affari interni, nei processi elettorali e nelle libertà democratiche dell’America Latina? Non sono la Russia o la Cina, scrive Martin Sieff

Messico, Brasile, Argentina, Venezuela, Ecuador, Argentina e Bolivia: ogni volta che i popoli dell’America Latina hanno avuto una vera libertà di voto, negli ultimi 20 anni molto più spesso di quanto non votino hanno sostenuto la vittoria di schieramenti socialisti e nazional populisti.

L’Argentina, uno dei due colossi demografici ed economici del Sud America, ha eletto governi peronisti di centro sinistra quattro volte su cinque negli ultimi 16 anni. L’attuale presidente Alfredo Fernandez è stato un modello di politiche sociali responsabili in patria mentre incorreva nell’indignazione dell’amministrazione Trump a Washington per aver difeso i leader socialisti di Bolivia, Ecuador e soprattutto il presidente Nicolas Maduro in Venezuela.

Andres Lopez Obrador Messico

In Messico, il popolare presidente Andrés Manuel López Obrador, regolarmente “accusato” di essere di sinistra “e” populista “ha sfidato coraggiosamente Wall Street e ha apertamente descritto il neoliberismo come” un disastro “e” una calamità “per il suo paese.

Il gigante Brasile con oltre 200 milioni di persone, il peso massimo demografico dell’America Latina, ha restituito due presidenti popolari socialisti democratici eletti due volte successivi Luiz Inácio Lula da Silva e Dilma Rousseff in quattro elezioni consecutive dal 2003 al 2014.

La Rousseff è stato rovesciata da un processo di impeachment nel 2016 e sostituita dal presunto corrotto e certamente del tutto incompetente e ampiamente disprezzato Michel Termer fino al 2019, quando il repressivo e ancor più inetto governatore di estrema destra Jair Bolsonaro ha preso il sopravvento. Da allora si è dimostrato un monumento alla disastrosa inettitudine.

Lo stesso modello continua sia nelle nazioni piccole che in quelle enormi. L’Ecuador con 18 milioni di persone è stato eletto due volte presidente popolare Rafael Correa nel 2007 e nel 2013. Ha sottolineato un drammatico aumento della spesa per l’istruzione e la salute. Ora, dopo anni di reazione di destra sotto il nome ironico di Lenin Moreno, il successore scelto da Correa, l’ex ministro dell’economia Andres Arauz sembra destinato a sconfiggere definitivamente il banchiere di destra intransigente Guillermo Lasso che ha vinto solo con un irrisorio 19,74% al primo turno di votazioni. Tuttavia, ciò presuppone che l’Ecuador non sarà soggetto al tipo di trucchi sporchi e colpi di stato militari sostenuti dagli Stati Uniti che hanno afflitto il Brasile e la Bolivia.

L’anno scorso, la Bolivia ha liberato le sinistre catene della repressione militare che è riemersa sotto la presidenza ad interim dell’attraente presidente ad interim Jeanine Anez nel 2019 dopo che il popolare presidente eletto due volte Evo Morales, leader del Movimento per il socialismo (MAS) è stato rovesciato. Ora Morales è stato tardivamente sostituito dal suo ex ministro dell’economia Luis Arce, insediato nel novembre 2020.

Manifestazioni antiamericane in Venezuela

Inoltre, il presidente democraticamente eletto Nicolas Maduro continua a sopravvivere in Venezuela nonostante un enorme sforzo degli Stati Uniti sostenuto da bipartisan per rovesciarlo. Tale sforzo è iniziato sotto Barack Obama, si è espanso sotto Donald Trump e continua senza sosta sotto l’attuale presidente Joe Biden.

Diversi punti mai e poi mai trattati nei risibili “Main stream media” (MSM) degli Stati Uniti devono essere sottolineati qui.

Primo, nessuno di questi governi socialdemocratici attuali e recenti in nessuno di questi paesi ha cercato di invadere o destabilizzare o rovesciare in altro modo alcuno dei loro vicini.

Bolivia Louis Arce

In secondo luogo, nessuno dei leader socialdemocratici, ripetutamente rieletti, destabilizzati e alla fine rovesciati dai colpi di stato militari appoggiati dagli Stati Uniti in Brasile o Bolivia, ha mai sostenuto gruppi terroristici operanti in qualsiasi parte dell’emisfero. Il presidente Fernandez è stato esemplare nel perseguire e denunciare sia gli ex violatori dei diritti umani di estrema destra che i sostenitori degli squadroni della morte nel suo stesso paese negli oscuri anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 e gruppi di estrema sinistra operanti anche nei decenni successivi.

Il vero crimine di questi leader riformisti tutt’altro che estremi, ovviamente, è stato che hanno continuato a sfidare il governo degli Stati Uniti, gli interessi finanziari di Wall Street e il Fondo monetario internazionale, mettendo al primo posto i bisogni dei propri popoli.

Terzo, è semplicemente impossibile trovare da nessuna parte nei media mainstream in lingua inglese negli Stati Uniti un qualsiasi riconoscimento di questa enorme marea politica a livello continentale che negli ultimi 15 anni almeno ha spazzato dal confine terrestre del Rio Grande tra il Stati Uniti e Messico fino alla remota Patagonia nell’estremo sud dell’Argentina.

Nella migliore delle ipotesi, sbocchi finanziari come “The Economist” e “Financial Times” a Londra o “Forbes” e “Wall Street Journal” a New York spazzeranno via queste continue dinamiche politiche come inconvenienti temporanei che riflettono il presunto analfabetismo e stupidità del popolazioni a maggioranza, in particolare nativi americani indigeni. La British Broadcasting Corporation di Londra e la Public Broadcasting System di Washington, ovviamente, sanno meglio fare che non mettere in discussione i loro padroni.

Esattamente gli stessi argomenti, naturalmente, sono usati negli Stati Uniti per deridere, emarginare e umiliare i cosiddetti “Deplorabili” – le principali popolazioni della classe lavoratrice bianca, nera e ispanica del cuore americano che sono state devastate dalle politiche di apertura. confini, libero scambio globale non regolamentato e ritiro degli aiuti governativi e del loro sostegno.

Il modello della politica e il corso della storia in tutte le vaste terre dell’America Latina nel 21 ° secolo sono inconfondibili: i popoli dell’emisfero cercano e fanno tesoro delle libertà democratiche, elezioni aperte ed eque e politiche economiche e sociali interne pacifiche.
E quale nazione e quali forze stanno interferendo negli affari interni, nei processi elettorali e nelle libertà democratiche di tutte queste nazioni? Non è la Russia o la Cina.

Ma per quanto tempo possono essere trattenute queste maree della storia che esigono democrazia e politiche socialmente responsabili? E cosa succede quando finalmente riescono a sfondare?
Questo il grande interrogativo per l’America Latina.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Enriquelosroques
    Inserito alle 13:29h, 04 Marzo Rispondi

    L’Argentina con 6 mesi di lockdown? O il Venezuela che ha tutto chiuso? Mi sa tanto che sono tutti dalla stessa parte e che sia tutta una gran farsa. Vedere i vertici dei paesi non allineati con la mascherina mi porta a questa conclusione. I maggiori esperti mondiali dicono che le mascherine non servono a nulla. Anzi sono pure dannose. Perché questi paesi si allineano alle imposizioni dell’OMS??

  • Enriquelosroques
    Inserito alle 17:51h, 04 Marzo Rispondi

    Democrazia in America Latina? Ma dove? In Argentina dove hanno fatto un lockdown di 6/8 mesi? O in Venezuela dov’è tutto chiuso? Secondo me fanno parte tutti dello stesso criminale progetto. Sono sempre più convinto che sia tutta una recita. Altro che antimperialisti, anti americani, anti di qua e anti di là. Com’è possibile vedere i vertici politici e militari di queste nazioni con la mascherina? I maggiori esperti mondiali sostengono che oltre a non servire a nulla è pure dannosa. I loro esperti non lo sanno?

  • antonio
    Inserito alle 15:58h, 05 Marzo Rispondi

    gli yankee jewish avvelenano l’ umanità ?
    sono follemente avidi di denaro (i biblici )

  • antonio
    Inserito alle 16:00h, 05 Marzo Rispondi

    il capitalismo occidentale è impazzito ancor di più che nel passato quando si arricchiva con la schiavitù e lo sterminio delle altre nazioni ( con le loro religioni bibliche )

Inserisci un Commento