Chi e perché espone gli aerei civili agli attacchi della difesa aerea?

di Valery Kulikov

Il 25 dicembre, l’aviazione israeliana ha lanciato ancora una volta un provocatorio attacco aereo dallo spazio aereo libanese, utilizzando sei dei suoi aerei F-16 su obiettivi vicino a Damasco. L’aviazione israeliana ha utilizzato 16 bombe guidate GBU-39, 14 delle quali sono state distrutte dalle difese aeree siriane.

Tuttavia, l’attivazione del sistema di difesa aerea siriano a causa delle azioni provocatorie di Israele ha innescato una minaccia per gli oggetti non militari nella sua area di operazione, così come per lo spazio aereo sopra la Siria, causando una situazione molto pericolosa per gli aerei civili!

Nonostante il fatto che la Siria rimanga un punto caldo, molte rotte di aerei passeggeri passano ancora attraverso il suo spazio aereo. In un deliberato disprezzo per la sicurezza del traffico aereo civile, l’aviazione israeliana ha lanciato un attacco aereo il 25 dicembre mentre gli aerei di linea civili si stavano avvicinando agli aeroporti di Beirut (Libano) e Damasco (Siria).

Vale la pena notare che l’IDF ha informato in anticipo i piloti dell’aereo El Al dalla Cina a Tel Aviv di cambiare rotta. L’equipaggio del jet civile israeliano, considerato il pericolo della situazione, ha cambiato rotta e ha portato l’aereo fuori dal raggio della difesa aerea siriana. Secondo The Times Of Israel, il volo LY66 da Shanghai è stato istruito dai controllori del traffico aereo di non volare vicino alla costa della Siria e del Libano per evitare di essere colpito dalle batterie antiaeree siriane durante un attacco aereo israeliano su obiettivi iraniani nella provincia siriana di Hama .
Secondo quanto riferito, l’aereo è atterrato senza incidenti all’aeroporto Ben-Gurion alle 01:40 del 25 dicembre. Più o meno nello stesso momento, i media siriani hanno riferito di un attacco aereo israeliano sulla provincia di Hama.

Tuttavia, l’IDF ha “dimenticato” di informare altre compagnie aeree, che all’epoca non trasportavano cittadini israeliani, dell’attacco aereo. In particolare, Israele non ha avvertito l’aereo di linea civile della Ethiopian Airlines in volo su Beirut, quindi l’aereo civile, ignaro della situazione, non solo è entrato nel raggio delle difese, ma non è nemmeno riuscito ad abbassare la quota, rendendolo un bersaglio perfetto per sistemi antiaerei . È stato solo per pura fortuna e grazie all’esperienza degli operatori della difesa aerea siriana che questa volta sono state evitate vittime umane e un possibile scandalo internazionale, se l’aereo della Ethiopian Airlines che trasportava passeggeri civili fosse stato abbattuto nello spazio aereo siriano (cosa che Israele aveva chiaramente sperato per).

Israele ha creato una situazione provocatoria simile all’inizio del 2020, quando quattro jet da combattimento israeliani F-16 hanno sparato otto missili aria-terra senza entrare nello spazio aereo siriano e hanno colpito la periferia di Damasco il 6 febbraio. L’incidente e l’attacco è avvenuto anche intorno alle 2 del mattino qunado un Airbus-320, che trasportava 172 passeggeri su un volo da Teheran a Damasco, stava arrivando per un atterraggio vicino all’aeroporto internazionale di Damasco, e come tale non c’erano cittadini israeliani sul volo, simile al volo Ethiopian Airlines del 25 dicembre. Solo grazie alla pronta azione dei controllori del traffico aereo all’aeroporto di Damasco e all’efficace lavoro del sistema automatizzato di controllo del traffico aereo l’Airbus-320 è riuscito a fuggire dal raggio della difesa aerea siriana e ad atterrare in sicurezza al più vicino aeroporto alternativo, la Base aerea russa di Khmeimim – evitando così significative perdite di vite umane per mano di Tel Aviv.

Volo della Ethiopian Airlinesa

È notevole che tali provocatori raid aerei sulla Siria da parte dell’aviazione israeliana siano diventati quasi regolari negli ultimi anni. Così, il 17 settembre 2018, Tel Aviv è stata colpevole del tragico incidente con l’aereo russo Il-20 in Siria, che ha provocato la morte di 15 cittadini russi. Quattro aerei da combattimento F-16 dell’aeronautica militare israeliana hanno attaccato obiettivi siriani con bombe aeree guidate, usando deliberatamente l’IL-20 come scudo umano. I caccia israeliani si stavano avvicinando all’obiettivo dal Mar Mediterraneo, in altre parole, volando nella stessa direzione dell’equipaggio russo, solo più in alto e dietro. Nascondendosi dietro l’aereo russo, i piloti israeliani lo hanno deliberatamente esposto al fuoco delle difese aeree siriane.
Di conseguenza, l’IL-20 è stato abbattuto da un missile S-200. Inoltre, i controlli aerei israeliani ed i piloti dell’F-16 non potevano non vedere l’aereo russo, che si stava avvicinando da un’altezza di cinque chilometri. Tuttavia, hanno deliberatamente accettato questa provocazione.

Un simile schema provocatorio per infiammare le tensioni ha provocato il tragico incidente con un aereo della Ukrainian International Airlines (UIA) a Teheran l’8 gennaio, che ha ucciso 176 passeggeri innocenti dell’aereo di linea. Oltre alle condoglianze e alla simpatia espresse dal presidente iraniano Hassan Rouhani e dai funzionari della Repubblica islamica per lo schianto dell’aereo dell’UIA, la parte iraniana ha sottolineato che la tragedia nel cielo sopra Teheran è avvenuta in un momento di maggiore preparazione militare, alla luce delle minacce di attacchi missilistici da parte degli Stati Uniti e della maggiore intensità delle missioni degli aerei militari statunitensi vicino ai confini dell’Iran.
Pertanto, le azioni provocatorie dei nemici dell’Iran e la loro responsabilità in questa terribile catastrofe sono abbastanza evidenti.

Vale anche la pena ricordare che tali provocazioni con aerei di linea civili sono diventate recentemente uno strumento sempre più chiaro degli Stati Uniti, di Israele e dei loro alleati nello scatenare campagne di propaganda ostile non solo contro Siria e Iran. Si giunge a questa conclusione, in particolare, analizzando la situazione con lo schianto del Boeing 777 della Malaysia Airlines sul territorio della regione di Donetsk, che il 17 luglio stava effettuando un volo di linea MH-17 sulla rotta Amsterdam-Kuala Lumpur, 2014, uccidendo tutte le 298 persone a bordo: 283 passeggeri e 15 membri dell’equipaggio. Lo schianto del volo MH-17 è stato il più grande (per numero di morti) nella storia dell’aviazione e l’indagine dei Paesi Bassi sulle sue cause dimostra chiaramente il desiderio dell’Occidente di usarlo per scatenare un’altra isteria anti-russa,

A questo proposito si ricorda involontariamente la catastrofe del Boeing 747 della Korean Air Lines (KAL) in volo sulla rotta internazionale New York – Anchorage – Seoul su Sakhalin il 1 ° settembre 1983, provocata ovviamente dagli Stati Uniti. Nonostante il fatto che il suo volo per Seoul avrebbe dovuto attraversare acque neutre dell’Oceano Pacifico, l’aereo, ovviamente con intenzioni provocatorie contro l’URSS, ha deviato a destra dalla rotta pianificata a tal punto da entrare nello spazio aereo chiuso di l’URSS, dopo di che fu intercettato e poi abbattuto da un caccia sovietico Su-15.

Aereo russo Il-20 abbattuto in Siria nel 2018

E, sfortunatamente, ci sono molti altri esempi simili che dimostrano che i sostenitori di sanzioni più severe e istigazioni di nuovi conflitti politici e armati ignorano pubblicamente la sicurezza dei civili e del traffico aereo civile per raggiungere i loro obiettivi provocatori. Nelle loro mani, gli aerei civili sono stati a lungo uno strumento per scatenare il conflitto, che richiede urgentemente un’indagine obiettiva da parte della comunità internazionale e di un tribunale internazionale, in modo che incidenti come le recenti azioni di Israele in Siria non si ripetano e non minaccino i cieli pacifici.

Valery Kulikov, analista politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ”(Fonte).

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • Teoclimeno
    Inserito alle 08:05h, 04 Gennaio Rispondi

    Dimentichiamoci il buon senso: in politica contano solo i rapporti di forza.

  • Michele
    Inserito alle 12:43h, 04 Gennaio Rispondi

    Truffa e inganno,gli strumenti preferiti dalle pseudo democrazie….

  • giorgio
    Inserito alle 09:55h, 05 Gennaio Rispondi

    Truffa, inganno, omicidi mirati, aggressioni militari, provocazioni, mercenari, repressione, dittatura mediatica e ora anche sanitaria ….. ecco gli strumenti di dominio delle elite che stanno dietro alle democrazie liberali …. e quindi dell’entità sionista, osannata dall’occidente come unica democrazia del medio oriente …..

Inserisci un Commento