Che i giochi dei Patriot abbiano inizio

di Pepe Escobar

Eravamo ben lontani dal sospettare che nel 2023 la rabbia avrebbe superato il parossismo.

È inutile soffermarsi sulla raccapricciante visita del clown di Kiev al manichino dei crash test della Casa Bianca, unita a un discorso “churchilliano” ai domini del partito della guerra a Capitol Hill. La storia ridicolizzerà questa “soap opera” di Hollywood per i secoli a venire.

Molto più interessante è l’ultimo spettacolo di pubbliche relazioni del partito della guerra, sponsorizzato dalla Raytheon Productions. Dopotutto, Lloyd Austin, l’attuale capo del Pentagono, è un ex trafficante d’armi della Raytheon.

Dopo tanto clamore, è stato stabilito che il Pentagono non fornirà una collezione, ma una singola batteria Patriot a Kiev, con quattro o otto lanciamissili e la versione PAC 2 o PAC 3.

Una batteria Patriot viene fornita con radar, numerosi computer, apparecchiature per la generazione di energia e una “Stazione di controllo dell’ingaggio”.

Invece di addestrare gli ucraini in una base dell’esercito americano a Grafenwoehr, in Germania, il Pentagono sta esplorando la possibilità di addestrarli in una base americana, molto probabilmente Fort Sill, in Oklahoma, dove attualmente vive la maggior parte degli istruttori, fianco a fianco con i loro simulatori di formazione integrati. Sono necessari fino a 90 militari per far funzionare e mantenere una singola batteria Patriot.

Data la vasta formazione richiesta per gestire un sistema così costoso ($ 1 miliardo) e complesso, se saranno sul campo nella prima metà del 2023, significherà, cosa preoccupante, che gli operatori potrebbero essere mercenari americani, o almeno della NATO.

Le conseguenze implicite sono ovvie. Tanto più che il Ministero della Difesa russo ha già sottolineato che il Patriot sarà considerato un obiettivo legittimo.

Quindi, supponendo che tutto quanto sopra accada in pratica nel 2023, sarà un piacere confrontare le prestazioni dei Patriots in Ucraina con quelle dei Patriots al lavoro nelle terre dell’Arabia – regolarmente dribblate dai missili iraniani e Houthi . Gli Houthi si sono sempre divertiti a prendere di mira le installazioni petrolifere saudite.

Quello che potrebbe cambiare è che, a differenza della penisola arabica, tutta l’intelligence collettiva occidentale, la ricognizione e la potenza di fuoco dei satelliti sono in allerta in Ucraina 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

L’inestimabile Andrei Martyanov ha già presentato la descrizione di tutti gli elementi essenziali dei Patriots. Concentriamoci su alcuni dettagli intriganti.

Una singola batteria Patriot avrà un impatto inferiore a zero sul campo di battaglia ucraino. Questa batteria coprirebbe teoricamente le installazioni ucraine più strategiche: un’area molto limitata, come una piccola base militare. Non ha niente a che fare con la protezione di Kiev.

Ciò che è molto più significativo, da un punto di vista concettuale, è che questo dispiegamento di Patriot, insieme ad altri sistemi di difesa aerea come NASAMS, IRIS-T e l’eventuale trasferimento del SAMP-T, dimostra ancora una volta che l’Ucraina è de facto sotto un sistema di difesa aerea multilivello della NATO. Il Patriot è completamente integrato in NATINADS, il sistema di difesa aerea della NATO.

Traduzione, se necessario: questo continua ad evolversi, rapidamente, verso una guerra totale tra NATO e Russia.

Bel piccolo sistema che hai installato laggiù
Tutti gli occhi saranno puntati sull’arrampicata. Gli americani potrebbero iniziare con un solo Patriot, solo per testare il sistema in caso di un grave attacco missilistico (ammesso che i russi non lo distruggano immediatamente. Ricorda: “obiettivo legittimo”).

È ragionevole pensare che lo stato maggiore russo possa già pensare a come eseguire una distruzione istantanea. Per Mosca, invertire l’operazione di pubbliche relazioni degli Stati Uniti sarebbe inestimabile dal punto di vista delle stesse pubbliche relazioni.

Il presidente Putin è riuscito a malapena a contenere la sua gioia quando ha parlato al pool del Cremlino all’inizio di questa settimana: ” Il sistema Patriot non è efficace come il nostro S-300 (…) Ci sarà sempre una contromisura “.

E poi c’è la fastidiosa domanda “perché adesso?” “. Il vero motivo di questa consegna “di emergenza” – in qualche modo – di Patriot potrebbe avere a che fare con i seri problemi con i sistemi USA/NATO già sul campo.

L’HAWK è tristemente incapace di intercettare i moderni missili da crociera. L’IRIS-T è piuttosto rudimentale e deve essere costantemente monitorato dalle squadre di riparazione tedesche. Anche la NASAMS non è in grado di intercettare i missili. In sintesi: “inadeguato” non inizia nemmeno a descriverli tutti.

E tutto questo sta accadendo contemporaneamente all’esaurimento dei complessi dell’era sovietica, così come dei missili guidati antiaerei che li alimentavano.

Un’altra domanda chiave è chi pagherà per questa operazione di pubbliche relazioni.

L’attuale versione modificata dei lanciatori Patriot costa circa $ 10 milioni. Un singolo missile costa l’enorme somma di $ 4 milioni. La Russia spende già di fatto una paghetta per i droni e ne spenderà ancora di più. Sparare un missile da 4 milioni di dollari contro un drone del valore massimo di 50.000 dollari non può nemmeno essere definito uno scherzo.

Quindi a cosa serve? Ancora una volta: l’escalation dell’impero, senza pensiero fondamentale, senza fine in vista.
Putin e il suo entourage, per più di due decenni, hanno provato assolutamente di tutto per integrare la Russia in Occidente. La Russia è stata respinta in ogni fase del processo. Ora quella strategia è stata dichiarata nulla e non valida, dalla mancata risposta degli Stati Uniti un anno fa alle lettere ufficiali russe che chiedevano una seria discussione sull'”indivisibilità della sicurezza”. Non c’è da stupirsi che l’Impero sia nel panico.

Missili russi Iskander

Ora Putin e l’eccellente corpo diplomatico russo continuano a sottolineare, ufficialmente, che l’obiettivo collettivo dell’Occidente nell’usare l’Ucraina è quello di provocare la disintegrazione della Russia. È quindi una questione esistenziale di vita o di morte. Non c’è da stupirsi che l’inviato russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov abbia definito lo stato delle relazioni Russia-USA simile a un’era glaciale.

Quasi tre anni fa, ho battezzato questo decennio, fin dall’inizio, i ruggenti anni Venti . È così che l’Impero ha giocato la sua partita, in pieno giorno, uccidendo il generale iraniano Soleimani in un attacco multiplo di droni durante una visita diplomatica ufficiale a Baghdad.

Eravamo ben lontani dal sospettare che nel 2023 la rabbia avrebbe superato il parossismo.

Pepe Escobar

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM