Cessate il fuoco: le sordide manipolazioni tra Israele e Stati Uniti sono evidenti

di Jonathan Cook

L’escalation degli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza sta avendo un impatto devastante sui bambini e sulle loro famiglie.

Migliaia di bambini sono stati uccisi e altre migliaia feriti. Si stima che nella Striscia di Gaza vi siano più di 1,9 milioni di sfollati interni, metà dei quali sono bambini. Non hanno accesso sufficiente ad acqua, cibo, carburante e medicine. Le loro case furono distrutte, le loro famiglie sono state uccise o separate.

I media occidentali sostengono che gli sforzi dell’Occidente per raggiungere un cessate il fuoco sono seri. Ma è chiaro che in anticipo era stato scritto un altro tipo di scenario.

Non è necessario essere un indovino per capire che il piano d’azione israelo-americano per Gaza dovrebbe essere più o meno questo:

  1. In pubblico, Joe Biden “esige” da Netanyahu, esortandolo a non “invadere” Rafah e facendo pressioni affinché consenta maggiori “aiuti umanitari” a Gaza.
  2. Ma la Casa Bianca sta già preparando il terreno per sovvertire il proprio messaggio. Insiste sul fatto che Israele ha offerto un accordo “straordinariamente generoso” a Hamas – un accordo che secondo Washington equivale a un cessate il fuoco. Questo non è il caso. Secondo i rapporti, il meglio che Israele ha offerto è un indefinito “periodo di calma duratura”. Anche questa promessa è inaffidabile.
  3. Se Hamas accettasse l'”accordo” e accettasse di restituire alcuni prigionieri, i bombardamenti diminuirebbero per un breve periodo ma la carestia si intensificherebbe, giustificata dalla determinazione di Israele a ottenere una “vittoria totale” contro Hamas – che è completamente fuori dalla sua portata. Questo non farà altro che ritardare di qualche settimana il passaggio di Israele allo Step 5.
  4. Se, come sembra più probabile, Hamas rifiutasse l’“accordo”, verrebbe dipinto come il partito intransigente e accusato di voler continuare la “guerra”. (Nota: non c’è mai stata una guerra. Solo l’Occidente sostiene che si può essere in guerra contro un territorio che occupa da decenni, o che Hamas ha “iniziato la guerra” con l’attacco del 7 ottobre, mentre Israele ha bloccato la guerra nell’enclave assediato, creando lì disperazione e malnutrizione per 17 anni).

Israeliani pattugliano nord di Gaza

Ieri sera, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha avanzato questo scenario dichiarando che Hamas è ” l’unica cosa che si frappone tra il popolo di Gaza e un cessate il fuoco… Devono prendere una decisione e devono farlo rapidamente” . “

  1. Gli Stati Uniti annunceranno che Israele ha sviluppato un piano umanitario che soddisfa le condizioni di Biden per lanciare un attacco a Rafah.
  2. Darà agli Stati Uniti, all’Europa e alla regione il pretesto per farsi da parte mentre Israele lancia il tanto atteso assalto – un attacco che Biden ha già affermato costituirebbe una “linea rossa” e che porterebbe a massicce vittime civili. Tutto questo sarà dimenticato.
  3. Come riporta Middle East Eye , Israele sta costruendo un anello di checkpoint intorno a Rafah. Netanyahu suggerirà, mentendo come al solito, che questi posti di blocco garantiscano che il suo attacco rispetti le condizioni stabilite dal diritto umanitario internazionale. Donne e bambini potranno uscire – se riescono a raggiungere un posto di blocco prima che i bombardamenti a tappeto israeliani li uccidano lungo la strada.
  4. Tutti gli uomini a Rafah, così come le donne e i bambini che rimarranno, saranno trattati come combattenti armati. Se non verranno uccisi dai bombardamenti o dalle macerie, verranno giustiziati sommariamente o portati nelle camere di tortura israeliane. Nessuno menzionerà che i combattenti di Hamas che erano a Rafah sono riusciti a fuggire attraverso i tunnel.
  5. Rafah sarà distrutta, lasciando l’intera Striscia in rovina, e la carestia causata da Israele peggiorerà. L’Occidente alzerà le braccia al cielo, dirà che è stato Hamas a causare questa situazione a Gaza, si chiederà cosa si dovrebbe fare e farà pressione sui paesi terzi – in particolare quelli arabi – affinché mettano in atto un “piano umanitario ” volto a ricollocare i sopravvissuti fuori dalla Striscia di Gaza.
  6. I media occidentali continueranno a descrivere il genocidio israeliano a Gaza in termini puramente umanitari, come se questo “disastro” fosse un atto di Dio.
  7. Sotto la pressione degli Stati Uniti, la Corte Internazionale di Giustizia, o Corte Mondiale, non avrà fretta di emettere una sentenza definitiva sulla questione se la tesi del Sud Africa secondo cui Israele sta commettendo un genocidio – che lei ha già ritenuto “plausibile” – sia vera provato.
  8. Qualunque cosa la Corte Mondiale deciderà alla fine, ed è quasi impossibile immaginare che non concluderà che Israele ha commesso un genocidio, sarà troppo tardi. La classe politica e mediatica occidentale sarà andata avanti, lasciando agli storici il compito di decidere cosa significasse tutto ciò.
  9. Nel frattempo, Israele sta già utilizzando i precedenti stabiliti a Gaza, e la sua erosione dei principi consolidati del diritto internazionale, come modello per la Cisgiordania. Fingendo che Hamas non sia stato completamente sconfitto a Gaza e che utilizzi quest’altra enclave palestinese come base, Israele intensificherà gradualmente la pressione sulla Cisgiordania imponendo un nuovo blocco. E così via.

Bambini a Gaza: le vere vittime

Questo è il piano probabile. Il nostro compito è fare tutto ciò che è in nostro potere per impedire loro di trasformare tutto ciò in realtà.

Fonte: https://www.chroniquepalestine.com/cessez-le-feu-les-manipulations-sordides-entre-israel-et-les-etats-unis-sautent-aux-yeux/

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “Cessate il fuoco: le sordide manipolazioni tra Israele e Stati Uniti sono evidenti

  1. Israele e Stati Uniti sono governati da un manipolo di criminali assassini. La maggioranza di loro della solita parrocchia nota.

  2. Hamas non accetterà mai. Non hanno patito morti e la distruzione di e del popolo di Gaza, per un accordo tanto vago. Viceversa se i cani ebri distruggeranno Rafah, e tratteranno i civili da terroristi sarà guerra totale. Che sia il volere o no Usa, per Israele non un bello scenario. Checché il teatro mediatico Nato lo nasconda infatti, gl’ attacchi della resistenza e dei vari gruppi filo iraniani si stanno intensificando. Auguri stolti sionisti.

  3. La voce del padrone dell’America una volta comandava…………… ora ci sono tanti attori (anche più potenti) ……………………….
    Il fatto è che Hamas e la Jihad resistono e accoppano gli israeliani ……………… Se l’Israele vuole ridicolizzarsi e farsi odiare di più in giro per il Mondo e PERDERE LA GUERRA IN MODO CATASTROFICO E VERGOGNOSO, può continuarla, ma io ne dubito. Lo strangolamento via mare operato dallo Yemen sta facendo mancare i beni e i prezzi salgono nell’Israele ………………………… Ora le FF. AA. Yemenite e altre Forze dell’Asse bloccheranno il Mediterraneo e attaccheranno tutte le navi, indipendentemente dalla proprietà, che si avvicinano ai porti israeliani. La carestia si profila …………… un ponte aereo o terrestre…………….. non credo che salveranno gli israeliani. Di solito i geni iniziano una guerra ma la fine non è quella desiderata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM