Censurata la pagina di Telesur: la “Democrazia” dei media in Occidente

Facebook diventa “veicolo di censura del governo degli Stati Uniti”

La decisione di Facebook di eliminare la rete di notizie dell’America latina  è orientata a favorire il dominio informativo USA sul continente.
La pagina in lingua inglese di Telesur senza spiegazione ha solo aggiunto nota alle preoccupazioni sulla censura e sull’ingerenza del governo USA sulla piattaforma.
Essendo stato cancellato su Facebook all’inizio di quest’anno, Telesur era stato “ancora più attento” con i suoi post e non ha violato “assolutamente alcuno” dei termini di Facebook, secondo l’ex direttore di Telesur, Pablo Vivanco, come questi ha detto a RT.

Vivanco crede che non ci sia alcuna giustificazione per il gigante dei social media di aver rimosso la pagina ancora una volta, sottolineando che su Telesur, c’era “sempre un processo per assicurare l’accuratezza e l’etica giornalistica”.

Mentre Facebook ha ammesso che è stato un errore l’ultima volta che ha oscurato la pagina di Telesur, ci sono timori che gli episodi siano collegati in una catena di inasprimento della censura governativa sulle voci di dissenso.

James Petras, professore emerito dell’Università di Binghamton e un esperto in America Latina hanno dichiarato che il governo degli Stati Uniti – che non ha riconosciuto la recente rielezione del presidente Nicolás Maduro come legittimo e ha posto nuove sanzioni economiche sul paese – è impegnato in “un tentativo di rovesciare il governo [venezuelano]” e che prendere di mira i media non conformi era uno dei modi in cui lo stavano facendo.

Washington, ha detto Petras, sta usando piattaforme di social media come Facebook per “isolare” il paese e Facebook sta tentando volentieri di “ingraziarsi” con le autorità statunitensi. “Gli Stati Uniti sono in guerra ora con Iran, Russia, Cina, UE e Venezuela e qualsiasi altra voce dissidente, così come aumenta la posizione autoritaria degli Stati Uniti, Facebook e altri media sono sotto crescente pressione per rispettare la linea che viene dettata da Washington “, ha detto Petras.

Petras ha anche predetto che una maggiore censura da parte di Facebook sarebbe stata probabilmente in futuro e che sarebbe stata direttamente correlata alla guerra degli Stati Uniti e alle sanzioni economiche in tutto il mondo. “Vogliono creare un’opinione globale che rispetti la politica degli Stati Uniti”, ha affermato.

La direttrice del Web di Telesur, Tatiana Rojas, ha detto a RT che l’outlet è stata una delle poche fonti di notizie che riportava “da una prospettiva diversa dai media mainstream statunitensi” sui recenti eventi in Venezuela, incluso il recente tentativo di omicidio contro Maduro.
Rojas ha detto che mentre sperava fosse un errore da parte di Facebook, ci sono motivi per essere preoccupati che la piattaforma diventerà “un luogo dove la pluralità non sarà più permessa” e dove le prospettive alternative non saranno date spazio.

Censura Facebook

Vivanco ha detto che “l’isteria” nei confronti di Russigate ha consentito un’ulteriore censura e che ora ci sono ragioni ben fondate per indicare che Facebook sta “collaborando” deliberatamente con Washington per indirizzare determinati tipi di contenuti.

Lo stesso ha dichiarato che la ragione per cui così tante persone sospettano di “notizie false” oggi è perché c’è “una preoccupazione generalizzata tra le persone che venga mentito su quello che sta realmente accadendo nel mondo” e che questo potrebbe spiegare l’aumento degli sbocchi che danno una prospettiva alternativa sugli eventi mondiali.

“Sembra che ci sia uno sforzo concertato per chiudere voci che sfideranno il modo in cui le oligarchie di potere vogliono indicare come si dovrebbe vedere il mondo”, ha detto.

Fonte: RT News

Traduzione: L.Lago

Inserisci un Commento

*

code