APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Dopo Hitler, i sauditi sono gli ultimi della storia ad aver usato la fame come arma di guerra

TEHERAN (FNA) – L’analista politica Catherine Shakdam afferma che l’utilizzo della fame come arma di guerra da parte dell’Arabia Saudita  e l’obiettivo del genocidio dei civili, fatti senza precedenti,  sono chiare indicazioni della natura stessa delle intenzioni dell’Arabia Saudita nell’aggressione allo Yemen.

Shakdam, in un’intervista esclusiva con FNA, ha detto che l’Arabia Saudita vuole “distruggere l’idea stessa dello Yemen come nazione sovrana” per garantire che la sua stessa regola sia l’unico potere prevalente nella regione.

L’analista crede che il paziente e resistente popolo yemenita, sostenuto dalla propria storia e civiltà, abbia già vinto la guerra contro l’Arabia Saudita nonostante che questa abbia  speso miliardi di dollari per comprare tecnologia militare e mercenari.

Catherine Shakdam è un’analista politica, scrittrice e commentatrice per il Medio Oriente, con un focus particolare sullo Yemen. È la direttrice dei programmi dello “Shafaqna Institute for Middle Eastern Studies” ed è stata intervistata da agenzie di stampa internazionali come RT, CGTN, Newsmax e Press TV.

L’FNA ha condotto un’intervista a Shakdam sull’attuale guerra saudita in Yemen e sulle possibili motivazioni che sono  alla base della guerra imposta all’impoverito paese arabo dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati occidentali.

Analista iraniana

Di seguito troverai il testo completo dell’intervista:

D: Cosa ne pensi dell’attuale crisi umanitaria in Yemen causata dalla guerra e dal blocco saudita nel paese? Quali sono gli obiettivi dei sauditi nella loro guerra allo Yemen?

A: La premessa della guerra in Arabia Saudita contro lo Yemen è basata sulla distruzione e sul caos. Anche se Riyadh ha provato a razionalizzare la sua aggressione militare sostenendo di voler ripristinare il governo legittimo dello Yemen, l’alto numero di vittime e il targeting senza precedenti dei civili dimostrano chiaramente il contrario.

L’Arabia Saudita è intenzionata a distruggere l’idea stessa dello Yemen come nazione sovrana, in modo che solo il suo dominio prevalga nella regione. Proprio come Al Saud ha dato il nome all’Hijaz, ora noto come Arabia Saudita, Al Saud vuole rivendicare l’appartenenza dello Yemen sotto la sua corona.

È un peccato che la comunità internazionale abbia finto di non vedere i crimini di guerra e i crimini contro l’umanità  commessi da Riyad. Dovremmo renderci conto che fu Hitler ad usare la fame come arma di guerra. Questo fatto da solo dovrebbe farci riflettere sulla natura delle intenzioni dell’Arabia Saudita nello Yemen. Pensare che tali azioni non possano essere sanzionate dalla comunità internazionale in nome del pragmatismo politico e del bigottismo religioso è oltraggioso.

Bambini yemeniti

Lo Yemen non ha commesso crimini che possano mai giustificare tale crudeltà. Tuttavia   le capitali occidentali di nuovo  non sono esattamente conosciute per aver rispettato quei principi che ipocritamente rivendicano ufficialmente: autorità democratica, diritti umani e integrità territoriale.

Quello che è stato fatto allo Yemen non è niente di meno che un genocidio. Ci si chiede fino a che punto l’umanità sia caduta in basso quando i superpoteri possono giustificare l’assassinio degli ‘innocenti  in nome del dominio.

La guerra dello Yemen è la definizione stessa di neo-imperialismo e neo-conservatorismo.

Q: Sembra che i sauditi si aspettassero un combattimento facile da vincere quando entrarono per la prima volta in guerra. Quale pensi che sia la ragione del continuo fallimento dell’Arabia Saudita nello Yemen?

A: L’Arabia Saudita può avere miliardi di dollari da buttare al mondo per acquistare  per la sua causa una speciale tecnologia militare e mercenari d’ogni provenienza, ma non sa come combattere una guerra. Vorrei dire che l’Arabia Saudita non è una nazione nel senso che la intendiamo. L’Arabia Saudita è una terra di proprietà e governata da una linea tribale la cui crudeltà ha messo a tacere ogni opposizione.

L’Arabia Saudita è nata nel deserto di Nejd e da allora ha imposto la sua violenza alla regione basandosi su un retrograde radicalismo religioso (ideologia wahabita).

L’Arabia Saudita esiste nella convinzione di essere  indistruttibile. Si ritiene la più potente fra tutte la nazioni arabe. Risulta tracotante per la sua stessa ricchezza e di conseguenza  ha creduto che lo Yemen sarebbe stata una facile preda della sua fame egemonica. L’Arabia Saudita non ha mai pensato che lo Yemen fosse qualche cosa di più della povertà di cui stava soffrendo, e che dietro tale povertà si trovasse un popolo orgoglioso e valoroso disposto a difendere la propria patria, la propria identità  e il diritto alla libertà religiosa con la propria vita.

Bambino Yemenita fra le rovine

Lo Yemen è un antico paese. Lo Yemen ha una storia e una civiltà che si estende da secoli e millenni. Dallo Yemen, l’Arabia Saudita, avrebbe dovuto soltanto imparare, visto che non è mai stato invaso e conquistato da mani straniere. Gli yemeniti non hanno mai tollerato che il loro futuro fosse dettato da potenze straniere. Lo Yemen è stato emarginato a causa della sua povertà. Gli yemeniti sono stati emarginati perché le potenze mondiali hanno creduto che fossero ignoranti. Lo Yemen ha dimostrato di essere solido  oltre ogni resistenza e gli yemeniti si sono dimostrati più valorosi e più pazienti di fronte alle avversità. Quelle sono le qualità di un popolo che non può essere sconfitto.

L’Arabia Saudita non vincerà mai questa guerra contro lo Yemen. Gli yemeniti hanno un coraggio che i sauditi non riescono a capire, per non parlare di cedere. Il tempo degli imperi è finito! L’arroganza e l’ignoranza hanno portato alla sconfitta deigli  Al Saud nello Yemen. Credo che lo Yemen segnerà la fine dell’Arabia Saudita come potenza regionale.

D: Perché gli Stati Uniti e il Regno Unito continuano a rifornire di armi l’Arabia Saudita nonostante le critiche internazionali in merito alle vittime civili?

A: Si tratta di un capitalismo senza vincoli. Tutti gli Stati Uniti e il Regno Unito vedono in Arabia Saudita i soldi, il business, un mezzo per i loro fini.

Sia a Londra che a Washington non potrebbe importare di meno dei milioni di bambini e di civili innocenti che stanno morendo sotto l’incendio appiccato da Riyadh. Tutti quei governi comprendono soltanto il linguaggio del profitto, del business.

Non bisogna commettere errori, il Regno Unito e gli Stati Uniti sono ben consapevoli degli atroci crimini commessi contro il popolo yemenita. L’ignoranza qui non è il problema. Non è che non lo sappiano, ma in realtà non gli interessa. Gli yemeniti non contano di fronte ai miliardi che gli Stati Uniti e il Regno Unito sono in grado di ricavare dalle vendite di armi. Non lasciamoci ingannare da quelle menzogne ​​che i funzionari statali amano ripetere al pubblico in modo che possano fingere di avere morale ed etica.

Effetti bombardamenti nello Yemen

D: Perché le organizzazioni internazionali, in particolare le Nazioni Unite, sono rimaste passive di fronte alle atrocità in corso in Arabia Saudita?

A: La domanda migliore sarebbe “perché continuiamo ad aspettarci che l’ONU faccia qualsiasi cosa quando le Nazioni Unite sono chiaramente sotto controllo dei criminali di guerra e dei neocon?” Le Nazioni Unite sono un guscio vuoto di un’istituzione il cui scopo oggi è servire i suoi ricchi padroni – vale a dire: Arabia Saudita e Stati Uniti.

È una follia aspettarsi che l’ONU si comporti contro la natura della sua leadership. L’ONU è moralmente in bancarotta. È da molto tempo che rifiuta di agire sulla linea di di difendere i principi, piuttosto che di favorire l’elitarismo politico e il selettivismo.

D: La coalizione guidata dai sauditi ha recentemente aumentato i suoi attacchi aerei nello Yemen. Questi attacchi aerei hanno per lo più ucciso civili yemeniti, tra cui migliaia di donne e bambini. Qual è la ragione per cui i raid aerei colpiscono i civili?

A: Riyadh vuole uccidere ogni opposizione alla sua regola e se questo significa uccidere 26 milioni di persone, allora è quello che farà. Non ci sono limiti alle atrocità che Al Saud è disposto a commettere, nessuna linea che non attraverserebbero, nessun crimine che non rivendicheranno come legittimo. La monarchia di Al Saud sarà ricordata come una delle più tiranniche e assassine della storia. La ferocia del loro odio e violenza è al di là della comprensione umana.

D: Perché Riyadh continua ad attaccare lo Yemen nonostante i suoi fallimenti e l’economia a corto di soldi? Cosa ne pensi del futuro della guerra?

A: Il regno vuole vincere, non importa a quale costo. Mohammed bin Salman non è esattamente un modello di razionalità. Il suo comportamento è erratico nel migliore dei casi. L’Arabia Saudita viene condotta alla bancarotta da un’elite decrepita di principi che stanno dimostrando chiari segni di instabilità mentale. Quando un uomo pazzo è al volante, perché cercare la logica nelle sue azioni?

Per quanto riguarda la guerra, lo Yemen ha già vinto. L’Arabia Saudita dovrà presto affrontare i suoi crimini e dubito che gli yemeniti saranno cortesi nelle loro richieste di giustizia.

Fonte: Fars News

Traduzione: Luciano Lago

Annulla risposta

*

code

  1. claudio 8 mesi fa

    ” Dovremmo renderci conto che fu Hitler ad usare la fame come arma di guerra ”
    Quando?? Quando è successo??? E dove??? Mi sono perso qualche cosa?? E cosa devo sentire, una iraniana che sta a difendere i giudei, a sostenere la narrazione ufficiale.. ma non solo i giudei.. se è vero che il Cancelliere tedesco Hitler invase per difendersi la francia il belgio l’olanda la polonia e bombardò massicciamente l’inghilterra non è forse vero che queste nazioni ora concorrono alla coalizione avversa all’iran e favorevole a riyad?? E da sempre pure.. Quindi?? Non è che la signora si fa di qualche sostanza stupefacente?? Ma che tornasse a fare la calza o a cucinare il cous cous che senz’altro sarebbe più utile… sta cerebrolesa.. stanno sempre a remenarla a quel povero cristo di Hitler e Mussolini.. il Male Assoluto.. ma se avessero vinto loro a quest’ora non ci sarebbe un mbs a bombardare lo yemen, non ci sarebbero coalizioni alleate, nato, onu, multinazionali e banche giudee a rompere i coglioni.. sembra veramente che la gente sia regredita, compresi i sedicenti pensatori, intellettuali e analisti come la signora qui..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lister 8 mesi fa

      La troll ha colpito ancora… 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Renè 8 mesi fa

    Quando Hitler usò la fame come arma? Mai. Di falsità se ne leggono, ma questa è enorme e ripugnante, visto che la fame fu usata per ammazzare milioni di tedeschi dopo la guerra, un’arma già usata dagli inglesi contro i boeri, da Stalin/compagni levantini per ammazzare (tutti) i contadini ucraini…
    Dello Yemen non me ne frega nulla, sono dei mussulmani che ci odiano, dunque quale empatia dovrei avere per gente simile, anzi se crepassero tutti ci sarebbe solo… più spazio.
    Mussulmani che ammazzano altri mussulmani, questa è l’ennesima prova che il corano è il libro dei cazzari, visto che tra le promesse c’è quella che mai si faranno la guerra tra mussulmani.
    Lo Yemen ha già vinto?! Bene che ci faccia allora il piacere di ammazzare tutte le scimmie saudite e poi di starsene poi a casa loro a masticare quat.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ale 8 mesi fa

      Complimenti a tutti e due x le vostre analisi : potrei scrivere all’infinito ma mi limito ad una domanda semplice semplice : con quale diritto l’Arabia saudita (alleata d’Israele) attacca uno stato sovrano come lo Yemen che non ha attaccato nessuno ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio 8 mesi fa

        Non c’è nessun diritto infatti, solo la protervia saudita israeliana e occidentale.. e quindi?? A me non sembra di aver mai difeso i giudei o gli arabi o gli anglosassoni.. mi incazzo persino con l’iraniana che parla male di Hitler che voleva il nostro bene e non quello dei giudei… I sauditi avevano un presidente fantoccio che è stato cacciato e a questi gli è roduto il culo, stanno facendo tutto sto casino per rimettere hadi al potere..in uno stato che non vale niente..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Geometrio ellittico 8 mesi fa

          No claudio, non sono in accordo. Quello staterello ha un valore , che non è pecuniario,
          ma di ideale ,nel senso che l uso adulto che hanno fatto dell autodeterminazione diventa esempio contro il mondo unipolare. Non lo possono permetterr.
          Gia questo vale il prezzo del bilietto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. claudio 8 mesi fa

            Certo geometrio, io parlavo solo a livello economico…

            Mi piace Non mi piace
  3. leopardo 8 mesi fa

    Anni e anni di falsa propaganda giudaica sulle menti piú fragili e impreparate
    danno il loro frutto. Hitler é stato il demonio in persona. Peccato che quando
    si approfondisce l´argomento con fatti e documenti alla mano, si scopre una
    realtá totalmente diversa. Per esempio che Hitler ha chiesto ufficialmente
    almeno una quarantina di volte la sospensione delle ostilitá.Per esempio che
    oltre un milione di prigionieri tedeschi sono morti di fame nei campi di concentramento
    americani. Per esempio che egli ci avrebbe altresí liberato dal giogo giudaico.
    Adesso che, di fatto, siamo sotto il loro tallone, letteralmente schiavizzati,
    dal momento che essi padroneggiano tutte le principali istituzioni planetarie e
    stanno attualizzando l´imbastardimento dei popoli europei, adesso noi, poveri pirla,
    saremo soddisfatti e potremo continuare a demonizzare quell´uomo per l´eternitá.
    Presto verrá il turno di Putin. La stupiditá degli animali parlanti é allucinante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. NESSUNO 8 mesi fa

    https://www.youtube.com/watch?v=aVtuxUCTTis

    per i non anglofoni attivare i sottotitoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pierovalleregia 8 mesi fa

      … e come si attivano ( i sottotitoli) ? grazie
      un saluto
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. HERZOG 8 mesi fa

    Signor Piero dia retta a me metta su tubemate digiti :” Davide benetello olocausto ” e avra di che distrarsi con video originali anche sottotitolati basta schiacciare “cc” in fondo a destra dello schermo ,diventera’ come me ,di recente ho ricevuto un complimento da un Thai ,appellandomi Nazi bevitore di sangue mi ha spiazzato poi ho dato LA mancia alle perpetue ,sull’iraniana: in Iran vi e’ una grossa comunita di iraniani -ebrei e cripto -ebrei bianchi molto istruiti ne ho beccato uno a Vientiane ,quando gli ho srotolato cosa pensavo dei circoncisi non mi ha palrlato per tutto il viaggio di Ritorno,che permaloso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NESSUNO 8 mesi fa

      Cuore di OG (Herzog),lo conosci Mark Weber?
      Hai amai ascoltato un suo simposio?
      Mera curiosita’ la mia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mardunolbo 8 mesi fa

    una povera ignorante iraniana che sproloqua su Hitler cadendo nelle ritrite frasi giudaiche ! Questa e’ eccezionale ! pedate nel culo per spedirla a casa ! Gliele dovrebbero dare le guardie della Rivoluzione che dovrebbero saperne di piu’ dei giudei e della finanza giudaica…
    Se le giornaliste iraniane sono di questo livello, povero popolo iraniano che per farsi “moderno” fa parlare delle galline che dovrebbero stare a casa col velo prepuziale sulla zucca…

    Rispondi Mi piace Non mi piace