APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Traffico di armi

Dilyana Gaytandzhieva, la giornalista bulgara che sollevò il vespaio sulle forniture di armi USA ad Al Qaeda e ISIS, è stata appena licenziata dal giornale presso cui lavorava, Trud, per paura di ulteriori ritorsioni dopo che la stessa è stata “interrogata” dai servizi segreti di questo Paese NATO, libero, democratico, europeo.

Ovviamente, il suo pezzo da noi ha avuto pochissima risonanza, coinvolgendo la crema dei neoatlantici, facendo nomi e cognomi di chi caricava cosa su quei voli Silkway (compagnia statale azera) resi “diplomatici” per azzerare i controlli IATA e doganali, eliminando così qualsiasi restrizione dovuta a convenzioni internazionali ed embarghi.

Leggi tutto…

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi (EAU) hanno fornito carichi di armi ai gruppi armati in Siria ed in Iraq con differenti intermediari e con copertura diplomatica.
Una giornalista di investigazione bulgara, Dilyana Gaytandzhie, ha pubblicato una informativa, riportata dall’agenzia Al Jatzeera, in cui assicura di che EAU e Rijad utilizzano un trasportatore dell’Azerbaiyán per trasportare grandi quantità di armi pesanti in Siria ed in Iraq per mascherare i suoi punti di provenienza e le destinazioni finali.

Leggi tutto…