SIRIA - La Russia sta aumentando la forza della sua presenza navale in Siria su invito del governo siriano. Inoltre, la flotta russa del Mar Nero sarà equipaggiata con una nuova nave corvetta: la Vyshny Volochek. La sesta della classe di Buyan, la Vyshny Volochek ha issato la bandiera di Sant'Andrea (la bandiera navale russa) il 1 ° giugno per simboleggiare la sua incorporazione nella marina russa, ha riferito il portavoce della flotta del Mar Nero, Vyacheslav Trukhachov. La nave sarà presto inviata nel Mediterraneo al largo delle coste della Siria. Il Vyshny Volochek appartiene alla classe corvetta per missili da crociera Buyan-M del progetto 21631 ed è ormai considerato l'unica nave della sua classe nella flotta del Mar Nero. Queste navi sono multifunzionali e dotate di moderne tecniche di artiglieria, missili, anti-sabotaggio, contraerei e radio.

La Cina ha identificato più di un decennio fa che la trasformazione della capacità delle sue forze aeree nell'area dei missili aria-aria era una parte importante della sua modernizzazione militare. Sembra che gli sforzi da allora siano stati ripagati, con gli esperti che hanno espresso il consenso sul fatto che la potenza aerea della Cina sia già in grado di sfidare quella degli Stati Uniti in determinati scenari, in parte grazie a missili di produzione propria. Lo specialista capo delle forze aeree dell'International Institute for Strategic Studies, Douglas Barrie, ha notato recentemente che alcune delle nuove armi introdotte sugli aerei cinesi sono equivalenti a quelle occidentali. Nel caso di un missile, questo ha superato le capacità di qualsiasi altro paese.

All'inizio della mattina del 14 aprile, Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno effettuato un massiccio attacco missilistico contro la Siria giustificando le loro azioni con il presunto coinvolgimento del governo di Assad nel "attacco chimico" del 7 aprile a Douma. Il Minisitero della Difesa russo ha dichiarato che 103 missili da crociera e aria-terra sono stati lanciati su obiettivi diversi in tutta la Siria, aggiungendo che 71 di loro sono stati intercettati dalle Forze di difesa aerea siriane (SADF).

Il Ministero della Difesa russo ha chiesto a Teheran l'autorizzazione per schierare nel suo territorio aerei strategici di lunga gittata, TU-22M3 e TU-95, così riferisce Vladímir Mujin nella sua colonna per la  "Nezavisimaya Gazeta". Secondo Mujin questi bombardieri, accompagnati da aerei cisterna Il-78, possono essere armati con diversi tipi di missili antinave fra cui si trova il nuovissimo missile da crocera aria-terra KH-101 che è in grado di centrare obiettivi marittimi nell'arco di 5.500 Km. Questo missile ha una alta precisione e può colpire obiettivi mobili con un margine di precisione fino a 10 mt..

Di The Saker Per chi è interessato alle implicazioni militari delle recenti rivelazioni di Vladimir Putin sui nuovi sistemi d'arma russi, consiglierei l'eccellente articolo intitolato " Le implicazioni dei nuovi sistemi d'arma della Russia " di Andrei Martyanov che offre una superba analisi di cosa significano queste nuove armi per gli Stati Uniti e, in particolare, per la Marina degli Stati Uniti. Quello che voglio fare qui è qualcosa di un po 'diverso e guardare alcune delle conseguenze più politiche di queste ultime rivelazioni. Le prime due delle cinque fasi del dolore: negazione e rabbia In questo momento, gli anglo-sionisti stanno subendo qualcosa di molto simile ai primi due dei cinque livelli del modello Kübler-Ross Grief: negazione, rabbia, contrattazione, depressione, accettazione.

L'asse tra Cina e Russia sta eliminando la superiorità militare degli Stati Uniti e dell'Occidente, lo affermano i maggiori esperti di difesa "L'Occidente non ha più il monopolio dell'innovazione nella difesa come leader a livello mondiale". La Cina e la Russia stanno sfidando la supremazia militare dell'America e dei suoi alleati e l'Occidente non può più fare affidamento sul vantaggio strategico di cui ha goduto fino ad oggi, lo afferma un importante think tank di esperti militari nel suo rapporto annuale.

di Inessa Sinchougova (*) Alcuni dettagli sono venuti alla luce in relazione alla riunione tra Vladimir Putin ed il presidente Trump che non si è  tenuta al vertice APEC, svoltosi in Vietnam, nel novembre dello scorso anno. Un promemoria del fatto che non si sono potuti svolgere i colloqui a pieno titolo tra Vladimir Putin e Donald Trump, a causa di alcune "richieste atipiche avanzate dalla delegazione nordamericana", come ha affermato il segretario stampa presidenziale Dmitry Peskov.

La Russia ha rinforzato la sua presenza militare alle sue frontiere occidentali, tuttavia non è questa l'unica mossa. Secondo quanto riferito da Boris Rozhin, un esperto del Centro di Ricerca Geopolitica di Mosca, ci sono misure adeguate che sono state prese dalla Russia come risposta logica all'avanzata delle truppe degli USA e della NATO ai confini della Russia e nell'Europa dell'Est. "Stiamo parlando dei paesi baltici, della Polonia, della Romania, della Bulgaria e della Repubblica Ceca. In questi paesi si stanno stabilendo truppe e basi militari, dove si installano sistemi antimissile e centri di guerra informativa e di guerra elettronica e si osserva una intensificazione della tensione militare" spiega Rozhin.

Le autorità militari della NATO ed alcuni paesi che aderiscono al Patto Atlantico sono in questo momento particolarmente nervosi per dover assistere alle esercitazioni militari russo-cinesi nel Mar Baltico, pianificate da tempo e denominate " Cooperazione Marittima 2017". La prima fase di queste esercitazioni è iniziata in questo mese ma le esercitazioni si prolungheranno anche a Settembre e sono previste manovre aeronavali  congiunte russo-cinesi anche nel Mar del Giappone e nel mare di Ojotsk.