"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Storia

a cura di Enrico Galoppini

Qual è il quadro complessivo della situazione in Italia nella primavera del 1945? Quali le forze in campo e, soprattutto, il loro peso effettivo dal punto vista strettamente militare? Ci potresti parlare in particolare degli italiani in armi nelle fasi finali di quella “guerra civile” inserita nella guerra più generale in corso, per ciò che ci riguardava, dal 10 giugno del 1940?

Al di là delle cifre, spesso diverse a seconda delle fonti, circa le forze belligeranti, nella primavera dell’ultimo anno di guerra il quadro sul piano militare per i fascisti e per i tedeschi era drammatico, a causa di varie ragioni. In aprile gli Alleati avevano dato inizio all’offensiva finale per sfondare la Linea Gotica e dilagare poi dalla Pianura Padana verso tutta l’Italia del nord. Le forze germaniche avevano in qualche misura perso la determinazione a resistere; alcuni dei loro vertici, a cominciare da quelli delle SS, prevedendo la sconfitta, erano da tempo entrati in trattative con il nemico e stavano facendo il possibile per portare a casa la pelle ritirandosi in molti casi prima dei loro alleati della Repubblica sociale. Questi ultimi erano in uno stato di confusione, frammentati in varie forze − dalla Guardia nazionale repubblicana alle divisioni dell’Esercito nazionale repubblicano rientrate in Italia dopo l’addestramento in Germania, dalle Brigate nere alla X MAS, alle varie organizzazioni − comandate da uomini che da tempo mancavano di una visione politica e strategica comune, della volontà e della capacità di coordinamento tra loro, e con i tedeschi, per resistere all’avanzata alleata.

Leggi tutto…

di Gianni Lannes

Cinque processi e due commissioni parlamentari. Risultato? Ufficialmente, il nulla, nonostante i numerosi riscontri probanti. Nessun colpevole, ovvero: ancora ignoti i mandanti altolocati italiani e d’oltre Atlantico. In compenso è stato propinato il solito copione di Stato, pilotato con sottofondo P2 (società eversiva finanziata e protetta dalla CIA): depistaggi, omissioni, insabbiamenti e strani decessi come per Ustica. Eppure, i fatti sono di per sé eloquenti e sotto i nostri occhi distratti.

Il Governo dell’epoca – Andreotti & Cossiga che ricevette un plauso ufficiale dall’amministrazione presidenziale del democratico Carter per la “buona riuscita dell’operazione” – era perfino a conoscenza del luogo di prigionia di Moro, riferito anzitempo dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Strage, sequestro e omicidio in appalto ai servizi segreti del Governo nord-americano infiltrati nelle brigate rosse. I morti sono sottoterra, dimenticati dai più. Gli assassini invece sono liberi ed impuniti. Mentre l’Italia è sempre sotto il padrone USA.

Leggi tutto…

AUGURI DONNE
La donna è una Rivoluzione, e nella giornata dedicata alla donna, racconto una giornata di Rivoluzione .

8 MARZO 1963

CRONACA DI UNA RIVOLUZIONE SIRIANA.

Ore 8.40 del mattino, la Radio Televisione Siriana annunciava alla Nazione la fine dei combattimenti, che duravano dal giorno prima, a seguito di un colpo di Stato, che poneva fine ad un governo debole ed incapace di governare lo Stato Siriano.

A condurre il colpo di Stato fu un Comitato Militare, composto da cinque giovani Ufficiali, da tempo congedati dal deposto governo.

Leggi tutto…

di Andrea Virga

In Italia, la legge n. 92 del 30 marzo 2004, approvata quasi all’unanimità dal Parlamento, ha sancito l’osservanza del 10 febbraio quale “Giornata del Ricordo”, ossia come solennità civile a ricordo delle vittime delle foibe e dell’esodo dalmata-giuliano.

Tuttavia, ciò non è bastato a strappare la memoria di questi eventi luttuosi alle polemiche ideologiche per consegnarla alla memoria condivisa del popolo italiano. Né sarebbe potuto avvenire diversamente, viste le premesse politiche. Infatti, le chiavi di lettura prevalenti, impugnate dalle due fazioni che si sono scontrate sui corpi dei nostri morti, sono entrambe del tutto consustanziali alla retorica dell’anti-totalitarismo proclamata dal liberal-capitalismo trionfante.

Leggi tutto…

di Elena Quidello

Una sciocca quanto inutile legge (quella proposta da Emanuele Fiano) che potrà solo favorire un revival nostalgico per quella parte di popolazione italiana di cui nonni o bisnonni ne avevano sperimentato gli aspetti positivi. Si, perché, che piaccia o no, il fascismo di cose positive ne aveva fatte tante al punto che il confronto con la decadenza sociale, economica e industriale di oggi , non regge.

Abbiamo tutti sperimentato come l’economia italiana, con l’entrata nell’euro, sia scesa a livelli da terzo mondo e come, al contrario di quanto venne fatto durante il Governo di Mussolini, l’Italia abbia intrapreso una deindustrializzazione programmata privatizzando le più grandi e floride industrie che sono poi passate nelle mani di altri acquirenti europei o addirittura extraeuropei. Mentre Mussolini cercava, sia pure nella sua mania di grandezza, di fare dell’Italia una potenza europea di rispetto, l’Italia di oggi ha solo eseguito ordini impartiti da un altra mascherata dittatura.

Leggi tutto…

di  Luciano Lago

Se un paragone storico è possibile azzardare, l’epoca in cui viviamo sembra presentare molte similitudini con gli ultimi giorni di Costantinopoli.
Mentre l’Italia subisce l’invasione africana alimentata da organizzazioni straniere con la complicità dei potentati finanziari internazionali (da G. Soros al FMI e soci), il dileggio di tutta l’Europa che chiude i suoi porti e le frontiere per sottrarsi all’ondata migratoria che invade la penisola, la classe politica italiana, dominata da mondialisti e massoni di vario livello, riesce ad occuparsi del “sesso degli angeli” discettando sullo Ius soli, sulla necessità di un nuovo “antifascismo” e sulle alleanze pre elettorali.

Leggi tutto…

Storia 23 giugno 2017

di Tomaso Giaretti

Il mantra del politicamente corretto e del multiculturalismo senza identità oramai è avvinghiato con le unghie e con i denti alle sue scellerate visioni, non risparmiando nemmeno Roma e il suo Ius Civile. È ormai una costante, infatti, leggere articoli o assistere a dibattiti relativi allo Ius Soli nei quali viene tirata in ballo Roma come patria natia del multiculturalismo e della società multirazziale.

Ovviamente si tratta di una delle più grandi menzogne della Storia; perché, pur essendo stata senz’altro Roma più aperta di altre precedenti esperienze politiche e sociali, come per esempio Atene, la cittadinanza romana, rappresentata da Cicerone con la frase “Civis Romanus sum” non era automatica, ne tanto meno un diritto, ma un privilegio che comportava onori ed oneri.

Leggi tutto…

In collaborazione con Gabriele Oliviero, siamo orgogliosi di poter offrire al pubblico italiano un’intervista al dott. Jose Javier Esparza, giornalista televisivo e scrittore; autore di una trilogia sulla Reconquista e di una “Storia del Jihad” [RS]

Gent. dott. Esparza,

voglio ringraziarla sentitamente per aver accettato di rilasciare questa intervista a Storia di al-Andalus che è ancora una realtà giovane ma in rapida crescita nel panorama dei blog italiani che si occupano di storia.
L’obiettivo è quello di far conoscere meglio al pubblico italiano vicende e personaggi appartenenti ad un periodo storico da noi poco compreso e conosciuto come quello della Spagna sotto la dominazione musulmana.
La sua trilogia sulla “Reconquista” è un’opera monumentale, ricca di approfondimenti e nella quale si nota una grande passione per gli argomenti trattati oltre ad una ammirabile capacità scrittoria. Volevo farle i miei complimenti.

Leggi tutto…

Riceviamo e pubblichiamo:

Per chiarire un po’ meglio le idee
I problemi umani hanno spesso delle radici profonde che non conviene sottovalutare. Sembra dunque giunto il momento di analizzare accuratamente la strana e confusa struttura giuridico-politica della estinta URSS.
di ROMANO CRISTIANO (Giurista)

È ormai trascorso un bel po’ di tempo da quando gli abitanti della Crimea, in base ad una votazione quasi unanime, hanno dichiarato la loro indipendenza dall’Ucraina, proponendo in seguito l’annessione alla Russia, che l’ha subito accettata. Le critiche non sono mancate. È avvenuto di più: diversi governi hanno fatto sapere che non avrebbero riconosciuto l’annessione perché conseguenza d’una decisione popolare non autorizzata previamente dalle autorità centrali di Kiev; in altri termini, l’annessione era invalida. Siccome questa tesi viene ancora sostenuta, ritengo opportuno far conoscere, nei riguardi di essa, una mia idea, che ho da anni e che cercherò di spiegare sinteticamente (e senza estenuanti ricerche), per facilitare ed arricchire la discussione.

Leggi tutto…

di Luciano Lago

Come avviene ormai da molti anni, la data del 25 Aprile viene segnata da una abituale valanga di retorica, di celebrazioni e rievocazioni ufficiali, altisonanti moniti dei responsabili delle istituzioni, dal neo presidente Mattarella ( successore di Napolitano) alla “impagabile” presidente della Camera Laura Boldrini, al presidente del Senato, Pietro Grasso.
Questa volta però il regime repubblicano non riesce a nascondere, sotto la coperta della retorica dei suoi anniversari, il suo lascito disastroso per aver ridotto l’Italia, pur senza una guerra persa, come era avvenuto nel 1945, in una nazione in bancarotta, impoverita  e affossata in  una profonda crisi economica, un paese privo di qualsiasi sovranità, di fatto divenuto una colonia subordinata alle grandi centrali finanziarie ed alla egemonia di Washington.

Leggi tutto…