Nuovo Ordine Mondiale

di Veniamin Popov (*)
Il presidente palestinese Abu Mazen ha annunciato l’altro giorno che stava rivedendo le relazioni con gli Stati Uniti, dato il veto di Washington a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza che avrebbe raccomandato di concedere alla Palestina la piena adesione all’ONU.

E’ diventato ovvio per molti che gli americani non hanno mai preso in considerazione gli interessi del popolo palestinese nello sviluppo delle loro politiche. In realtà, l’obiettivo della strategia americana è stato quello di rafforzare Israele.

Un numero sempre maggiore di paesi sta abbandonando la presenza militare americana: di recente, le autorità dello stato africano del Niger hanno ottenuto il ritiro delle truppe americane da quel paese.

Base USA in Iraq colpita da missili resistenza

Il governo iracheno ha anche chiesto il ritiro delle truppe americane. La leadership della Repubblica araba siriana ha ripetutamente richiamato l’attenzione sul fatto che la presenza di truppe da combattimento americane sul suo territorio è illegale.

L’America, come ha osservato il Saudi Arab News il 24 aprile, è un ipocrita internazionale che dice una cosa e ne fa un’altra: gli Stati Uniti hanno perso il loro mandato di cosiddetto leader del mondo libero mentre il paese affronta una disfunzione interna: le divisioni nel suo sistema politico si stanno allargando e stanno diventando un abisso che non può essere colmato. La polarizzazione è così grande che è difficile immaginare uno scenario in cui entrambe le parti possano unirsi.

La divisione razziale continua a manifestarsi violentemente nelle strade delle principali città americane. In effetti, il razzismo contro i musulmani e gli arabi è in aumento e l’islamofobia sta guadagnando terreno.

Washington difende costantemente Israele, e ogni nazione che critica Israele diventa virtualmente nemica dell’America. (Non è un caso che Tel Aviv definisca “corazzata” la sua alleanza con gli Stati Uniti).

Pertanto, conclude il giornale saudita, “il mondo arabo e musulmano dovrebbero riconsiderare le loro alleanze con gli Stati Uniti”.

D’altra parte, il sito web di Al Jazeera continuava il 23 aprile, gli Stati Uniti e molti altri governi occidentali stanno diventando complici degli efferati crimini di Israele, complici del genocidio.

Non è una coincidenza che gli studenti di molte delle più grandi università americane abbiano manifestato con slogan filo-palestinesi negli ultimi giorni, e questo movimento sta crescendo, con i media americani che paragonano queste manifestazioni studentesche alle proteste contro la guerra del Vietnam nel 1968.

Proteste negli USA contro i massacri in Palestina

Queste manifestazioni si stanno fondendo con le richieste di sempre maggiore giustizia sociale: le conclusioni del ricercatore americano Dustin Guastella sul governo americano come governo dei ricchi si sono diffuse. Più della metà dei membri del Congresso degli Stati Uniti sono milionari, quasi due terzi dei senatori e oltre l’80% di tutti i presidenti degli Stati Uniti sono anche milionari, secondo il ricercatore, non c’è stato alcun caso di un lavoratore che rimane per un secondo mandato alla Camera dei Rappresentanti, solo milionari e avvocati sono perpetui.

A questo proposito, un articolo di Bloomberg è piuttosto notevole, sostenendo che molte persone nei paesi occidentali pensano che i politici siano persone inutili. Ogni settimana scoppiano nuovi scandali che coinvolgono sesso e denaro. Tuttavia, tutti i record di spudoratezza sono stati battuti dall’ex primo ministro britannico Liz Truss, che continua attivamente a parlare a favore dell’Ucraina e di Israele. Il suo nuovo libro, Ten Years to Save the World, attribuisce la colpa della sua fallimentare premiership (49 giorni come capo del governo) a tutto ciò che si può immaginare – dalla letargia profonda all’infestazione di pulci – tranne che alla sua incompetenza.

I media americani sono pieni di resoconti di gaffe da parte del presidente Biden, che, parlando di recente a un comizio elettorale in Florida, ha detto che non ci si poteva fidare di lui e del suo partito, e in una conferenza sindacale a Washington, D.C., ha letto ad alta voce tutte le istruzioni scritte su un teleprompter.

Tutti questi fenomeni sono stati riassunti di recente dal primo ministro ungherese Viktor Orbán, parlando a Budapest all’apertura della Conferenza internazionale di azione politica conservatrice. Secondo lui, l‘ordine mondiale basato sull’ideologia liberale ha fallito e deve essere distrutto e sostituito da un sistema di relazioni internazionali basato sulla sovranità statale e sugli interessi nazionali. Ha sostenuto che negli ultimi anni si è stabilita un’egemonia liberale in Occidente che “ha reso il mondo un posto peggiore”. Questo ordine mondiale ha prodotto leader che stanno fallendo, che stanno commettendo un errore dopo l’altro. Questi leader hanno “creato la guerra dove ci sarebbe potuta essere la pace”, portando il caos nella politica e nella sicurezza internazionale.

“I discepoli di quel vecchio mondo siedono ancora a Bruxelles; e, anche se non è mio compito interferire nella politica interna americana, temo che siano seduti a Washington”, ha concluso Orbán.

Orban e il premier Fico (Slovacchia) contro la politica di guerra USA in Ucraina

Nel frattempo, secondo la giornalista Dalia al-Aqidi, “Sulla scia dell’impennata dell’inflazione osservata negli ultimi anni, il panorama economico negli Stati Uniti sta subendo un cambiamento sismico, caratterizzato dall’aumento dei prezzi e dalla diminuzione del potere d’acquisto per milioni di americani. Nonostante le rassicurazioni dell’amministrazione Biden di un’azione rapida e di un’efficace attuazione delle politiche, la realtà sul campo dipinge un quadro cupo di difficoltà economica e incertezza”. Il costo della vita continua a salire dai banchi dei negozi di alimentari alle bollette energetiche mensili, lasciando le famiglie che lottano per sbarcare il lunario e mettendo in discussione la capacità del governo di affrontare efficacemente questo problema urgente. Invece di trovare soluzioni costruttive per migliorare il tenore di vita degli americani comuni, l’amministrazione Biden ha fatto di tutto per fornire aiuti materiali a Ucraina, Israele e Taiwan.

È degno di nota il fatto che anche la rivista Foreign Affairs ha riconosciuto all’inizio di aprile che gli approcci degli Stati Uniti e del Sud del mondo sulle principali questioni delle relazioni internazionali sono sempre più divergenti e che i nemici dell’America si stanno unendo per rovesciare l’ordine mondiale esistente.

Anche gli alleati degli Stati Uniti sono sempre più critici nei confronti della politica americana: il presidente francese Emmanuel Macron, parlando all’Università della Sorbona il 24 aprile di quest’anno, ha sottolineato la necessità di una politica di difesa indipendente per l’Europa e ha osservato che non si può fare affidamento sugli Stati Uniti come un tempo.

*Veniamin Popov, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario, Candidato di Scienze Storiche, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook” (fonte)

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM